Jump to content
PLC Forum


Inquinamento Nucleare Del Mare Da Plutonio - Cosa comporta secondo voi?


del_user_56966
 Share

Recommended Posts

Marcello, ritorniamo sul tema di sempre. Nella vita di ogni giorno o si e' elementi attivi o si e' elementi passivi. Diceva un mio antico collega che "nel problema, o sei parte della soluzione, o sei parte del problema" intendendo dire che le prese di posizione conservative e statiche non aiutano a risolvere il problema, invece l'approccio e la ricerca vanno nella direzione della soluzione. Credo che sia un modo di pensare non solo corretto, ma incontestabile.

Collegandomi a questo modo di dire dell'antico collega, e' anche innegabile che non si puo' non stare di qua o di la' di una virtuale linea di confine che e' il menefreghismo (tra l'altro molto diffuso). C'e' sempre comunque un motivo per stare di qua o di la' di questa linea.

Per me e' una questione di logica, se vuoi di cultura, senza dubbio di interesse sul problema nucleare. Sono grande abbastanza da riuscire a comprendere con mezzi miei, anche senza essere necessariamente un esperto, se il nucleare sia un bene o un male, NELLA SUA COMPLESSITA'.

E va specificato "nella complessita'", perche' nulla e' totalmente bianco e nulla e' totalmente nero, religiosamente parlando puoi trovare aspetti non negativi nell'inferno e aspetti non positivi nel paradiso. Vale in tutto.

Dunque, io personalmente reputo che "nella complessita'" il gioco non valga la candela, che il rischio non circoscritto, unito ai costi non definiti, sommato agli effetti comunque collaterali che possono persistere a 10 km da una centrale o da un deposito di scorie, e cosi' via, non giustifichi una produzione di energia con questo sistema, l'attuale sistema, quando comunque possono esistere alternative di qualche tipo.

Vogliamo le leggende metropolitane? ebbene, la benzina sintetica dei nazisti, secondo tutti esistita eppure inesistente e' inesistente perche' una favola o perche' le sette sorelle ritengono preferibile tenere un profilo basso sull'argomento?

Su ogni cosa si puo' sempre costruire il pro e il contro. Il fatto di essere persone ragionanti e ragionevoli, o come dicono altri dotate di libero arbitrio, deve portare a comprendere il bene e il male il vero e il falso.

Ma soprattutto deve rendere disponibili a cambiare idea, perche' cambiare idea e' una virt' e non un peccato, se il cambiare idea e' legato ad un ragionamento logico e preciso.

Bene dunque che si chiarisca il perche' dei tuoi dubbi. E abitare a 12 km da un deposito e' certamente un buon motivo per avere domande e dubbi. Ho un parere? Avrai capito che preferisco dati ad ipotesi, valutazioni a supposizioni, e cosi' via. Ebbene, mi piacerebbe sapere se hai avuto risposte coerenti e allineate dagli enti cui certamente avrai, prima che qui, posto le tue domande.

Il tuo comune, il comune dove e' dislocato il sito, la provincia, l'arpa, giusto per citarne alcuni.

Hai ricevuto risposte? Se si e' gia' un ottimo segnale. Sono allineate? bene, verifica presso una associazione ambientalistica quanto si discostano i dati. Non sono arrivate risposte? strano... Le risposte sono fra loro incongruenti? Nessuno vuol dire la verita?

Le conclusioni dirette si possono trarre anche da indizi indiretti, se tutti portano verso una direzione che le conclusioni dirette non indicano.

Per esempio puoi credere o meno ai servizi "di sinistra" di report, ma le immagini non mentono, si puo' far vedere solo alcune cose, ma quel che vedi lo puoi valutare con i tuoi occhi, indipendentemente dall'enfasi o il silenzio che trovi nei commenti.

Diceva una vecchia pubblicita': non serve saper cucinare per saper mangiare. Vale ovunque, l'occhio esperto vede molto di piu' dell'occhio casuale, ma una crepa e' crepa per tutti.

O no?

