Jump to content
PLC Forum


Ma Sì Dai....spariamoci Un Azionamentino Brushless (Per Principianti)


Mirko Ceronti
 Share

Recommended Posts

Si, si chiama Arduino e costa 24 euro.Il software è libero ed una ricca raccolta di listati.

Ha anche un micro led a bordo, per cui non ti serve neppure quello.

Carichi quell'esempio ed il led lampeggia.

Qui trovi un cancello scorrevole, il listato ed il diagramma di flusso.

Questo è il mio blog...e sono un inesperto di Arduino...

http://arduinomicro.blogspot.it/2012/12/progettocancello-scorrevole.html

Edited by Nino1001
Link to comment
Share on other sites


  • Replies 57
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • Mirko Ceronti

    17

  • Livio Orsini

    11

  • gabri-z

    8

  • Cornalba.Luca

    6

Top Posters In This Topic

Posted Images

Esiste qualcosa che io lo acquisto, lo collego al PC con un cavetto e istruzioni in ITALIANO....

Ci sono anche numerosi articoli e tutorials in Italiano su Arduino e le sue applicazioni; le riveste FARE ed Elettronica In, ad esempio, hanno pubblicato molto materiale.

Link to comment
Share on other sites

Avevo trovato tempo fa un articolo dove vi era passo passo ben spiegata la programmazione pic , con dei piccoli esempi, purtroppo mi è mancato il tempo e quindi la costanza nel seguire le "lezioni". Se trovo il link lo metto perchè secondo me era davvero ben spiegato.

Link to comment
Share on other sites

Arduino pic e programmazioni tutto ok e concordo su tutto, minor componenti e solo lo stadio finale ... ma leggere uno schema di Mirko è come leggere un opera d'arte, la preparazione abbinata all'inventiva fanno di Mirko il "Michelangelo" dell'elettronica... bravo bravo bravo :clap::clap::clap::thumb_yello:

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Sinceramente in tutti questi anni degli appellativi me ne hanno imputati diversi, ma quello di "Michelangelo" proprio mi mancava :lol:

Comunque Ti ringrazio AndreA, e sopratutto mi fa piacere che l'esposizione sia stata di Tuo gradimento.

Ringrazio anche Tesla e Livio per i Link.

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

Beh, possiamo affermare che Michelangelo lavorava di scalpello e martello e faceva uscire l'opera d'arte nascosta nel marmo, come te che realizzi opere d'arte con "semplici" CD , infatti tiri fuori l'anima da quel piccolo "blocchetto" di silicio ....

Complimenti su complimenti, e posso dire che in questo tread stanno partecipando i migliori... tanti michelengelo... ;)

Link to comment
Share on other sites

Incredibile! Non ho parole...Mirko Superlativo!

E' inutile, hai una creatività fuori dal normale. Complimenti anche da parte mia.

Guarda io Arduino te lo sconsiglio per un semplice motivo....Mirko + Arduino è un'accoppiata che potrebbe diventare troppo pericolosa ;).

Link to comment
Share on other sites

Buona sera a tutti !

..Mirko + Arduino è un'accoppiata che potrebbe diventare troppo pericolosa ;).

Bella questa ! Accoppiatevi , che le scintille che salteranno fuori dopo , non potranno essere altro che .......illuminanti!!!!

Mirko , una domanda per quando Hai voglia e tempo :

Di quanto è differente (in durata) l'impulso che convalida la ''fase'' R (R per il LED rosso che Hai assegnato) rispetto alle altre due ?

Parlo dello schema ''inverter '' , pin 1 del 4093 rispetto ai 5 e 8 dello stesso.

E se possibile , un'altra :

Che frequenza era prevista sul PWM ?

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Maguls...... :smile::smile: ....!!!

Che piacere rileggerTi.... :thumb_yello:

pensavo ci avesti abbandonato, è una vita che non avevamo più il piacere di leggere un Tuo intervento.

Grazie per le Tue considerazioni sul mio lavoro, ma la mia è semplicemente passione genuina.

Mirko , una domanda per quando Hai voglia e tempo :

Cioè adesso... :smile:

Di quanto è differente (in durata) l'impulso che convalida la ''fase'' R (R per il LED rosso che Hai assegnato) rispetto alle altre due ?

Parlo dello schema ''inverter '' , pin 1 del 4093 rispetto ai 5 e 8 dello stesso.

Non c'è alcuna differenza.

I 3 impulsi sono sfasati di 120° uno dall'altro, la durata di ognuno dipende dalla frequenza di clock iniettata nel pin 14 del 4017, ed è la stessa per tutti e 3, ed è pari ad un sesto di quella di origine sul clock.

Ovvero se vuoi in uscita dal ponte (o dai pin 3-4-10 del 4093) una frequenza di (ad esempio) 50 Hz, dovrai applicare 300 Hz sul pin 14 del 4017.

E se possibile , un'altra :

Che frequenza era prevista sul PWM ?

Con i valori che vedi a schema mi sembra si orbitasse attorno ai 40 Khz
Saluti
Mirko
Link to comment
Share on other sites

Grazie per la velocità !

