Vai al contenuto

Alexmundo Il Caravaggio

Aumento potenza contatore enel (da 3 a 6 kw) e salvavita

Recommended Posts

Alexmundo Il Caravaggio
Salve a tutti,

ho aumentato la potenza nel mio appartamento da 3,3 kw a 6,6 kw.

il salvavita che ho attualmente e' da 25A, e da quando ho effettuato il passaggio mi scatta in continuazione (5 volte in poche ore...).
Il problema potrebbe essere il salvavita troppo "sensibile"?
 
Grazie
Alessandro

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Semplice 1

Ciao Alexmundo Il Caravaggio

 

Forse non è "il salvavita" in se stesso ma il "Magnetotermico" che essendo rimasto quello di prima (da 25 A) non regge il nuovo amperaggio attuale dato che si suppone che ora assorbirai una maggiore quantità di Energia.

Altrimenti non avresti avuta ragione di aumentare il tuo Contratto Contatore da 3 a 6 kW.

 

Con il vecchio Contratto Contatore potevi assorbire, per brevi periodi, qualcosa come 16 A (e il MT da 25 A andava bene).

Ora con il nuovo Contratto Contatore potresti assorbire anche il doppio (32 A) e ovviamente il vecchio MT è diventato insufficiente.

 

Comunque dovresti fare rivedere il tuo Impianto generale di casa da un Elettricista che ti darà i consigli del caso che vanno sicuramente oltre al semplice cambio del Magnetotermico/Salvavita.

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

il salvavita o il magnetotermico?

 

25A equivalgono a meno di 6 kW quindi niente di più facile che un generale MT da 25A salti..

 

se l'impianto è vecchiotto io verificherei tutto prima di sfruttare appieno i quasi 8kW di picco che potresti usare!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Maurizio Colombi
30 minuti fa, reka scrisse:

se l'impianto è vecchiotto io verificherei tutto prima di sfruttare appieno i quasi 8kW di picco che potresti usare!

Anche perchè bisogna tenere conto del tempo di intervento del magnetotermico!

Un automatico da 25A, alla fine dei conti, potrebbe sopportare tranquillamente la nuova potenza contrattuale.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Elettroplc

Un MT...come dimostrato, scatta ad una Ib di almento 1,4 volte al sua nominale...30A li gestisci comunque.

Piuttosto, la sezione del cavo montante e nel centralino..?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

ma un contratto da 6,6 può erogare anche più di 30A, però finchè non ci dice cosa salta e om'è composto il quadro siamo in alto mare.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DavideDaSerra

25A sono lo standard per il contratto da 4,5kW (che consente di prelevarne 5 per un tempo indefinito e quasi 6 per 90 minuti). Controlla i cavi a monte, se l'impianto è 'tradizionale' avrai il montante quasi certamente da 4mm^2, se invece hai il montante da 6mm^2 allora potresti effettivamente valutare la sostituzione del MTD con uno da 30A (compatibilmente con la distanza dal contatore).

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Alexmundo Il Caravaggio

Ragazzi grazie per tutte queste info. Il problema è che l'impianto è nuovo e che i tecnici (che lo hanno fatto) non riescono a capire dove sia il problema dal momento che scatta in continuazione senza un senso.. Ovvero:

1) Scatta alzando ed abbassando l'interruttore del contatore ENEL (random, quindi 2-3 volte non scatta e poi scatta) anche se vengono esclusi alcuni interruttori (tipo quello delle prese/elettrodomestici);

2) E' scattato una volta quando ho inserito una presa nella corrente;

3) E' scattato una volta quando ho acceso il piano cottura induzione;

4) E' scattato più volte quando ho tutto spento;

 

Sono davvero preoccupato sia per il fatto in se, sia perchè i tecnici non sanno cosa possa essere.

In allegato le foto del quadro.. Fatemi sapere se notate qualcosa di anomalo.

- la foto prima foto (0.jpg) rappresenta l'interruttore a monte (che è anche quello che salta);

- le foto 1 e 2 sono quelle relative agli interruttori dei vari gruppi (luci, prese, condizionatori, ....etc....).

Queste sono tutte le info che so darvi (da ignorante).

 

Grazie davvero!

