Jump to content
PLC Forum


amplificatore a mosfet 200w


Gianfranco Di Simone
 Share

Recommended Posts

Gianfranco Di Simone

Ciao a tutti, mi sono costruito un ampli da 200w a mosfet da un progetto della rivista ELETTRONICA IN (vedi articolo allegato). Suona benissimo ma ho un problema. Alzando un po il volume entra in azione la protezione del canale destro, mentre il sinistro continua a suonare correttamente. Qualcuno sa aiutarmi :(

SE.jpg

componenti.jpg

Link to comment
Share on other sites


Beh quelli di elettronica - in , hanno preso il celebre amplificatore a mosfet Toshiba e hanno sostituito i Mosfet, peccato che quell'amplificatore nasca per usare dei Lateral Mosfet e non dei Vertical. 

Ci sono delle differenze in termini di prestazioni audio non indifferenti, diciamo che un buon amplificatore per usare mosfet della serie IRF va progettato un po' diversamente.

Se sei comunque soddisfatto del suono mi preme comunque dirti che quell'amplificatore rischia di andare in fumo perchè mentre i Lateral Mosfet hanno un coefficiente negativo di temperatura, i Vertical hanno coefficiente positivo, quindi serve il classico moltiplicatore di Vbe per tenere la corrente sotto controllo.

 

Per quanto riguarda il problema della protezione, ci son diversi scenari da valutare :

- gli amplificatori a mosfet sono inclini a autooscillare - innescare a frequenze > 20khz , quindi andrebbe visto se in uscita innesca a frequenze ultrasoniche.

- la protezione che NON interviene, siamo sicuri che interverrà quando serve ?

- la protezione è basata semplicemente sulla misura della corrente in uscita, derivata dalla tensione che si viene a creare sulle resistenze da 0.18 , c'è poi un partitore formato dalle resistenze da 220 ohm e 820 ohm che attivano T10 / T11 , in pratica la protezione si attiva quando scorrono circa 5A in uscita. 

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone
il 21/2/2018 at 15:36 , Gianfranco Di Simone scrisse:

ciao a tutti; ho un vecchio ampli SANSUI AUD 33 che ha un suono che mi piace molto. Da qualche tempo produci vari ronzii e distorsioni. Dopo aver pulito il pot del volume e sostituito il relè casse la maggior parte dei problemi sono stati rimossi. Mi rimane però che sporadicamente si ha un graccio sul canale sx. Ho provato a verificare le tarature indicate nel SM che allego ma non riesco ad avere i valori indicati,; infatti quando ruoto i trimmer per cercare di tararlo interviene la protezione elettronica; e lo devo rimettere starato per far si che la protezione colleghi le casse. Inoltre quando lo accendo e si attiva il rele sento un toc sulle casse con il woofer che si sposta. Qualcuno sa darmi qualche indicazione sulle prove da fare?

 

Immagine.jpg

 

6 ore fa, Gianfranco Di Simone scrisse:

Ciao a tutti, mi sono costruito un ampli da 200w a mosfet da un progetto della rivista ELETTRONICA IN (vedi articolo allegato). Suona benissimo ma ho un problema. Alzando un po il volume entra in azione la protezione del canale destro, mentre il sinistro continua a suonare correttamente. Qualcuno sa aiutarmi :(

SE.jpg

componenti.jpg

 

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

Grazie Tesla per la perfetta analisi. Quello che posso dirti è che i MOSFET rimangono abbastanza freddi e che avendolo ormai realizzato volevo cercare di consolidarlo (a saperlo prima avrei fatto il progetto con lo schema dei Toshiba :(). Ho letto nell'articolo che per desinsibilizzare la protezione si potrebbe ridurre il valore di R18,19,20,21 da 0,18 fino a 0,1 ohm. Tu che ne pensi? che altre prove potrei fare avendo a disposizione un multimetro digitale? (sto cercando di trovare su internet un oscilloscopio a buon mercato come mi avevi indicato: canale singolo e 20 Mhz..). Grazie

 

Link to comment
Share on other sites

Prima accertati di non avere oscillazioni pericolose, se non hai un oscilloscopio ma hai un voltmetro a indice (quindi analogico) , mettilo su una portata bassa in Volt AC di 2 .. 10V , lo colleghi all'uscita dell'ampli con in serie su un polo un condensatore calcolato in modo che con l'impedenza del tester formi un filtro passa alto attorno ai 10 - 20 kHz.
Alzi il volume gradualmente partendo da 0, non essendoci molto contenuto musicale attorno a quelle frequenze l'indice del tester non dovrebbe "muoversi" più di tanto,  se alzando il volume l'indice aumenta gradualmente seguendo il contenuto musicale, tutto ok. se invece noti che a un certo punto sale in maniera brusca allora è sinonimo che c'è un innesco.

