Jump to content
PLC Forum


Non Solo Qe ...


megachip
 Share

Recommended Posts

Maurizio Colombi

....pensa, megachip, che qualche ora fa, volevi chiudere la discussione! Ma per quale motivo? :wacko:

Link to comment
Share on other sites


... forse perché ad una conclusione ero arrivato ...

Poi 3 risposte ponderate ed esaustive hanno fissato quei paletti che attendevo.

Una parte dei problemi saranno risolti non appena possibile, poi proseguirò nell'aggiornamento con l'inserimento di uno scaricatore di sovratensioni (... ma anche no) e del relè di gestione carichi (se riesco a passare un cavo da sei tra i due centralini). Per ultimo, ma non per importanza perché sarebbe stata la prima cosa da fare, vedrò se trovo la possibilità di creare una dorsale per la lavanderia (magari con cavo da 4) in maniera di alleggerire il carico sulla linea prese seminterrato e l'altra per suddividere il carico della cucina del piano terra.

Insomma di cose ne devo fare ... pian piano perché già con i due restart mi sono partiti 440 euro e devo ancora terminare dei mobili della camera da letto e gli armadi in lavanderia ... con quello che costa il legno!!!

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi

Va bene....non ci sono problemi.....eravamo partiti solamente con i pareri sbagliati (tra cui i miei).....

Non preoccuparti prosegui a sistemare tutto, mobili compresi e poi andremo avanti...... :thumb_yello:

Link to comment
Share on other sites

Per ultimo, ma non per importanza perché sarebbe stata la prima cosa da fare, vedrò se trovo la possibilità di creare una dorsale per la lavanderia (magari con cavo da 4) in maniera di alleggerire il carico sulla linea prese seminterrato e l'altra per suddividere il carico della cucina del piano terra.

e perchè non l'hai fatta per prima ?

Link to comment
Share on other sites

... perché come già detto nel 4° messaggio, ho 60 anni, una protesi in titanio tra L5-S1 per immobilizzare lo scivolamento di una vertebra iniziato in seguito ad uno da sforzo durante un lavoro di ristrutturazione di un appartamento ad un piano alto in uno stabile privo di ascensore (... una volta le balle di cemento erano da 50 Kg. e le vasche da bagno in ghisa), inoltre, nel 2010 in seguito ad una caduta mi è esploso il piatto tibiale del ginocchio sinistro che, nonostante l'intervento di ricostruzione a mezzo sintesi metallica ed osso sintetico, è rimasta una limitazione dell'articolazione di qualche grado. Ciò comporta l'impossibilità di stare in ginocchio e la difficoltà a rialzarmi una volta seduto in terra ... pertanto per me è impossibile cercare a lungo nelle scatole di derivazione così come passare un pilota e filare una dorsale nuova su un impianto già esistente e "superaffollato". Già è troppo quel che riesco a fare.

Per me è una situazione particolarmente pesante e cerco di non darci troppo peso continuando a fare quel poco che, comunque, non dovrei nemmeno fare ... e pensare che 32 anni fa ho allestito un camper da solo ... :(

Non voglio tediarvi oltre... ;)

Link to comment
Share on other sites

... come dicevo ... a trovarne uno bravo ed onesto! :toobad:

E' un po' come per la "vergine" ... cerchi il termine nel vocabolario e trovi ... Vergine= femminile singolare e aggettivo. Significato: mammifero estinto! :roflmao:

Scherzi a parte, oggi come oggi dalle mie parti è veramente difficile trovare un bravo professionista, in ogni settore eh!

Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...

Aggiornamento ...

