Jump to content
PLC Forum


PCB caserecci


 Share

Recommended Posts

buongiorno a tutti, sono nuovo in questo forum, la mia elettronica è casereccia e abbastanza scarsa. Mi piace realizzare PCB senza impazzire a tracciare manualmente linee o usare trasferibili come negli anni '70. Ho provato i Press&Peel ma non sono riuscito ad ottenere risultati validi e soprattutto affidabili nella precisione. So che tanti invece sono soddisfatti. A forza di leggere e provare ho trovato un modo diverso: stampo con la laser il disegno del PCB su carta di rotocalchi come Oggi o Gente, la fisso con lo scotch sulla basetta precedentemente sgrassata e microrigata (con una spazzolina metallica in senso verticale, orizzontale e nelle due diagonali). A questo punto inserisco la basetta in una plastificatrice a caldo ed aspetto che esca dall'altra parte. Attenzione, le platificatrici lavorano solitamente a temperature che si aggirano sui 110°C per cui una passata veloce non è sufficiente a trasferire il toner dalla carta al rame per cui le soluzioni sono due: si sostituisce il termostato con uno che funzioni a 180° circa oppure si riduce la velocità dei rulli che trascinano la carta. Per ridurre la velocità ho costruito un piccolo timer che fa muovere il motore a scatti (in pratica la basetta avanza di circa 1 mm ogni 10 secondi). Questa sosta di 10 secondi è quella che permette il trasferimento del toner sul rame. Sono partito variando il duty cycle di un 555 in configurazione astabile ma il risultato è stato scadente, a questo punto ho optato per un 555 astabile con T = 10 secondi che quando l'uscita diviene bassa eccita un secondo 555 in configurazione monostabile con un T di pochi decimi di secondo. Un piccolo relay fornisce tensione al motore nei tempi come sopra descritti.  Certamente i risultati ottenuti non sono al livello della fotoincisione ma per un uso comune di componenti non MSD è sufficiente. L'idea non è totalmente mia, ho semplicemente realizzato il circuito elettronico rendendo il sistema automatico. L'autore usava un interruttore a pulsante. Per incidere i PCB non uso il percloruro ferrico ma una miscela di acqua ossigenta a 130 volumi e acido cloridrico al 15% in parti uguali. Tempo per l'incisione 10 secondi.   Attenzione, questi componenti con queste concentrazioni ustionano ed emettono cloro che non è proprio l'ideale da respirare quindi occhiali, guanti di gomma e almeno le prime volte lavorare all'aperto.   Ho tentato di caricare una fotografia del pcb ma è troppo pesante chiedo scusa ma non ho il tempo di farlo oggi

Link to comment
Share on other sites


C'è una sezione specifica per i c. s, dove ho trasferito la discussione.

Se vuoi leggi questa discussione, è una specie di tutorial che tratta il tuo problema.

Edited by Livio Orsini
Link to comment
Share on other sites

Io ho sempre usao la fotoincisione, semplicissima e da ottimi risultati alche con piste piccole e ravvicinate.

Stampo il master con stampante laser su foglio lucido trasparente poi presso la basetta ramata fotosensibile con il lucido master tra 2 vetri e lo espongo ai raggi ultravioletti per circa 30 secondi ( ho una lampada molto potente,  altrimenti occorre più tempo). Dopodichè sviluppo la basetta con i relativi acidi e infine nel bagno di corrosione abbastanza caldo agitando continuamente la vaschetta per rimuovere il materiale via via corroso dall'acido. al termine lavaggio e foratura...

Esistono anche dei fogli spampabili e poi trasferibili col ferro da stiro.

Link to comment
Share on other sites

ho provato pure io la soluzione acqua ossigenata acido 50/50... ma è andata in ebollizione, facendo un sacco si schiuma verde... :o

meglio diluire con un pò di acqua distillata!

 

Con i press&peel avuto problemi anche io, secondo me so na mezza sola, ho avuto risultati migliori con i normali cartoncini, mai provato con le pagine patinate, anche se ne avevo già sentito parlare!

Link to comment
Share on other sites

Non si fanno mix con acidi così a casaccio, si possono formare gas nocivi. Per la corrosione si usa il cloruro ferrico, meglio se un pò caldo e muovere costantemente la basetta nel bagno corrosivo.

Link to comment
Share on other sites

in queste proporzioni che uso normalmente, effettivamernte va in ebollizione, ma basta diluire anche solo con acqua del rubinetto (mai fatto lo ammetto) e la reazione è più lenta. Se temi che la vaschetta di plastica si possa deteriorare metti la prima deltro un'altra vaschetta e con queste concentrazioni lavora all'aperto. Il vantaggio rispetto al percloruro è che la reazione avviene  senza dover fare attenzione alla temperatura.

Edited by walter49
Link to comment
Share on other sites

Ma di acido nitrico cosa dite? Qualcuno l'ha usato ?

Detto in lingua ambrosiana: lassàaa stàaa!

Estremamente pericoloso sia per la corrosività che per le esalazioni.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...