Jump to content
PLC Forum


costi sostituzione caldaia vecchia con caldaia a condensazione


umiki
 Share

Recommended Posts

Buonasera,

 

probabilmente dobbiamo sostituire la caldaia (si è guastata e all'ultima revisione ci avevano detto che è vecchia e fuorilegge, essendoci l'obbligo in regione piemonte di installare le caldaie a condensazione e le valvole termostatiche, in pratica ci avevano detto di non spenderci soldi ma di tirare avanti finché ce la faceva e metterci già nell'ottica che occorreva cambiarla).

Volevo capire a che cifra di spesa andiamo incontro per installare una caldaia a condensazione (+ valvole termostatiche per 5 termosifoni), chiaramente una stima grossolana per capire l'ordine di grandezza, considerando che si tratta di una seconda casa, appartamento in condominio fine anni 50 (stato originario, quindi non tanto ben coibentato), riscaldamento con termosifoni, 100mq, zona di montagna, la caldaia attuale è da 24KW, riscaldamento + acqua sanitaria (serve poter fare una doccia alla volta, c'è un bagno solo)

e se avete qualche consiglio su modelli o specifiche particolari utili nel nostro caso

 

è vero che nel nostro caso (impianto a termosifoni e caldaia che funziona nei weekend e poche settimane all'anno) con la caldaia a condensazione andremo a spendere di piu' per il riscaldamento? e che le caldaie a condensazione sono piu' delicate?

 

grazie

Edited by umiki
Link to comment
Share on other sites


  • Replies 54
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • Fulvio Persano

    10

  • umiki

    10

  • Simone Baldini

    8

  • skeptical

    8

Top Posters In This Topic

Posted Images

Cosa ha di rotto da doverci spendere più di 3000 euro per una a condensazione? Tenendo presente che come seconda casa la userete così poco che il risparmio lo vedrete dopo anni...

Link to comment
Share on other sites

13 ore fa, drn5 ha scritto:

Cosa ha di rotto da doverci spendere più di 3000 euro per una a condensazione? Tenendo presente che come seconda casa la userete così poco che il risparmio lo vedrete dopo anni...

chiaramente preferiremmo non spendere tanti soldi, ma già l'anno scorso il tecnico ci aveva detto che era da cambiare e non è a norma. Ci aveva fatto un preventivo per sistemarla per bene di svariate centinaia di euro, con il problema di avere comunque un impianto non a norma e con una vita residua limitatissima,

Certo che se riuscissimo a tamponare per qualche mese preferiremmo.

Si tratta di una caldaia Baxi Luna 240i. Non funziona piu' l'acqua calda (mentre funziona il riscaldamento).
Non siamo molto esperti di caldaie a metano, è la prima che abbiamo. Abbiamo comprato casa un anno fa, la caldaia faceva strani rumori e l'acqua calda andava e veniva per cui abbiamo fatto fare la revisione, il tecnico ha pulito lo scambiatore e dopo non faceva piu' rumore e l'acqua calda andava bene, ma ci aveva detto che non è a norma, di tenerla finché va ma di metterci nell'ordine di idee di cambiarla con una a condensazione. Siamo in un condominio, le canne fumarie non vanno bene per le caldaie a condensazione e nessuno ne ha ancora messa una, per cui speravamo di tirare un po' in là (tra qualche mese altri condomini metteranno la caldaia a condensazione per cui verrà affrontato il problema delle canne fumarie) dato che siamo già nelle spese.
Tutto è andato bene fino a domenica, quando non ha piu' funzionato la fornitura di acqua calda. Abbiamo fatto varie prove, sia cambiando un po' la pressione, sia provando a spegnere il riscaldamento, a volte viene un po' di acqua tiepida che poi diventa fredda. Facendo scorre l'acqua, la pressione è aumentata fino a toccare i 3 bar ....
 
Link to comment
Share on other sites

Il non e a norma vuol dire tutto e niente..... La sostituzione della esistente con una a condensazione non è obbligatorio. È obbligatorio, ma addirittura in alcuni rari casi no, l'installazione di una a condensazione quando vai ad installare la caldaia perché la vecchia è defunta. Troppo spesso gli installatori tendono a spingerti verso una nuova a condensazione per loro tornaconto/comodo.

Varrebbe la pena rivolgersi ad altri tecnici in zona per capire quanto veramente si può fare per sistemare quella che hai, magari rivolgendosi ad un tecnico non generico ma della Baxi.