Dopo un paio di mesi la situazione è cambiata di molto.
Nell'impianto del seminterrato sono riuscito a creare una linea diretta per lavatrice ed asciugatrice, una linea per le luci dell'intercapedine (dove ho aggiunto una lampada in prossimità della fossa biologiga e sostituito l'interruttore con un bipolare dotato di luce spia) ed una doppia linea per l'estrattore Vortice dell'intercapedine gestito da interruttore orario digitale giornaliero/settimanale, 2 canali dedicato (... in futuro potrei inserire un secondo estrattore d'aria). Ho portato i cavi della luce esterna sopra il portone sul MT delle luci esterne.
Ho sistemato/adattato l'impianto dell'intercapedine realizzato con canna da 16 aggiungendo una lampada al neon in prossimità della fossa biologiga, sostituendo l'interruttore con un bipolare dotato di luce spia
Ora il quadro del seminterrato è composto da:
- MT 40A + Relè di gestione carichi 32A + SD con restart pro da 40A 0.03A + MT 16A (prese seminterrato ... compresa cucina) + MT 10A (luci seminterrato) + MT 16A (pompa fossa biologica) + MT 16A (lavatrice ed asciugatrice, 1° carico NON prioritario) = 12 posti occupati
- SD 40A (A IR) 0.03A + MT 16A (Box) + MT 10A (Cancello carrabile) + MT 16A (pompa irrigazione) + MT 10A (luci esterne) + Timer crepuscolare astronomico (gestione luci esterne) + MT 10A (luci intercapedine) + MT 10A (Estrattore intercapedine) + Timer gestione estrattore) = 12 posti

Dal seminterrato al piano terra sono riuscito a far passare un altro cavo da 6 per il neutro di ritorno del 2° relè di gestione carichi e dal piano terra alla mansarda, attraversando ben 6 scatole di derivazione, una coppia di cavi da 1.5 per l'alimentazione della centrale antintrusione.

Ora il quadro del piano terra è composto da:
- Relè di gestione carichi 32A + SD 25A Idn 0.03A con restart pro + MT 10A (luci mansarda) + MT 16A (prese mansarda) + MT 10A (Velux) = 9 posti occupati e 3 liberi
- SD 40A Idn 0.03A con restart pro + MT 10A (luci piano terra) + MT 16A (prese PT ... compresa cucina) + MT 10A (FM centrale antintrusione) + SD 40A (A IR) Idn 0.03A + MT 10A (luci portico) + MT 10A (caldaia) - MT 16A (Climatizzatori, 2° carico non prioritario) = 12 posti

Al momento non posso fare di più. Mi sarebbe piaciuto poter dividere la linea prese piano terra creando altre due linee dedicate, una per forno elettrico e l'altra per il microonde ma non credo mi sarà possibile vista la posizione delle prese forno sotto la colonna forno della cucina.
Avrei voluto inserire uno scaricatore nel quadro del seminterrato ma non ho spazio nel centralino ... però potrei spostare il timer dell'estrattore d'aria nell'intercapedine con un piccolo quadro stagno e liberare 2 posti.
Quale scaricatore mettere su 2 posti liberi???

Il cavo di terra è nel centralino, purtroppo collegato agli altri con un bel morsetto capocorda e non ho spazio per inserire una barra.
I cablaggi tra il MT generale, i SD ed i 2 relè di gestione carichi l'ho eseguiti con cavo da 6mm, gli altri con cavi da 2,5A
Vorrei "pulire" i collegamenti usando i pettini di alimentazione, eliminerei così non pochi cavi all'interno dei centralini.

Insomma, devo fare ancora qualcosa per migliorare ulteriormente la situazione dell'impianto e vorrei verificare se le dorsali FM sono da 4mm o d 2,5mm

Opinioni e suggerimenti?

Un saluto :smile:

Link to comment
Share on other sites

- MT 40A + Relè di gestione carichi 32A + SD con restart pro da 40A 0.03A

Mi pare che, il MT 40A 6kA andava posto protezione del montante, ne hai postato uno nel primo centralino, quando esso andava a protezione del motnante subito dopo il Gem, entro il 1^ centralino, dovevi posare un C32A o u interruttore sezionatore generale, ben serigrafato e posto in posizione idonea.

Mi pare che avevi compreso il concetto..?

Ribadito questo, ti consiglio di dotarti di morsettiere e morsetti della Cembre a serraggio indiretto, soprattutto le barrette unipolari Z6-5 e morsetti Z6-1/z2,5-1; assicurano un ottimo cablaggio al posto degli anacronistici a serraggio diretto.

