Jump to content
PLC Forum


Pareri su impianto 4,5kw - Avranno lavorato bene...?


Donato Larosa
 Share

Recommended Posts


  • Replies 71
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • click0

    10

  • Elettroplc

    9

  • Maurizio Colombi

    8

  • Donato Larosa

    7

DavideDaSerra

Secondo me così non va bene, ipotizzando un solare da 4,5kW: 25A ENEL + 25A solare = 50A, il differenziale è puro da solo 40A e a valle ha oltre 40A di magnetotermici, dunque hai il differenziale che non è protetto dai sovraccarichi.

 

Ma dipende dalla potenza picco del solare, se il solare fino a 3,5 kW così va bene: 25 + 15 = 40A quindi il differenziale è protetto.

 

Se il solare è più potente allora il diff. non è protetto

 

Poi il C20 per le prese non va assolutamente bene (il massimo deve essere un C16) altrimenti le prese non sono protette.

Edited by DavideDaSerra
Link to comment
Share on other sites

Il 23/7/2020 alle 20:42 , Maurizio Colombi ha scritto:

Sfiderei tutti quelli che hanno scritto fin'ora a realizzare meglio l'impianto.

 

dividere la casa in tre aree mettendo insieme luce e prese per area, proteggendo ogni area con un magnetotermico differenziale, e per generale un magnetotermico di portata adeguata... se sono riusciti a fare la ca$$ata della linea dedicata esclusivamente al frigorifero (a che serve?), potevano fare anche quello... e molto probabilmente si risolveva anche il problema degli scatti intempestivi... oltre al fatto che in caso di intervento della parte differenziale non rimaneva al buio l'intera casa ma solo la zona interessata dal problema

 

sia chiaro, ci saranno altri modi di realizzare l'impianto senza cambiare centralino, ma così è come farei io, e come ho intenzione di fare quando metterò mano all'impianto elettrico qua da me, dove il centralino è delle stesse dimensioni ed anche i cavidotti non è che siano tanto larghi...

 

la cosa che da più fastidio almeno a me è che buona parte degli elettriciari sono ancora convinti che un unico differenziale sia a norma

 

anche l'ultimo impianto in cui ho messo mano (villetta due piani, fatto anche discretamente bene, centralino con una fottenza di moduli ancora liberi) era protetto da un solo differenziale, e non mi dire che sono proprio le 30/40€ di un differenziale che ti fanno andare fuori budget, in un impianto del genere..

Edited by Darlington
Link to comment
Share on other sites

DavideDaSerra
20 hours ago, Microchip1967 said:

Già il nuovo differenziale 300ma in partenza dal contatore è errato, in quanto deve essere minimo da 6kA

Guarda che il GN8814AC25-IT è un C25AC 300mA 6kA quindi è assolutamente corretto (e per altro correttamente coordinato col diff 30mA in casa)

 

Ok che avrebbe potuto essere un A, ma così è comunque adatto.

Edited by DavideDaSerra
Link to comment
Share on other sites

Il ‎23‎/‎07‎/‎2020 alle 22:13 , luigi69 ha scritto:

Sfida accettata Maurizio 😉

 

In palio ?

se vuoi ti giro le coordinate di un cliente

lavoro semplice

sono 4 (numerici) cavi di rete dati...

Link to comment
Share on other sites

Click, non capisco....nel senso che ti chiedono solo 4 cavi e poi in realtà ci vuole lavoro 3 settimane per una squadra di 2 persone?

Link to comment
Share on other sites

luigi69,

ma non ti fidi ??

come gia detto è un lavoro semplicissimo...

non è nemmeno una "tirata lunga", sgabuzzino col quadro, corridoio da una ventina di metri e stanza da 5x6, dove sono da portare i "punti" rete

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, DavideDaSerra ha scritto:

Guarda che il GN8814AC25-IT è un C25AC 300mA 6kA quindi è assolutamente corretto (e per altro correttamente coordinato col diff 30mA in casa

Il differenziale a monte deve essere selettivo. Altrimenti non è correttamente cordinato. 

 

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, DavideDaSerra ha scritto:

Appunto: 300mA è selettivo (in corrente)

 

 

Ho sempre saputo che per essere selettivo deve essere ritardato come appunto lo sono i differenziali di tipo S. E che oltre che essere ritardati devono avere corrente differenziale nominale almeno 3 volte superiore. Quindi non credo che lo sia. 

Link to comment
Share on other sites

come corrente puo' andare bene MA  e' un  istantaneo , quindi non coordinato col 30ma  in casa ( in caso di dispersione importante intervengono entrambi.

comunque chi ha realizzato l'opera secondo me' non e' afferrato in fatto di protezioni.

oltretutto le prese o cio' che ha messo sotto la forza non e' nemmeno adeguatamente protetto.

poi come gia' fatto osservare  dovevano esserci ALMENO  2 differenziali per avere la selettivita' orizzontale MINIMA  richiesta dalla norma.

DOVEVA  chiedere a tutti i costi di poter installare un centralino di dimensioni adeguate, non fare una simile cosa.

almeno suddivideva su piu' differenziale e il propietario dormiva sonni tranquilli.

un 30ma  solo su un impianto del genere lavora probabilmente gia' al limite del non intervento, basta un niente e resti senza corrente in tutta la casa

sembra un lavoro fatto da un dopolavorista che poco sa' di impianti elettrici.

ma la dichiarazione come ha fatto a redigerla se non ha rispettato  i parametri?  Controlla cosa ha scritto, poi facci sapere

Edited by ivano65
Link to comment
Share on other sites

42 minuti fa, ivano65 ha scritto:

ma la dichiarazione come ha fatto a redigerla se non ha rispettato  i parametri? 