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 243
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • del_user_56966

    72

  • fisica

    38

  • Carlo Albinoni

    23

  • Livio Orsini

    22

Non sono affatto favorevole al nucleare per partito preso, ma neanche voglio essere contrario per principio.

Semplicemente cerco di farmi un idea, e non avendo competenze specifiche, comparo i pareri di chi sembra saperne più me.

Se con tutto il materiale fornito non sei ancora riuscito a farti un'idea, credo che sia un tuo problema.

Ma da quando in qua si decide chi ha ragione su argomenti tecnici per alzata di mano?

Sempre meglio far scegliere per alzata di mano alla gente comune, che lasciar scegliere i politici e le persone economicamente coinvolte. O no?

Cosa vuol dire che “su 10 link solo il sesto sostiene che il nucleare sia economicamente vantaggioso” ?

Se digito la parola “fantasmi”, sui primi 10 link ben 9 sostengono l’esistenza dei fantasmi. La vogliamo considerare una prova anche questa?

A me non pare la stessa cosa. Se a te sembra di sì, liberissimo.

Posso ritenere attendibile il parere di un antinuclearista che sostiene che l’idrogeno è una fonte di energia alternativa?

E chi sarebbe? Io ho partecipato attivamente a questa discussione sin dall'inizio, ma questa deve essermi sfuggita. Se indichi il post...

E’ perché invece non posso fidarmi del parere di un tecnico del settore perché è

“Come chiedere a un petroliere cosa ne pensa del petrolio”? Se lo stesso ragionamento fosse applicato alla medicina non si dovrebbe mai chiedere ad un medico quali medicine prendere, non vi pare?

Se non c'è conflitto di interessi, ben venga il parere di un tecnico del settore. Difficile però trovare un tecnico del settore la cui carriera non sia legata allo sviluppo del nucleare.

Il medico che mi prescrive la medicina non guadagna sulla medicina che mi prescrive. Se così fosse, non mi potrei fidare.

Una domanda bisogna sempre porsi: "A chi giova?"

Se una persona trae vantaggio dalle proprie dichiarazioni, queste dichiarazioni devono essere controllate al microscopio. Insomma, non è certo detto che siano false, ma il dubbio non è solo legittimo, ma obbligatorio.

Nel caso specifico, le centrali nucleari sicuramente non giovano ai cittadini. Si continua a dire che in Italia l'energia costa troppo. Ma siete andati a vedere qual è il costo reale dell'energia e il costo alla quale invece viene venduta? Il costo reale è solo una piccola parte, poi ci sono i vari rincari, i rincari sui rincari, le tasse, le tasse sulle tasse...

Se qualcuno crede veramente che con le centrali nucleari si riuscirebbe ad abbassare il costo della bolletta, o è disinformato, oppure è un povero illuso che si beve ad occhi chiusi tutte le balle raccontate nei TG di Minzolini.

Insomma sono e resto confuso. Speravo che in questo forum si discutesse di fatti, e invece vedo che prevalgono le opinioni.

Per me è un mistero come tu faccia a definire opinioni la mole di documenti linkati in questa discussione.

E' solo un'opinione che le centrali nucleari non sono sicure come qualcuno vuol far credere?

E' solo un'opinione che il problema scorie radioattive (le più radioattive rimarranno pericolose anche per centinaia di migliaia di anni) è un problema grave e non è stato ancora risolto?

E' solo un'opinione che l'uranio non è infinito?

E' solo un'opinione che l'Italia dovrebbe comunque dipendere da altri paesi per rifornirsi di combustibile nucleare?

E' solo un'opinione che considerando: costo di costruzione + costo di smantellamento + costo di stoccaggio scorie + costo di gestione + costo combustibile + costo di eventuali catastrofi, la convenienza economica del nucleare è ben lontana dall'essere dimostrata?

E' solo un'opinione che si può produrre energia in altro modo, più pulito e meno pericoloso?

E' solo un'opinione che c'è bisogno di energia ora, mentre con le centrali nucleari, ad essere molto ottimisti, prima di dieci anni non se ne parla?

