Jump to content
PLC Forum


Limitatore di tensione 220v per fari a Led


mach3
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, non so se questa è la sezione più adatta, mi è capitata una situazione un pò particolare, ho una linea trifase +n che mi da corrente a 3 capannoni, e fin qua tutto ok, ma un anno fa sono stati installati dei fari a soffitto da 100w l'uno a led al posto dei fari precedenti con attacco E40, nel giro di un anno si sono bruciati 8 trasformatori, le caratteristiche di questi fari sono 220v 240v, ho misurato la corrente e si aggira intorno hai 233 235v, secondo me, arrivano dei picchi maggiori di 240v che fa bruciare i trafo, esiste qualcosa da mettere sotto barra din a monte del magnetotermico delle luci ?

 

grazie mille !

Link to comment
Share on other sites


Microchip1967

il problema non è la tensione, ma la qualità degli apparecchi (anche di marca)  e spesso il problema è la dissipazione del chip LED

Purtroppo c'è in giro parecchia roba non di qualità

Finora nella maggioranza dei casi non ho rilevato problemi sul lato 230v ma ho rilevato la rottura del chip led per surriscaldamento.

Essendo la maggior parte di questi array in serie, quando salta uno il chip si spegne o emette una luce fioca

L'alimentatore, non sentendo piu' il carico (o sentenduo un carico minimo) spesso non eroga la corrente necessaria

Link to comment
Share on other sites

Quote

o ci metto sotto un piccolo ups

 

Ancora co 'sti UPS che puliscono la rete. Ma me lo dite dove le leggete cotali boiate??

 

Un UPS è un Interruptable Power Supply e lo dice la parola stessa: mantiene in vita la roba quando va via la corrente, e niente altro.

 

E' vero che esistono alcuni UPS che hanno l'uscita galvanicamente isolata dalla rete, cosiddetti online ma sono apparecchi costosi che si usano solo per alimentare apparecchiature altrettanto costose. Tutti i restanti UPS fino a che la corrente c'è, caricano la batteria e alimentano con la stessa corrente che ricevono dalla rete.

 

Quote

e si aggira intorno hai 233 235v

 

No, non ce li ho 233V; se invece intendevi dire che la tensione si aggira intorno ai 233V, ciò è perfettamente normale; con le tolleranze del distributore possono arrivare anche 250V, e gli apparecchi non ne devono risentire. Punto.

 

Se ne risentono, significa che sono progettati da schifo e conviene comprare apparecchi migliori (che costano anche di più) piuttosto che farfugliare di UPS che riparano tutti i danni del mondo, spiritelli della corrente e "picchi" che non hai misurato, dei quali non si è nemmeno certi dell'esistenza.

Link to comment
Share on other sites

sono garantite due anni a vedere dal loro sito... senti il venditore.

 

comunque se sono quelle tipo proiettore a campana, sembrerebbero non essere raffreddate, quando mi informai io quelle diciamo "serie" avevano tutte la ventola di raffreddamento mi pare.

Link to comment
Share on other sites

Quote
Quote

o ci metto sotto un piccolo ups

 

Ancora co 'sti UPS che puliscono la rete. Ma me lo dite dove le leggete cotali boiate??

 

Un UPS è un Interruptable Power Supply e lo dice la parola stessa: mantiene in vita la roba quando va via la corrente, e niente altro.

 

E' vero che esistono alcuni UPS che hanno l'uscita galvanicamente isolata dalla rete, cosiddetti online ma sono apparecchi costosi che si usano solo per alimentare apparecchiature altrettanto costose. Tutti i restanti UPS fino a che la corrente c'è, caricano la batteria e alimentano con la stessa corrente che ricevono dalla rete.

 

Quote

e si aggira intorno hai 233 235v

 

No, non ce li ho 233V; se invece intendevi dire che la tensione si aggira intorno ai 233V, ciò è perfettamente normale; con le tolleranze del distributore possono arrivare anche 250V, e gli apparecchi non ne devono risentire. Punto.

