Jump to content
PLC Forum


Interruttori Chint


arkanoid1
 Share

Recommended Posts


  • 1 month later...
electricpower

Ciao a tutti.Sono al mio primo intervento nella discussione sui prodotti cinesi.E' sbagliato considerarli a priori di bassa qualità ma

ho davanti a me un sezionatore bipolare 32 A della Chint,andato a fuoco nei morsetti a monte dell'apparecchio dove transitava una corrente di circa 20A ed ogni commento mi sembra superfluo!

inoltre le problematiche sui sezionatori montati nei nuovi contatori Enel non mi sono nuove e non solo aggiungo anche sui differenziali magnetotermici 4,5KA e interruttori scatolati superiori ai 450A....!Pare che si salvi la serie modulare 6KA e comunque la differenza di prezzo di qust'ultimi rispetto ad altri marchi non é più così allettante! la politica prezzo la fa l'importatore(in Cina vendono ad un tot al Kilo)

Link to comment
Share on other sites

Non entro nel merito della qualità,non ho notizia in merito.

Però,per il prezzo,ho visto in giro interruttori muller che hanno più o meno lo stesso prezzo,ma credo che per qualità ci siano delle differenze.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Con la scelta dei materiali bisogna fare attenzione, poiché ogni inconveniente seguito da danni a cose e persone si riperquote sul professionista che ha progettato e l'installatore che ha posato, con tutte le deleterie perdite di pregio professionale.

Link to comment
Share on other sites

Io, come detto qualche post fà, li ho usati per un paio di installazioni e non ho avuto problemi e non capisco una cosa.

Ma io, installatore, se un prodotto è regolarmente venduto in molti negozi del settore e credo che abbia tutti i marchi e le caratteristiche apposto per essere commercializzato, perchè mai mi dovrei preoccupare per problemi che non mi competono?

Io mi devo preoccupare di installare materiale a marchi IMQ, CE e quant' altro.

Se questi lo sono non sono responsabile del loro funzionamento/mal funzionamento.

P.S. Spero che venga compreso il senso del mio discorso.

Link to comment
Share on other sites

Guarda,...se propirio vogliamo dirla tutta, io ho speso fiumi di parole solo per spiegare la differenza tra serraggio diretto ed indiretto..che non hanno le medesime caratteristiche, e non sono paritari. ....per quanto riguarda la qualità intrinseca dei materiali e le loro peculiarità, posso affermare che non tutto è uguale per certificazione CE IMQ TUV...!!

Ogni costruttore detta anche delle tecnologie prorpie e degli standard di qualità diversi anche in relazione al prezzo.

L'unico vantaggio che da un Chint è il prezzo, che permette al progettista di avere ragione su di un preventivo ed un appalto, il committente è contento fino a quando n on ha il primo problema, ed in questa situazione spara improperi sull'installatore e sul progettista.

E' come apragonare Palazzoli o Gewiss per alcuni componenti come le prese, quadri etc etc,...o Melin Gerin per i quadri sopra i 125A fin o a 1000A.

Purtroppo, la realtà è questa.

Link to comment
Share on other sites

Guarda,...se propirio vogliamo dirla tutta, io ho speso fiumi di parole solo per spiegare la differenza tra serraggio diretto ed indiretto

Esistono ancora interruttori a serraggio diretto?!

Link to comment
Share on other sites

Parlavo dei morsetti per fare le giunzioni per fare una comparazione sulla qualità intrinseca dettata dai costruttori...era un OT.

Link to comment
Share on other sites

Esistono ancora interruttori a serraggio diretto?!

Se la tua domanda era riferita ad interruttori BT con In = o > a 125A la risposta è si!

Link to comment
Share on other sites

  • 3 years later...

 Salve ragazzi, scusate se riapro questo vecchio topic, ma vorrei a distanza di anni ritornare sempre sul medesimo quesito. 

L'idea di bassa qualità (rispetto ai più noti ABB, Bticino, Siemens) è sempre la medesima? 

 

Vorrei provarli, devo rifare un quadro a 72 moduli in una macelleria e vorrei provare questi chint al posto dei Bticino. Li consigliereste oggi? 

Link to comment
Share on other sites

Ribadisco la mia tesi.sono pochi i costruttori accreditati.Abb,Siemens,Melin Gerin,BTicino (ma con riserva), ora anche Shneider (spero di averlo scritto correttamente).quando si parla di potere di interruzione di 6kA a salire..e di affidabilita' degli scatolati le cose cambiano.progettisti e costruttori di quadri lo sanno bene. Negli impianti redidenziali da 3kw lo sforzo elettrodinamico dei mtd e minimale. PS: i MT spesdo si danneggiano perche' qualcuno serra troppo deformando o serra poco. Ho visto cambiare anche parecchi merlin gerin. Se prendi in mano un Abb e lo confronti con uno medesimo di Chint o BTicino troverai che gia i materiali della carcassa non sono uguali per nulla, il primo pare  di fattura ben superiore.saluti.

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi

Mi dispiace, ma il regolamento di PLCForum, vieta espressamente di accodarsi alle discussioni. Specialmente a quelle ferme da parecchio tempo!

Per favore rIproponi il tuo quesito aprendo una nuova discussione.

 

DISCUSSIONE CHIUSA

Link to comment
Share on other sites

  • Maurizio Colombi locked this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...