 

senta signor oste, com'è il vino della casa..?

Link to comment
Share on other sites

13 ore fa, Maurizio Colombi ha scritto:

Ecco! Già risolto in due minuti.

No Maurizio sbagli i calcoli, sono 3 giorni e 2 minuti, visto che deve rimanere fuori casa appunto in quei 3 giorni :toobad:

Mi chiedo se a volte si ragiona davvero su quello che si scrive e poi si rilegge prima di inviare certi interventi, mah 

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi

Come al solito stiamo esagerando!

 

Della serie: lavoro bene solo io... conosco le normative solo io... gli altri sono solo dei cialtroni... nessuno mette sezionamenti come vanno messi... senza sapere di cosa si parla e senza nemmeno sapere, ne reali esigenze del committente ne, tantomento, la reale struttura dell'ambiente.

Le condizioni iniziali sono ottime per intavolare un discorso relativo all'uso delle protezioni (sbagliato) e basta!

Se poi qualcuno vuole installare 72 moduli di centralino con dentro 4 differenziali e 30 partenze in un impianto con tubazioni anni 80... libero di farlo, ma almeno che non lo posti su PLCForum, che tanto non ci crede nessuno!

Link to comment
Share on other sites

Roberto Garoscio
14 ore fa, Maurizio Colombi ha scritto:

Se poi qualcuno vuole installare 72 moduli di centralino con dentro 4 differenziali e 30 partenze in un impianto con tubazioni anni 80... libero di farlo, ma almeno che non lo posti su PLCForum, che tanto non ci crede nessuno!

😂

Link to comment
Share on other sites

ilsolitario

Il problema sono i preventivi....   se uno non specifica con precisione cosa farà tutto può essere interpretato in mille modi... ipotesi... fornitura e posa in opera di linea alimentazione climatizzatore..  se al nostro amico è stata rilasciata una DICO con tutti gli allegati obbligatori e pagato con strumento tracciabile allora può contestare il lavoro svolto.. Sarebbe bello avere un appartamento da ristrutturare come se fosse la tela di un pittore ma ci dobbiamo scontrare con pilastri in cemento armato, impianti idraulici esistenti ecc ecc e bisogna scendere a compromessi  ( anche economici) 

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi
8 ore fa, ilsolitario ha scritto:

se al nostro amico è stata rilasciata una DICO con tutti gli allegati obbligatori e pagato con strumento tracciabile allora può contestare il lavoro svolto.

E perchè mai dovrebbe contestarlo?

Link to comment
Share on other sites

Basta, un centralino adeguato.. Nuovo. Io farei causa.. Nella dico son certo che vi sono molte contraddizioni. Oppure un centralino 24 moduli. E anche vero che, alla, stesura drlellaccordo con la ditta o l'installatore bisogna vedere cosa si son detti, facciamo noi non si preoccupi. 

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi
13 ore fa, Elettroplc ha scritto:

Oppure un centralino 24 moduli.

E ridai!

Cosa ci metteresti in un 24 moduli?

 

Link to comment
Share on other sites

Il 26/7/2020 alle 07:28 , Maurizio Colombi ha scritto:

72 moduli di centralino con dentro 4 differenziali e 30 partenze in un impianto con tubazioni anni 80

 

non dico che si debba arrivare a sventrare tutto ma io se ho in dispensa una scatoletta di tonno e poco altro, ed i negozi sono chiusi... posso aprire la scatoletta e mangiarmi il tonno e basta, oppure combinarla con altri due o tre ingredienti di fortuna e prepararci qualcosa di saporito, in entrambi i casi la pancia me la riempio lo stesso ma la differenza è il come

 

nel caso specifico secondo me (che in una casa con impianto anni '80 ci vivo) era possibile fare molto meglio con otto moduli a disposizione, non dico nouvelle cuisine con la scatoletta di tonno ma qualcosa di più ragionato di quella roba là, decisamente si

Link to comment
Share on other sites

14 minuti fa, Darlington ha scritto:

nel caso specifico secondo me (che in una casa con impianto anni '80 ci vivo) era possibile fare molto meglio con otto moduli a disposizione, non dico nouvelle cuisine con la scatoletta di tonno ma qualcosa di più ragionato di quella roba là, decisamente si

senza sapere come sono le tubazioni della casa e le scatole esistenti...

 

Link to comment
Share on other sites

Se lo nstallatore ha iscritto una Dico per manutenzione straordinaria si son tutelati. Un installatore che deve seguire una Dico per ristrutturazione integrale si trova in difficoltà col cliente, provare a spiegare a lui quali sono le prescrizioni da, rispettare non è facile. Vince sempre il preventivo più basso. A volte, il cliente dovrebbe fare il MeaCulpa e chiedersi cosaxha chiesto, e trovare un geometra che sa quello che si deve fare.. Al giorno doggone obbligatoria la predisposizione per la, fibra e la valutazione spd... Ma chi si mette a fare le valutazioni...? Un differenziale e via... Lo sento tutti i giorni.saluti 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...