Alla gestione carichi, associerei un contatto ausiliario per Ac1- per uso gravoso continuo , spero di nion avere riportato la sigla sbagliata - che sarà un 2 poli con bobina, questo assicurerà la l'inserimento ed il distacco del dei carichi NP; se guardi nelle istruzioni del RMC troverai l'opzione che ho descritto, aumenta l'affidabilità generale.

Per il discorso Spd tipo II e barre annesse, come le EQPS, ti consiglio prima di tutto di leggerti le guide di Abb, Dehn e Contrade.

Per le barre EQP e EQPS, la dettata Cembre ha delle barre dedicate con guida din associata, comode, pratiche ed affidabilissime, al posto del "megamorsetto" a mantello con tutti i conduttori associati.

Tra le altre cose, coin la V3 della 64.8 cap 37 - la barra EQP e EQPS ..la prima deve essere associata alla base del primo centralino, ove associare il CT ed il PE impianto utente...un bel problema pratico.

Se riesci a fare due foto dei centralini e del gem posso capire cosa c'e' da fare.

A volte, due modifiche servite da gli articoli giusti, dettano un grado di affidabilità elevato...così come un centralino più grande che spesso costa di fatto 20 euro in più.

PS: Quando accadono queste cose, come hai descritto all'inizio riguardo alla mancanza del MT protezione montante, questo è sinonimo del fatto che, come al solito il computo economico redatto dagli architetti, è sottostimato, e di converso l'installatore è condizionato a fare queste "omissioni" per rientrarci con il materiale, senza contare che in corso d'opera non ci sono i saldi del lavoro svcolto e le solite chiacchere di insolvibilità del costruttore. Purtroppo, sono delkl'idea che il pesce puzza dalla testa, e l'installatore non è sempre l'unico colpevole.

Link to comment
Share on other sites

Grazie della risposta Elettroplc.

No no, non mi sono dimenticato della protezione del montante, come avevamo stabilito nei post precedenti devo spostare il MT da 40A (6KA) sotto il gem, che ho visto ha di suo un 63A, e mettere nel quadro un 32A (6KA). Sono consapevole che avrei dovuto iniziare da questa sostituzione, tra l'altro la più semplice ed immediata da fare, ma di sera posso lavorare all'interno, nel WE ci sono sempre una mare di cose da fare e ogni tanto la schiena ed il ginocchio mi bloccano ... insomma, piano piano farò tutto quanto mi sarà possibile.

Belli i morsetti Cembre a serraggio indiretto, si evita che la vite serri solo la parte centrale dei fili e non li danneggia ... vedo se riesco a procurarmeli.

Il relè di gestione carichi è il P-comfort della Gewiss, nelle istruzioni non mi sembra di avere visto nulla riguardo al contatto ausiliario, appena posso guardo meglio.

Ho letto il cap. 37 della 64.8, e lo riguarderò con maggiore attenzione prima di prendere una decisione per lo scaricatore. Avendo il cavo di terra diretto nel centralino me la caverei con una trentina di centimetri di cavo per arrivare allo Spd, o anche meno. Il problema è la barra EQP da fissare sulla scatola, ovvero, quello che rimane della scatola in quanto in parte è sfondata ... con bella vista dell'intercapedine puzzosa ed umida. Credimi, potrei redigere un elenco infinito degli orrori che hanno fatto in questo lavoro. :toobad:

Al momento per me è impensabile murare una nuova scatola e sostituire il centralino con uno di maggior capacità ... la casa ha 2 anni di vita, magari alla prima occasione di manutenzione si potrebbe fare.

E' brutto doversi accontentare ma è pur vero che sto sfruttando al massimo le possibilità disponibili di ampliamento. Insomma, se riesco a installare uno scaricatore bene, altrimenti lo farò quando sarà possibile, sperando di non subire fulminazioni nel frattempo ...! Se poi, trovo una barra EQP che posso usare senza doverla fissare, sarebbe sempre meglio di niente.

Condivido la tua affermazione che gli articoli giusti aumentano l'affidabilità.

Devo assolutamente cablare con i pettini per eliminare un po' di fili dai centralini e sistemare il MT da 40A sotto contatore ... poi vediamo se riesco a fare 2 foto.

