Vai al contenuto

blimes

Alimentare Convertitore HDMI - RCA con un Power Bank

Recommended Posts

blimes

Ciao  a tutti, sono nuovo e sto cercando aiuto su questioni tecniche.

Non sono un esperto ma da sempre mi diletto con un po' di elettronica/elettrotecnica. Spesso ad intuito...

 

Ho modificato un trasmettitore wireless di segnale audiovideo per funzionare a batteria (12v). Questo trasmettitore riceve un input Composito. 

Vorrei collegare la mia fotocamera che ha invece un'uscita HDMI. Per questo ho preso un convertitore HDMI-RCA che trasforma il segnale tra la fotocamera e il trasmettitore.

 

Questo convertitore funziona senza alimentazione supplementare se l'HDMI viene da un pc, ma se invece arriva dalla fotocamera ha bisogno di essere collegato ad un caricatore da cellulare (5V). 

 

Ho provato questo "circuito" e funziona bene. Ma provando a collegarci invece un power Bank al posto del caricatore da cellulare il Convertitore credo si sia bruciato. Infatti non funziona più ne a corrente ne a batteria.

Ora mi chiedo se sia possibile questo danno (sempre di 5V si tratta!) e se c'è modo di alimentare a batteria questo convertitore.

Grazie a tutti

schema.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z

Beh..un po troppo ..spartano 'sto schema . 

Per una risposta utile ci vorrebbe qualche dato in più .

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes
23 minuti fa, gabri-z scrisse:

Beh..un po troppo ..spartano 'sto schema . 

Per una risposta utile ci vorrebbe qualche dato in più .

Grazie del consiglio ma non saprei proprio cosa aggiungere. Il fatto è che devo alimentare solo il convertitore che di solito si alimenta a rete (5v da) a batteria. Credevo la soluzione fosse semplice, cioè un power bank, ma non ha funzionato... ora, possibile che non si possa alimentare? Possibile che solo io nel mondo ci ho pensato? (non ho trovato nulla in rete sull'argomento).
Il convertitore viene fornito con solo il cavetto miniusb, quindi presuppone l'uso di qualunque fonte 5V (a trasformatore). 
 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
_angelo_

Ciao,

un power bank non e' esattamente ne un alimentatore a voltaggio fisso ne una batteria. Alcuni power bank recenti possono saltare a tensioni anche di 9 o 15V, a seconda di alcuni particolari segnali ricevuti sui fili dati.

 

Perso per perso, se non va più, prova casomai ad aprire la scatoletta, mandarci una foto, e guardare  se vedi qualcosa di bruciato, alimentarla solo con un alimentatore 5V, vedere se senti qualche chip bollente.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes
5 ore fa, _angelo_ scrisse:

Ciao,

un power bank non e' esattamente ne un alimentatore a voltaggio fisso ne una batteria. Alcuni power bank recenti possono saltare a tensioni anche di 9 o 15V, a seconda di alcuni particolari segnali ricevuti sui fili dati.

 

Perso per perso, se non va più, prova casomai ad aprire la scatoletta, mandarci una foto, e guardare  se vedi qualcosa di bruciato, alimentarla solo con un alimentatore 5V, vedere se senti qualche chip bollente.

Grazie,

dunque non ho più disponibile il convertitore (santissima Amazon) ma dato il costo posso comprarne un altro. Ma a questo punto NON con un power bank.
Magari creo io una batteria 5v adatta allo scopo (4 AAA ricaricabili e passa la paura). Giusto?

In questo caso c'è qualcosa di importante da tenere in considerazione per i collegamenti batteria>miniUSB?
In più per ridurre le dimensioni del tutto conto comunque di toglierlo dalla sua scatoletta e creare un unico box alimentazione 5v-12v-converter.

 

Grazie

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes

Oppure stavo pensando... e qui entrate in campo voi esperti. Posso creare un piccolo circuito di gestione del Power Bank?

Mi spiego meglio. Ho un Power Bank da 13A con due uscite USB (1A e 2A).

Posso creare due mini "trasformatori" per usare queste due uscite al voltaggio degli utilizzatori?
una a 12v (per il trasmettitore) quindi USB > trasformatore > DC IP65

una a 5v (per il convertitore) USB > trasformatore > MiniUSB


Diodi?
Regolatore di tensione tipo L7805CV  e L78S12CV ?
O serve qualcosa di più?

