Vai al contenuto

1n007

Realizzare un Variac

Recommended Posts

1n007

Salve, amici .Possiedo ,un caricabatterie per ricaricare batterie da 12 ,e 24.Vorrei, modicare questo caricabatterie per realizzare un variac.Al ,interno del caricabatterie e presente un trasformatore con 5 ,ingressi con questi valori 380,260 ,220,160,125 e 6 uscite secondari.Con ,questo trasformatore potrei realizzare un Variac variando il commutatore?20180512_175408.thumb.jpg.148f9f4414596b2cbe86965d41478908.jpgAspetto le vostre risposte. ? .Grazie ,buon pranzo

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Un variac è un autotrasformatore che ha alcuni segmenti di spira non isolati; su questi tratti di conduttore scorre il contatto di un cursore che effettua in questo modo una variazione quasi continua della tensione di usscita.

 

Il tuo trasformatore ha solo alcune prese al primario, con cui potresti realizzare un auto trasformatore con 2 tensioni inferiori e due superiori a quella di rete.

In alternativa hai alcuni gradini, 6, di tensioni di uscita.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

..... ma poi cosa devi fare con il "Variac", ......

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
1n007

Grazie,amici per le risposte. Il ,variac lo vorrei usare per variare la tensione alternata.Dopo ,che o riparato alimentatore a commutazione .Invece di alimentarlo con tensione di 230 V.Lo ,alimento con tensione inferiore. Mi,accontento del risultato del autotrasformatore da me realizzato.Il ,costo di un  variac nuovo  non è indifferente.Aspetto ,le vostre risposte. 

20180512_175231.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

La risposta ti è stata data. COn quel trasformatore puoi fare quello che ho descritto e non altro.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza
Quote

.......modicare questo caricabatterie per realizzare un variac....

Quote

....alimentatore a commutazione .Invece di alimentarlo con tensione di 230 V.Lo ,alimento con tensione inferiore.

da quello che si capisce, una volta riparato il caricabatterie, vuoi variare la tensione primaria riducendola, e ricavandone una minor tensione secondaria e pertanto minor corrente di carica.

Inserisci sul primario un variatore di tensione a triac o scr ed avrai un risultato simile ad un variac (dimmer).

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
1n007

Grazie,amici per le risposte.Non ,devo riparare questo caricabatterie.Mantenendo ,la stessa struttura metallica .Volevo ,usare questo trasformatore disponendo  di piu ingressi e uscite per potere variare la tensione alternata.Quasi ,come un Variac.Per, dnmezza mi consigli di inserire sul primario di questo trasformatore un variatore di tensione a triac . Posso,collegare l'alimentatore  a commutazione direttamente al variatore senza inserire il trasformatore ? .Questo ,tipo di variatore a triac lo posso usare per questo scopo allego foto?.Aspetto ,le vostre risposte. ?.Buona ,serata e buona cena

20180516_203024.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
1n007

Buongiorno, amici o notato la foto non la IQesSz.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
14 ore fa, 1n007 scrisse:

Questo ,tipo di variatore a triac lo posso usare per questo scopo allego foto?

 

Non ho analizzato il circuito perchè dovrei anche studiarmi il datasheet dell'integrato di controllo.

 

Se è il classico SMPS che prevede in ingresso un ponte raddrizzatore seguito da un condensatore, faresti delle prove non proprio corrette.

Perchè il variatore a triac, o dimmer, è ottimo per variare l'alimentazione di resistori e lampade ad incandescenza, perchè va a variare il valore efficace della tensione. E' anche valido per variare la velocità dei motori univversali, proprio per questa sua caratteristi.

Nel caso di un alimentatore SMPS, la tensione parzializzata viene raddirzzata e poi spianata da un condensatore. Questo si traduce in una maggiore ondulazione della tensione unidirezionale.

Anche usandolo come variatore di tensione primaria di un  trasformatore, l'onda risulta essere sempre molto distorta.

 

Per concludere. Si può anche usare per i tuoi scopi ma con molta attenzione e verificando la forma d'onda ed il ripple sul condensatore di filtro che funge da abtteria virtuale per il commutatore dell'alimentatore.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

l'integrato è già un dimmer per lampade

mi ricordo che lo volevo usare per fare le regolazioni d'intensita sul presepio

con riguardo a sostituirlo ad un "VARIAC" puramente induttivo, quello che spiega Livio O.