Grazie ancora Elettroplc :thumb_yello:

Alla prox. ;)

P.S.

Non cerco assolutamente il capro espiatorio, ma ho piena conoscenza di antefatti, fatti e misfatti di tutte le fasi della costruzione dell'immobile. Cerco solo di sanare, a mie spese, quelle situazioni (moltissime e diverse) che hanno necessità d'intervento, in quanto non sarebbe possibile adire le vie legali sia per i tempi biblici della giustizia italiana, sia perchè la "società" costruttrice non esiste più. Coì vanno le cose, purtroppo. :toobad:

Link to comment
Share on other sites

Certo fai bene...ricorda che nella V3, la barra EQP - equipotenzialeprincipale - è da contenere al fondo del centralino...due foto ci aiuterebbero a capire meglio...

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi

ricorda che nella V3, la barra EQP - equipotenzialeprincipale - è da contenere al fondo del centralino...

ANCORA !!!!!!! :angry:

Link to comment
Share on other sites

Elettroplc ...ricorda che nella V3, la barra EQP - equipotenzialeprincipale - è da contenere al fondo del centralino...

Si, si, ho visto dove deve essere messa ... proprio dove escono la miriade di canne e dove la scatola è sfondata :(

Comunque adesso ci penso e vedo se posso inventarmi qualcosa con lo spazio a disposizione.

Nel frattempo, questa mattina ho ordinato telefonicamente il MT da 32A 6KA da usare come "generale" nel quadro del seminterrato ed un centralino IP65 da 4 posti da piazzare sotto il GEM con il 40A 6KA a protezione del montante.

Dei morsetti Cembre a serraggio indiretto neanche a parlarne ... appena ho un po' di tempo mi faccio un giro di rivenditori ... devo ancora prendere i pettini di cablaggio.

Vi terrò informati sugli sviluppi.

Grazie ancora ;)

Maurizio Colombi ANCORA !!!!!!! :angry:

Devo essermi perso qualcosa vero? :P

:smile:

Link to comment
Share on other sites

Devo essermi perso qualcosa vero? :P

Il buon Maurizio intende dire che non è obbligatorio mettere la barra equipotenziale nel centralino, ma basta farci passare il Conduttore di Terra che arriva direttamente dal dispersore e, preferibilmente senza tagliarlo, poi si può scendere nella cassetta dove si può tranquillamnte fare in nodo equipotenziale.

Questo perchè se si montano scaricatori di sovratensione è tutto predisposto correttamente.

Il nostro caro Elettroplc, invece insiste che si dve mettere la barra nel quadro.

Ora sei al corrente di tutto.

Link to comment
Share on other sites

Allora, io non amo la barra EQP entro il quadro...prendo solo atto delle prescrizioni dell'aggiornamento V3, il nostro plcforum ha un impianto da rivedere, che non è di certo un adeguamento alla V3, può anche ometterla in questa condizione, ma se vuole posare gli Spd, deve per forza farlo; diciamo che deve correggere il tiro.

In tutti i quadri che ho visionato - in occasione della posa degli Spd dopo la certrificazione del predetto, somo state inserite barre EQPS, per asservire le rpescrizioni del costruttore.

Io, in merito ho una mia personale opinione, ma tralscio.

Sulla Barra Equipotenziale Principale entro il centralino, penso che è un bel problema pratico...

Link to comment
Share on other sites

Prendo in esame la eventuale installazione dell'Spd.

Faccio un sunto tecnico-pratico: Se il nosto amico vuole associare al primo centralino un Spd classe II - sia esso auoprotetto sia da proteggere con Mt o fusibili - è obbligato a rispettare i termini dei cablaggi intesi come lunghezza massima ed associare a questo modulo - perlomeno una barra EQPS, che deve essere posata al fondo del centralino.

La maggior parte di modelli, viene prescritta associata ad una Barra Equipotenziale Principale, a cui è dettato il conduttore CT e PE, mentre alcuni modelli, prevedono addirittura il apssaggio entro morsetto passante apposito.

