Jump to content
PLC Forum


1987

Monitor Fujitsu Siemens mod.SCENICVIEW P19-2

Recommended Posts

1987

Buongiorno a tutti.

Ho questo bel monitor da qualche anno e mi spiacerebbe buttarlo.

Il difetto è uno dei più comuni. Si accendeva e si spegneva poi il buio, compreso led del tasto power.

Sono più un curioso smanettone che un esperto elettronico. Ma mi è capitato di riparare monitor di amici che mi avevano chiesto una mano. Sostituendo i condensatori esplosi o rigonfi, e mi è sempre andata bene.

Ora che tocca al mio sono in difficoltà.

Smontata la scheda di potenza ed individuati i condensatori rigonfi li ho sostituiti in toto, compresi quelli vicini. Per la precisione due 470uF 25V e uno da 1500uF 10V.

Purtroppo nulla è cambiato.

In seguito ,seguendo una delle vostre discussioni su un monitor simile al mio, lo stesso problema è stato risolto sostituendo il condensatore da 47uF 50V posto vicino all'integrato SG6841D.

Purtroppo anche qui nessun miglioramento.

Ad un certo punto la situazione è peggiorata. Non si accendeva più niente. Controllo il fusibile che porta la fase dalla spina di alimentazione all'interruttore generale di accensione ( quello nero contrassegnato con 0-I ) e lo trovo bruciato.

Sostituito il fusibile, alimento, aziono l'interruttore e di nuovo salta il fusibile. Suppongo si sia verificato un corto sulla scheda, che è la seguente: TDK TBD295A-1 (EA028B295T).

Le varie prove di cui sopra le ho fatte scollegando la suddetta scheda di potenza da quella video e collegandovi le lampade.

Potreste aiutarmi a trovare il tarlo in questa situazione nonostante non sia un esperto in elettronica? Oltretutto non possiedo un tester analogico. L'ultimo l'ho usato a scuola molti anni fa.

Grazie comunque.

Link to post
Share on other sites

1987

Ciao e grazie di aver risposto.

Non ho un tester analogico, come ho detto, ma ne ho uno digitale. Naturalmente è un tester per hobbisti non è professionale.

Può andare bene?

Se si, come devo procedere?

Grazie ancora.

Buon fine settimana.

Link to post
Share on other sites
baldus

metti il tester in ohm e scegli una scala x1 o x10. Controlla il ponte raddrizzatore e il transistor di potenza (quello fissato su radiatore) se sono in corto

Link to post
Share on other sites
1987

Ciao.

Il ponte raddrizzatore si chiama LT 434 KBP 2068.

Ho messo il tester in ohm sl valore 200, perché non ho X 1 o X 10.

Il raddrizzatore ha quattro pin ( li chiamo 1-2-3-4 per capirci). Ho posizionato un puntale sopra 1 (uno dei due estremi) e con l'altro ho testato gli altri tre.

La scheda non è alimentata. In questo modo puntando sopra i due pin 2 e 3( centrali ) mi escono dei valori ( 3.5-3.4).Puntando i due estremi 1 e 4 nessun valore.

Inverto . Punto un puntale su 4 e misuro gli altri tre.

Medesimo risultato: il 3 ed il 2 mi danno i valori suddetti. Il numero uno nessun valore.

Il transistor sul dissipatore si chiama K3662 3K. Ha tre pin.

Procedendo come sopra non rilevo nessun valore.

Spero di essermi spiegato bene . Come faccio a capire se sono in corto?

Grazie per l'aiuto e la pazienza.

Link to post
Share on other sites
baldus

un corto lo individui quando il tester misura una resistenza bassa nell'ordine di pochi ohm. Pertanto il transitor non è in corto, mentre il ponte raddrizzatore lo devi smontare. Rifai le misure e basta che uno dei 2 pin centrali misura una resistenza bassa vuol dire che è in corto

Link to post
Share on other sites
pluto63

La butto così......... Visto che il problema si è verificato dopo la sostituzione dei condensatori hai verificato che nel saldarli accidentalmente hai potuto fare qualche corto con le piste adiacenti?......o magari hai montato qualche condensatore al contrario? (inversione polarità).

Link to post
Share on other sites
1987

Grazie ad entrambi.

