Jump to content
PLC Forum


Alessandro Ottone

Ribobinatrice automatica (prestiro e tensione)

Recommended Posts

Alessandro Ottone

Buongiorno, mi chiamo Alessandro sono un perito industriale e nella ditta dove lavoro ci hanno commissionato  alcune modifiche ad una ribobinatrice automatica di film plastico, nella fattispecie polietilene.

La prima domanda è come avviene il prestiro in una normale ribobinatrice?Ovvero: diametro rulli? potenza e rpm motori? Se la coppia va mantenuta costante ed a aumentare è solo la velocità angolare ?

La seconda riguarda la tensione attraverso il rullo ballerino: che peso deve avere quest'ultimo ? deve avere una sagomatura particolare ?

Grazie anticipatamente.

Link to comment
Share on other sites


Livio Orsini
3 ore fa, Alessandro Ottone scrisse:

Se la coppia va mantenuta costante ed a aumentare è solo la velocità angolare ?

 

Per prima cosa se il rullo avvolge (ribobina) la velocità diminuisce perchè il diametro aumenta e la velocità del materiale è costante.

 

Poi molto dipende da come effettui il controllo: in coppia o in velocità. in entrambi i casi la coppia aumenta perchè, per mantenere costante la tensione del materiale, la coppia cresce proporzionalmente al crescere del raggio di avvolgimento.

 

3 ore fa, Alessandro Ottone scrisse:

La seconda riguarda la tensione attraverso il rullo ballerino: che peso deve avere quest'ultimo ? deve avere una sagomatura particolare ?

 

Il peso di pende dalla tensione che dovrà avere il materiale; la tensione del materiale è un dato del processo tecnologico.

La forma del ballerino è sempre cilindrica, mai visti ballerino che non siano cilindrici.

 

Una domanda ora te la faccio io: quante bobinatrici hai visto prima d'ora?

 

Dire bobinatrice e dire niente è quasi la stessa cosa.

Dovresti descrivere quali operazioni dovrà compiere la macchina; si tratta di una semplice operazione di stracannaggio? ovvero da una grossa bobina se ne traggono altre di metratura minore di materiale avvolto. Oppure si stracanna e si taglia longitudinalmente il materiale? Oppure altre lavorazioni?

Magari anche allegando un disegno meccanico in cui si possa vedere il percorso del materiale, rulli folli e non, etc.

 

Magari se anche potessi scrivere il nome dl costruttore meccanico e di quello elettrico, oltre all'anno di costruzione, della bobinatrice da modificare potrebbe dare delle indicazioni specifiche (almeno a me potrebbe dire molto).

Link to comment
Share on other sites

Alessandro Ottone

Grazie per la risposta, io è la prima volta che ho a che fare con questo tipo di macchina.

La macchina in questione dovrà fustellare il film estensibile ed in seguito prestirarlo di un valore che va dal 200% al 400%.

 

il primo problema quello del ballerino -in parte l'ho risolto- con attuatori su cui poggerà il ballerino, quest'ultimo metterà in tensione il film controllando gli attuatori attraverso la pressione

e attraverso un sensore -da decidere..- verrà controllata la velocità del rullo svolgitore.

 

per quanto riguarda il prestiro, controllerei l'avvolgitore in velocità.

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Ma il ballerino dove è posizionato? Immediatamente a valle dello svolgitore o immediatamente a monte dell'avvolgitore?

 

Tra svolgitore e avvolgitore c'è almeno un rullo motorizzato, briglia o altro dispositivo, la cui velocità periferica sia identica alla velocità del materiale, che possa fare da master di velocità?

 

Che tipo di motorizzazione è stata prevista per gli aspi?

Ripeto e rinnovo la precedente richiesta quotando me stesso:

Quote

Magari anche allegando un disegno meccanico in cui si possa vedere il percorso del materiale, rulli folli e non, etc.

 

Magari se anche potessi scrivere il nome dl costruttore meccanico e di quello elettrico, oltre all'anno di costruzione, della bobinatrice da modificare potrebbe dare delle indicazioni specifiche (almeno a me potrebbe dire molto).

 

Link to comment
Share on other sites

Alessandro Ottone

Allego disegno non fatto dal progettista originale.

La ribobinatrice in questione carica 2 master il primo quello in alto viene tagliato in 8 fasce che saranno i rinforzi e passeranno nel primo rullo a monte del ballerino, nel ballerino e nel rullo dopo il ballerino , tutti e 3 sono rulli con gole di differente larghezza. Dopodiché queste fasce si uniranno al film che proviene dal secondo master ed accoppiati arriveranno al rullo che esegue la fustellatura tra una fascia e l altra. In seguito il film accoppiato e fustellato verrà prestirato (rulli folli da motorizzare) e riavvolto. I motori sono tutti uguali: asincroni da 9,3 kW a 1500 rpm con 60 Nm.

Grazie mille per la disponibilità.