 

Assolutamente NON diminuire le resistenze da 0.18, già siamo su un valore piuttosto basso, vista la circuitazione a Mos sarei stato almeno su delle 0.33 ...

se vuoi de-sensibilizzare la protezione agisci sul partitore R22-R23 e R24-R25. Prova a portare R22 e R25 a 220 ohm.

Verifica comunque di aver installato C7 C8 e C9 che in sostanza "ritardano" l'intervento della protezione.

 

I finali restano freddi perchè immagino tu non l'abbia provato a regime. Bisognerebbe simulare un funzionamento tipico. 

 

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone
il 21/2/2018 at 15:36 , Gianfranco Di Simone scrisse:

ciao a tutti; ho un vecchio ampli SANSUI AUD 33 che ha un suono che mi piace molto. Da qualche tempo produci vari ronzii e distorsioni. Dopo aver pulito il pot del volume e sostituito il relè casse la maggior parte dei problemi sono stati rimossi. Mi rimane però che sporadicamente si ha un graccio sul canale sx. Ho provato a verificare le tarature indicate nel SM che allego ma non riesco ad avere i valori indicati,; infatti quando ruoto i trimmer per cercare di tararlo interviene la protezione elettronica; e lo devo rimettere starato per far si che la protezione colleghi le casse. Inoltre quando lo accendo e si attiva il rele sento un toc sulle casse con il woofer che si sposta. Qualcuno sa darmi qualche indicazione sulle prove da fare?

 

Immagine.jpg

 

il 19/3/2018 at 12:28 , Gianfranco Di Simone scrisse:

Ciao a tutti, mi sono costruito un ampli da 200w a mosfet da un progetto della rivista ELETTRONICA IN (vedi articolo allegato). Suona benissimo ma ho un problema. Alzando un po il volume entra in azione la protezione del canale destro, mentre il sinistro continua a suonare correttamente. Qualcuno sa aiutarmi :(

SE.jpg

componenti.jpg

 

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

Grazie Tesla. Se dici che il multimetro digitale non va bene, proverò a riesumare un voltmetro analogico che usavo da giovane. Riesumando i ricordi di quando ero alla facoltà di ingegneria seguendo le tue indicazioni avrei: la protezione dovrebbe scattare quando la corrente su uno dei mosfet raggiunge un valore max di VR23*(R22+R23)/(R20*R23)] e quindi assumendo una VR23 di accensione del T10 pari a 0,62v avrei attualmente Imx pari a 3,88A e con la nuova R22 passerei a Imx=4,36A. Corretto?

Link to comment
Share on other sites

Esatto a livello di calcolo è corretto, credo però che  la Vbe per  T10 / T11 sia più alta di 0.62V credo almeno 0.7V

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

Grazie Tesla. Vole gentilmente porti un altro quesito. Volendo mettere un pot di volume all'IN dell'ampli ho usato un pot.log da 50k e purrtroppo collegando in ingresso un lettore DVD (0,2v in uscita) appena do volume aumenta bruscamente il livello. Cosa mi consigli per qualcosa di più graduale?

Grazie e un saluto

Link to comment
Share on other sites

Sicuro di averlo collegato correttamente?

 

Prendendo come esempio il pot quì sotto , la sorgente (DVD, CD, quel che preferisci) avrà il segnale che va sul 3 e la massa che va sul 1, l'amplificatore prenderà il segnale dal 2 e la massa in comune alla sorgente, sempre sul 1.

 image.jpeg.469d276ac0e275ee83466ee5c7b49c82.jpeg

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

Grazie Tesla. Vole gentilmente porti un altro quesito. Volendo mettere un pot di volume all'IN dell'ampli ho usato un pot.log da 50k e purrtroppo collegando in ingresso un lettore DVD (0,2v in uscita) appena do volume aumenta bruscamente il livello. Cosa mi consigli per qualcosa di più graduale?

