Jump to content
PLC Forum


Quante Kcal? - dimensionare un termosifone


chesciolino
 Share

Recommended Posts


La potenza del corpo scaldante non è funzione della cubatura di una stanza.

Il calcolo è un po' più complesso di quanto pensi,ti consiglio un buon libro di termotecnica.

Se vuoi posso spiegarti un po meglio,ma non insegnarti con un post,al limite se trovi un buon software puoi farlo con quello,ma non ti consiglio di far fare a un software un calcolo di cui ignori totalmente la teoria

Edited by andry75
Link to comment
Share on other sites

mi sembra di ricordare che i rivenditori utilizzino un semplice coefficiente da moltiplicare per la cubatura della stanza.... Sicuramente il metodo non è ortodosso, ma sembra che funzioni.

Link to comment
Share on other sites

Paolo Cattani

No, non funziona, se non per vendere...

Segui l'ottimo consiglio di andry: ne ho vista molta di gente che non sa fare (o non vuole fare) i calcoli, e te la facevano facile, poi li ho visti tutti ad un passo dal fallimento, appena i clienti gli han fatto causa..

Link to comment
Share on other sites

SimoneBaldini

Se hai e m u l e scaricati

ed2k://|file|Ingegneria%20-%20ITA%20-%20Manuale%20-%20Termotecnica%20-%20r0.zip|9219372|237E05A62735E82080570CD608DACFD9|h=YXI6W5MVE6IZCE474GGTAFIHXSLN

FYI|/

non parla di riscalamento ma di condizionamento, ma puoi comunque tenerti buone le formuline per il riscalamento (solo trasmissione).

Ciao

Simone

PS: Il famoso parametro è di 40 kcal/mc, almeno così si usa sul varesotto dai "termotecnici" sbrigativi. Poi l'assurdo è 35 W/mc per il freddo, e quì io ne ho visti a milioni lasciarci le "penne". Diciamo che sul caldo si rischia meno.

Edited by ennebienne
Link to comment
Share on other sites

Paolo Cattani

Vediamo di aiutarlo...

Chesciolino, sai perchè devi scaldare la casa? Perchè la tua casa non ha isolamento termico perfetto, ed allora disperde calore, ne disperde talmente tanto che arriverebbe ad equilibrare la temperatura esterna, se non fosse continuamente fornito tanto calore da equilibrare le perdite.

Siccome nessuna casa è uguale ad un'altra, bisogna calcolare quanto calore perde e a che velocità, poi da questo conto sottrai il calore fornito da fonti diverse dai trmosifoni (calore corporeo, luce solare, elettrodomestici etc) ed ottieni il calore che devi fornire coi termosifoni. Solo allora potrai cominciare a calcolare gli elementi per ogni stanza....

Link to comment
Share on other sites

fedelfio vito

un termotecnico o un idraulico o un venditore che nel corso della sua esperienza se ha lavorato tanto, quando deve calcolare una stanza o un impianto di piccole dimenioni, una volta viste le caratteristiche della struttura dell'edificio, non credo proprio che tutte le volte si metta a fare calcoli e calcolini che spesso danno lo stesso risultato finale, ma usa il computer piu potente del mondo e il software piu avanzato:

il suo cervello e la sua esperienza e buon senso.

quando ricorre a formule e pallottoliere?

grandi impianti, grandi volumi, situaioni anomale.

in tal caso li deve usare entrambi.

io dove ne ho la possibilita' tendo a sovradimensionare, questo mi permette di lavorare con temperature piu basse, e di conseguenza maggiori performance globali dei rendimenti, con una modesta spesa superiore iniziale.

nessuna norma vieta con questo concetto di poterlo fare?

quando si casca col sedere per terra?

quando si lavora sul filo del rasoio.

quando accade?

quando si è messi in competizione e tutti dove possono tirano la corda affidandosi alla buona sorte.

risultato:

calcolo tirato, muri e isolazioni tirate, seramentistica tirata.

tutti ottimisti e risultato catastrofico.

oggi tali situazioni sono meno frequenti, grazie alla legge 10 tutti almeno un occhio di riguardo lo hanno, inoltre le tabelle delle rese dei radiatori sono di base du d.t.50.

pertanto se qualcuno TIRA... ci si salva in corner aumentando la temperatura di mandata a 80 gradi.

questa è la verita'

vito

Link to comment
Share on other sites

e' vero non si fanno i calcoli precisi al joule, sarebbe assurdo.

si da un occhio alla casa , ai vetri , ai muri all'esposizione al piano, alla facia climatica di appartenneza, con un po di esperienza ci si fa l'occhio, ma

se uno l'esperienza non ce l'ha l'unica cosa e' fare qualche calcolo anche spannometrico, ma bisogna farlo tenendo conto di tutti e non solo, questi fattori.

stare larghi si, ma attenzione se esageri poi la regolazione e' un problmema rischi pendolazioni allucinanti......

troppa gente sento che dice, " si ma poi tanto ci pensa la regolazione" come se la regolazione e li per correggere le stupidaggini del progettista... sai quante volte????

mi correggo, non progettista ma .... "progettista" .

Link to comment
Share on other sites

Vai su www.faral.it; sotto la voce "tecnica" (icona con il disegno stilizzato di un elemento di un termosifone in alluminio) trovi un calcolatore per il dimensionamento del termosifone.

Ciao. :)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...