Jump to content
PLC Forum


Scandalo La Francia Disseminata Di Scorie - ma una soluzione c'è...


del_user_56966
 Share

Recommended Posts


del_user_56966
invece noi italiani stiamo facendo accordi con la francia per il nucleare...... che colpo !!!

In realtà non capisco neppure il perchè ci sono società estere che stanno investendo in Italia

nell'eolico, l'ultima notizia fresca fresca è di un installazione marina di circa 1200 generatori da 2 MWatt...

e noi non dobbiamo spendere un cent!... qualcuno ci spiega cosa sta accadendo ( almeno a chi non a ancora capito!.. :rolleyes: )

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966

Comunque questa è la situazione attuale dei depositi di materiale radioattivo ad oggi

e le centrali non son neppure partite dopo che cosa accade!!??

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966

E noi in Italia come ci comportiamo con le poche scorie che abbiamo..?

visto che sono poche le vogliamo esportare in america...

La Gazzetta del Mezzogiorno sostiene che l'Italia stia per inviare 20000 tonnellate di scorie radioattive negli Usa, spiegando che "i carichi radioattivi arriveranno sulle coste americane via nave, dopodiché saranno trasferite nel Tennessee, presso l'impianto di Oak Ridge, della Energy Solutions, per essere riprocessate.

Infine, ultimata questa attività di trasformazione, circa 1.600 tonnellate di scorie saranno stoccate in un deposito (sempre di proprietà della Energy Solutions) che si trova nello Utah, a Tooele County".

Proprio nello Utah, appresa la notizia, il supporto di varie sigle ambientaliste, la gente ha iniziato a protestare: "Lo scorso 21 febbraio - continua il quotidiano - c`è stata addirittura una manifestazione organizzata dai ristoratori italiani dello Utah. Giornali (come il The Salt Lake Tribune) e broadcast radio-televisivi (come Ksl) hanno dato grande rilievo all`iniziativa. All'urlo di "No Grazie" - proprio così, in lingua italiana - i ristoratori hanno chiarito la loro posizione: dall'Italia spediteci il cibo e la moda, ma tenetevi i vostri rifiuti radioattivi!".

Ma questo solo per le poche che abbiamo e le prossime che vogliamo fare a chi le scarichiamo...?? <_<:blink:

Link to comment
Share on other sites

Facciamo bene attenzione al tipo di socrie. Sotto il nome di "scorie radioattive" c'è di tutto: le poche dovute alle ex centrali elettriche e tutte quelle "medicali".

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
Facciamo bene attenzione al tipo di socrie. Sotto il nome di "scorie radioattive"

Purtroppo si intende scarti delle centrali nucleari che la Francia non sa più dove annidare,

considera che di miniere per l'estrazione dell'uranio in Francia se ne conta 212!... :blink:

su Sky è stato fatto un servizio un pò di tempo fa, proprio

sulla Francia, facendo vedere zone industriali dove dei capannoni contenevano migliaia di barili di scorie radioattive

e l'unica manutenzione era una verniciatura alla ruggine che li stava corrodendo...

non riesco a trovare il servizio su Internet sarebbe interessante rivederlo ora!

Link to comment
Share on other sites

Io mi riferivo a quelle italiane. La Francia ha il problema che da un po' non costruisce nuove bombe nucleari, quindi le scorie crescono

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966

Inoltre non mi sembra molto corretto che noi facciamo dei rifiuti e poi pensiamo che

debba essere qualcun altro a doverli stoccare perché nessuno poi li vuole vicino casa...

ora vicino casa io ho già uno stoccaggio di rifiuti tradizionali e anche se vi vengono stoccati

rifiuti da mezza Italia e non mi lamento,

ma quelli radioattivi per favore portateli a qualcun altro... tra l'altro io sono per l'eolico che come dimostrato

vince alla grande sul nucleare nella stragrande maggioraza dei paesi del mondo quindi non ci sono ragioni tecniche

quindi quali sono gli interessi su cui si basa questa scelta... :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966

Livio

se sei curioso di sapere dove finiscono le scorie radioattive che dici tu guarda questo video

Scorie Radioattive in cantina

comunque anche se estremamente grave per quel paese la situazione di pericolo che corrono

non è questo a cui mi riferivo prima, le scorie delle centrali sono tonnellate e tonnellate di materiale,

non so se ti ricordi cosa successe quando hanno provato a metterle al sud nelle saline... :angry:

Cosa si fa si utilizza l'esercito anche questa volta e in tutt'italia... non è un po esagerato ??

se ora non esistono queste scorie non si fa prima a non farle proprio e quei 7 miliardi di euro a centrale

investirli su Eolico, idrogeno, geotermico e solare ??

più che acquistare una tecnologia che è spacciata per nuova ma è già obsoleta visto che nel 2020 si guarda alle centrali di 4 generazione

come dice giustamente Rubbia !??