 

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto
1 ora fa, umiki ha scritto:

Siamo in un condominio, le canne fumarie non vanno bene per le caldaie a condensazione e nessuno ne ha ancora messa una, per cui speravamo di tirare un po' in là (tra qualche mese altri condomini metteranno la caldaia a condensazione per cui verrà affrontato il problema delle canne fumarie)

Beh il tubo adatto per una a condensazione se c’è posto si può sempre far correre dentro la canna fumaria attuale, invito però a passare la mano dentro la canna fumaria di una caldaia “vecchia” e una in quella a condensazione, e vedere quale mano esce nera.

La questione è delicata perché si cambia caldaia anche per un fatto di inquinamento atmosferico, se ognuno di noi vedesse solo il proprio interesse dalle canne fumarie uscirebbe fumo molto inquinante di adesso che lentamente stiamo tutti sostituendo le vecchie caldaie.

Link to comment
Share on other sites

ciao, ho caldaia simile e problema simile per cui anche a me han detto di cambiarla

in poco meno di 2 anni ho già sostituito la 3 vie, l'attuatore della sanitaria ed un altro pezzo che non ricordo

ora la sanitaria non va quasi mai se non quando il riscaldamento è acceso, mi hanno parlato di scambiatore principale e pompa(?) con una spesa che non giustifica l'intervento

 

NOTA: le caldaie non a condensazione possono ancora essere vendute ed installate nei casi in cui ci sia una canna fumaria condominiale non idonea alla condensazione, se vai sul sito Baxi mi pare ce ne siano un paio di modelli...

Link to comment
Share on other sites

Simone Baldini

Il problema non è tanto cambiare la caldaia ma capire se la si puo' installare, due sono le verifiche da fare:

1) canna fumaria, devi poter intubare il condotto, quindi deve essere singola altrimenti va verificato per tutta la colonna

2) devi avere uno scarico dove mandare la condensa

Se hai tutti questi punti, ti puo' costare suo 3000 euro, poi dipende dal modello

Link to comment
Share on other sites

22 ore fa, Simone Baldini ha scritto:

Il problema non è tanto cambiare la caldaia ma capire se la si puo' installare, due sono le verifiche da fare:

1) canna fumaria, devi poter intubare il condotto, quindi deve essere singola altrimenti va verificato per tutta la colonna

2) devi avere uno scarico dove mandare la condensa

Se hai tutti questi punti, ti puo' costare suo 3000 euro, poi dipende dal modello

grazie per la stima

al momento le canne fumarie non sono compatibili, e nessuno dei condomini ha ancora affrontato il problema di dover installare la caldaia a condensazione, anche per questo volevamo aspettare, anche perché sappiamo che tra pochi mesi anche qualcun altro cambierà caldaia. Invece in un condominio vicino, assolutamente identico, alcune delle caldaie sono gia' state sostituite con caldaie a condensazione quindi sembrerebbe che, con opportuni lavori, si possa fare

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto
9 minuti fa, umiki ha scritto:

alcune delle caldaie sono gia' state sostituite con caldaie a condensazione quindi sembrerebbe che, con opportuni lavori, si possa fare

 

Il 8/2/2022 alle 13:12 , Alessio Menditto ha scritto:

il tubo adatto per una a condensazione se c’è posto si può sempre far correre dentro la canna fumaria attuale


Umiki a volte basta leggere un po’ attentamente quello che viene detto, e nel caso non si capisce si chiede di approfondire, avevi letto quello che ho scritto?

Se c’è posto nella canna, ovviamente previa ispezione del capo condominio, dall alto al basso si cala una canna adatta e si attacca al tuo scarico attuale, ovviamente è un lavoro un po’ impegnativo ma assolutamente possibile, qualche colpo di mazzetta e scalpello, un po’ di cemento e stucco e non si nota nulla.

Link to comment
Share on other sites

Mi Accodo al problema, purtroppo a quanto pare c’è questa tendenza a spingere verso la soluzione più lucrosa, ignorando di mettere tutti i fattori soggettivi di ogni installazione.

quando c’è poco da guadagnare ormai è quasi impossibile trovare qualcuno disposto a fare il lavoro. 

vale per tutti i settori, non solo la termo idraulica.


 

Link to comment
Share on other sites

Simone Baldini
52 minuti fa, Ale7676 ha scritto:

Mi Accodo al problema, purtroppo a quanto pare c’è questa tendenza a spingere verso la soluzione più lucrosa, ignorando di mettere tutti i fattori soggettivi di ogni installazione.

quando c’è poco da guadagnare ormai è quasi impossibile trovare qualcuno disposto a fare il lavoro. 

vale per tutti i settori, non solo la termo idraulica.