E' solo un'opinione che molto si potrebbe fare sul fronte del risparmio, invece i consumi sono continuamente spinti verso l'alto perché i gestori dell'energia ci lucrano?

La lista potrebbe continuare, ma mi pare sufficiente per chiarire il concetto.

E, a questo punto, mi dovresti dire cosa intendi per "fatti".

Edited by batta
Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
E' solo un'opinione che molto si potrebbe fare sul fronte del risparmio,

In questo senso noi diamo un bel contributo con risparmi sull'illuminazione di locali pubblici da 0 al 100% a secondo delle ore... ;)

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966

Vi segnalo che domani 15 aprile su RaiNews24 intorno alle ore 15,00 (orario da confermare, cercate sul sito il palinsesto)

andrà in onda uno speciale sulla Fusione Fredda (reazioni nucleari a bassa energia) di circa un ora.

Saranno presenti e intervistati, tra gli altri, il Prof. Emilio del Giudice e il Prof. Francesco Celani. Condurrà la trasmissione Maurizio Torrealta.

Vi consiglio di non perdere l’evento, forse vi sarà anche la possibilità di effettuare delle domande in diretta!! :)

Link to comment
Share on other sites

Lo sapevate che anche la Svizzera ha il suo bel nocciolo fuso!? link

Qui si può trovare un documento esaustivo sullo smantellamento delle centrali nucleari: link

Ritornando sull' inquinamento del mare; non sono "solo" le centrali a creare problemi: link

Link to comment
Share on other sites

Marcello da Nettuno

Fisica,

tu mi parli di complessità e di valutare gli indizi, i fatti

Bè, è proprio questo il problema, gli indizi e i fatti.

La centrale di borgo sabotino che stà vicino casa mia non è esplosa, non ha avuto incidenti, ed ha svolto il suo lavoro per 25 anni senza problemi, producendo qualcosa come 26TWh, e mai una protesta da parte della popolazione; oggi è stata regolarmente dismessa e viene utilizzata come sito di stoccaggio delle scorie, la situazione è costantemente monitorata dagli enti che hai citato (a loro dire), e fin'ora non sono emerse problematiche.

Proprio in questi giorni invece stanno costruendo la nuova centrale turbogas di Aprilia, anche questa a pochi km da casa mia, e già ci sono state manifestazioni di protesta, con gli abitanti del posto che si sono sdraiata per terra per fermare le ruspe.

Sono tutti molti preoccupati per l’ inquinamento atmosferico che produrrà la centrale e che rcadrà su un territorio densamente popolato; questa centrale non ha ancora prodotto un solo watt ma ha già provocato una sollevazione popolare.

Gli impianti fotovoltaici sono stati installati solo finchè erano sovvenzionati dallo stato, da gennaio non li monta più nessuno, e se mettiamo insieme tutta l’energia che producono basta a malapena per ricaricare i telefonini.

Le pale eoliche sono impensabili, qui si vive solo di spiagge e di turismo, sarebbe come parcheggiare la motozappa in soggiorno; ma soprattutto, e questa forse è la cosa più fastidiosa, non c’è vento.

Quindi, se dovessi dar retta solo agli indizi e alla mia esperienza personale, da ignorante, dovrei essere favorevole al nucleare.

Ma siccome so che la mia esperienza è parziale e le mie conoscenze limitate, non mi fido del mio giudizio e vorrei discutere pacatamente per farmi un’opinione più obiettiva.

A quanto pare però una discussione pacata su questo argomento è praticamente impossibile.

Perfino su questo forum, che dovrebbe essere frequentato da gente che per mestiere usa la logica e la razionalità, si accendono dispute animate da chi ne fa quasi una questione personale.

Tra chi assicura che le nuove centrali saranno sicure al 100% e chi invece paventa l’apocalisse, di argomenti circostanziati che evidenzino un bilancio tra costi e benefici, che permettano un giudizio finale, non ne vedo.

I nuclearisti non sanno dare risposte definitive sui costi effettivi, non dicono come risolvere il problema dei rifiuti, sorvolano sullo smaltimento delle centrali dimesse e sulla sicurezza degli impianti.

