Jump to content
PLC Forum


anguspap

condensatori a disco ceramici,testa viola e nera

Recommended Posts

anguspap

salve a tutto il forum,vorrei che mi qualcuno mi acculturasse:-)

devo sostituire dei condensatori a disco ceramici che hanno la caratteristica di avere alcuni il "cappello" viola e altri nero.

gugglando pare che c entri con la temperatura di esercizio.

i valori credo siano questi1,5-2,2-15-27,o almeno è quello che c è scritto sopra,quindi presumo siano pf,per il voltaggio dovrebbe essere sui 50 volt.

(è un modulino alimentato a 12v continui.)

in soldoni vi chiedo quanto è importante ripettare queste caratteristiche(cappello viola e nero) e soprattutto...ma dove li trovo??

ho gugglato molto ma trovato molto poco!

in particolare  mi interessano il 15pf testa viola,1,5pf testa nera e il 27pf testa viola.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nino1001-b

E' importante per te la temperatura di esercizio? Se la risposta è no rispetta il valore capacitivo, anche il più scadente dei condensatore ha un range di (a occhio) -10° - +60C)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
anguspap

sono moduli che finiscono nei sottotetti,quindi non credo si arrivi a 60 gradi,più che altro stanno accesi 24 su 24 per anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nino1001-b

Dipende in quale regione e in quale sottotetto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dott.cicala

Il cappello nero o viola non indicano la temperatura di esercizio ma il coefficiente di temperatura, cioè la variazione che subisce la capacità nominale al variare della temperatura.

 

Nero = NP0 = nessuna variazione al variare della temperatura

Viola = N750 = -750ppm/°C

Edited by dott.cicala

Share this post


Link to post
Share on other sites
patatino59

La testa nera indica un condensatore con variazione minima di capacità con la temperatura, chiamato NP0 (enne pi zero)

La testa viola indica un condensatore con dichiarata variazione negativa di capacità con la temperatura, chiamato N750

La necessità della stabilità in temperatura era molto sentita negli oscillatori e nei filtri RF, prima dell'uso generalizzato dei PLL e dei filtri digitali.

All'epoca si mettevano in parallelo condensatori di caratteristiche differenti cercando di compensare le singole variazioni di capacità.

I condensatori NP0, oltre ad essere piu costosi, erano anche disponibili con capacità non molto elevate, mi sembra al massimo 150 pF piu o meno.

Oggi provo una certa tenerezza nel sentire che ci sono ancora circuiti funzionanti con tali componenti dopo tutto questo tempo...

 

Ho risposto contemporaneamente a Dott. Cicala... :P

Edited by patatino59

Share this post


Link to post
Share on other sites
anguspap

intanto grazie delle risposte,quindi nero rimane stabile e viola varia la capacità con la temperatura.

qual è il senso di volere una variazione di capacità con la temperatura?

quando dici erano vuoi dire che non si trovano più in commercio?

qualcosa avrei trovato ma non con i valori che servono a me.

potrei sostituirli con altro o devo mettere proprio questi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri-z
4 minuti fa, anguspap scrisse:

qual è il senso di volere una variazione di capacità con la temperatura?

Solitamente ,,,,,,non si vuole , ma viene segnalato l'ambito in cui questo può accadere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
anguspap

riesumo il mio post perchè ci sto mettendo mano.

alla fine posso montare gli np0 al posto degli n750?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lorenzo-53

In produzione le aziende scelgono la qualità dei componenti, se non serve precisione optano per i meno costosi, solo in circuitazioni particolari dove sono richiesti componenti di qualità sono costrette ad usare componentistica migliore e quindi più costosa, in questo caso il costo incide in minima parte quindi tanto vale montare i condensatori più precisi

Share this post


Link to post
Share on other sites
anguspap

Grazie della risposta,quindi la risposta è si,anzi,in teoria dovrebbero essere meglio,comunque la differenza è veramente minima

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lorenzo-53

La differenza è minima sul singolo pezzo, se si tratta di produzione in quantità e si calcola anche un solo centesimo a componente, sia passivo che attivo, la cosa si fà interessante,

ricordo che anni fà (molti) era normale sostituire a tappeto i condensatori di alcuni preamplificatori e amplificatori con componenti di qualità, non che quelli montati fossero scadenti solo erano il minimo indispensabile e ad alcuni audiofili la cosa non andava a genio

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxmix69

Secondo me se c'erano gli N750 è perché da qualche parte c'era una variazione in positivo di qualche altra cosa e i condensatori compensavano. Probabilmente se ci metti gli NP0 avrai un comportamento diverso dei tuoi moduli al variare della temperatura.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
16 ore fa, anguspap ha scritto:

Grazie della risposta,quindi la risposta è si,anzi,in teoria dovrebbero essere meglio,

 

Credo di no, se sono stati usati a ragion veduta e non perchè erano mescolati nella casstte di montaggio.

Potresti essere meno generico nel descrivere il nmodulo su cui sono montati?, magari conoscendo la funzione del modulo si può dare un parere più mirato

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...