Quote

Anche usandolo come variatore di tensione primaria di un  trasformatore, l'onda risulta essere sempre molto distorta.

questo comporta disturbi surriscaldamenti e nella peggiore delle ipotesi guasti ai componenti alimentati.

solo se viene a valle raddrizzata e livellata con appositi filtri è possibile usarlo con le accortezze su menzionate.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
1n007

Grazie,per le risposte. Siccome dnmeza ,mi a consigliato un variatore di tensione a TRIAC o SCR da inserire sul primario vedi link.Per ,questo o chiesto se il mio variatore era adatto.Io ,vorrei usare il trasformatore in mio possesso  quasi come un variac. Appena ,o il tempo alimento il trasformatore e mi controllo le varie uscite. Vi ,auguro buon lavoro ,e buon pranzo

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

un sistema "barbaro" per trasformare un trasformatore in un "autotrasformatore", visto che il secondario ha alcune uscite, è quello di collegare il primario con il secondario, pertanto si avrà che le f.e.m. indotte sui due avvolgimenti potranno sommarsi o sottrarsi a seconda del collegamento se è in opposizione o a favore,

rimane che viene eliminato l'isolamento magnetico tra i due avvolgimenti,

 

trasformatore.jpeg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
1n007

Grazie,per la risposta dnemeza .Mi ,consigli di collegare il primario col secondario del mio trasformatore .In ,questo modo posso realizzare un Variac.Non ,ho mai realizzato un collegamento tra, il primario e il secondario.Mi,chiedo posso inserire un commutatore come foto ( del caricabatterie ) ,per variare la tensione alternata.Il ,caricabatterie si trova nel garage .Il ,trasformatore e di taglia grossa.Aspetto,la tua risposta?.Buonanotte

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

devi eliminare in questo caso la parola "Variac", come ha già detto Livio O.

Quote

Un variac è un autotrasformatore che ha alcuni segmenti di spira non isolati; su questi tratti di conduttore scorre il contatto di un cursore che effettua in questo modo una variazione quasi continua della tensione di usscita.

quello che ho spiegato io, è solo per farti capire come puo essere modificato nei collegamenti un trasformatore, rimane il pericolo

che avrai la tensione di linea su tutti gli avvolgimenti e pertanto c'è pericolo di scossa, se tu attuassi quel collegamento che ti ha indicato avrai ulteriori gradini di variazione della tensione primaria e pertanto anche sulle spire da dove preleverai l'uscita, il commutatore ripeto è soggetto alle tensione di linea, ti mancherà l'isolamento magnetico tra i due avvolgimenti, devi fare moltissima attenzione e devi essere protetto da differenziale, è una cosa da sconsigliare se no da vietare in circuiti ove si usa la bassa tensione

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
1n007

Grazie,per la risposta dnemeza .Tu,hai riferito un sistema barbaro per trasformare un trasformatore. In un autotrasformatore di collegare  il primario col secondario. Anche ,in un autotrasformatore manca isolamento tra i due avvolgimenti. Il ,differenziale magnetotermico nel mio banco di lavoro e presente .E messa a terra funzionante. Mi ,manca un trasformatore di isolamento rapporto 1÷1.Eventualmente ,il tuo consiglio di inserire un variatore a triac, nel primario del trasformatore in mio possesso. Non devo in questo caso alimentare alimentatori a commutazione.E ,fattibile. ? Aspetto ,le tue risposte. Buona,serata.Buon fine settimana

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

La differenza di questa trasformazione stà nelle diverse sezioni del filo, e quindi potenza prelevabile, il secondario nel Tuo caso ha una sezione del filo maggiore adeguata alla corrente che devi prelevare, il primario avendo degli step piu ampi di tensione ha una sezione del filo minore e quindi corrente, Come già accennato, se devi poi raddrizzare la corrente in uscita, filtrandola opportunamente, l'applicazione di un dimmer sul primario di adeguata potenza, potrebbe fare al caso Tuo, per avere una variazione il piu possibile lineare della tensione in uscita, il punto che cambia con il dimmer è che diminuendo la tensione, parzializzandola il risultato del valore efficace della tensione diminuisce ma anche della potenza prelevabile, questo non esclude che tu esegua una prova, che spero possa soddisfare i tuo bisogno. Il link te lo avevo già inserito del dimmer, buon lavoro.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dott.cicala

Inserire un dimmer a triac a monte di un trasformatore, significa bruciare il trasformatore.