Gli antinuclearisti non spiegano come compensare il deficit energetico, favoleggiano di mulini a vento, esagerano i rischi del nucleare e minimizzano o non considerano affatto i lati negativi delle altre fonti di energia.

Cosa significa postare tanti link su siti che parlano di effetti negativi o positivi di una cosa senza confrontarli con quelli positivi o negativi dell'alternativa?

E' un atteggiamento fideistico, come quello dei testimoni di geova che rifiutano le trasfusioni citando a supporto delle loro tesi solo i casi di malasanità e di "esperti" di loro gradimento, e ignorando tutto il resto.

Non lo so, forse l’argomento è talmente complesso che un giudizio definitivo è impossibile, ma se non si può fare un bilancio certo, da dove deriva tanta sicurezza? Per questo penso che entrino in gioco fattori emotivi che inficiano il giudizio e distorcono le valutazioni.

Per ora resterò nel dubbio.

Link to comment
Share on other sites

Non lo so, forse l’argomento è talmente complesso che un giudizio definitivo è impossibile, ma se non si può fare un bilancio certo, da dove deriva tanta sicurezza? Per questo penso che entrino in gioco fattori emotivi che inficiano il giudizio e distorcono le valutazioni.

Quel che e' definitivo e' la morte. Altro non ne conosco. Ovviamente se non sai di un problema anche potenziale non hai motivo di preoccuparti. se non sai cosa comporta una centrale vicino a casa, essa puo' intimorirti quanto un cumulo di legna, probabilmente nulla.

Se vuoi partecipare alla discussione, renditi parte attiva, per ora hai solo dimostrato che sei preoccupato perche' abiti vicino ad un sito atomico, ma non sai quanto ti devi preoccupare.

Ebbene, cerca le statistiche sulle malattie direttamente o indirettamente conducibili al nucleare, che riguardano l'area attorno al sito. Le statistiche sono nella norma? saprai che finora non ci sono stati problemi.

Ma anche il solo fatto di poter supporre che potrebbero esserci dei problemi e' un problema.

p.s. parli di confrontare aspetti positivi e negativi rispetto ad altre fonti? ok, ma non e' di questo che si sta parlando, ma di come venga gestito l'inquinamento da plutonio o altri prodotti a lungo tempo di dimezzamento. Non cerchiamo di intorbidire le acque...

Edited by fisica
Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
favoleggiano di mulini a vento, esagerano i rischi del nucleare e minimizzano o non considerano affatto i lati negativi delle altre fonti di energia.

Quelli che tu chiami mulini a vento sono pale eoliche e non mi sembra che a parte il solito scassac...i che vede nero anche dove non c'è

portino nessun tipo d'inquinamento o che possano causare alcun tipo di disastro quindi ben vengano migliaia di mulini a vento questo è il paese

del vento... Sfruttiamolo!!

Comunque devo dire che il tuo favore al Nucleare anche se ben mascherato è evidente!

si può certo dire di tutto ma fare similitudini tra concetti come Eolico e altre fonti energetiche

e fatti concreti che accadono adesso alla centrale Nucleare in Giappone è un offesa all'intelligenza ! :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

La centrale di borgo sabotino che stà vicino casa mia non è esplosa, non ha avuto incidenti....

Diciamo che "non è esplosa", per quanto riguarda il "non ha avuto incinenti"...... :rolleyes:link

Il fatto è che quando succede un incidente, chi di dovere, tende ad insabbiare o minimizzare il tutto.