 

Se ne risentono, significa che sono progettati da schifo e conviene comprare apparecchi migliori (che costano anche di più) piuttosto che farfugliare di UPS che riparano tutti i danni del mondo, spiritelli della corrente e "picchi" che non hai misurato, dei quali non si è nemmeno certi dell'esistenza.

Quote

 

Ascolta, io ho chiesto, se ti andava di rispondere, dovevi rispondermi in maniera educata, cosa che tu non hai non hai fatto ! Sei un maleducato a rispondere così !  Impara ad essere meno arrogante che forse ti giova.

Grazie !

Link to comment
Share on other sites

Cerchiamo di moderare i toni.

Forse Darlington è un  po' sbrigativo ed assolutista, ma non ha scritto niente di offensivo e/o arrogante, inoltre le risposte sono tecnicamente fondate.

Invece di ostentare una suscettibilità esagerata faresti meglio a meditare sui conteuniti tecnici delle risposte che hai avuto.

 

Smettiamola subito con queste diatribe, altrimenti lo staff sarà costretto ad assumere provvedimenti che potrebbero anche essere antipatici per tutti.

 

In ordine al tuo problema.

Potresti provare ad inserire in serie alla linea di alimentazione delle lampade delle induttanza dimensionate in modo da avere una cdt di circa 3%-4% del valore nominale di tensione con assorbimenti di corrente al valore nominale.

 

Cerco di chiarire con un esempio. Se l'assorbimento di corrente nominale fosse di 5 A, con 230V nominali si ipotizza una cdt di 7V, corrispondenti ad un valore di XL di 1.4 ohm. Con frequenza di 50 Hz il valore di induttanza sarà di circa 4.4mHy.

Se la linea è monofase meglio montare 2 indutttanze aventi metà valore su fase e neutro.

 

La soluzione più performante è l'adozione di un ottimi filtro di rete, montato in prossimità dei trasformatori interessati e collegato ad un'ottima terra.

 

Questo nell'ipotesi che i trasformatori vengano danneggiati da picchi di tensione provenienti dalla linea.

Ma potrebbero anche essere dann eggiati da ripetuti picchi di assorbimento di corrente derivanti dagli alimentatori delle lampade. In questo caso l'uso di fitri o altro servirebbe a ben poco.

Link to comment
Share on other sites

Quote
Quote

o ci metto sotto un piccolo ups

 

Ancora co 'sti UPS che puliscono la rete. Ma me lo dite dove le leggete cotali boiate??

 

Un UPS è un Interruptable Power Supply e lo dice la parola stessa: mantiene in vita la roba quando va via la corrente, e niente altro.

 

E' vero che esistono alcuni UPS che hanno l'uscita galvanicamente isolata dalla rete, cosiddetti online ma sono apparecchi costosi che si usano solo per alimentare apparecchiature altrettanto costose. Tutti i restanti UPS fino a che la corrente c'è, caricano la batteria e alimentano con la stessa corrente che ricevono dalla rete.

 

Quote

e si aggira intorno hai 233 235v

 

No, non ce li ho 233V; se invece intendevi dire che la tensione si aggira intorno ai 233V, ciò è perfettamente normale; con le tolleranze del distributore possono arrivare anche 250V, e gli apparecchi non ne devono risentire. Punto.

 

Se ne risentono, significa che sono progettati da schifo e conviene comprare apparecchi migliori (che costano anche di più) piuttosto che farfugliare di UPS che riparano tutti i danni del mondo, spiritelli della corrente e "picchi" che non hai misurato, dei quali non si è nemmeno certi dell'esistenza.

Quote

 

sono d'accordo con te ma non tollero la maleducazione, c'è modo e modo di rispondere...

grazie ;)

Link to comment
Share on other sites

Microchip1967

Io rimango sempre della mia idea, ovvero materiale di scarsa qualità

Oppure, visto che il tutto è su una linea trifase + neutro, verifica anche il corretto bilanciamento delle fasi e, non ultimo, il corretto collegamento (serraggio) del neutro

Poi, solo per curiosità, si potrebbe sapere marca e modello dei fari

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...