Jump to content
PLC Forum


Delicudazioni su impostazione riscaldamento a pavimento


maiemy
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, 

vi chiedo subito scusa per la domanda trita e ritrita ma forte della mia ignoranza in materia non riesco a trovare una spiegazione chiara e ho le idee molto confuse. 

Ho un impianto a pavimento installato ormai 10 anni fa. 

la caldaia è una valliant mi pare ecotech.

l'impianto ha due collettori, uno serve le stanze notte e bagni e uno serve la cucina e la sala.

la sala è grande e piuttosto alta (e stiamo valutando un ribassamento con cartongesso)

totale circa 120mq

fino a un mese fa avevo un termostato ON/OFF classico che si è guastato e mi hanno messo un VSmart Valliant perchè avevo necessità di spostare il termostato.

 

Con il vsmart, avendo i grafici, ho visto quello che prima non vedevo e vale a dire che per poter arrivare a temperatura il riscaldamento mi gira ore.

So che gli impianti di riscaldamento a pavimento hanno una inerzia elevata ma guardando i dati che ho mi sembra "strano°

Vi ho allegato qualche esempio.

 

Il termostato funziona in PID con una curva impostata a 0.8 e tempo minino (che non so cosa significhi) a 2 minuti.

 

Ho letto e riletto, e mi hanno detto anche gli installatori, che "la caldaia deve andare sempre" e che non "deve accendersi e spegnersi" ma non ho capito cosa significhi.

 

Veramente, scusate l'ignoranza e ho bisogno un aiuto per capire, ma cosa significa?

 

Io so solo che ho una caldaia a cui ho regolato le manopole per l'acqua sanitaria e per il riscaldamento e ho un termostato. 

 

Come si fa a tenere costante l'acqua che va al pavimento? doveva essere installato qualcosa in particolare ai collettori e all'impianto o è una impostazione della caldaia?

 

Come posso impostare il termostato vsmart per non spendere una fortuna? ha senso che lo lasci a una temperatura costante o che come adesso lavori per ore?

 

Mi potete fare chiarezza per favore?

 

grazie in anticipo per l'aiuto

ciao

Emiliano

 

 

 

Screenshot_2023-01-16-19-27-12-46_40763db63abe4536814349d49b7c46c4.jpg

Screenshot_2023-01-16-19-52-58-19_40763db63abe4536814349d49b7c46c4.jpg

Screenshot_2023-01-17-17-26-46-65_40763db63abe4536814349d49b7c46c4.jpg

IMG20230115172415.jpg

Link to comment
Share on other sites


Alessio Menditto
10 minuti fa, maiemy ha scritto:

Ho letto e riletto, e mi hanno detto anche gli installatori, che "la caldaia deve andare sempre" e che non "deve accendersi e spegnersi" ma non ho capito cosa significhi.

Vuol dire una cosa difficilmente controllabile, non è come nei termosifoni che tu imposti 22 gradi e ci pensa il termostato, qui è il calore PROPORZIONALMENTE (riferito alla temperatura esterna) COSTANTE (regolato dal termostato INTERNO alla caldaia) che i tubi cedono all’acqua che determina il benessere.

Ad esempio, con i termosifoni non puoi tenere le finestre in fessura perché l’aria gelida abbassa la temperatura interna, col pavimento radiante puoi farlo, perché anche se entra aria gelida ,ovviamente non ti deve arrivare addosso), non senti il freddo perché è tutto quello che c’è sopra il pavimento caldo, pure lui caldo, che ti avvolge come una coperta tiepida.

 

Per tenere costante l’acqua basta eliminare tutti i termostati ed essere sicuri che ogni stanza riceva lo stesso calore delle altre, ci pensa il termostato della caldaia che confronta la temperatura di ritorno dell’ acqua a modulare la fiamma.

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, Alessio Menditto ha scritto:

Vuol dire una cosa difficilmente controllabile, non è come nei termosifoni che tu imposti 22 gradi e ci pensa il termostato, qui è il calore PROPORZIONALMENTE (riferito alla temperatura esterna) COSTANTE (regolato dal termostato INTERNO alla caldaia) che i tubi cedono all’acqua che determina il benessere.

Ad esempio, con i termosifoni non puoi tenere le finestre in fessura perché l’aria gelida abbassa la temperatura interna, col pavimento radiante puoi farlo, perché anche se entra aria gelida ,ovviamente non ti deve arrivare addosso), non senti il freddo perché è tutto quello che c’è sopra il pavimento caldo, pure lui caldo, che ti avvolge come una coperta tiepida.

