Jump to content
PLC Forum


Aiuto per scelta Pompa di Calore per riscaldamento a pavimento


ciuko
 Share

Recommended Posts

Buongiorno a tutti,

 

mi trovo nella condizione di scegliere tra due modelli / tipologie di pompa di calore per una abitazione di nuova costruzione, senza gas e con riscaldamento a pavimento.

 

Le due pompe di calore previste sono:

 

- Ariston NIMBUS M FLEX IN NET , da incasso all-in-one con 150 litri di ACS

- Ariston NIMBUS Pocket M NET R32 + NUOS PLUS WIFI da 250 litri

 

Entrambe le soluzioni verrebbero installate in una nicchia esterna alla casa (non riscaldata).

 

I miei dubbi sono:

 

- mentre il primo modello è esplicitamente per esterno, il secondo no. Come mai viene proposto? A che problemi posso andare incontro?

- Nel primo modello ci sarebbe il classico bollitore da 150 litri, nel secondi invece si parla di una macchina diversa (NUOS PLUS) che mi sembra più di un semplice boiler, quali sono i pro e i contro? 

 

Grazie a chi vorrà rispondere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Ciao,

In sostanza la prima soluzione "Ariston NIMBUS M FLEX IN NET " come hai detto tu è un cassone a filo muro dove internamente avrai un bollitore acs+puffer di acqua tecnica.

Dal cassone o tecnicamente dal modulo idronico all'unità esterna vi è un collegamento tramite due tubazione ad acqua. 

Si consiglia di installare quindi l'unità esterna il più vicino possibile in quanto una tratta di tubazioni lunga comporta un maggior impiego di energia nel trasportare il fluido caldo.

Infine non c'è pericolo di gelo perché il modulo interno ha delle resistenze elettriche  e l'unità esterna può attivare automaticamente l'antigelo. 

 

La seconda soluzione a differenza della prima sarebbe la seguente; l'unità esterna scalda solo il puffer quindi acqua tecnica. 

Mentre per acs utilizzi un semplice boiler sempre in pdc chiamato nuos plus

Significa avere due generatori, ma sicuramente ognuno lavoro in modo autonomo;mi spiego meglio.

La prima soluzione sarebbe che  l'unità esterna deve scaldare la casa e l'acs; quindi se fate un prelievo importante di acs la macchina andrà a riscaldare prima il boiler da 150lt  lasciando il riscaldamento  della casa fermo. Vero anche se vi è un impianto a pavimento l'inerzia  termica è di parecchie ore quindi voi non vi accorgete di nulla.

Di conseguenza  non c'è un giusto o sbagliato,  la prima soluzione se hai un guasto, il tutto si ferma nella seconda hai il 50% di funzionamento quasi garantito. 

 

Link to comment
Share on other sites

Grazie mille per la risposta. 

 

Mi chiedevo però due cose

 

Nella prima soluzione 

 

I tempi di ripristino della acs da zero sono circa 1 ora e mezzo. 

 

Nella seconda più di 5 ore. 

 

Questo sicuramente è dovuto al fatto che la pdc dello scaldabagno nuos è piccolina. 

 

Questa differenza non è da tenere in considerazione? 

 

Secondo punto 

 

Nella soluzione due avendo due pdc avrei doppia manutenzione? 

 

Il nuos andrebbe installato in una nicchia esterna (chiusa ma non riscaldata) alla casa anche se sar

ebbe da interno. Per l'idraulico non è un problema ma non vorrei che invece alla lunga lo fosse... 

 

Grazie. 

 

Link to comment
Share on other sites

6 ore fa, ciuko ha scritto:

Grazie mille per la risposta. 

 

Mi chiedevo però due cose

 

Nella prima soluzione 

 

I tempi di ripristino della acs da zero sono circa 1 ora e mezzo. 

 

Nella seconda più di 5 ore. 

 

Questo sicuramente è dovuto al fatto che la pdc dello scaldabagno nuos è piccolina. 

 

Questa differenza non è da tenere in considerazione? 

 

Secondo punto 

 

Nella soluzione due avendo due pdc avrei doppia manutenzione? 

 

Il nuos andrebbe installato in una nicchia esterna (chiusa ma non riscaldata) alla casa anche se sar

ebbe da interno. Per l'idraulico non è un problema ma non vorrei che invece alla lunga lo fosse... 

 

Grazie. 

 

I tempi di ripristino nella prima soluzione sono dettati dalla potenza della tua unità esterna(dato non prsente, ma sicuramente inferiore del nuos) Sicuramente con la seconda soluzione i tempi sono più lunghi,ma hai pur sempre 250lt di acqua a disposizione ed eventualmente una resistenza aggiuntiva per velocizzare il tutto.

Il nuos se chiuso in una nicchia potrebbe anche starci.

Calcola che ha una ripresa di aria ed un espulsione. Se l'aria di ripresa ha una temperatura sempre costante anche in inverno, ad esempio 17°C aiuta il funzionamento e rendimento della pdc.

Non devi preoccuparti del pericolo di gelo del nuos,  a tutto dipende dalla temperatura aria ripresa. 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...