Per i 40 kHz ci siamo , 18,24kHz con 470pF al posto dei 220pF (il mio tester non legge oltre 20 kHz , ho alzato il C soltanto per poter visualizzare la frequenza che osciloscopio me lo sogno) dicono che il circuito funziona. :smile:

Il mio 'problema' è il duty-cycle (se è un problema , lo fatto per curiosità ,(Ti racconterò dopo)) dei tre impulsi (fasi) ;nel momento del sesto impulso al ingresso del ''4017'' interviene il reset , il quale forza l'uscita Q0 , che a me pare , allunghi l'impulso sulla fase R della durata di quasi un 'clock'

Ripeto , è tutta una curiosità , solo per riprendere la mano ,poi , .......la facciamo lavorare . E vero o mi sbaglio ?

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti
nel momento del sesto impulso al ingresso del ''4017'' interviene il reset , il quale forza l'uscita Q0

E perchè mai ?

Nel momento del sesto impulso al 4017, non interviene affatto il reset

Le uscite del 4017 dalla prima alla sesta sono (in sequenza) i pin 3 - 2 - 4 - 7 - 10 - 1

Il reset è deputato alla settima uscita (pin 5) che azzera istantaneamente il tutto per riportare così a livello logico 1 il pin 3 e ricominciare così il giro.

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Ecco all'oscilloscopio le onde all'uscita dei pin 3 e 4 del CD4093, che col PWM fisso ad "1" è come se fossero quelle dei pin 1 e 5

Sul%20forum.jpg

Come vedi sono perfettamente identiche in durata, l'unica differenza è lo sfasamento.

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

.Grazie per le Tue considerazioni sul mio lavoro, ma la mia è semplicemente passione genuina.

Ehh lo so lo so che hai una grande passione, ma l'appellativo "Mirko Pitagorico" ti calza a pennello :)

Questi sono progetti che fanno di un bel sito come PlcForum, un gran bel sito ;)

Ogni tanto, quando posso, mi faccio vivo.

Qualche intervento l'ho fatto su altri canali del Forum ma purtroppo il tempo è sempre poco.

Saluti

Luca

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Poichè non dispongo di un oscilloscopio a 3 tracce :D (sarebbe comodo in questo caso) illustro graficamente quello che è il comportamento del 4017 per creare le 3 onde quadre sfasate di 120° ad opera della matrice di diodi.

Sequenza%20inverter.jpg

Dopo la 6° sequenza, il ciclo ovviamente si ripete all'infinito.

L'encoder d'albero invece, crea automaticamente (con la rotazione) la medesima sequenza.

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

Grazie mille per l'interesse accordatomi !

Purtroppo (meglio detto , per fortuna ) i miei grafici ,fatti quando mi sono accorto che ci sono differenze tra le ''fasi'' , sono identici ai Tuoi , l'unico dubbio che avevo era la transizione dalla terza alla prima fase .

Intanto ho eliminato dalla lista nera il 4017 e tutto quello che lo precede .

I presunti diodi morti sono ancora nel mirino !

Grazie ancora !

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...
Cornalba.Luca

Salve a tutti.

Sono capitato in questo forum in quanto sto cercando qualche idea per realizzare un piccolo inverter che possa alimentare il motore trifase di una piccola pompa.

Ho letto con molto interesse quanto pubblicato.

Mi chiedevo se vi fossero stati degli ulteriori sviluppi in merito al progetto (l'utilizzo di MCU) e se qualcuno fosse disponibile a darmi qualche dritta in merito all'eventuale realizzazione dell'inverter.

Ringrazio anticipatamente per l'attenzione.

Link to comment
Share on other sites

walterword

:clap: bravo !

Iniiza con Arduino invece che con i pic .Minor costo , minor tempo e molte informazioni in rete .

Poi se la cosa diventa professionale oppure ci sono delle caratteristiche che con arduino non puoi raggiugnere (dubito ^_^ ) allora vai sui pic

;)

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Walter non dare informazioni false e tendenziose, atte a far perder tempo. :P

se qualcuno fosse disponibile a darmi qualche dritta in merito all'eventuale realizzazione dell'inverter.

Vai al sito microchip e trovi numerose AN che trattano l'argomento e prospettano soluzioni Hw e Sw per ralizzare inverters per comando motori.

Attenzione però.

Se devi pilotare un motore trifase la tecnica è oramai consolidata ed abbastanza abbordabile, se vuoi pilotare un motore monofase le cose si complicano un poco.

Link to comment
Share on other sites

Cornalba.Luca

Salve a tutti.

Grazie per le Vs/ indicazioni.

Proverò a guardare sul sito Microchip cosa c'è di "pronto all'uso".

Saluti.

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
Proverò a guardare sul sito Microchip cosa c'è di "pronto all'uso".

Di pronto all'uso non c'è mai molto :smile:

Per tutte le cose i documenti sono una base da cui partire, però bisogna lavorarci sopra.

Link to comment
Share on other sites

Cornalba.Luca

Questo è quanto devo comandare.

post-222904-0-56318600-1430753428_thumb.

La sorgente di alimentazione è una normalissima linea 230 Vac mono fase.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...