Jump to content
PLC Forum


Scatti intempestivi differenziale a cascata - FULMINI


senzatempo76
 Share

Recommended Posts

Ciao A tutti

Mi servirebbero i vostri preziosi consigli / suggerimenti per risolvere un problema di scatti intempestivi , dati fondamentalmente da fulmini, l’obbiettivo è quello di garantire la continuità dell’erogazione anche in mia assenza.
 

L’impianto ha circa 30Anni ma da quanto ho potuto vedere è stato realizzato con tutti i criteri del caso a parte colori invertiti su qualche scatola di derivazione.

È una seconda casa di tipo indipendente in aperta campagna, in una zona dove ci sono frequenti temporali.

L’impianto di terra è ottimo ed ispezionabile con paletti in terreno argilloso.

 

Il mese scorso sono iniziate degli scatti intempestivi durante la notte in assenza di temporali , data la “vecchiaia” dei differenziali senza farmi troppe domande (che avrei dovuto farmi prima) ho acquistato e sostituito il differenziale a valle del contatore ENEL [Quadro Generale esterno) unica modifica rispetto a quello preesistente oltre il modulo aggiuntivo di riarmo automatico è stata la curva A al posto della AC del precedente.

Gli scatti intempestivi sono scomparsi (non ho capito se effettivamente il differenziale precedente e guasto o il distributore stava facendo delle manovre durante le tre sere in cui sono successi).

Pensavo di aver risolto definitivamente il problema, in seguito c’è stato un temporale e dopo un fulmine è scattato il differenziale del PIANO T , effettivamente non so se è scattato anche il principale perché avendo il riarmo automatico non ho fatto in tempo a verificare).

Ho iniziato a studiare un po' ed ho senz’altro individuato un errore nella scelta del nuovo differenziale generale che sarebbe dovuto essere un differenziale S selettivo e non di 30ma come quelli in cascata ma da 100 ma se non 300 ma. 

 

I miei dubbi sono quale secondo voi è la soluzione migliore tra le due che sto vagliando o forse ne potete suggerire altre ?

Soluzione 1

Acquisto nuovo differenziale TIPO A 25Amp. Ldn 0.3Amp S selettivo e lo sostituisco all’attuale che posso posizionare in uno dei due centralini , preferisco il piano T dove è la cucina ed il frigo/congelatore (elemento che deve essere sempre alimentato)

 

Soluzione 2

Dall’analisi dell’impianto e della normativa vigente, correggetemi se dico baggianate non vedo la necessita di avere dei differenziali puri a cascata , dovrebbe essere più che sufficiente il differenziale a valle del contatore nel quadro generale.

Quindi se non ho detto baggianate posso tranquillamente eliminare i differenziali interni o almeno quello del PIANO T.

Dal contatore al quadro generale filo Gommato 2X10mm passato in corrugato da 50 interrato e protetto da cemento.

SPD   suppongo dimensionati correttamente.

Differenziale puro TIPO A 25Amp 6000Kva ldn 0.0.3Amp

Magnetotermico C16

 

Dal QUADRO GENERALE

Partono 2 linee

Piano T    (gommato 3x2.5) passato in corrugato nei muri pochi metri e senza interruzioni (in realtà c’è un interruzione dal magnetotermico parte con due fili da 3mm per c.a 50 cm nella scatola generale sotto il generale parte i gommato verso piano T, Ma se posso omettere il differenziale preferisco ripassare il cavo )

Piano superiore sempre in corrugato muro la linea è di 3mm

 

dettaglio quadro

 

Altra domanda c’è un motivo per il quale è stato usato un gommato per la linea del piano terra secondo voi,

non riesco a capirne il motivo ma forse è per mia ignoranza…

 

Grazie a tutti per l’attenzione ed i preziosi consigli suggerimenti

Senzatempo76

Edited by senzatempo76
problemi di inserimento post
Link to comment
Share on other sites


Ciao, il mio punto di vista:

Contatore Enel,interruttore magnetotermico 32a 6000ka n.b. se ci sono più  di tre metri di cavo tra contatore e m.t.va bene anche un 4500ka.  Se non  ci sono masse non serve il differenziale in partenza..il tipo a per esperienza risolve spesso scatti dovuti a fattori esterni, senza usare un più costoso immune.

Link to comment
Share on other sites

per il differenziale esterno ti consiglio tipo A 300mA immune ai disturbi, io su amaz ne ho trovato uno a buon prezzo.

 

quello che hai preso mettilo all'interno.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Ciao Ivano,per quello che so  almeno 3 metri di cavo   di adeguata sezione assorbono energia tale da permettere a un 4500ka di funzionare.Io comunque uso un 6000ka.

Link to comment
Share on other sites

22 ore fa, senzatempo76 ha scritto:

in seguito c’è stato un temporale e dopo un fulmine è scattato il differenziale

del PIANO T ,..... 

dove è la cucina ed il frigo/congelatore

- probabile  dipenda dai Cavi che alimentano le Luci Esterne, fungono da "Antenna" captando

i Disturbi Elettromagnetici . . 

- Anche dove abito, durante il Temporale, di 3 Differenziali AC qualche volta è scattato quello

che alimenta anche le Luci Esterne . 

1) Se hai spazio nel Centralino e riesci a portare 2 fili da 1,5mmq fino a Congelatore / Frigo,

aggiungi un MagnetoTermicoDifferenziale C10 /Idn30mA anche di Tipo AC, dedicato,

indipendente dall' altro Differenziale.. 

-

2) Altrimenti potresti sostituire il Magnetotermico C10 delle Luci Interne p. T con un

MagnetoTermicoDifferenziale C10 /Idn 30mA, meglio se di Tipo F, 

Poi collegare la Presa di Congelatore e/ o Frigo alla Dorsale Luci Interne . 

-

3) Meglio ancora sarebbe rifare il Centralino con un Magnetotermico Generale di Quadro e

3 o 4  MagnetoTermiciDifferenziali.. 

-

23 ore fa, senzatempo76 ha scritto:

Acquisto nuovo differenziale TIPO A 25Amp. Ldn 0.3Amp S selettivo

Per logica va messo vicino al Contatore a proteggere l' intero Impianto, compresi 100metri di Cavo  . 

-

Buona Domenica ! 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...