Provare per credere B)

IMG_2520.JPG.f3e856b03497527929a532837651c985.JPG

 

La freccia rossa indica la forma d'onda sul secondario di un trasformatore da 200VA  al quale è applicato un carico resistivo e il cui primario è alimentato tramite un dimmer a triac.

Se il carico non è resistivo non voglio immaginare cosa succeda 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
1n007

Grazie,dnemeza per la risposta. Il,mio tr in mio possesso e di taglia grossa.Ha ,titolo informativo quanto costa un variac?Sono ,a conoscenza ci sono modelli costosi.Ti ,auguro buon lavoro anchea te. Buon fine settimana. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
ilguargua

Questo da 300VA viene sui 130 euro (ma ha bisogno di un contenitore), poi si trovano anche varie "cinesate"  a meno...

 

 

Ciao, Ale.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza
Quote

Ha ,titolo informativo quanto costa un variac?

questa è la domanda esatta, l'intervento del dott.cicala, ti fa vedere il pericolo reale che si ha nell'alimentare un trasformatore con semionde frazionate, che generano delle frequenze spurie che creano picchi in grado di superare l'isolamento del trasformatore bruciandolo o come minimo surriscaldandolo,

Devo essere sincero, non ho ancora ben capito se vuoi "variac" per variare ??

il 16/5/2018 at 12:45 , dnmeza scrisse:

....... il caricabatterie, vuoi variare la tensione primaria riducendola, e ricavandone una minor tensione secondaria e pertanto minor corrente di carica.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dott.cicala

Io ho una cinesaglia da 3000VA

IMG_2519.JPG.02529806ea0ff2740cd10bf9776e6903.JPG

comprata sulla baya da un venditore italiano, pagata meno di 100€ spedizione compresa e a scopo hobbistico va benissimo.

L'ho caricato fino a 2KW e non ha fatto una piega. Lo alimento con un trasformatore 230/230 da 3kVA per avere la separazione dalla rete.

Si trovano anche da 1kVA - 2kVA sempre sotto i 100€.

Ma se invece vuoi il professionale allora....il professionale, com'è giusto che sia,  si paga!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
1n007

Grazie,dnemeza per la risposta. Io,possiedo un caricabatterie (vedi foto) dove è montato un trasformatore di  taglia grossa,Con ,diversi avvolgimenti primari,e secondarie.Usando ,lo stesso commutatore posso variare la tensione.Tu,stesso mi hai riferito di inserire nel avvolgimento primario un regolatore a triac.E ,avrai un risultato quasi come un variac.Se ,c'e il rischio che si può bruciare il trasformatore non inserisco il variatore.Ho ,postato per avere dei consigli come utilizzare questo trasformatore .Buon ,pomeriggio

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

 

 

Quote

Ho ,postato per avere dei consigli come utilizzare questo trasformatore

utilizzarlo sul carica batterie o per fare altro ? e cosa ?

se non spieghi questo la cosa non è chiara

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
1n007

Grazie,dnemeza per la risposta. Mi,scuso se non mi sono spiegato  bene Questo ,trasformatore e installato sul caricabatterie. Vorrei ,utilizzare il trasformatore con diversi avvolgimenti primari ,e secondari per variare la tensione alternata.Con,tutti i limiti tecnici.Aspetto,una tua risposta.Ti ,Auguro buona domenica .Buon pranzo

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza
Quote

Vorrei ,utilizzare il trasformatore con diversi avvolgimenti primari ,e secondari per variare la tensione alternata.

ancora non spieghi l'uso, "variare la tensione alternata" è generico come uso, devi eseguire delle misure senza carico? Cosa vuoi o devi alimentare con questa variazione di tensione, la variazione di tensione ti serve a gradini o lineare raggiunto il valore desiderato rimane ferma la variazione, che carichi pensi di alimentare, resistivi, induttivi, capacitivi, che potenza ha il trasformatore, devi essere molto piu chiaro e specifico, se presenti un caricabatterie e vuoi una variazione di tensione, questa domanda inganna non essendo chiara

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×