Jump to content
PLC Forum


Aspirazione fumi da 2 linee: una OK, l'altra NO.


esco
 Share

Recommended Posts

Ad un aspiratore da 11kWp che opera con flusso di aspirazione di circa 2000 mc/h (700 mmH2O max) è stato collegato due linee di aspirazione fumi:

 

  • linea 1 lunghezza circa 10 metri orizzontali, acciaio inox diametro 250 mm con 4 bocchette di aspirazione in un locale da 300 mc al piano terra;
  • linea 2 lunghezza circa 15 metri verticali + 5 orizzontali, acciaio inox diametro 200 mm con 4 bocchette di aspirazione in un locale da 100 mc al piano terzo.

 

Le due linee si uniscono nel tratto finale in una tubazione inox con diametro 300 mm fino alla "bocca aspirante" dell'aspiratore, dopo il flusso è espulso dalla "bocca premente" in un camino con altezza 4 m e diametro da 250 mm. Le bocchette di aspirazione del piano terra e del piano terzo possono essere chiuse con saracinesche. Se l'aspirazione del locale al piano terra va bene, non va bene al terzo piano, anche chiudendo le 4 bocchette di aspirazione del piano terra. Temo che la riduzione del diametro della linea verticale causa una significativa perdita di carico che impedisce una efficace aspirazione. Possibile? 

Link to comment
Share on other sites


il fornitore

3 ore fa, click0 ha scritto:

chi si è occupato del dimensionamento?

Il fornitore.

E' strano che, sezionando il piano terra, dal terzo non si riesce ad aspirare bene. Per contenere i costi energetici, se possibile vorrei evitare di incrementare la potenza dell'aspiratore (come proposto dal fornitore).

Link to comment
Share on other sites

Non c'è un flusso di ingresso misurato, i locali si riempiono di fumi da evacuare assieme all'aria esterna che entra da diverse aperture: non sono locali "sigillati". Il piano terra da 300 mc, ha diverse aperture alla base e quindi si genera un flusso d'aria verso le bocchette di aspirazione. Invece il locale al terzo piano da 100 mc ne ha di meno, anche per evitare la dispersione dei fumi all'esterno.

Non capisco perché il sezionamento di entrambe le linee è stato previsto con serrande sulle 4 bocchette finali di ciascuna linea, e non direttamente all'inizio dei due rami per consentire al ventilatore di massimizzare l'aspirazione di una linea rispetto all'altra, senza troppe perdite di carico.

Considerando 2.000 mc nominali di aria in aspirazione concentrati sul locale al terzo piano da 100 mc, dovrebbero svuotarlo 20 volte/ora: una volta ogni 3 minuti. Invece ci mette quasi un'ora!

Edited by esco
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, esco ha scritto:

Considerando 2.000 mc nominali di aria in aspirazione concentrati sul locale al terzo piano da 100 mc, dovrebbero svuotarlo 20 volte/ora:

proprio no

se anche il ventilatore aspira 2000mc e tu vuoi aspirarli da dove si è calcolato di aspirarne 100 la questione non è fattibile

se ti va bene, aspiratore permettendo, forse il doppio

 

ma solitamente, il problema è sempre lo stesso, se tanto esce, tanto deve entrare...

 

2 ore fa, esco ha scritto:

Non capisco perché il sezionamento di entrambe le linee è stato previsto con serrande sulle 4 bocchette finali di ciascuna linea

la perdita lungo il condotto fa si che l'ultima bocchetta aspiri meno della prima

Link to comment
Share on other sites

17 ore fa, click0 ha scritto:

ma solitamente, il problema è sempre lo stesso, se tanto esce, tanto deve entrare...

Grazie click0 per le osservazioni. Chiederò di valutare l'installazione di valvole di non ritorno per migliorare l'ingresso dell'aria nel locale (evitando l'uscita dei fumi) per favorire il flusso di aspirazione. Hai mai usato oggetti come questo:

https://www.amazon.it/Valvola-ritorno-doppia-guarnizione-condotta/dp/B01MYQY66P?th=1

Link to comment
Share on other sites

Infatti non credo sia un problema di portata, sembra un problema di depressione non sufficiente, forse per eccesso di perdite di carico. Non sono stati previsti punti di misura sulle condotte delle bocchette del terzo piano, altrimenti farei controllare quanto, dei 700 mmH2O nominali dell'aspiratore, arrivano su ciascuna bocchetta di aspirazione.