 

Non è questione di spingere su una soluzione piu' lucrosa, ma oggi la manodopera costa parecchio come i ricambi delle caldaie. A dicembre un cliente ha insistito per riparare la caldaia (16 anni di caldaia), siamo partiti dalle sonde, poi si è aggiunta la scheda, (prima spesa 400 euro tra ricambi e uscite), poi richiama a gennaio perchè non va piu' acqua calda, valvola 3 vie bloccata, piu' scambiatore a piastre ostruito, altri 350 euro di lavoro tra tutto. Alla fine ha speso 750 euro e ha ancora molti componenti vecchi  (ventilatore, bruciatore, ecc..) che sono usurati. Ovvio se non hai disponibilità economica fai il minimo, la francamente spendere 750 euro quando magari con 1500 al netto di conti vari la posso cambiare io non avrei dubbi.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Simone Baldini ha scritto:

Non è questione di spingere su una soluzione piu' lucrosa, ma oggi la manodopera costa parecchio come i ricambi delle caldaie. A dicembre un cliente ha insistito per riparare la caldaia (16 anni di caldaia), siamo partiti dalle sonde, poi si è aggiunta la scheda, (prima spesa 400 euro tra ricambi e uscite), poi richiama a gennaio perchè non va piu' acqua calda, valvola 3 vie bloccata, piu' scambiatore a piastre ostruito, altri 350 euro di lavoro tra tutto. Alla fine ha speso 750 euro e ha ancora molti componenti vecchi  (ventilatore, bruciatore, ecc..) che sono usurati. Ovvio se non hai disponibilità economica fai il minimo, la francamente spendere 750 euro quando magari con 1500 al netto di conti vari la posso cambiare io non avrei dubbi.

Sono d’accordo, ma io non mi riferivo al confronto fra riparare una vecchia caldaia malandata e installarne una nuova. A volte intervenire in questi casi è antieconomico. 

 

io mi riferivo al fatto che se per ragioni legate alle caratteristiche dell’immobile, decido di optare per la sostituzione con una caldaia a camera aperta, in osservanza comunque della t la normativa vigente, non trovo nessuno che me la monti.

non si trovano, non funzionano, io non la garantisco, ecc ecc. 

 

Edited by Ale7676
Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Ale siccome stiamo già discutendo nella discussione che hai aperto, se hai Amazon fai quello che ho appena fatto io, ossia scrivere “caldaia murale aperta”, e vedi quanti modelli di tutti i prezzi, anche bassi, che se ordini oggi domani ti consegnano.

Quindi 

8 minuti fa, Ale7676 ha scritto:

non si trovano,

la possiamo escludere, per le altre cose, dovresti chiedere a chi non te la vuole montare il perché, io ho un paio di idee in merito ma non è questa la discussione del titolo e non si può andare OT.

Link to comment
Share on other sites

Già fatto da subito. A maggior ragione questo conferma la malizia. 
Perché devi dirmi che non si trovano se io che non sono del mestiere in due giorni posso averla a casa?

Poi ci sono quelli si rifiutano di montarla perché dicono che danno dei problemi e non funzionano.

Strano penso io, che i più noti produttori di caldaie producano e commercializzino prodotti che anche l’ultimo degli installatori sa non funzionare. 
 

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Perché tu la vedi solo da un punto di vista, il tuo, quello del cliente, e non vuoi immedesimarti nei panni di un tecnico, che ha solo potenziali svantaggi a montare una caldaia comprata da te, a montarla a camera aperta quando è vietato (salvo eccezioni), per cui se succede qualcosa lui verrà lo stesso sicuramente chiamato a rispondere, a lui rimarrebbe in fondo solo il montaggio della caldaia senza nemmeno poterci ricaricare sopra qualcosa che gli permette di tirare avanti la baracca.

Tradotto ancora più semplicemente, non gli conviene fare cose troppo fuori dalla norma, però NON possiamo continuare in questa discussione, che non è la tua e nemmeno siamo in tema.

 

Link to comment
Share on other sites

 la situazione è progredita (o regredita) e ci siamo convinti a sostituire la caldaia. Volevo chiedere che tipo di caldaia a condensazione potrebbe andare bene per un appartamento di 100 mq in un piccolo condominio in classe energetica G (fine anni '50) posto in zona climatica F e utilizzato prevalentemente nel fine settimana (ma speriamo a breve di aumentare la permanenza), riscaldamento a termosifoni + acqua sanitaria (un solo bagno). Non possiamo spendere troppo, ma vorremmo anche fare un acquisto che vada bene dato che si tratta di una cosa cruciale che non si cambia tutti gli anni. Quindi non vorremmo fare cavolate per risparmiare pochi euro.

