Vai al contenuto

GMM

UNI10200 novità 2018

Recommended Posts

GMM

Salve, è stata pubblicata la nuova normativa e dovrebbe essere automaticamente vigente (o occorre un nuovo DLgs?)

A prescindere da ciò, le scarne informazioni (per i comuni mortali) dicono poco e soprattutto non dettagliano.

Qualche esperto potrebbe aiutare a capire spiegando cosa comporta?

1- correzione di alcuni refusi ed errori redazionali, tra cui particolarmente noto è quello relativo alla stima del consumo involontario in presenza di ripartitori (applicazione del fattore finv, rappresentativo della frazione del consumo involontario, non al fabbisogno ideale teorico, bensì all’energia stagionale effettiva, fornita di anno in anno dalla centrale termica)

???

 

2- la razionalizzazione e l’ottimizzazione dell’intera procedura di calcolo di ripartizione

???

 

3- metodologia per la ripartizione delle spese per gli edifici ad utilizzazione discontinua o saltuaria (correzione del fattore finv sulla base del fattore d’uso dell’edificio) ...

Il fattore d’uso viene calcolato come il rapporto tra il consumo totale effettivo e il fabbisogno in ingresso alla distribuzione (calcolato in modalità A3 con i dati climatici medi). Una volta calcolato tale fattore, per valori superiori alla soglia di 0,8 si rientra nella casistica degli edifici normalmente occupati, mentre per fattori d’uso inferiori alla soglia di 0,8 si è nel caso di edifici ad occupazione discontinua o saltuaria.

Nel caso di edifici ad utilizzazione discontinua o saltuaria è prevista la correzione del consumo involontario in funzione del fattore d’uso, ipotizzando che tra di essi intercorra una dipendenza sostanzialmente lineare. Tuttavia la norma precisa che la metodologia è applicabile per fattori d’uso non troppo bassi (≥ 0,3) mentre, in caso contrario potrebbe risultare meno precisa.

In molti casi utile e interessante, ma esattamente cosa significa e come si calcola?
 

4- descrizione approfondita delle condizioni di utilizzo dei ripartitori 

???

 

5- introduzione di una gerarchia a 4 livelli per la determinazione della potenza dei corpi scaldanti 

???

 

6- Altro caso trattato dalla UNI 10200 è quello della singola unità immobiliare priva di contabilizzazione per impossibilità tecnica o per l’impossibilità di effettuare la misura del calore prelevato dalla rete per la rottura di un dispositivo di contabilizzazione. La norma prevede dapprima la stima del consumo involontario totale, come frazione del fabbisogno calcolato secondo le UNI/ TS 11300, e successivamente il calcolo del consumo volontario della singola unità immobiliare ripartendo il fabbisogno complessivo tra le differenti unità immobiliari.

???


7- introduzione di appendici informative volte, ad esempio, a specificare i contenuti minimi del progetto così come una metodologia di controllo della contabilizzazione indiretta (verifica stagionale a posteriori del valore dell’unità di ripartizione), a beneficio di trasparenza ed affidabilità

???


8- estensione della metodologia di ripartizione delle spese, …. anche a tutti gli altri servizi rilevanti dal punto di vista energetico, vale a dire ad esempio il raffrescamento, la produzione di acqua calda sanitaria

???

Grazie per eventuali delucidazioni.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Simone Baldini

Diaciamo che prima di poterla aver assorbita tutta ci vorrà quanche mesetto. Comunque la sostanza non cambia, cioè i millesimi rimangono quelli del fabbisogno termico allo stato di costruzione o con interventi di tipo condominiale. Dovrebbero esserci delle metodologie per determinare la quota involontaria in modo piu' flessibile e legandola anche all'effettivo consumo di kWh rilevato. L'ho stampata ma francamente in questo momento non ne ho il tempo di leggerla.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
GMM

Grazie, attendiamo spiegazioni e delucidazioni più comprensibili per i "terrestri".