Aggiungere un paio di valvole di non ritorno, ben posizionata, è solo una opzione di ripiego per quanto hai indicato "ma solitamente, il problema è sempre lo stesso, se tanto esce, tanto deve entrare..." per facilitare una corrente di deflusso, non so se risolutiva. Ma temo che siano proprio gli 11kWp dell'aspiratore da incrementare... con relativi consumi energetici, che invece speravo di contenere.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Ciao esco

 

Se si tratta solo di riuscire a misurare la depressione esistente nei punti dove tu vuoi conoscerla, allora puoi praticare con un un trapano un piccolo foro (diametro 3 mm) in ciascun punto di tuo interesse lungo le condutture.

 

Poi, con un VACUOMETRO, di qualsivoglia natura, anche quello più antico e classico a due colonne d'acqua (tubo a "U") munito di un tubicino di PVC molto plastico oppure di gomma (di piccolissimo diametro, per esempio Diametro esterno 8 mm e Foro interno 4-5 mm ) potrai misurare facilmente la depressione facendo aderire e mantenendo pressata la bocca del tubicino nel punto dove è presente il forellino di presa.

 

I fori possono poi anche essere lasciati liberi (non serve tapparli perché non influenzano per nulla il normale funzionamento del Circuito di Aspirazione).

 

Comunque è buona norma marcarli con un cerchietto di pennarello nero sufficientemente grande e una croce (tipo il mirino delle mitragliatrici) in modo da renderli facilmente visibili/rintracciabili per operare successive misure (mettere anche un numero di riferimento o una sigla ad ogni foro non guasta ...).

 

Se proprio li si vuole tappare si può utilizzare un pezzettino di nastro isolante da elettricista.

-----------------------------------------------

 

Per farti una idea di come è fatto costruttivamente un Vacuometro a U a colonna d'acqua puoi fare una ricerca Google : " vacuometro a U a colonna d'acqua ".

Lo strumento misura indifferentemente tanto il Vuoto che la Pressione per cui lo si può trovare denominato sia come Vacuometro che come Manometro.

Il prezzo dovrebbe/potrebbe essere intorno ai 50 €

 

Uno che potrebbe fare al caso lo puoi visionare :

https://www.ravetti.com/ita/prodotti/altro/manometri-a-colonna-dacqua/manometri-a-colonna-dacqua/6aef7f54ef9ad25dfd1a8a44935d0923/

Il tuo (visto che il Ventilatore/Aspiratore è da 700 mm H2O max) può essere il Modello 0/1200 (misura sino 1200 mm di H2O).

---------------------------------------------------------------------

 

Comunque le prestazioni reali del tuo Ventilatore/Aspiratore dovrebbero essere valutate a partire dal Diagramma del Campo di Lavoro.

Bisognerebbe conoscere il detto "Campo di Lavoro"  che può essere solo fornito dal Costruttore del Ventilatore stesso.

 

Chi ti ha costruito l'Impianto di Aspirazione non può non conoscere le caratteristiche complete del Ventilatore che ti ha montato per cui ti potrebbe facilmente fornire le caratteristiche complete dello stesso (ma magari sei in conflitto dato che l'impianto non ti funziona e non puoi chiedergli nulla).

 

Altrimenti forse è possibile risalire ai Dati Tecnici completi attraverso la targhetta del Modello di Ventilatore, che solitamente porta scritto anche il nome del Costruttore, e forse è possibile accedere al Catalogo dello stesso dove ci potrebbero anche essere i dati completi. 