Per baldus...

Ho smontato il raddrizzatore e misurato in ohm mettendo il tester sul l valore 200 ohm , come ieri.

Chiamo 1 il pin col segno +, 2 e 3 i pin centrali col segno ad onda, e 4 il pin col segno -.

Metto il puntale rosso su 1 ( + ) e il nero su 2. Nessun valore rilevato. Mi sposto col puntale nero sul 3 e mi da un valore ( 0,8 ohm ). Mi sposto ancora sul 4 ( - ), nessun valore.

Ora provo al contrario. Metto il puntale rosso sul 4 ( - ) ed il nero sul 3. Nessun valore rilevato. Mi sposto col puntale nero sul 2 e mi da un valore ( 0,8 ohm ). Mi sposto infine sul pin 1 ( + ), nessun valore.

Mettendo in contatto i due puntali , senza interporre il raddrizzatore,solo i due puntali mi da lo stesso valore 0,8 - 0,9 ohm.

In questo caso possiamo dire che il raddrizzatore è in corto?

Grazie ancora e buona giornata.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per pluto63

Per quanto riguarda la polarità dei condensatori posso assicurarti di averli montati correttamente, perché su un lato della scheda è stampato il segno meno così come sul lato del condensatore. In più per non sbagliare prima di smontare quelli vecchi , sul lato della scheda dove si effettuano le saldature, ho segnato il + ed il - corrispondenti.

Sul discorso piste potrebbe essere successo. I condensatori sono distanti fra loro comunque.

Eventualmente per controllare un eventuale corto tra le piste come devo fare? Stesso procedimento descritto da baldus?

Grazie e buona giornata.

Link to post
Share on other sites
pluto63

Si il ponte è in corto, se c'è un fusibile prima del ponte dovresti trovarlo interrotto.

Eventualmente per controllare un eventuale corto tra le piste come devo fare? Stesso procedimento descritto da baldus?

Si stesso procedimento.

Link to post
Share on other sites
1987

Si il fusibile è posto sulla pista che porta la fase dalla presa per l'alimentazione all'interruttore 0-I che permette di alimentare la scheda.

Si, è interrotto. L'ho sostituito ma è saltato ancora dopo aver sostituito il condensatore da 1500uF 10V.

Quindi per il raddrizzatore basterà sostituirlo.

Il condensatore è nuovo. L'ho rismontato e pulito la sede di montaggio dallo stagno.

Posizionando il tester ( in ohm ) con un puntale in un foro di montaggio del condensatore e l'altro puntale su un componente montato sulla stessa pista, mi da un valore.

La stessa operazione fatta sull'altro foro di montaggio e la corrispondente pista ( diversa dalla precedente ), non mi da nessun valore.

Ne posso dedurre che la prima pista è in corto?

Se si, come posso rimediare non essendo un componente asportabile,come un condensatore o quant'altro?

Grazie e buona serata.

Link to post
Share on other sites
baldus

se fai la misura in ohm tra un foro (dove era montato il condensatore) e un componente sulla stessa pista e lo strumento ti misura una resistenza bassa, vuol dire che la pista non è interrotta. Invece se lo strumento misura una resistenza alta o infinita vuol dire che la pista è interrotta, pertanto bisogna scoprire dove si trova l'interruzione

Link to post
Share on other sites
1987

Buongiorno.

Ho testato i componenti vicini ad entrambi i fori del condensatore, come mi ha detto.

Il foro relativo al segno " - " del condensatore mi da una resistenza bassa, pari al valore che si ottiene mettendo in contatto i due puntali ( Sul tester ho selezionato il valore 200 ) cioè 0.5. Questo suppongo sia un valore basso quindi la relativa pista dovrebbe essere buona?

Puntando sul foro relativo al segno " + " del condensatore il puntale rosso col nero testo il componente più vicini , che sembra essere un minuscolo integrato, e mi da 0.5. Mi sposto su quello che credo sia un'induttanza ( un piccolo paletto nero con un avvolgimento di rame, con due punti di montaggio), anche qui il valore che mi esce è o.5.

Mi sposto su quello che credo sia un transistor ( F10SC9 0446). Ha tre pin. Puntando sul centrale mi da 0.5. Puntando sugli estremi, uno alla volta, mi da 106.2 in entrambi.