Gli schemi esemplificativi dei costruttori e la normativa sono chiari..poi ognuno fa quello che crede.

Tutte le pratiche diverse da quelle previste sono certamente da considerarsi improprie, come ho visto in alcune occasioni.

Se non inserisce l'Spd, la barra EQP, la tiene nella scatola di derivazione...e son tutti contenti.

Link to comment
Share on other sites

Sulla Barra Equipotenziale Principale entro il centralino, penso che è un bel problema pratico

anzi è una soluzione molto pratica .

pensa se devo collegare un cavo 3G direttamente a valle del MT

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi

Grazie vinlo, che avrei detto io!

Ma soprattutto hai detto quello che dice, anche, chi le norme le conosce a menadito! :smile:

Link to comment
Share on other sites

Sulla Barra Equipotenziale Principale entro il centralino, penso che è un bel problema pratico

Scusate, ma in linea di massima è razionale condividere che questa soluzione comporta qualche difficoltà in più nella esecuzione dei cablaggi, fatto salvo che, l'installatore ed il committente non approvino un quadro di dimensioni gnerose che facilità il tutto. D'altronde, se si prevedono le predisopsizioni per gli spd, non c'e' altra soluzione.

Può essere un bel problema pratico se si deve rivedere un centralino realizzato prima della entrata in vigore della V3.

pensa se devo collegare un cavo 3G direttamente a valle del MT

Il cavo 3G...?

Link to comment
Share on other sites

Stavo rivedendo una tabella di dimensionamento del montante riportata su una guida della Gewiss e mi sono reso conto che sul montante da 10 mm2, lungo circa 20-22 m., il MT di protezione da mettere sottocontatatore deve essere da 63A ... quindi quello che ho io da 40A (6KA) non andrebbe bene. Giusto?

Il gem dell'ACEA (ora Enel Energia) ho visto che ha già di suo un 63A ... che non dovrebbe garantire la protezione al montante (... poi, chissà perchè...), che faccio metto sotto quello che ho da 40A o compro un altro MT da 63A.

Aiutoooooooooooo!!! :worthy:

L'altro MT da 32A 6KA per il centralino, invece, è ordinato e in arrivo ... tempi biblici d'attesa, ma è in arrivo.

Connettori Cembre introvabili ... ma perchè in Italia è sempre così complicato trovare le cose??? Ho ancora 2-3 fornitori da contattare poi vedrò se qualcuno me li ordina.

Grazie.

:smile:

Link to comment
Share on other sites

Le guide tecniche adottano questa razio tecnica: per la sovracorrente - intesa come protezione termica - si prende in cosiderazione che la prima protezione a monte deve essere di taglia doppia rispetto a quella a valel, epr questo hai letto il dato.

Preso atto che è un consiglio, puoi partire con un C40 come protezione Gem, e servirti di protezioni a valle come C32A o interruttore - sezionatore puro 40A.

Quello del centralino lo puoi lasciare così, il C32A 6kA, con un C40 6kA a protezione montante sei a posto.

Questo va bene per la tua fornitura, è ovvio che con una fornitura di 10kW monofase - (10kw+10%=11kw) - la prima protezione sarà dettata da un C63A, perché a regime la corrente di liea supera i 50A.

Il sezionatore o MT c63A del Gem, è un dispositivo controllato elettronicamente con bobina di sgancio che deve essere preso in esame come mero limitaotre di potenza.

La conduttura da 10m2 va bene.

Buon lavoro.,

Link to comment
Share on other sites

Quello del centralino lo puoi lasciare così, il C32A 6kA, con un C40 6kA a protezione montante sei a posto.

...perfetto, è quello che sto facendo

Questo va bene per la tua fornitura, è ovvio che con una fornitura di 10kW monofase - (10kw+10%=11kw) - la prima protezione sarà dettata da un C63A, perché a regime la corrente di liea supera i 50A.

ovvio ...

Il sezionatore o MT c63A del Gem, è un dispositivo controllato elettronicamente con bobina di sgancio che deve essere preso in esame come mero limitaotre di potenza.

Chiarissimo, grazie! :thumb_yello:

:smile:

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...