Jump to content
PLC Forum


Rewiev sui cavi BT


Benny Pascucci
 Share

Recommended Posts


Buon giorno , e complimenti per il documento che hai messo a disposizione estremamente chiaro e pratico.

Vorrei chiederti le seguenti spiegazioni :

Premetto che il mio campo d'applicazione è relativo alle macchine e quindi normalmente faccio riferimento alla EN60204-1

1) Per quanto riguarda il fattore di riduzione k2 la EN60204 si ferma a 9 circuiti , mentre altre norme arrivano a 20 circuiti per la posa a fascio. Come mai queste diversità? Per le macchine cosa è consigliato utilizzare?

2) Nel capitolo "Sintesi" del tuo documento dove riassumi i passi da seguire per il dimensionamento del cavo non ho trovato considerazioni relative al dimensionamento del cavo nei confronti della Icc per fare in modo che la condizione Zs x Ia <= di Uo. Come consigli di procedere?

Grazie per l'eventuali spiegazioni che vorrai dare.

Documenti come il tuo , sono ottimi spunti per rivisitare le metodologie che si applicano nel lavoro quotidiamo e magari imparare a farle meglio.

PS

Speriamo che tu vinca più spesso la tua naturale pigrezza e metta disposizione altri documenti come questo.

Link to comment
Share on other sites

Benny... Hai esagerato col copia-incolla.

Il cavo H07RN-F ha l' isolante (da catalogo Prysmian) in "Gomma di qualità EI4 di colore nero, che conferisce al cavo elevate caratteristiche elettriche, meccaniche e termiche".

Evvaiiiiii..... Ho ripreso il prof...... Il sogno di una vita che si avvera.... :superlol:

Link to comment
Share on other sites

Benny Pascucci
Benny... Hai esagerato col copia-incolla.
Hai ragione, ma se avessi voluto nasconderlo non avrei linkato il catalogo Prysmian.... :rolleyes:

Comunque, essendo le scienze polimeriche, dopo quelle elettriche, la mia seconda passione, ho un pHD in specialista in polimeri (la comune plastica) ed ho lavorato ben sei anni come ricercatore in quel campo, ho preferito non dire bulla di mio sull'argomento temendo di essere tacciato saccente....La descrizione data dalla Prysmian, per quel tipo di cavo, seppure un tantinello commerciale, lo descrive bene....

Evvaiiiiii..... Ho ripreso il prof...... Il sogno di una vita che si avvera.... :superlol:
:thumb_yello: ....io non mi potevo permettere di farlo col mio prof....era di un'ignoranza paurosa (speriamo non legga questo forum)...mi faceva troppo pena.... :unsure:

Per Aude....mi documento meglio sulla EN60204-1 e ti faccio sapere.

Nel capitolo "Sintesi" del tuo documento dove riassumi i passi da seguire per il dimensionamento del cavo non ho trovato considerazioni relative al dimensionamento del cavo nei confronti della Icc per fare in modo che la condizione Zs x Ia <= di Uo.
Hai ragione, ma è un documento per una terza di un istituto professionale....se avessi cominciato a introdurre il coordinamento protezion-cavo gli studenti mi avrebbero linciato.... :P . Comunque ne parlerò. Edited by Benny Pascucci
Link to comment
Share on other sites

Benny Pascucci
Premetto che il mio campo d'applicazione è relativo alle macchine e quindi normalmente faccio riferimento alla EN60204-1
Premetto che il mio campo di applicazioni è relativo agli impianti elettrici e faccio rierimento alla CEI 64-8....ognuno è affezionato alla sua parrocchia....

Scherzo.... ;)

Mi sono documentato sulla EN60204 e devo dire che no ho trovato grosse differenze tra queste e la CEI 64-8.

Per entrambe il coefficiente K2 fa riferimento, per cavi installati in fascio o strato, al massimo a 20 circuiti o 20 cavi multipolari.

Per entrambe il coefficiente K2 fa riferimento a 9 cavi per ogni supporto (passerella) per un massimo di 3 passerelle.

Una differenza l'ho trovata ed è ralativa al coefficiente di temperatura k1, che nella 64-8 è assunto uguale a 1 per T=30°C, nella EN60204 è assunto uguale ad 1 per Tamb=40°C.

Qundi, essendo le due normative del tutto equivalenti, puoi riferirti indifferentemente all'una o all'altra.

Per quanto concerne la verifica della protezione-cavo, questa ovviamente va fatta in un sistema TN ove la protezione dai contatti indiretti è fatta non ricorrendo ai differenziali. Ovviamente, si poteva fare solo un discorso qualitativo, in quanto la verifica della condizione da te citata, va fatta una volta che sia stata scelto il dispositivo di protezione e quindi sia nota la sua caratteristica (I,t).

Per la verità nella mia dissertazione, che non voleva essere esaustiva di tutto lo scibile sui cavi, manca anche la verifica dell'Iquadrot (ma di questo ho già parlato in un mio precedente post).

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...