Jump to content
PLC Forum


Resolver e drive cliq siemens smc10


coquinati
 Share

Recommended Posts

Salve,

volevo chiedere un vostro parere ,mi trovo per le mani  un motore brushless retroazionato da resolver che devo applicare ad un azionamento siemens con interfaccia drive-cliq , ho cercato sul web ho trovato il modulo siemens smc 10 (6SL3055-0AA0-5AA00), premetto che è la prima volta che uso un resolver e dal quel che ho capito ilResolver necessita di un circuito demodulante che estragga l’ampiezza delle tensioni sinusoidali del circuito rivelatore e da questo ricavi l’angolo relativo tra i due circuiti.e poi necessita inoltre che i due circuiti siano alimentati 

non riesco capire se l'interfaccia dell'smc10 ha già questa funzione integrata,

qualcuno di voi è  mai capitato di fare un applicazione  resolver-smc10 ?

Link to comment
Share on other sites


deve essere alimentato solo il resolver, è il driver siemens che lo alimenta. Devi solo collegare correttamente seno coseno correttamente.

Link to comment
Share on other sites

14 ore fa, roberto8303 scrisse:

deve essere alimentato solo il resolver, è il driver siemens che lo alimenta. Devi solo collegare correttamente seno coseno correttamente.

grazie molte della risposta. 

quindi i collegamenti sono :
morsetto B (cos) del resolver collegato al morsetto 6 ,segnale resolver B                       (cos +)

morsetto C (sen) del resolver collegato al morsetto 3 ,segnale resolver A                       (sin +)

morsetto G (cos 0V) del resolver collegato al morsetto 7 ,segnale resolver  inverso  B   (cos -)

morsetto H (sen 0V) del resolver collegato al morsetto 4 ,segnale resolver  inverso  A   (sin -)

al morsetto A (V RIF)       del resolver collegato  al morsetto 9   (R1) l'eccitazione positiva   resolver 

al morsetto E (V RIF 0V) del resolver collegato  al morsetto 11 (R2) l'eccitazione negativa  resolver 

appena mi arriva il modulo SMC10  provo.

grazie ancors

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Salve girando per il forum ho trovato questa discussione rimasta a metà. Sono curioso di sapere se tutto ha funzionato?

I collegmenti da lei indicati mi tornano, solo due cose a livello generale:

1) Controlli la tensioni di eccitazione e la frequenza di eccitazione siano corrette o comunque compatibili. Ad esempio se il modulo eccita a 10kHz 10Volt e il resolver fosse un 400Hz 26V possono esservi dei problemi di stabilità della lettura.

2) Se tra resolver e interfaccia c'è un po' di cavo il consiglio e di utilizzare cavi a doppio schemo. Ovvero il cavo è composto da 3 o 4 doppini schermati singolarmente e le calze schermo sono isolate tra loro. Questi doppini sono a loro volta inseriti in un cavo con uno schermo generale.

Un doppino si usa per +/- Sin; un'altro si uasa per +/- Cos; un'altro ancora per +/- Ecc. Gli schermi dei doppini si collegano al modulo ai terminali 5 per Sin e 8 per Cos. Lo schermo del doppino +/- Ecc si collega a PE insieme allo schermo generale. Gli schermi dei doppini verso il connettore del resolver si lasciano aperti, mentre si deve collegare lo schemo esterno (quello che va a PE) al terminale F (schermo).

Naturalmente con uguale perizia devo essere collegati gli schermi e le terre del motore.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...
il 29/12/2018 at 21:51 , Seraviosper scrisse:

Salve girando per il forum ho trovato questa discussione rimasta a metà. Sono curioso di sapere se tutto ha funzionato?

I collegmenti da lei indicati mi tornano, solo due cose a livello generale:

1) Controlli la tensioni di eccitazione e la frequenza di eccitazione siano corrette o comunque compatibili. Ad esempio se il modulo eccita a 10kHz 10Volt e il resolver fosse un 400Hz 26V possono esservi dei problemi di stabilità della lettura.

2) Se tra resolver e interfaccia c'è un po' di cavo il consiglio e di utilizzare cavi a doppio schemo. Ovvero il cavo è composto da 3 o 4 doppini schermati singolarmente e le calze schermo sono isolate tra loro. Questi doppini sono a loro volta inseriti in un cavo con uno schermo generale.

Un doppino si usa per +/- Sin; un'altro si uasa per +/- Cos; un'altro ancora per +/- Ecc. Gli schermi dei doppini si collegano al modulo ai terminali 5 per Sin e 8 per Cos. Lo schermo del doppino +/- Ecc si collega a PE insieme allo schermo generale. Gli schermi dei doppini verso il connettore del resolver si lasciano aperti, mentre si deve collegare lo schemo esterno (quello che va a PE) al terminale F (schermo).

Naturalmente con uguale perizia devo essere collegati gli schermi e le terre del motore.

salve e buonasera ,

inanzitutto la ringrazio per l'interessamento e rispondo con molto piacere alle domande che mi ha posto ,

le confermo che lo schema dei collegamenti stabili nel mio messaggio Inserito il: Novembre 10, 2018 sono corretti.

obbligatoriamente  un cavo che comunica tra il resolver e il modulo che analizza e trasforma i segnali (SIEMENS SMC10) deve essere per forza presente per consentire una corretta interfaccia , la ringrazio di avermi fatto notare la necessita di una schermatura collegata a massa ( cosa che personalmente devo ancora collegare ) , proprio in questo sto soffrendo di un problema legato alla ampiezza di una delle 2 tracce A o B.

anche se credo che i problema riguardi il software è sempre utile avere una domanda in più da porsi .

cordiali saluti 

coquinati

Edited by coquinati
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...