ASSIEME SCHEMA PRESTIRO-page-001.jpg

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Ma i motori di che tipo sono? cc? ca asincroni? altro?

 

Il ballerino dove è posizionato?

 

Cosa significa "master per rinforzi" e "secondo master"

 

Descrivi la macchina visto che il disegno non è per niente chiaro.

Link to comment
Share on other sites

Alessandro Ottone

Non ho eseguito io il disegno, i motori sono tutti asincroni da 9,3 kW a 1500 rpm con 60 Nm.

Il ballerino sul disegno è descritto comunque è il terzo partendo da destra

Sono 2 i rulli svolgitori il film che sta sul rullo superiore  viene tagliato in 8 parti e accoppiato al film del rullo che sta nella parte sottostante.

Accoppiati passano tra il rullo con fustelle ed un altro rullo per la fustellatura. Dopodiche c'è la fase di prestiro ed infine la avvolgitore.

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
1 ora fa, Alessandro Ottone scrisse:

Non ho eseguito io il disegno,

 

Rimane il fatto che non è chiaro, chiunque lo abbia disegnato; viste poi, che per necessità, le dimensioni sono minime.

 

1 ora fa, Alessandro Ottone scrisse:

i motori sono tutti asincroni da 9,3 kW a 1500 rpm con 60 Nm.

 

Spero che almeno abbiate previsto inverters con il dc bus in comune e controllo vettoriale

 

Vista così mi sa che darà parecchi problemi.

 

Con il ballerino controlli la velocità di uno degli svolgitori.

L'altro è forse un svolgitore motorizzato come "periferico"? (dal disegno sembrerebbe così)

La tensione del materiale gruppo di stiro come la controlli? C'è una cella di carico o altro?

La tensione del materiale sull'avvolgitore come la controlli? Servodiametro ad anello aperto?

Link to comment
Share on other sites

Alessandro Ottone

Si esatto gli inverter con controllo vettoriale sono presenti.

 

Si l' altro svolgitore ha un motore .

Per quanto riguarda la velocità del gruppo di stiro volevo mettere 2 bruhsless perché ora ci sono 2 rulli folli!?!!! ...

La tensione sull' avvolgitore ...come dice lei.

 

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
13 ore fa, Alessandro Ottone scrisse:

Si esatto gli inverter con controllo vettoriale sono presenti.

 

Non basta devono anche avere il bus in comune altrimenti lo svolgitore va a scaldare una grossa resistenza di frenatura.

13 ore fa, Alessandro Ottone scrisse:

Per quanto riguarda la velocità del gruppo di stiro volevo mettere 2 bruhsless perché ora ci sono 2 rulli folli!?!!! ...

 

Ne basta uno, quello più vicino all'attuale motorizzato (con cosa?). Sarebbe da usare tutti asincroni con inverters sul medesimo dc bus.

Poi ci vuole o una cella di carico, o un ballerino, altrimenti l'entità dello stiro non la controlli.

 

Ma questa macchina, almeno dal punto di vista elettrico, è tutta da progettare.

Link to comment
Share on other sites

Alessandro Ottone

Signor Livio le chiedo gentilmente se può farmi una spiegazione di come dovrebbe avvenire il prestiro in questa macchina, intendo rpm dei motori.

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

In teoria è semplice; dipende dalla differenza di velocità periferica dei 2 rulli motorizzati.

Hai 2 possibilità:

  1. imposti la velocità sul primo rullo della zona di prestiro, che adesso è folle, poi imposti una velocità con percentuale maggiore su secodo rullo (quello più grosso che è già memorizzato). Se gli inverters sono in reazione di velocità e controllo vettoriale questo rapporto di velocità verrà mantenuto. In funzione del materiale una certa percentuale di differenza di velocità corrisponderà ad un determinato stiro.
  2. imposti sempre la velocità sul primo rullo, mentre il secondo avrà una velocità maggiore ma con un limite di coppia impostato. Questo limite corrisponde ad una determinata tensione del materiale che provocherà lo stiro voluto.

La scelta sul metodo dipende dalla tecnologia di lavorazione e da.....simpatie personali.

Anche se lavorare ad anello aperto, fidandosi delle impostazioni, oppure inserire un cella di carico per misurare la tensione di stiro dipende dal tipo di tecnologia e, come sempre, anche dalle valutazioni personali.

Link to comment
Share on other sites

Alessandro Ottone

1000 e 1000 volte Grazie

Link to comment
Share on other sites

Alessandro Ottone

Signor Livio, un ulteriore domanda: posso mantenere per il rullo che vado a motorizzare il diametro uguale al rullo già motorizzato di 226 mm o sono troppo grandi.

E che distanza dovrebbe esserci tra i 2 rulli?

Grazie anticipatamente.

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Queste son domande da fare al progettista meccanico, progettista che dovrebbe conoscere la tecnologia di processo del prodotto in lavorazione.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.



×
×
  • Create New...