0.jpg

1.jpg

2.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
ilsolitario

Cavolo un impianto nuovo con un solo differenziale e se non ho visto male pure un AC nemmeno un tipo A.... questa la dice lunga su chi ti ha fatto il lavoro...  Se i tecnici avessero a disposizione una pinza per dispersioni almeno si escluderebbe una saturazione

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
soltec

A me sembra un differenziale puro.

Quindi non è più protetto.

A logica non lo era neanche prima ma avendo 3KW poteva anche andare. Ora non più. Devi sostituirlo con un magnetotermico differenziale da 32 A id0.03. 

A mio avviso hai una dispersione in atto.

Bisogna misurare con una pinza per dispersioni per verificare.

Potrebbe pure essere che lo hai "cotto" e funziona male.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
ilsolitario

Potrebbe esserci un MT posto a protezione del montante... magari posta una foto anche di quello.. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Matteo Mabesolani

@Alexmundo Il CaravaggioSe veramente c'è un solo differenziale e l'impianto è recente non va mica bene!!! Spiegaci bene come è fatto l'impianto a partire dal contatore.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
ivano65

e i 2 differenziali previsti dalla norma e dal buon senso dove sono?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
eliop

Ivano , credimi che situazioni simili messe in opera da "Elettricisti" "Qualificati e abilitati" se ne vedono più di quanto si possa immaginare, l'ultimo l'ho potuto ammirare pochi giorni fa : impianto nuovissimo con abitazione ancora da occupare,  130 mq con pur predisposizione per due clima, 12 moduli  centralino , unico differenziale puro identico a quello in foto e suddivisione con interruttori da 1 modulo  1p+n, e ovviamente senza protezione del montane con cordicelle da  4mm2, in un'altra situazione: villa  appena ristrutturata : cucina con piano induzione  da 7kw , quadro con interruttore mtd 16A per zona cucina (tutta compreso  forno, frigo, piano cottura ed altre prese varie)  e dimenticavo :alimentazione del piano cottura presa da interruttore bipolare living in scatola 506 sopra piano lavoro e naturalmente cordicelle da 2.5 . Cosa vuoi di più ? 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Maurizio Colombi
1 ora fa, eliop scrisse:

interruttore bipolare living

Strano!

Avrei detto ci fosse stata una serie più preziosa, magari remotizzata per accendere le luci da New York, o per regolare il termostato da Helsinki o per rispondere al citofono anche quando sei a Toronto... ma abiti a Binasco! :roflmao: 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
irudoid

E vero situazioni strane ce ne sono tante; io colpevolizzo la ditta che, pur di accaparrarsi il lavoro, presenta al cliente un conto al di fuori delle "regole".

Al cliente finale poco importa se ci sono uno, due o quattro salvavita conto il numero in neretto in basso a destra.

Son convinto che chi sa lavorar sa anche il prezzo finale.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Alexmundo Il Caravaggio

Ragazzi oltre al contatore ci sono quegli elementi nelle 3 foto.. La prima è il differenziale giusto??

Comunque non sono andato al risparmio, nel senso che ho pagato quanto chiesto senza andare a trattare su prezzo o scegliendo l'impresa più economica..

C'è qualcuno di voi di Napoli per mettermi a posto la situazione? O anche se conoscete qualcuno?? :(

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
irudoid

Nella prima foto se ho un interruttore differenziale nella terza foto ci sono tre interruttori magnetotermici da 10 Ampere ognuno è impossibile capire il proprio utilizzo in quanto il quadro è privo di scritta descrittiva. Il mio era soltanto un pensiero in merito al fatto che l'impianto nonostante tutto fosse abbastanza nuovo avesse un solo salvavita il calcolo degli interruttori e correlato alla sezione dei conduttori

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Elettroplc

Hai anche dei siemens.. Ottimi. X il resto.. Se apri le viti capiamo come han lavorato dentro. 

Alla fine col 25A hai un intervento ad almeno 33A.ci stai dentro bene. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Elettroplc

Rettifico:hai un differenziale puro a quadro e certamente un C32A sul Gem. Lascia così. Due differenziali andavano meglio. Il differenziale che hai può fare anche da generale basta serigrafato. Per fortuna che non hai chiamato il primo che trovavi. 