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Simone Baldini

Siccome è una norma tecnica, avere delucidazioni "comprensibili" sarà molto difficile, figurati che dei progetti che ho visto io fino ad ora piu' della metà ti posso assicurare che nemmeno il termotecnico che ha fatto il progetto aveva capito la norma!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
GMM

Non ho difficoltà a crederti visto i problemi di incomprensioni e incerte interpretazioni già in essere, però qualcuno dovrà pur specificarne le nuove o mutate prescrizioni, e mi riferisco solo per un esempio al p.3 del primo post.

Poi, per la programmazione dei ripartitori (W potenza), da quanto leggo in rete, sembrerebbe scomparso il conteggio delle tubazioni di raccordo ai termosifoni e delle tubazioni passanti a vista che andrebbero a diminuire il VOL e incrementare l'INV.

Senza quelle specifiche anche il termotecnico più esperto come potrebbe applicarle?
 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Simone Baldini

Per il calcolo potenza è stata tolta la tubazione, però ad oggi i ripartitori sono stati già installati nella maggior parte quindi servirà per il futuro.

Quello che piu' importa è la metodologia di valutaizone della quota involontaria per utilizzi discontinui o comunque molto differenti dai risultati teorici. Ma li solo l'applicazione potrà dire se risolverà la problematica questa revisione, dalle bozze le varie formule proposte non risolvevano nulla o poco.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
GMM

Si, ovviamente le informazioni servono per il futuro, ma è un futuro "già iniziato": per l'inverno passato avevamo optato per la deroga del primo anno, ma a breve ci sarà l'assemblea e dovremo stabilire e decidere per l'anno in corso e i  successivi, e per questo sarebbe utile e necessario capire cosa richiedere.

Con riferimento ai punti del post iniziale, si può ipotizzare una nuova mappatura dei termosifoni (gerarchia a 4 livelli e potenza senza i tubi di raccordo),  verifica stagionale a posteriori del valore dell’unità di ripartizione, calcolo %INV applicando il fattore finv.

Per il finv, ad esempio, sembra di capire che possa (o debba ?) essere considerato comunque, a prescindere dall'uso discontinuo o saltuario, poi, se >8 si rientra nella normativa "normale" ma se <8 si può (deve ?) applicare la % corrispondente (e, in questo caso, quale?).

In concreto si potrebbe ipotizzare di poter rivedere qualcosa e fare conteggi diversi a posteriori (fine stagione e dati di consumo consolidati), ma occorre deliberarlo ora e  non dopo!

Per avere informazioni specifiche cosa si può fare? una nuova relazione dell'ingegnere abilitato e un'ulteriore spesa?

Grazie.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Simone Baldini

Rifare i calcoli delle potenze dei radiatori secondo me cambierà poco. Cioè se sono radatori vecchi avrai il medesimo risultato, se sono nuovi dovrai solo recuperare le schede tecnice EN443 ma anche li in molti casi risulta impossibile con certezza.

Del calcolo tubo, dipende se lo aveva calcolato, io lo ho sempre considerato dal 2013 fino a ieri, ma molti miei colleghi ma soprattutto chi installava ripartitori e chi li programmava non lo hanno mai considerato, quindi controlla bene se era considerato o meno.

La verifica stagionale è una cosa che di sova già la si faceva per avere una coerenza dei dati.

Quello che cambierebbe molto è il calcolo della quota involontaria, ma anche li dipende molto dalla bontà del progetto, e comunque non sarebbero scostamenti rivoluzionari, ma piccolissime correzioni.

Ovviamente se avere già un progetto UNI10200 si dovrà procedere ad una aggiornamento, che se fatto dal medesimo professionista potrebbe farvi un buon prezzo avendo già in mano tutto, gli basterà attendere l'aggiornamento del sw e con poco lavoro potrebbe aggiornarvi il tutto.

Comunque dalle migliaia di progetti che ho finora visto, pochissimi davano le giuste indicazioni per un riparto secondo norma, gli altri si limitavano al calcolo dei millesimi (quelli meglio fatti) al semplice calcolo delle potenze (quelli peggiori). Questo per dare un'idea di cosa ci stà in giro.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×