Infine testo due punti del trasformatore più grosso che c'è sulla scheda e mi da per entrambi i punti 106.4.

Qual'è la diagnosi?

Ciao.

Grazie e buona giornata.

Link to post
Share on other sites
pluto63

1987 Per chiarezza ciò che intendevo dire era quello di controllare le saldature che tu hai effettuato (cambiando i componenti) che lo stagno che hai depositato non andasse a fare un ponte con una pista adiacente,

Per quado riguarda le misure da te riportate nell'ultimo post e difficile capire ciò che stai controllando senza uno schema, comunque diciamo che non dovresti avere problemi (almeno da ciò che intuisco), intando sostituisci il ponte e facci sapere come và.

Edited by pluto63
Link to post
Share on other sites
1987

Chiedo scusa per l'ignoranza e la presunzione.

Forse ho messo troppo entusiasmo. Però nelle saldature che ho fatto non ho invaso altre piste con eccessivo stagno, per essere sicuro ho utilizzato una lente d'ingrandimento.

Ho visto questo problema su altre saldature fatte in fabbrica. Ho notato che alcune di esse collegano i componenti saldati grazie alla saldatura imprecisa con lo stagno.

Per quanto riguarda il ponte raddrizzatore mi prendo un po di tempo per acquistarlo e poi applicarlo. A proposito puoi consigliarmi qualche negozio sul web. Nella zona dove abito non ci sono negozi di elettronica vicini.

Nel frattempo ti ringrazio e ti saluto.

Link to post
Share on other sites
Fulvio Persano

Ciao e benvenuto.

Per favore posta il modello esatto.

Grazie.

Link to post
Share on other sites
1987

Grazie, bentrovati!

Se intende il modello esatto della scheda di potenza l'ho citato nel primo post ed è il seguente: TDK TBD295A-1 (EA028B295T).

Se invece intende il ponte, eccolo: LT 434 KBP2068.

Grazie di nuovo e buona serata!

Link to post
Share on other sites
1987

Chiedo scusa.

La mia vista non è più la stessa.

Il ponte si chiama KBP206G LT 434

Grazie.

Link to post
Share on other sites
pluto63

per quanto riguarda il ponte e un comunissimo ponte da 2A 600V reperibile in qualsiasi negozion di elettronica, purtroppo visto il costo esiguo del componente in rete ho trovato solamente la vendita in stocK da minimo 10 pezzi comunque anche rintracciabile su Ebay.

Edited by pluto63
Link to post
Share on other sites
1987

Buongiorno.

Quindi, se ho ben capito, mi basta cercare un ponte da 600 V - 2 A - 4 pin e sono tranquillo?

Allora "KBP" e "G" a cosa corrispondono?

RS la conosco. Ha tutto ma è un po cara. Va bene per le aziende.Infatti 10 pezzi costano 5 €. Su ebay è più conveniente ma si allungano i tempi, temo...

Bene! Vado alla ricerca. Ci risentiamo fra un po'.

A questo punto ti ringrazio e ti saluto. Appena ho fatto la sostituzione mi rifaccio vivo sperando di risolvere.

Per ora lasciamo la discussione aperta, non risolta...credo...?

Buona giornata.

Link to post
Share on other sites
pluto63

1987 qualunque sia il ponte che utilizzerai accertati prima di montarlo che la piedinature sia uguale per non rischiare di fare danni

Link to post
Share on other sites
1987

Intendi che devo rispettare la corrispondenza della polarità dei piedini del ponte con la polarità dei fori sulla scheda?

Link to post
Share on other sites
1987

OK. Grazie del consiglio.

Appena riesco a reperire il ponte e montarlo ti faccio sapere.

Nel frattempo ti auguro una buona giornata. :smile:

Link to post
Share on other sites
1987

Salve.

Il monitor è un Fujitsu Siemens Computer GmbH - SCENICVIEW P19-2.

La scheda di potenza è la seguente: TDK TBD295A-1 (EA028B295T).

Se può servire potrei mandare qualche foto della scheda, ma dovreste gentilmente spiegarmi come fare.

Grazie.

Buona Domenica.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.



×
×
  • Create New...