Vero tre Mt da 10A.forde avevi un appartamento con parti di impianto non sostituibili, così con i MT10A chi ha, realizzato si sentiva più tranquillo. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
soltec
1 ora fa, Elettroplc scrisse:

Hai anche dei siemens.. Ottimi. X il resto.. Se apri le viti capiamo come han lavorato dentro. 

Alla fine col 25A hai un intervento ad almeno 33A.ci stai dentro bene. 

Questo ragionamento non lo capisco. L'interruttore automatico perchè deve lavorare al limite ed essere sottodimensionato. Quando interviene per la parte termica è bello che bollente...a lungo lo stressi e si rompe.

 

6 minuti fa, Elettroplc scrisse:

Rettifico:hai un differenziale puro a quadro e certamente un C32A sul Gem. Lascia così. Due differenziali andavano meglio. Il differenziale che hai può fare anche da generale basta serigrafato.

Quindi secondo il tuo ragionamento un differenziale puro da 25 lo proteggo con un magnetotermico da 32 A?

Non mi risulta.

Sempre pronto ad imparare,sono curioso della spiegazione tecnica di cio' che affermi.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
eliop
13 ore fa, Maurizio Colombi scrisse:

Strano!

Avrei detto ci fosse stata una serie più preziosa, magari remotizzata per accendere le luci da New York, o per regolare il termostato da Helsinki o per rispondere al citofono anche quando sei a Toronto... ma abiti a Binasco! 

Mauri , mi sono sbagliato ,la serie era Axolute ,non living. e comunque il tizio qualche po di eurini per le "Minchiatine" domotiche da te accennate lo ha speso pure  tra antifurto , gestione tapparelle, riscaldamento e altro.... 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
eliop
6 ore fa, Elettroplc scrisse:

Rettifico:hai un differenziale puro a quadro e certamente un C32A sul Gem. Lascia così. Due differenziali andavano meglio. Il differenziale che hai può fare anche da generale basta serigrafato. Per fortuna che non hai chiamato il primo che trovavi. 

Vero tre Mt da 10A.forde avevi un appartamento con parti di impianto non sostituibili, così con i MT10A chi ha, realizzato si sentiva più tranquillo. 

Elettroplc , siamo alle solite ma li leggi i messaggi e guardi le foto prima di sparare messaggi a raffica dove ti contraddici tu stesso senza peraltro apportare alcun contributo alla discussione in essere? 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Maurizio Colombi
1 ora fa, eliop scrisse:

e comunque il tizio qualche po di eurini per le "Minchiatine" domotiche da te accennate lo ha speso pure

ah ah ah... ho la vista lunga! ah ah ah 

Ormai è consolidato il fatto di badare sempre di più all'estetica, spendendo cifre considerevoli, piuttosto che alla sicurezza!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Elettroplc
16 ore fa, eliop scrisse:

moduli

 

16 ore fa, eliop scrisse:

Ivano , credimi che situazioni simili messe in opera da "Elettricisti" "Qualificati e abilitati" se ne vedono più di quanto si possa immaginare, l'ultimo l'ho potuto ammirare pochi giorni fa : impianto nuovissimo con abitazione ancora da occupare,  130 mq con pur predisposizione per due clima, 12 moduli  centralino , unico differenziale puro identico a quello in foto e suddivisione con interruttori da 1 modulo  1p+n, e ovviamente senza protezione del montane con cordicelle da  4mm2, in un'altra situazione: villa  appena ristrutturata : cucina con piano induzione  da 7kw , quadro con interruttore mtd 16A per zona cucina (tutta compreso  forno, frigo, piano cottura ed altre prese varie)  e dimenticavo :alimentazione del piano cottura presa da interruttore bipolare living in scatola 506 sopra piano lavoro e naturalmente cordicelle da 2.5 . Cosa vuoi di più ? 

Bisogna vedere se l'installatore lavora per un committente costruttore che è una impresa oppure per il cliente finale. Se è vera la prima ipotesi, con certi capitolati chi installa è quasi costretto a fare così. Nella seconda ipotesi, povero cliente. Nelle abitazioni in condomini di recente costruzione delle persone che che conosco  e la stessa cosa più o meno. Ma i clienti, spesso scelgono sempre il prezzo più basso pensando che tanto è uguale. .E' un discorso lungo. Saluti. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×