Link to comment
Share on other sites

Sono state eseguite le misure di velocità di flusso aria su tre punti di misura (C1-C2-C3), con un piccolo Wohler DC100pro e in via preliminare è stata calcolata la portata in ciascun punto. Ssono state realizzate due saracinesche (S1 ed S2) per sezionare le due linee (L1 alla base per aspirare le polveri da locale da 300 mc e L2 al terzo piano alto per aspirare le polveri da locale da 100 mc). Gli esiti sono indicati nello schema... e le cose non vanno affatto bene!

schema.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ciao esco

 

Vedo i tuoi dati che risultano sia strani (incoerenti matematicamente) che incompleti nell'ultima riga.

In apertura di discussione tu non avevi menzionata la presenza del Filtro che ora compare nello schema.

Come forse sottintendi anche tu i totali delle 3 diverse prove non tornano per nulla ma quello che risulta pure stranissimo è che la portata al camino del Ventilatore è sempre la stessa.

 

Prima di andare avanti con il discorso sarebbe indispensabile avere i Dati Caratteristici del Ventilatore e anche a quanti giri viene trainato (Motore in presa diretta, a quanti Poli ? oppure traino a cinghia con pulegge Diametro sul motore e Diametro sull'albero del Ventilatore)

 

Inoltre, ora che si sa della presenza del Filtro, di che tipo di Filtro si tratta?  A maniche (quante e di quale dimensione ognuna) oppure a Cartucce Filtranti o altro)

Link to comment
Share on other sites

Ciao esco

 

Chiedo scusa ho scritto erroneamente :

Vedo i tuoi dati che risultano sia strani (incoerenti matematicamente) che incompleti nell'ultima riga.

 

Riscrivo :

Vedo i tuoi dati che risultano strani (incoerenti matematicamente) e che, alla seconda riga (C2 =610 ; C3 = 339) denunciano una incompleta chiusura (o comunque una notevole perdita di tenuta) della Saracinesca S1.

Link to comment
Share on other sites

Il filtro è costituito da 2 sezioni: maniche + carboni: sulla prima sezione c'è un pressostato differenziale (SMC, PE550-28, range da 0 a 2kPa o 0-200 mmH2O) che indica valori attorno a 20 Pa (o 0,2 mmH2O): se tarato bene, significa che la prima sezione del filtro non causa significative perdite di carico. Devo però controllare la seconda sezione che in effetti sembra più problematica.

Il ventilatore invece è a pale rovesce con motore da 11kW-50Hz, 2900 rpm (modello IAR 572 con capacità di 341/594 mmH2O (3.410/5,94 kPa) e dovrebbe lavorare nella media di 5,5 kPa (o 550 mmH2O)... quindi non i 700 mmH2O previsti.

Ma se la portata premente in uscita è così superiore alle portate misurate sulle due linee di aspirazione, significa che il sistema non va bene e sta aspirando "aria falsa" dove non previsto, forse non solo dalla Saracinesca S1.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Ciao esco

 

Mi scuso per il ritardo ma non sono riuscito a fare prima ...

 

Ho esaminato tutto l'esaminabile del momento e IL TUO IMPIANTO NON PUO' NON FUNZIONARE (dal punto di vista del Dimensionamento Tecnico di Principio).

Ho visto anche la tipologia del tuo Vacuometro Multifunzione (WOHLER - DC410) e anche le caratteristiche del tuo Ventilatore/Aspiratore (ITALSIME Tipo IAR 572).

 

Per eventuali altri scambi di informazione direi di semplificare sulle unità di misura : Depressione = mm H2O  (lasciamo da parte i Pascal e loro multipli che sfuggono alla normale percezione umana e trascinano in un ingorgo di zeri).

 

Ho provveduto a riportare sul tuo Schema Impianto anche tutti i dati che possono dare una percezione immediata della configurazione dimensionale del tuo Impianto (sono anche stati riportati i dati di Portata da te rilevati/calcolati in base alle Velocità Aria indicate dal Depressometro e alla dimensione del Diametro Tubo.

