Articolo

Green Deal e nuovo nucleare: un'alleanza possibile

Nella riunione del G7 su Clima, Ambiente ed Energia, organizzato dall'Italia a Torino dal 28 al 30 aprile scorsi, si è parlato ripetutamente dell'opzione nucleare. Il periodico meeting intergovernativo dei sette Grandi (Stati Uniti, Francia, Germania, Regno Unito, Italia, Canada e
Giappone) sulle tre questioni epocali ha rilanciato con vigore il ritorno all'atomo, ma "per le nazioni che hanno scelto di farne uso", recita il comunicato finale [1].

Da più parti, infatti, l'energia da fissione è stata considerata un'alternativa valida per accelerare il phase down da quelle fossili, incrementare l'indipendenza energetica e integrare l'elettricità verde prodotta dalle rinnovabili. Questo, però, per alcuni
osservatori, senza aver definito una strategia precisa e senza aver assunto impegni concreti, anche se il richiamato documento finale enfatizza il nucleare più del solare, dell'eolico, del gas e del carbone.

Un segno che induce a ritenere che la nuova Commissione Europea (CE), che sarà nominata dopo le prossime elezioni dell'8-9 giugno, potrà puntare anche sull'atomo per potenziare il Green Deal. I commentatori più critici raffreddano l'attesa, tuttavia, stanti i costi molto elevati e il problema delle scorie, ancora largamente irrisolto, che comporta lo sfruttamento della fonte.

Considerano, quindi, l'accento sul nucleare improprio, dettato da programmi e interessi di alcuni Stati,
non da esigenze immediate.

Dato che è posto anche sulla fusione, il cui impiego industriale è per ora lontano nel tempo. Comunque sia, oltre alla necessità che vengano intessuti rapporti con fornitori diversi dalla Federazione Russa per l'approvvigionamento del combustibile fissile, il G7 ha raggiunto sul tema un accordo chiaro, pure se come detto limitato.

Ciò nei termini che seguono:
"Per quei Paesi che scelgono di utilizzare l'energia nucleare o sostengono il suo utilizzo
.. promuovere il responsabile dispiegamento delle tecnologie per l'energia nucleare, compresi reattori avanzati e reattori modulari di piccole dimensioni, inclusi i microreattori, e lavorare collettivamente per condividere le migliori pratiche nazionali, compresa la gestione responsabile dei rifiuti, consentire un maggiore accesso agli strumenti di finanziamento dei progetti, sostenere la collaborazione settoriale, progettare procedure di licenza e rafforzare il coordinamento nello sviluppo di progetti commerciali tra i membri interessati del G7 e i mercati terzi" - circa la fusione - "Promuovere collaborazioni internazionali per accelerare lo sviluppo e la dimostrazione delle centrali a fusione, incoraggiando l'aumento degli investimenti privati e il coinvolgimento pubblico per risolvere le sfide della ricerca e sviluppare catene di approvvigionamento e forze lavoro internazionali
.. istituire un gruppo di lavoro del G7 sull'energia da fusione per condividere le migliori pratiche ed esplorare aree di cooperazione reciproca tra paesi, con l'obiettivo di rafforzare la cooperazione nella ricerca e nello sviluppo tra paesi
.. promuovere un approccio comune sulla regolamentazione".

Tra le molteplici discussioni intercorse sulla materia, particolarmente significativo è stato l'annuncio dell'aggiornamento da parte del Regno Unito di un proprio piano nazionale per l'energia nucleare e quello dell'avvenuta adesione italiana all'Alleanza industriale europea sugli SMR (Small modular reactors), proposta dalla CE a febbraio con il fine di aumentare gli investimenti nella ricerca del settore e predisporre dei prototipi entro fine decade.

Continua nel PDF
Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
La Termotecnica maggio 2024
Ultimi articoli e atti di convegno

L'idrogeno a basse emissioni in Italia. Dal PNRR alla decarbonizzazione profonda

Capacità produttiva di idrogeno in Italia Idrogeno per la decarbonizzazione settori "hard to abate" Hydrogen Valleys e Mobilità sostenibile

Attualità e importanza della cogenerazione per la decarbonizzazione e la transizione energetica

ITALCOGEN chi è e chi rappresenta Tendenze di mercato nel settore dell'energia Il futuro dell'energia è rinnovabile Definizione di...

Biometano da rifiuti: stato dell’arte e scenari futuri

Utilitalia è la Federazione che riunisce circa 400 aziende operanti nei servizi pubblici dell'Acqua, dell'Ambiente, dell'Energia Elettrica e del Gas,...

Agevolazioni a supporto degli investimenti

Chi siamo Come lavoriamo Principali agevolazioni Beneficiari del piano di transizione 5.0

Immissione del biometano in rete: tecnologie avanzate per l'analisi della qualità

Honeywell PMC GAS Immissione Biometano in rete Le sfide tecniche (nel PDF lo Schema di impianto secondo la UNI TS 11537:2024) Le sfide...

Il Regolamento europeo sulla intelligenza artificiale, lineamenti generali e possibili applicazioni alla meccanica e alla industria del biogas

Stiamo vivendo in un periodo molto particolare della Storia, nel quale si concentrano diversi aspetti, per un certo verso, davvero inediti, se...

L'esperienza Ecospray nel trattamento del biogas e nella liquefazione del biometano: realizzazioni e progetti futuri.

(Atto PDF in lingua inglese) Markets & products: marine, capabilities, renewables, industry biogas pre-treatment & upgrading

Sostenibilità energetica: soluzioni integrate per la produzione di biometano

C'è un modo diverso di produrre che aumenta l'efficienza, incrementa i profitti e, allo stesso tempo, ti accompagna verso la sostenibilità. Un modo...

Vettori energetici da rifiuti, lo stato dell'arte delle politiche industriali, focus su biometano da FORSU

I vettori energetici da rifiuti I vettori energetici da rifiuti per la decarbonizzazione; Biometano, Idrogeno, CSS-C Il CSS-C: le caratteristiche...

Il biogas e il biometano tra nuovi assetti ed evoluzioni

Lo stato attuale della produzione di Biogas PNRR: lo sviluppo del settore I bandi Biometano

Industria: porta la tua azienda verso la sostenibilità

Per soddisfare la domanda globale di acqua in modo sano e sostenibile, la società, e le industrie in particolare, devono trattare le acque reflue con...