Edited by magoxax
Link to comment
Share on other sites

del_user_56966

Caro Marcello come vedi tu abitavi vicino a un probabile Chernobyl e diciemo che ti andata solo bene!... ;)

«Ci fu un guasto nel 1970. Ci fu un innalzamento della temperatura, come sta accadendo in Giappone, ed un settore della sfera andò in fusione però non ci fu fuoriuscita di sostanze tossiche ma tre operai che lavoravano in quel settore rimasero contaminati. Tutti e tre non hanno campato a lungo e sono morti di tumore tra i 53 ed 56 anni: uno per tumore alla tiroide, il più frequente, uno per tumore alla testa ed un altro ai polmoni». Nardin, oggi in pensione, vive con la sua famiglia a Borgo Sabotino. «È vero la centrale ha portato benessere alla zona – ricorda – perchè durante la costruzione della centrale dal 1957 al 1963 ci fu un boom economico visto che erano 4000 le persone che ci lavorarono, ma sinceramente i rischi sono alti e soprattutto non si vedono, la radioattività la respiri e le conseguenze le paghi a distanza di tempo.
Link to comment
Share on other sites

Marcello da Nettuno

Questo è esattamente quello che intendevo quando parlavo di approccio fideistico.

Voi avete già deciso che il nucleare è il male assoluto e le rinnovabili il bene assolutoi e vedete solo quello che volete vedere.

A borgo sabotino sono morti due tecnici per tumori (forse) provocati dalle radiazioni.

E’ terribile, lo ammetto, e di certo gli ettari di terreno nel perimetro della centrale saranno stati contaminati e resteranno contaminati a lungo... Ma sono stati prodotti 27 miliardi di kwh. senza emettere CO2

Ma quanti lavoratori moriranno, in incidenti vari, per costruire e mantenere efficenti un numero di impianti rinnovabili in grado di generare la stessa potenza?

La centrale turbogas che stanno costruendo ad Aprilia produrrà altrettanta energia, ma a costo di enormi emissioni di CO2 che contribuiranno ad aumentare l’effetto serra, ci sarà inevitabilmente una ricaduta di inquinanti su di una vasta area con ripercussioni non ancora quantificabili sulla salute degli abitanti, e aumenterà la nostra dipendenza da paesei come la Libia..

Il solare senza incentivi non sarebbe mai decolatto. Se non c’è lo stato che paga al posto tuo non lo monta nessuno perché è troppo costoso e produce pochissima energia. Si dice vabbè, però non inquina, è pulito.

A si? E quando cominceremo a sostituire i pannelli esauriti, cosa ne faremmo delle milioni di tonnellate di materiale contenente sostanze tossiche?

Le zone contaminate dalle scorie radioattive resteranno inabitabile per decenni, e nel frattempo nessuno mangerebbe pomodori coltivati vicino a un deposito di scorie. E quelli coltivati intorno ad una discarica di rifiuti tossici, invece?

Di pale eoliche ne servirebbero centinaia di migliaia, forse milioni; troppo rumorose per essere piazzate vicino ai centri abitati, invaderebbero le zone più belle e incontaminate del paese, portando il loro fracasso fin sulla cima dei monti.

Io non so come si possa restare indifferenti allo scempio della natura, la strage di ucelli, la distruzione di interi ecosistemi da parte di questi ecomostri

Se le pale eoliche venissero smantellate tutte resterebbero ancora i basamenti di calcestruzzo, migliaiai e migliaia di enormi blocchi di cemento disseminati dagli appennini alle coste

E resterebbe lo sfregio delle strade che si sono dovute costruire per far arrivare ruspe e betoniere in loco, spianado i parchi e abbattendo gli alberi.

Se le cosruiranno in mare, come auspicato da qualcuno, non le piazzeranno di certo al largo, dove il fondale arriva a tremila metri: per essere convenienti dovrebbero essere costruite sottocosta, distruggendo l’ecosistema marino nel corso dei lavori e danneggiando la pesca e il turismo in modo permanete

Fin’ora il nucleare ha provocato due soli gravi incidenti, che hanno provocato si danni molto gravi, ma limitatatmente ad un’area circoscritta di pochi decine di chilometri di raggio, danni reversibili che si estingueranno spontaneamente con il decadimento del materiale fissile in poche decine di anni.

E ricordiamoci che si tratta di incidenti che avrebbero potuto essere evitati, non era obbligatorio che accadessero.

Le fonti rinnovabili invece sono pressochè esenti da rischi per i cittadini, ma provocano un danno certo e irreversibile all’ambiente naturale, e su di un’area immensa.