Grazie a tutti

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

 

1 ora fa, blimes scrisse:

Ho un Power Bank da 13A con due uscite USB (1A e 2A).

 

Il trasformatore per definizione può lavorare solo in corrente alternata el'uscita del power bank è in corrente continua.

 

Dovresti usare due convertitori dc-dc, però......non credo tu abbia le conoscienze sufficienti per questo lavoro.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
patatino59

Facciamo un po di chiarezza

Un Power Bank è un dispositivo formato da una batteria al litio da 3,6 volt e da due circuiti elettronici, uno di carica e uno di uscita

Quello di carica si occupa di ridurre tensione e corrente in ingresso e di controllare la fine carica.

Quello di uscita eleva la tensione a 5 volt e stacca la batteria se troppo scarica.

E fino a qui la teoria.

In pratica i circuiti interni, spesso di costruzione cinese per i quali non si conosce sempre la qualità, sono concentrati in uno spazio piccolissimo e la qualità è spesso il punto dolente.

Non posso demonizzare i prodotti costruiti in cina, può capitare che un prodotto sia difettoso, ma anche che faccia egregiamente il suo lavoro.

Personalmente uso i power bank cinesi da parecchio e me ne è capitato uno solo che si è bruciato, fortunatamente senza conseguenze per l'oggetto alimentato.

Invece il convertitore Hdmi-Rca come quello indicato mi è capitato almeno due o tre volte di qualità scadente e si è guastato in breve tempo.

La soluzione nello schema è semplice ed economica, solo si potrebbe migliorare proteggendo il convertitore con uno zener da 6,2 volt 1 Watt in parallelo all'alimentazione e un fusibile da 1 Ampere (o meno) in serie, in modo che nel malaugurato caso che il power bank eroghi una tensione alta per guasto, lo zener vada in corto e il fusibile salti.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes
52 minuti fa, Livio Orsini scrisse:

 

 

Il trasformatore per definizione può lavorare solo in corrente alternata el'uscita del power bank è in corrente continua.

 

Dovresti usare due convertitori dc-dc, però......non credo tu abbia le conoscienze sufficienti per questo lavoro.

 

Grazie, ho trovato in rete la conversione di normali batterie a 9V in alimentatori 5v attraverso il semplice uso di un L7805CV. Magari sbaglio qualche termine ma una saldatura penso di riuscire a farla 😋.

Se invece è necessario un circuito più complicato... sicuramente non è roba mia.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes
50 minuti fa, patatino59 scrisse:

Facciamo un po di chiarezza

Un Power Bank è un dispositivo formato da una batteria al litio da 3,6 volt e da due circuiti elettronici, uno di carica e uno di uscita

Quello di carica si occupa di ridurre tensione e corrente in ingresso e di controllare la fine carica.

Quello di uscita eleva la tensione a 5 volt e stacca la batteria se troppo scarica.

E fino a qui la teoria.

In pratica i circuiti interni, spesso di costruzione cinese per i quali non si conosce sempre la qualità, sono concentrati in uno spazio piccolissimo e la qualità è spesso il punto dolente.

Non posso demonizzare i prodotti costruiti in cina, può capitare che un prodotto sia difettoso, ma anche che faccia egregiamente il suo lavoro.

Personalmente uso i power bank cinesi da parecchio e me ne è capitato uno solo che si è bruciato, fortunatamente senza conseguenze per l'oggetto alimentato.

Invece il convertitore Hdmi-Rca come quello indicato mi è capitato almeno due o tre volte di qualità scadente e si è guastato in breve tempo.

La soluzione nello schema è semplice ed economica, solo si potrebbe migliorare proteggendo il convertitore con uno zener da 6,2 volt 1 Watt in parallelo all'alimentazione e un fusibile da 1 Ampere (o meno) in serie, in modo che nel malaugurato caso che il power bank eroghi una tensione alta per guasto, lo zener vada in corto e il fusibile salti.

 

Grazie. Certo già evitare di bruciare tutto è un buon inizio. 

Quindi la conversione DC-DC (e mo' ho imparato) dalle uscite del power bank a due uscite alla tensione richiesta non è fattibile con i regolatori (Zener - Regolatore - Fusibile)? 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes

Ok grazie mille a tutti per l'attenzione e le risposte. 

Grazie a Livio Orsini che con il suo suggerimento mi ha fatto guardare dalla parte giusta.
Abbandono il power bank e mi concentro sul battery pack creato per il trasmettitore.