 

Per tenere costante l’acqua basta eliminare tutti i termostati ed essere sicuri che ogni stanza riceva lo stesso calore delle altre, ci pensa il termostato della caldaia che confronta la temperatura di ritorno dell’ acqua a modulare la fiamma.

 

grazie.

scusa la domanda, ma all'atto pratico come faccio a far si che la caldaia tenga costante l'acqua dei radiatori costante?

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Quando tutte le temperature dei tubi di RITORNO di ogni stanza sono uguali, vuol dire che l’acqua ha ceduto lo stesso calore ad ogni stanza e quindi il termostato dell’acqua della caldaia può fare una media, in pratica è come se esistesse un unico circuito.

 

Se le stanze fossero “sbilanciate”, la caldaia non lo sa e regola in modo sbagliato, così che alcune stanze saranno più calde e altre più fredde.

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, Alessio Menditto ha scritto:

Quando tutte le temperature dei tubi di RITORNO di ogni stanza sono uguali, vuol dire che l’acqua ha ceduto lo stesso calore ad ogni stanza e quindi il termostato dell’acqua della caldaia può fare una media, in pratica è come se esistesse un unico circuito.

 

Se le stanze fossero “sbilanciate”, la caldaia non lo sa e regola in modo sbagliato, così che alcune stanze saranno più calde e altre più fredde.

 

grazie ma ho posto male la domanda.

io adesso ho il termostato ed è lui che regola l'accensione e spegnimento. 

cosa devo fare fisicamente per ottenere quello che mi hai spiegato? devo staccare i fili del ricevitore vsmart dalla caldaia? e poi sulla caldaia cosa devo fare?

devo far installare qualcosa sui collettori?

 

scusa le domande cretine ma come dicevo non so veramente nulla

Edited by maiemy
Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

No non sono cretine, non possono essere due termostati, quello ambiente e quello dell’acqua della caldaia, a gestire l’impianto…

Qualcuno so che lo fa, ma ti dovrebbe aiutare lui, io non lo so fare.

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

C’è un caso particolare dove i termostati di stanza servono, ed è quello in caso di stanze scaldate dal sole ad esempio, dove i termostati chiudono il circuito di mandata alla stanza perché tanto ci pensa l’irraggiamento solare a scaldare, anche per risparmiare un po’ di gas, ma questo non è regolare TUTTO l’impianto.

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Si e no, l’installatore o il tecnico dovrebbero già sapere cosa fare…tu non puoi dire che uno sconosciuto in forum ti ha detto cosa fare (tra parentesi quello che ti ho detto è la configurazione più semplice e per quello sicuramente funzionante, poi ci sono le varie configurazioni, sulle quali non garantisco), tu lo chiami e dici: non va bene e lui deve sapere cosa fare, oppure essere sincero e dire che non sa cosa fare, per me queste cose sono assurde nonostante ormai ne abbia lette a decine e decine.

Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, Alessio Menditto ha scritto:

Si e no, l’installatore o il tecnico dovrebbero già sapere cosa fare…tu non puoi dire che uno sconosciuto in forum ti ha detto cosa fare (tra parentesi quello che ti ho detto è la configurazione più semplice e per quello sicuramente funzionante, poi ci sono le varie configurazioni, sulle quali non garantisco), tu lo chiami e dici: non va bene e lui deve sapere cosa fare, oppure essere sincero e dire che non sa cosa fare, per me queste cose sono assurde nonostante ormai ne abbia lette a decine e decine.

 

Ok. Ho capito che devo spostare la regolazione della temperatura dal termostato delle stanze a un termostato che controlla la temperatura dell'acqua nell'impianto. 

 

mi lascia perplessa una cosa però. Se con gli impianti a pavimento la cosa migliore è quella di regolare l'acqua dell'impianto e non avere un termostato ambientale, perchè nei vari Ecobonus si pretende un termostato intelligente se poi di fatto questo rende inefficiente l'impianto?

 

grazie mille sei stato gentilissimo. 

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Perché è difficilmente normabile un sistema dove in teoria tu manco sai quanti gradi hai in casa e regoli solo la mandata di acqua a sentimento…e poi, lo dico e lo ripeto all infinito, qui in forum ci scrivono quelli che hanno problemi, penso ci siano migliaia di impianti a pavimento con termostati, cronotermostati, Wi-Fi ecc ecc che funzionano perfettamente, non so come ma lo fanno, per cui non c’è niente di strano, evidentemente il tuo è un impianto che con i controlli non funziona, ma non perché lo dico io, ma perché i tecnici sul posto non riescono a farlo funzionare.

Ora non penso siano incapaci, sono sempre più convinto che ci siano situazioni particolari per cui funziona solo con la configurazione di base che ti ho elencato.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...