 

Ci siamo fatti dare dai vicini qualche nome di imprese della zona e i marchi principali che offrono (e su cui offrono assistenza) sono:

- Baxi

- De Dietrich

- Elco

- Bongioanni

- Riello

 

come sono? quali marche sono migliori e/o con miglior rapporto qualità/prezzo?

da 24KW potrebbe andare bene ? e ci sono altre caratteristiche che dovremmo guardare per scegliere consapevolmente?

 

sono da considerare le offerte tipo quelle di enel x che fanno anche sconto in fattura, e che come prezzi sembrano molto convenienti (sui 1600 compresa installazione, che diventano 600 con lo sconto in fattura) ma non comprendono un po' di cose che poi per una installazione "reale" sono necessarie, o sono da evitare ?

 

lo sconto in fattura sarebbe interessante, ma dubito che le imprese in zona lo facciano, e se anche lo facessero immagino lo farebbero pagare. Ci basterebbe poter detrarre ... è una cosa complicata poi poterlo portare in detrazione? si puo' fare anche se l'impresa non ti assiste su questo punto? per accedere alla detrazione del 65% ho visto che è necessario installare le valvole termostatiche e un termostato evoluto. Noi avevamo appena acquistato il termostato netatmo, dobbiamo cambiarlo per avere il 65%?

Edited by umiki
Link to comment
Share on other sites

Fulvio Persano

Ciao.

 

18 minuti fa, umiki ha scritto:

Scusate se apro un altro post

Sei scusato, certo, però ti ricordo che non è consentito aprire una nuova discussione per lo stesso argomento. Dovresti proseguira sempre sulla medesima.

 

Edited by Fulvio Persano
Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, Fulvio Persano ha scritto:

Ciao.

 

Sei scusato, certo, però ti ricordo che non è consentito aprire una nuova discussione per lo stesso argomento. Dovresti proseguira sempre sulla medesima.

 

l'ho fatto perché era cambiata la domanda, storicamente derivava da quella vecchia, ma il focus era diverso. Temevo che la domanda si perdesse. Comunque ok, cerchero' di tenerne conto anche per discussioni future

Link to comment
Share on other sites

Il 9/2/2022 alle 21:39 , Ale7676 ha scritto:

io mi riferivo al fatto che se per ragioni legate alle caratteristiche dell’immobile, decido di optare per la sostituzione con una caldaia a camera aperta, in osservanza comunque della t la normativa vigente, non trovo nessuno che me la monti.

situazione molto limitativa

deve esserci canna fumaria collettiva e preesistere una camera aperta 

Link to comment
Share on other sites

Il 12/2/2022 alle 21:17 , umiki ha scritto:

 lo sconto in fattura sarebbe interessante, ma dubito che le imprese in zona lo facciano, e se anche lo facessero immagino lo farebbero pagare. Ci basterebbe poter detrarre ... è una cosa complicata poi poterlo portare in detrazione? si puo' fare anche se l'impresa non ti assiste su questo punto? per accedere alla detrazione del 65% ho visto che è necessario installare le valvole termostatiche e un termostato evoluto. Noi avevamo appena acquistato il termostato netatmo, dobbiamo cambiarlo per avere il 65%?

 

La realtà è che chi fa lo sconto in fattura gonfia l'importo del 35-40%, quindi sei molto lontano dal risparmio teorico, volenti o nolenti questo è l'andazzo sotto gli occhi di tutti, d'altra parte i costi sono comunque saliti alla grande sull'onda euforica dei bonus.

 

Fatti fare almeno 3-4 preventivi comprensivi di pratica enea, se le cose girano come nella mia zona, minimo ci vogliono 3000 euro per caldaie base, per intenderci quelle che trovi parecchio sotto i 1000 euro su trovaprezzi, il netatmo penso lo puoi rimettere nella scatola, comunque se l'abitazione ha l'accesso ad internet richiedi un termostato avanzato con accesso alla rete così accendi per tempo ed arrivi con la casa calda.

 

Comunque casa in classe G in zona F ad uso week end si traduce con temperature di mandata tenute decisamente alte, ergo condenserà solo in fase di regimazione dell'impianto, poi sfrutti un delta rendimento decisamente più basso e sì, la caldaia è più delicata ed i costi di gestione sono più alti. 

Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, skeptical ha scritto:

La realtà è che chi fa lo sconto in fattura gonfia l'importo del 35-40%,

Chi non è onesto sì, chi è onesto no..

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...