Se come cittadino sono contrario al nucleare per la mia sicurezza, come ambientalista preferirei che fosse la principale fonte di energia. E’ un bel dilemma.

Certo, se fossi un talebano dell’una o dell’altra parte, che vede solo ciò che vuole vedere, e ascolta solo quello che vuole ascoltare, tutto sarebbe più semplice e non avrei alcun dubbio.

Ma purtroppo sono fatto così…

Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni

Hanno appena parlato in televisione della Raffineria Saras.

Delle sostanze inquinanti, delle conseguenze per la salute dei lavoratori e della popolazione, dell'incidenza di tumori nelle vicinanze.

Va chiusa la raffineria? ovviamente no

Link to comment
Share on other sites

Per quanto mi riguarda Marcello io vedo in te molto piu'occhio miope di quanto ce ne sia in altri che qui stanno scrivendo. Ho l'impressione che la paura del cambiamento sia maggiore della voglia di cambiare.

Parli di problemi di costo del solare fotovoltaico? Hai ragione, ma se sei all'interno dell'indotto sai anche che negli ultimi 3 anni il costo del pannello alla fonte e' praticamente dimezzato, a parita' di qualita'. Vediamo allora se gli incentivi sono ancora necessari, o se anche questo settore di mercato necessita di rivedere i propri margini.

Parli di problemi locali nella consizione di contaminazione? forse non ricordi (o non hai vissuto) i giorni dopo Cernobyl, quando il Italia ogni sistema della protezione civile impazziva per il livello di contaminazione, gli ospedali si fermavano perche' i contatori davano livelli elevati, e qualche mese dopo sulle alpi si trovavano porcini di un metro di diametro...

Non sono paure, sono dati. Ora l'Italia (devo dire su queste cose sempre in prima fila) ha offerto di ospitare bambini e madri giapponesi provenienti dalle zone contaminate, cosi' come accadde nell'86 e anni successivi soprattutto sulla riviera romagnola. Ma se realmente i contaminati sono pochi e i morti di Cernobyl una sessantina, ha senso una mobilitazione del genere, proporzionalmente qualche decina di bambini potevano anche ospitarli in un albergo di tokyo.. No, credimi, la situazione non e' cosi' placida come sembra dalle tue parole.

E vero quanto affermi circa energia e dipendenza, ma vedrai che di fronte ad una situazione che TUTTI, eccetto pochi, stanno ormai considerando da rivedere in fretta, grandi industrie tireranno fuori dai cassetti quelle idee, quelle invenzioni tenute congelate perche' non redditizie quando erano state pensate.

E' pur sempre una questione di economia, alla fine. Tu preferisci una centrale sotto casa per garantirti il televisore acceso per i prossimi trent'anni, altri preferiranno spendere e costruire una casa ecologica, da lasciare ai figli, ed autosufficiente.

Son scelte, io comprendo la prima, di tipo consumistico, ma preferisco la seconda, di tipo tecnologico. Ognuno sceglie in base ad esperienze, pensiero e cultura propri. Guarda caso tre cose che difficilmente si riescono a trasmettere.

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
Voi avete già deciso che il nucleare è il male assoluto e le rinnovabili il bene assolutoi e vedete solo quello che volete vedere.

BRAVO!! di questo tipo si!

confermo e adesso che hai acquisito il dato smetti di ripeterci sempre la stessa cosa continuamente!

poi te lo ribadiamo meglio al Referendum di Giugno!

spiace che questo porti a un interruzione totale delle ricerche in tal senso ma tra i due mali si sceglie sempre il minore, se la cecità spinta dai poteri economici

forti voleva imporre la loro decisione di ritorno al nucleare contro l'opinione popolare questo è il momento di far capire cosa vuole realmente il popolo Italiano!

sempre che lo voglia realmente?

in caso contrario posso sempre spostarmi dalla zona/regione/stato dove metteranno la centrale Nucleare... il mondo è grande questa è la democrazia!