Grazie e un saluto

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

Si si il collegamento era corretto ma avevo letto che si usa un pot log e quindi avevo messo dei log. Grazie, proverò subito dei pot lineari. Grazie ancora per la disponibilità e la notevole competenza :thumb_yello: 

Link to comment
Share on other sites

 

In realtà per il volume è corretto usare i potenziometri LOGARITMICI e non LINEARI, questi ultimi andrebbero invece usati nei controlli di tono. 

In ogni caso non dovrebbe aumentare "bruscamente" il livello...per quello ho pensato avessi scambiato i pin 2 e 3 perchè in questo caso si avrebbe un aumento molto brusco.

potentiometer_taper.png

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

Grazie Tesla. Vole gentilmente porti un altro quesito. Ieri ho ridotto la sensibilità della protezione come da te indicato  e sembra al momento che non sia presente più il problema. Ho avuto però un'altro problema: ho provato a alzare il volume e sono saltati entrambe i fusibili da 10a (uno sulla linea positiva e uno sulla linea negativa del'alimentazione). Mi sembra un forte assorbimento, tu cosa ne pensi (l'alimentatore alimenta entrambe i canali, versione stereo)? (non so se i mosfet hanno subito danni, non avevo fuse di ricambio, gli altoparlanti comunque no).

Grazie in anticipo e un saluto
Link to comment
Share on other sites

Che impedenza ha l'altoparlante ? Quant'è la tensione di alimentazione ?  Puoi mettere l'articolo da cui hai preso lo schema , ecc 

 

Metterei dei fusibili da 5A uno per il ramo positivo uno per il ramo negativo per ciascun canale, in tutto 4 fusibili. I mosfet lo capisci se sono andati perchè avrebbero Drain e Source in corto.

Il guasto l'ha fatto appena hai alzato il volume o dopo un po' ? Erano molto caldi i finali? Quel circuito ti ricordo che non ha nessuna compensazione termica e può andare in deriva ... 

Hai fatto la prova del tester con un condesatore in serie per vedere se l'ampli innesca ? 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

Ciao Tesla, gli AP sono 4 ohm. V misurata +/-58,5v. Il difetto è avvenuto dopo un po; i finali non erano caldi (ho usato 2 radiatori grandi e una ventola di aspirazione del calore). Solo ieri sera sono riuscito a mettere a posto il mio tester analogico, ho verificato che con i puntali del teste su fondo scala 10v va, la resistenza del tester misurata con il multimetro digitale è 41,5k. e quindi dovrei mettere un C=1/(6,28*R*Ft) e quindi scegliendo una Ft=15Khz dovrei mettere una C=255pF, corretto?

PS: nell'articolo (non so come mandarti l'intero allegato, mi fa mettere solo foto e quindi rimetto lo SE, se mi dai una tua mail te lo posso girare) c'è scritto:

   Potenza d’uscita su 4 ohm (@1kHz): 220 W RMS

   Potenza d’uscita su 8 ohm (@1kHz): 120 W RMS

   Banda passante (-3dB): 10*50.000 Hz

   Impedenza d’ingresso: 45 kohm

  Sensibilità alla max potenza su 8 ohm: 910 mVeff

  Sensibilità alla max potenza su 4 ohm: 830 mVeff

  Tensione d’alimentazione: ±56Vcc

  Assorbimento max su 8 ohm: 3,9A

  Assorbimento max su 4 ohm: 7,1A

e quindi nella versione stereo l'assorbimento max dovrebbe essere 14A su 4 ohm, dovrei forse aumentare la dimensione dei fusibili, oltre che suddividere come dicevi tu?

grazie infine un saluto, Gianfranco

Link to comment
Share on other sites

Ti ho mandato in MP la mia mail.

Per la prova col tester... considera 50k e usi un 330pF...