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966

Ps: sono già incappato in una di queste politiche di Business spregiudicato,

molti anni fa volevano costruire un impianto di PVC e fu fatto un referendum

a questo la popolazione disse di no!

Molti gridarono come oggi allo scandalo, "si perde un treno" ecc..

bene la storia a dato ragione non agli industriali spregiudicati ma alla popolazione del posto..

non a tutti è purtroppo andata cosi e questi sono stati i risultati...Porto Marghera

Non è ORO tutto ciò che brilla.. :ph34r:

Link to comment
Share on other sites

Le scorie nucleari, intese come materiale radioattivo atto all'arricchimento delle barre per le centrali elettriche, in Italia ne sono rimaste pochissime (ma sempre molte)

Quasi tutto il materiale è stato acquistato dalla Francia per le sue........ ovviamente ci abbiamo rimesso anche le mu...de ma non importa, l'importante è non averne più, anche perchè quelle che abbiamo sono stoccate in posti dove la sicurezza è scritta su carta con una penna ad acqua!!!!!!!!!

Il resto delle scorie, che sono in gran parte di tipo ospedaliero, dove vengano stoccate........... non si sa proprio bene!!!!!!!!

Il nucleare, lo ripeterò fino all'afonia, non è più conveniente e fra le altre cose, l'uranio scarseggia, quindi costerà sempre di più.

Un'altra piccola cosa, le 80 testate nucleari che abbiamo in Italia......(bombe, per intenderci) quelle non si potrebbero far portare a casa dei proprietari?????? (o forse non si sa di chi siano???) :)

L'eolico ed il fotovoltaico, sono l'unica soluzione possibile, attualmente. Poi, studiare fonti rinnovabili, altra cosa da dover fare.

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
......... non si sa proprio bene!!!!!!!!

Come non si sa, allora non ai visto il link precedente "Scorie in cantina" torna indietro e vatti a guardare

il filmato video...

Tratta di un privato che ha fatto un accordo per lo smaltimento delle scorie e nessuno si è accertato di dove andavano a finire...

questo che ha fatto ??

A riempito la cantina della casa del Fratello di bidoni di scorie radioattive, la casa è in pieno centro residenziale...SCONCERTANTE !!! ma fa capire come vengono gestite

queste cose in Italia... <_<

Link to comment
Share on other sites

..l'uranio scarseggia, ....

Ma come, gli oppositori dell'alta velocità in Val Susa non vogliono che si scavino tunnel li perchè le montagne son piene, oltre che di amianto, anche di uranio. Forse non sanno che l'uranio scarseggia.. :lol:

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
oltre che di amianto, anche di uranio.

Sapevo anche questo come so che la Francia si era offerta per il recupero gratuito di tutto il materiale del traforo...

quindi vedi i conti tornano c'è poco di tecnico in questo tentativo di ritorno al nucleare !!.. ;)

Link to comment
Share on other sites

Ma come, gli oppositori dell'alta velocità in Val Susa non vogliono che si scavino tunnel li perchè le montagne son piene, oltre che di amianto, anche di uranio. Forse non sanno che l'uranio scarseggia..

Non mi pare sia il caso di fare della facile ironia su un problema così grande, che pregiudicherà pesantemente il futuro dell'Italia.

Il problema approvvigionamento di combustibile nucleare è reale.

La scelta di far ripartire il nucleare in Italia è una scelta suicida, che farà l'interesse di poche persone (persone che, oltretutto, non hanno certo bisogno di incrementare i loro già esorbitanti guadagni), mettendo a repentaglio la sicurezza e le tasche di tutti gli altri.

Oltre al problema tuttora irrisolto delle scorie, il nucleare non è nemmeno conveniente da un punto di vista esclusivamente economico. Ed è inoltre la fonte di energia che richiede il più lungo tempo dall'inizio dei lavori allo sfruttamento.