In caso contrario e se ti interessa tanto il nucleare! prepara tu le valige e se vuoi le centrali ci sono dei bei posti al riguardo sia Francia

e consiglio anche il Giappone! ... :rolleyes:

A borgo sabotino sono morti due tecnici per tumori (forse) provocati dalle radiazioni.

E’ terribile, lo ammetto, e di certo gli ettari di terreno nel perimetro della centrale saranno stati contaminati e resteranno contaminati a lungo... Ma sono stati prodotti 27 miliardi di kwh. senza emettere CO2

Quando sento questi discorsi mi preoccupo ancora di più!

non si scherza sulla pelle degli altri, se solo uno mi dicesse seriamente sai per produrre energia tu e la tua famiglia "forse" dovete morire, bene il primo che non vede l'alba del

giorno dopo e lui.... :angry:

sai come si dice da noi.. meglio un bel processo (e in Italia forse) che un bel funerale!.. ;)

Per il resto dei tuoi concetti evito di rispondere visto che hai fatto un mucchio di esempi che vanno dal verde estremista all'estremista Nucleare quindi

probabilmente hai molta più "confusione" di quel che pensi...

Scusa ma come ti ripeto da come ti poni sembri proprio un addetto al settore Nucleare che a paura di perdere la pagnotta!.. :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Non mi era sfuggito, ma la conferenza non si tiene proprio sotto casa mia.

Sicuramente sarebbe interessante partecipare, ma non dimentichiamo che è una conferenza tenuta da un laureato in ingegneria nucleare e professore in impianti nucleari, e da un associato al Politecnico di Milano che si occupa di impianti nucleari, radioattività e radioprotezione.

Sono entrambi personaggi che, se da una parte sono sicuramente indicati per le loro competenze tecniche, non si può trascurare che le loro dichiarazioni potrebbero essere falsate da interessi personali legati allo sviluppo del settore.

Riterrei l'evento più interessante se fossero presenti voci più varie.

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
Riterrei l'evento più interessante se fossero presenti voci più varie.

già sentito in proposito cosa ne pensa uno scienziato come Rubbia... sotto a questo direi che le competenze sono sicuramente inferiori... ;)

Link to comment
Share on other sites

ora, se il fruttivendolo dice che la sua frutta e' buona, e stupido sarebbe se dicesse il contrario, come va interpretata questa frase?

Piano per la centrale di Fukushima

La Tepco: "In 6-9 mesi reattori sicuri"

Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni
già sentito in proposito cosa ne pensa uno scienziato come Rubbia... sotto a questo direi che le competenze sono sicuramente inferiori...

Direi proprio di no.

Rubbia è un fisico delle particelle. Celeberrimo!

In impiantistica in genere, in energetica o in ingegneria nucleare non è molto afferrato.

Link to comment
Share on other sites

situazione: non ci sono piu' informazioni = tutto a posto.

Dissento leggermente, ci sono in maggior parte le informazioni che "dobbiamo" sapere, ergo, il verbo "inculcare" si può declinare in molti modi, ma tutti comunque dallo stesso vocabolario, pubblicità, pubblicità, pubblicità e ti comperi quello che dico io!

Continuo ad avere la forte sensazione, che di questa fonte energetica ancora l'uomo non sia abbastanza padrone, magari un altro animale qualsiasi, come la termite, potrebbe saperlo gestire in tutti gli aspetti, ma l'uomo no, non ancora.

Ciao e continuate pure, perchè comunque il silenzio è peggio, è omertà!!!!

Link to comment
Share on other sites

caro Mariano, come vedi gli sviluppi odierni confermano che e' tutto a posto. Basta aspettare e gli sciocchi dimenticano...

Link to comment
Share on other sites

del_user_56966
Basta aspettare e gli sciocchi dimenticano...

certo che dare degli sciocchi alla maggioranza del popolo Italiano non è bello,

(è per quello che fanno questa mossa, solo perché adesso sono molto in minoranza!) ma in fondo come darti torto...

comunqne al prossimo accenno di centrale Nucleare si riparte con i referendum..

un consiglio... meglio cambiare energia tanto quella in Italia non PASSA.. ;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...