 

Per avere 220W a 4 ohm devi avere circa 7.5A r.m.s. dall'alimentazione

 

Per il resto la domanda è : ti serve tutta quella potenza ? 220W rms non sono uno scherzo e personalmente per quelle potenze userei almeno 3 coppie di Mosfet. 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

Ciao Tesla, ti ho mandato l’articolo. Ho verificato che 2 mos del canale DX hanno la Vds in corto (T7 e T8). Li sostituirò e proverò a fare  la misura con il tester. Non voglio avere la mx potenza ( le casse che ho sono da 100w 4 ohm) ma il problema è questo maledetto canale DX appena alzo un po’ il volume da problemi. Che dici provo a mettere la rete Cx/Rx suggerita dall’articolo per autooscillazioni? Grazie e un saluto


 

Link to comment
Share on other sites

L1 in uscita l'hai messa ? E' piuttosto importante...Cx e Rx costituiscono la rete Zobel e è decisamente necessario montarla. Il fatto che nell'articolo consigliano di non montarla in caso di autooscillazioni fa riflettere, evidentemente sanno che quell'amplificatore è al limite della stabilità. 

 

Cx e Rx servono a dare un carico all'amplificatore in gamma ultrasonica. L1 serve a evitare che diffusori con forte componente capacitiva o cavi lunghi mettano in crisi l'amplificatore.


Sarebbe interessante provare a aumentare C6 sul Vas che ora è 33pF, io lo porterei anche a 100pF se non si sente una riduzione sugli acuti.

Lo stesso per le resistenze di gate da 100 ohm, si potrebbe aumentarle giocando sulla capacità dei mosfet per realizzare un passa basso attorno ai 20 - 30khz

 

Ci vorrebbe un po' di strumentazione per sedare le autooscillazioni ... 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

Grazie Tesla, avevo inserito la bobina L1: proverò a fare mano a mano le modifiche che mi hai suggerito; non riesco a capire però una cosa: perchè il CH-SX non da (al momento) nessun problema? ho provato a riverificare tutti i componenti e tutte le saldature, ma sembra tutto a posto.

PS: ma tu non hai un'oscilloscopio/generatore forme d'onda usati da vendermi che mi possano servire allo scopo? ho visto che sulla rete c'è parecchia roba ma non vorrei acquistare qualcosa che poi non funziona...

Grazie e un saluto

Link to comment
Share on other sites

Gianfranco Di Simone

ciao Tesla, sono riuscito a dotarmi di un oscilloscopio da 40Mhz, 2 ingressi e un generatore di funzioni. Ho il canale dx dell'ampli che appena do corrente mi fa saltare almeno 1 mosfet. Ho verificato alimentazioni, componenti e saldature, ecc. senza scoprire nulla. Ho messo 2 fuse da 5A su ciascuna linea di alimentazione. Volevo a questo punto chiederti, come posso procedere per capire quale è il problema (che mentre prima faceva staccare solo la protezione, ora appena do corrente mi saltano i mosfet. Ciao e grazie

 

Link to comment
Share on other sites

Se appena dai corrente ti saltano i Mosfet c'è un componente andato ... prima di tutto testare i Mosfet che non siano in corto, TUTTI , cioè se ti salta il Mosfet canale N può e lo cambi ma non controlli che il canale P non sia in corto ti ritrovi col continuare a cambiare Mosfet senza risolvere. Può anche essere il Driver, quindi conviene dare una controllata almeno anche a T3 e T5. Insomma se prima funzionava e adesso salta subito il fusibile qualcosa si è guastato. 

Per scrupolo controlla che i Mosfet siano isolati elettricamente dal dissipatore. Oppure se hai ritoccato il bias conviene rimettere R16 nella posizione in cui ai suoi capi ci sia una resistenza molto bassa.

 

Comunque, onde evitare altri danni, prendi una lampada a incandescenza da 50W circa, la metti in SERIE al 220V che alimenta il primario del trasformatore, funziona da limitatore di corrente. Se tutto va bene la lampada si accende inizialmente per poi spegnersi quasi del tutto, con amplificatore a riposo o volume molto basso, se invece c'è un corto o sovraccarico la lampada limiterà la potenza erogata all'amplificatore, in genere si evita di bruciare continuamente i finali. Poi ovviamente quando tutto è a posto la lampada va eliminata.

 

Domanda: di dove sei? eventualmente potrei dargli un occhio di persona.

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...