 

Avendo già questa fonte a 12V immagino di poter alimentare anche il convertitore hdmi, interponendo tra i due un regolatore LM2596 settato a 5V...

E prendo due piccioni con una fava perché con un solo battery pack alimento entrambi i dispositivi (sempre se non faccio esplodere qualcosa).

Nel frattempo credo di avere bruciato anche il power bank 😁

Grazie mille buona domenica vado a cercare un LM2596 (da amazon solo pacchi da 5!)

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
patatino59
3 ore fa, blimes scrisse:

vado a cercare un LM2596

Procurati il circuito completo, assemblato e funzionante, non il solo integrato LM2596.

Il costo è irrisorio.

717ZcsAk36L._SY355_.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes
57 minuti fa, patatino59 scrisse:

Procurati il circuito completo, assemblato e funzionante, non il solo integrato LM2596.

Il costo è irrisorio.

717ZcsAk36L._SY355_.jpg

Grazie mille, li ho ordinati un paio d'ore fa da amazon perché in città non li ho trovati (6€ 5 pezzi compresa la spedizione...).  Ho preso questo in step down e un altro in step up (XL6009 Boost ) così provo anche con il power bank portandolo a 12v per il trasmettitore. In settimana arrivano e li testo. Sono fiducioso.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes

COmunque con il tester digitale il Power Bank mi da 5,19V, non giustifica il guasto, inizio a pensare che fosse proprio scadente il converter...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
_angelo_

Ciao,

diversi power bank 5V arrivano anche a 5,4 a volt, e comunque come ti dicevo ci sono power bank che possono switchare tra 5 9 e 12V sulla stessa porta usb. Quindi più complessi di una batteria e uno stadio d'alimentazione. Mi fa specie che per quanto scadente si sia fulminato cosi, al primo test con power bank ...  comunque, il danno e' fatto.  Potrebbe anche funizionare bene con una batteria da 4,8V, o forse 4,5V, potresti fare una prova con 3 pile in serie. Auguri, ciao !

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z

Manco in inglese esiste '' switchare '' .....

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes
10 ore fa, _angelo_ scrisse:

Ciao,

diversi power bank 5V arrivano anche a 5,4 a volt, e comunque come ti dicevo ci sono power bank che possono switchare tra 5 9 e 12V sulla stessa porta usb. Quindi più complessi di una batteria e uno stadio d'alimentazione. Mi fa specie che per quanto scadente si sia fulminato cosi, al primo test con power bank ...  comunque, il danno e' fatto.  Potrebbe anche funizionare bene con una batteria da 4,8V, o forse 4,5V, potresti fare una prova con 3 pile in serie. Auguri, ciao !

Grazie Angelo, 

penso che di prove ne farò tante ma è probabile che il nuovo converter arrivi dopo i regolatori... quindi probabilmente tenterò direttamente la carta del regolatore collegando il tutto e alzando la tensione fino a che il convertitore non inizia a trasmettere. Così vediamo anche qual è il minimo indispensabile.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes
4 ore fa, gabri-z scrisse:

Manco in inglese esiste '' switchare '' .....

 

OT:
Infatti non è inglese, ma nerdiano. Infatti lo capisco benissimo 🤣 Chiunque abbia mai interagito con il resto del mondo su piattaforme online si è sicuramente trovato in contatto con l'italianizzazione di termini inglesi (che spesso in un solo vocabolo racchiudono un concetto più esteso). Che poi si sono sparsi più di petaloso (per fortuna)
switchare  (dai si capisce)
gatare (fare un gate, aprire un portale)
macrare (ripetere e automatizzare un'azione)
tamare (fare taming, addomesticare)
minare (fare mining, estrarre dalla roccia)
farmare (da farming, compiere azioni al solo scopo di produrre, indipendentemente dal divertimento)
ma il più bello per me resta summonare (evocare)

Ora traducimi con un solo termine italiano "farmare" 🤓 (domanda retorica, già siamo OT!)