 

Per rendere più pratici ed immediati altri scambi di informazione allego i due fogli qui a seguito :

 

2008925419_IMPIANTOASPIRAZIONEFUMI-1.1.thumb.jpg.40d1cc7e1e78cb020e16d21dcf5aae0b.jpg

 

1276080215_IMPIANTOASPIRAZIONEFUMI-1.2.thumb.jpg.92db49f53d56b86366d6423ab823703f.jpg

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

DOVE E COME RICERCARE IL MOTIVO DEL TUO PROBLEMA

 

A me pare (come cominci a sospettare anche tu) che, per qualche motivo da scoprire, tu hai una notevole entrata d'aria indesiderata nel Corpo Filtro (aria che NON proviene dai Condotti di Aspirazione dei 2 ambienti di lavoro).

 

Potrebbe darsi che il Filtro stesso è dotato di una VALVOLA MECCANICA DI SICUREZZA ANTICOLLASSO (della quale tu non sei a conoscenza) che si apre da sola quando nel Filtro si crea troppa Depressione ???

 

Altrimenti potrebbe anche darsi che la struttura esterna del Filtro (solitamente in pannelli di lamiera bullonati tra loro e con le giunte sigillate) non sia a tenuta stagna e l'aria esterna venga richiamata all'interno per poi finire nel Ventilatore.

 

Per verificare l'esistenza di trafilamenti d'aria attraverso le giunture del Corpo Filtro si può fare un controllo con il fumo di una sigaretta (o altro "generatore di fumo") e anche con l'acqua saponata (le bolle si formeranno o si romperanno subito in corrispondenza delle fessure dove passa l'aria).

Si può anche utilizzare un foglio di plastica molto sottile (solitamente si tratta di Polietilene o Polipropilene) ottenuto da una busta Portadocumenti formato A4 facendolo scorrere lungo le giunture per vedere se in qualche punto viene attratto/risucchiato verso la giuntura. 

 

Nella Tramoggia di Raccolta Polvere, sotto alle Maniche Filtranti, ci sarà una Valvola di Scarico Polveri (ad azione manuale o motorizzata) che deve normalmente essere chiusa e tenere sufficientemente.

Controlla quale è la situazione ! Qualche piccolo trafilamento esiste quasi sempre ma è solitamente accettabile.

 

Sarebbe utile chiudere con cautela (poco alla volta) entrambe le Serrande dei 2 Collettori di Aspirazione in modo da mettere il Corpo Filtro alla depressione massima generabile dal Ventilatore. Agire con cautela e progressivamente per non correre il rischio di fare collassare le tubazioni o addirittura la struttura esterna del Filtro.

 

Sapendo come è precisamente compartimentato meccanicamente il Filtro (Zona Maniche e Zona Carboni Attivi) fare misure di DEPRESSIONE in Entrata e Uscita della singola Zona  (meglio la depressione assoluta che quella differenziale).

 

Tenere anche presente che talvolta (specialmente se il Filtro è collocato all'Esterno) vi possono essere infiltrazioni di acqua piovana che raggiungono l'interno del Filtro e possono inzuppare sia le Maniche che i Pannelli o Cestelli dei Carboni Attivi e, se succede, si scompensa tutto il Sistema.

Verificare che tutta la componentistica all'interno del Filtro sia asciutta, integra, e al suo posto (talvolta le Maniche Filtranti in Tessuto possono anche sfilarsi dai loro fissaggi).  

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

ALCUNE OSSERVAZIONI CHE POTREBBERO FACILITARE LA RICERCA DEL MOTIVO CHE GENERA TUO PROBLEMA

 

Sembra che l'Impianto è NUOVO e sembra anche che non ha MAI FUNZIONATO adeguatamente.

Sembra anche di capire che solo dopo aver messo in moto l'Impianto, e a causa del suo non buon funzionamento, sono state aggiunte le due VALVOLE DI RIPARTIZIONE & SEZIONAMENTO (S1 e S2) una per ogni tubazione/locale.

 

l'Installazione delle due Valvole (S1 & S2) sarebbe stata di prassi sin dal Progetto iniziale (per rendere più agevole la ripartizione dei 2 Flussi) ma probabilmente se ne era fatto a meno per alleggerire il costo del Sistema.