In Italia invece abbiamo bisogno di nuove fonti ora, mica fra 10-15 anni!

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
In Italia invece abbiamo bisogno di nuove fonti ora, mica fra 10-15 anni!

non solo questo direi che il nucleare di oggi è una scelta sbagliata a livello di tecnologia, non c'è il tempo

di arrivare alla 4 generazione [quella quasi pulita.... :( ] inoltre è una scelta che va contro senso

la maggior parte dei paesi non investono più nel nucleare!

La Cina da sempre considerata il peggio paese come inquinamento punta alle fonti alternative e mira a diventare LEADER

nel settore eolico... poi vedi la Spagna, e ora caso eclatante l' America di Obama!

Poi esiste il problema mia risolto in Francia delle Scorie radioattive... visto che noi neppure facciamo gli Inceneritori per la nettezza!

dove mettiamo le scorie.. In cantina come adesso ??... <_<

Comunque Batta si vede che programmi PLC... il programmare aiuta a ragionare...

un bel corso di programmazione prima della carriera non farebbe male neppure ai politici!... :lol:

Link to comment
Share on other sites

dove mettiamo le scorie.. In cantina come adesso ??...

Beh, l'idea su una cantina dove ne stoccherei almeno un paio di vagonate, io ce l'avrei ;)

Link to comment
Share on other sites

fatemi capire.

I parametri di Kyoto impongono all'Italia di diminuire le emissioni di CO2 entro il 2020 del 20%.

I consumi di energia elettrica crescono mediamente del 5% all'anno in Italia.

in Lombardia di vento non mi sembra che ce ne sia molto, di conseguenza affidarsi all'eolico non mi sembra una soluzione risolutiva, tra l'altro l'eolico incontra anche resistenze da parte degli ambientalisti per problemi di vincoli ambientali.

non ritengo che il fotovoltaico sia in grado di coprire il fabbisogno energetico della regione. Impianti idroelettrici non se ne costruiscono più da anni (perchè la gente che si trova nelle vicinanze di una diga non è che sia molto contenta, vedi tragedia del Vajont).

Il nucleare no per il problema delle scorie (però acquistiamo energia dalla Francia che la produce con il nucleare....alla faccia della coerenza...)

Quindi siccome continuiamo dire no a questo no a quello, produciamo l'energia che ci serve con il termoelettrico (che notoriamente è una bella fonte di CO2). Mi dite come faremo a rispettare i paremetri di Kyoto senza il nucleare, ma garantendoci comunque l'energia che ci serve?

Un ultima cosa:la Cina sta progettando anche lei delle nuove centrali nucleari, ne ha in programma di costruirne più di dieci

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
fatemi capire.

Ci proviamo..

I parametri di Kyoto impongono all'Italia di diminuire le emissioni di CO2 entro il 2020 del 20%.

Prendiamo per esempio su cosa investe la Germania...Vedi LINK - Energia Germania entro il 2012

tu dirai ma è carbone... allora sappi che forse in Italia no ma noi come ENEL siamo in prima Linea nel "Clean coal technologies" ...

I consumi di energia elettrica crescono mediamente del 5% all'anno in Italia.

Forse ti è passato un passaggio... entro il 2012 verranno messe al bando tutte le fonti a incandescenza quindi se oggi ai una lampada da 100 Watt domani questo verrà

portato a risparmi energetico e quindi da 18 watt in giù... senza far nessuna centrale ti ho già fatto guadagnare l'80% di energia .... :lol:

Ti continua a integrare con Solare, Geotermico ""A PROPOSITO""!! perché nessuno parla delle CENTRALI GEOTERMICHE ?????

e non per ultimo l'eolico, da cui recuperiamo un altro 20% di Energia Italiana senza alcuna produzione di inquinanti o scorie!.

in Lombardia di vento non mi sembra che ce ne sia molto, di conseguenza affidarsi all'eolico non mi sembra una soluzione risolutiva, tra l'altro l'eolico incontra anche resistenze da parte degli ambientalisti per problemi di vincoli ambientali.

Forse non ti hanno detto che l'elettricità corre sui fili... :lol:

Noi adesso importiamo dall'estero dopo potremo importare da altre regioni Italiane o dal Mare..

sono previsti nei prossimi mesi installazioni di 1200 generatori marini da 2 Mwatt..!!

non ritengo che il fotovoltaico sia in grado di coprire il fabbisogno energetico della regione. Impianti idroelettrici non se ne costruiscono più da anni (perchè la gente che si trova nelle vicinanze di una diga non è che sia molto contenta, vedi tragedia del Vajont).