Però come anche il termine Testare (dall'inglese test) alcuni termini diventano di uso comune. E comunque sui motori di ricerca il risultato è 

 

switchare
swit·chà·re,switʧˈare/
transitivo
  1. 1.
    Nel linguaggio della finanza, trasferire da un fondo di investimento a un altro all'interno della stessa famiglia di fondi.
    "s. una parte delle proprie azioni"
  2. 2.
    In informatica, condividere una periferica tra più apparecchi.
    "s. il monitor tra due pc"
    •  
       
intransitivo
  1. 1.
    Nel linguaggio della finanza, passare da un fondo di investimento a un altro all'interno della stessa famiglia di fondi.
  2. 2.
    In informatica, passare da un sistema operativo a un altro o da una modalità a un'altra.
    "s. da Windows a Mac"

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

anche se diffuso non significa che non sia molto irritante, oltre che spesso inutile.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes

Tra irritante ed inesistente ce ne passa almeno quanto tra trasformatore e convertitore. 🤣 😁

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
_angelo_
8 ore fa, gabri-z scrisse:

Manco in inglese esiste '' switchare '' .....

Scusate gabri-z e Livio, il termine potrebbe essere "commutare" ma non riesco a capire, mi pare non sia la prima volta che si faccia la correzzione del niente, riguardo le mie risposte il cui obbiettivo e' un aiuto, che il destinatario ben capisce. Se vi disturba che qualcuno cerchi di aiutare vi lascio a fare i maestri, io non ho bisogno di medagliette.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
24 minuti fa, _angelo_ scrisse:

Scusate gabri-z e Livio,

 

Probabilmente non hai cpmpreso il mio commento che non era indirizzato a te ma blimes

Poi, forse, una minore suscettibilità da parte tua non guasterebbe. A volte si fanno commenti colloquiali come le "battute" spiritose in una normale conversazione, irritarsi per queste battute è, a parer mio, un po' altezzoso.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
blimes

Ed è proprio per questo che commenti come quello di Gabri-z (rivolto a Angelo) vengono (da regolamento del forum) considerati Off Topic, quindi non consentiti. Perché possono innescare fraintendimenti. 😄

 

Resta il fatto che il termine esiste, si usa comunemente in più ambienti professionali e che quindi è errato considerarlo inesistente (ma si impara sempre qualcosa nei forum). 

 

Rinnovo comunque i miei ringraziamenti per le utili risposte che hanno portato alla forse risoluzione del mio problema auspicando che ve ne siano altri altrettanto utili (prima di bruciare casa).

Buona domenica, vado al parco 😁.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
49 minuti fa, blimes scrisse:

Tra irritante ed inesistente ce ne passa almeno quanto tra trasformatore e convertitore.

 

Forse oltre all'elettrotecnica ed all'elettronica bisognerebbe conoscere anche la lingua italiana.

Se analizzi ogni termine gergale trovi un corretto corrispondente italiano, come ti è stato fatto notare, ad esempio, il pessimo "switchare" si traduce tranquillamente con l'italianissimo commutare.

 

Io non rimpiango certo le stupide leggi che imponevano di scrivere non "bar" ma locale addetto alla mescita di bevande alcoliche; non invidio nemmeno i francesi che scrivono "logiciel" in luogo di software e "le materiel" in luogo di hardware, però trove veramente stupido, per esempio, usare il termine "fan cooler" ,pronunciato dai più come "fanculer", in luogo di ventilatore. Essendo io lombardo ambrosiano, e vivendo in loco, a volte rimango un poco interdetto perchè di primo acchito sono indeciso tra ventilatore ed imprecazione, quando sento questo termine pronunciato con l'accento locale.😉

 

Come dicevano i latini: "est modus in rebus".

4 ore fa, blimes scrisse:

Ora traducimi con un solo termine italiano "farmare" 

 

Basta usare il termine "fabbricare" o "costruire" o "produrre".

 

L'inglese è una lingua molto imprecisa e rozza, per dirla in inglese è "fuzzy language", mentre l'italiano è una lingua molto precisa che da poco adito ai fraitendimenti, però è necessario dominare lessico e sintassi molto più compessi di quelli inglesi.

 

Quote

Ed è proprio per questo che commenti come quello di Gabri-z (rivolto a Angelo) vengono (da regolamento del forum) considerati Off Topic, quindi non consentiti. Perché possono innescare fraintendimenti

 

Lascia che queste cose sian giudicate dai moderatori, giudicare quello che è consentito o meno è compito precipuo ed esclusivo dei moderatori.

Comunque per tua informazione Gabri-z, anche se scrive abbastanza correttamente, non è italiano madrelingua, quindi potrebbe avere qualche difficoltà di comprensione con certi neologismi di "itaglese"

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Visitatore
Questa discussione è chiusa.

×