Comunque, visti i valori numerici forniti delle tue Prove, direi che la loro presenza o assenza non influisce per nulla.

 

Per la tua domanda/osservazione (rivolta a click0) sull'utilità di una Valvola di non Ritorno :

https://www.amazon.it/Valvola-ritorno-doppia-guarnizione-condotta/dp/B01MYQY66P?th=1

 

Tale Valvola  va eventualmente installata sulla tubazione di Entrata Aspirazione del Ventilatore e serve solo per impedire all'aria calda dei Locali di Lavoro di defluire all'esterno per l'eventuale tiraggio naturale del Camino Ventilatore QUANDO L'IMPIANTO E' FERMO. 

Mettendo in moto il Ventilatore la Valvola viene costretta ad aprirsi (generando una piccola perdita di pressione e di portata nell'Impianto) a causa del flusso d'aria che si instaura nella tubazione e tutto l'Impianto va in funzione regolarmente.

 

Potrebbe anche essere utile conoscere la genesi del tuo Impianto : Il montaggio dell'Impianto ed il Collaudo lo hai fatto tu con tue maestranze ?

Il Progettista & Fornitore di tutti i componenti non ha mai presenziato al Collaudo nella persona di un suo Tecnico ? 

Forse hai fatto tutto da te (cosa anche possibile e presumibilmente alla tua portata) ordinando ai vari Fabbricanti tutta la specifica Componentistica della quale avevi bisogno ???

 

 

Edited by Maurizio Colombi
Unificata la formattazione del testo.
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Molte grazie per il supporto. Intanto il fornitore dell'impianto si è preso carico del problema e sta valutando alcune modifiche (ed ho chiesto di rivedere bene il sistema filtrante): le vostre indicazioni mi aiuteranno a controllare meglio. Tra le opzioni proposte dal fornitore c'è l'aumento della potenza dell'aspiratore (?)... ma considerando gli esiti delle misure riscontrate, a me non sembra una opzione logica.

@Semplice1 confermo che l'impianto non ha mai funzionato bene, anche se nelle prime settimane sembrava molto meglio, quindi immagino filtri intasati che causano aspirazioni non volute di "aria falsa", nonostante il misuratore fisso SMC, PE550-28 indichi valori attorno a 0,2 mmH2O nella prima sezione del filtro: ho chiesto di valutare meglio, magari non funziona o non è ben tarato.

Vi terrò aggiornati.

Link to comment
Share on other sites

Ciao esco

 

Vedo il tuo ultimo aggiornamento.

 

La situazione è veramente stranissima, ma ancora più strano è l'atteggiamento tecnico del Fornitore/Costruttore.

Le verifiche sul posto (anche con i vecchi sistemi artigianali) dovrebbero essere semplicissime e velocissime, non riesco a capire dove stia la problematicità nel farle.

 

Magari io mi raffiguro un certo tipo di Impianto e invece il tuo è molto più complesso (anche se dalla tua descrizione non appare).

 

Certo che, se senza un minimo di riscontri tecnici derivanti dai controlli di depressione, si ipotizza semplicemente di buttare alle ortiche un Motoventilatore nuovo, allora andiamo di male in peggio.

 

Ho detto "buttare alle ortiche" (loro diranno "sostituire") dato che, se il ventilatore lavora a Bocca di Aspirazione libera (non diaframmata), allora è inutile aumentare la Potenza del Motore che porta la Girante montata direttamente sul suo albero (le prestazioni non cambierebbero).

 

Comunque, stando alle tabelle del Costruttore (tu hai ora il Ventilatore tipo IAR 572 - 11 kW - 2 Poli) dovrebbero passare al tipo IAR 632 - 15 kW - 2 Poli e questo vuole anche dire che ci vorranno nuovi tronchetti adattatori per le bocche del Ventilatore e forse ci sarà anche qualche altro problemino da superare date le diverse Dimensioni Meccaniche Generali del nuovo Ventilatore.

---------------------------------------------------------

 

Se ti riesce di farlo mantienici informati. Sono molto curioso di sapere come andrà la faccenda ...

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...