Il foto voltaico di quartiere può aiutare ma neppure io lo ritengo un valido sostituto del Nucleare, ma non c'è solo quello...

perché altri paesi stanno investendo nelle centrali Solari (anche grazie al contributo di Scienziati Italiani!!) ...Tipo questa!!

Il nucleare no per il problema delle scorie (però acquistiamo energia dalla Francia che la produce con il nucleare....alla faccia della coerenza...)

è vero che non si è investito nella ricerca nucleare, ma neppure in altre tecnologie.. in verità in Italia non si fa proprio ricerca a fini industriali, ovvero se se ne fa

come visto prima non viene poi applicata in Italia!

Quindi siccome continuiamo dire no a questo no a quello, produciamo l'energia che ci serve con il termoelettrico (che notoriamente è una bella fonte di CO2). Mi dite come faremo a rispettare i paremetri di Kyoto senza il nucleare, ma garantendoci comunque l'energia che ci serve?

A questo ti ho già risposto, quante volte fai la stessa domanda... io poi personalmente oltre al Geotermico che mi sta cominciando ad affascinare!, vedo una grande riserva di

energia anche nell'idrogeno, in pratica è possibile convertire nelle ore di sole, l'energia in eccesso convertendola in Idrogeno per poi nelle ore notturne trasformare l'idrogeno in

energia elettrica... in pratica svolge una funzione tipo condensatore... B)

Un ultima cosa:la Cina sta progettando anche lei delle nuove centrali nucleari, ne ha in programma di costruirne più di dieci

Certo stai paragonando 10 centrali su 1.milardo di persone contro i prossimi 10 in italia su 58 milioni di persone senza contare l'estensione

del territorio cinese in confronto al nostro... fischia che conti!!... :lol:

Link to comment
Share on other sites

Ha già risposto a tutto Alen.

Aggiungo solo che, in Basilicata, ci sono già attivi impianti eolici per circa 1000MW, e la regione sarebbe pronta per impianti per altri 2000MW.

Ma vi rendete conto! Da una sola regione, col solo eolico, pur considerando che il vento non è costante (ma in certe zone poco ci manca), potremmo ricavare energia per sostituire almeno una centrale nucleare.

E questo senza produzione di scorie, a costi inferiori e in tempi più brevi.

Ma questa soluzione sarebbe vantaggiosa per l'Italia, e non solo per i pochi italiani che decidono, che verrebbero drasticamente ridotte le possibilità di riempirsi le tasche.

Pensa cosa si potrebbe ottenere dal solo eolico sfruttando Alpi ed Appennini. E non dimenticare che c'è pure il mare, dove il vento praticamente non manca mai.

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
E questo senza produzione di scorie, a costi inferiori e in tempi più brevi.

Ma poi lo sappiamo che l'Enel è uno dei fautori più attivi nel campo delle Rinnovabili... ma qui fa solo piccoli impianti...Ma all'estero vedi qui!!

Ma questa soluzione sarebbe vantaggiosa per l'Italia, e non solo per i pochi italiani che decidono, che verrebbero drasticamente ridotte le possibilità di riempirsi le tasche.

Visto quanto sopra c'è da chiedersi quali sono gli interessi in gioco sul nucleare... siamo sicuri che è solo un problema energetico ??

Pensa cosa si potrebbe ottenere dal solo eolico sfruttando Alpi ed Appennini. E non dimenticare che c'è pure il mare, dove il vento praticamente non manca mai.

Detto quanto sopra ogni altro commento è inutile... :offtopic:

Link to comment
Share on other sites

Mauro Dalseno

In Italia regno delle cose belle dicono che l' eolico e' brutto,lugubre e anti estetico, ma a qualcuno (all' estero) piace Commessa Siemens

Edited by Mauro Dalseno
Link to comment
Share on other sites

del_user_56966

Ragazzi FINE Discussione..

IL NUCLEARE In ITALIA è morto prima di nascere...LINK

quello che rompe è che devo sapere le cose da tutte le fonti salvo che da quelle Ufficiali

salvo saper intepretare una sentenza costituzionale tipo questa...LINK.... :senzasperanza:

Edited by Aleandro2008
Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share


×
×
  • Create New...