Jump to content
PLC Forum


Costruire Un Serbatoio Per Aria Compressa In Alluminio Spessore 4 Mm


unopiuuno
 Share

Recommended Posts

salve a tutti, come lavoro saldo alluminio e costuisco coperture tra qui evaquatori fumo calore EFC .andando in rete mi sono imbattuto nel progetto per autocostruire un compressore .i vari componenti( motore frigo , ,manometri, raccordi ,ecc li ho gia tutti recuperati qua e la , a dir la verita anche in poco tempo. il termostato mi e' costato 33 euro. per la valvola di sicurezza e quella di non ritorno mi devo ancora informare. uno dei motivi che mi ha spinto a cominciare questa avventura e' la silenziosita' di questi compressori e un po' anche la voglia di trafficare. la mia domanda e questa. inanzi tutto posso collegare 3 motori da frigo in linea andando tutti nel serbatoio con lo stesso tubo? e sufficente come serbatoio max diciamo 10 bar un parallelepipedo rettangolo in alluminio spessore 4 mm misure 200 x 100 x 700 saldando dei piatti sempre di alluminio sp. 5 mm larghi 50 mm in corrispondenza dei fori filettati, e tutto intorno a formare una griglia di sostenimento coprendo quasi la totalita della superfice ? ringrazzio in anticipo

Link to comment
Share on other sites


ehm..unopiuuno non ci conosciamo di persona, ma da amico ti consiglio di lasciar perdere i serbatoi autocostruiti, per giunta di forma parallelepipeda....

non metto in dubbio la tua professionalità nel saldare alluminio (come saldi a TIG?) ma ti faccio una domanda, hai mai visto serbatoi per fluidi in pressione a forma di parallelepipedo? perchè i tubi che trasportano fluidi, come olio, aria, gas in pressione sono di forma circolare (escludendo la facilità di giunzioni)?

meditate gente, meditate

volendo puoi entrare con un tubo unico, non conosco la geometria interna del compressore, ma per sicurezza monterei una valvola di non ritorno su ogni compressore, che poi confluiscono tutte in un unico tubo

che attrezzi utilizzerai con il tuo compressore? aerografi? avvitatori pneumatici?

se devi utilizzare solo aerografi, dimensionando adeguatamente i tubi puoi evitare benissimo il serbatoio....

facci sapere

ciao

Link to comment
Share on other sites

ehm... ciao babydriver a dire la verita' ho fatto questa domanda nel momento stesso che pensavo a come recuperare un serbatoio piccolo e sopratutto gratis. nel frattempo dopo una buona dormita e un po di ragionamenti mi sembrava di aver scritto uno ****. in effetti come dici tu tutti i serbatoi o simili hanno forma cilindrica . non mi resta che passarmi in rassegna tutti i ferri vecchi della zona.a proposito del dimensionamento dei tubi per collegare piu motori intendi esempio partire dal primo motore con un 6 all'attacco del secondo un 8 e sul ultimo sezione 10 ? durante le pause della verniciatura devo staccare anche i motori ? scusa ancora per la rompata.ciao

Link to comment
Share on other sites

Adelino Rossi

Ti do alcune informazioni riferite a quando i compressori costavano molti-molti soldi per degli hobbisti.

Il migliore compressore cho mi sono autocostruito aveva un serbatoio di recupero di un impianto a metano opportunamente bonificato per auto e tre compressori da frigo.

Le classiche bombole da GPL vuote sono internamente piene di residui solidi di gpl e sono pericolose da lavorare meccanicamente.

I compressori da frigo classici sono piccoli e hanno una bassa portata d'aria, io ne avevo installati tre in parallelo, non è un problema di portata, tubi da

8-10-12mm vanno bene. I tempi di ricarica di un serbatoio polmone sono lunghi, io lo usavo per verniciare modelli con aerografi da modellismo, non ho mai verniciato

con aerografi standard. I compressori in oggetto sono immersi per metà in olio che serve per la lubrificazione e per il raffreddamento.

C'è un trascinamento visibile di olio nell'aria compressa. Sul fondo del serbatorio avevo installato una valvola di spurgo.

Ovviamente avevo installato il pressostato, un manometro e una valvola di sicurezza.

I compressori, motore e compressore, sono inglobati in un unico contenitore e senza il pompaggio del gas hanno problemi di raffreddamento,

per questo è opportuno mantenere collegata la pastiglia termica.

Io ne facevo un uso molto parzializzato, un grande serbatoio polmone e poco consumo d'aria.

Migliori risultati, con riferimento al compressore, si possono ottenere con i compressori degli impianti frigo delle celle frigorifere.

Il cablaggio elettrico di tre motori con i condensatori, un pressostato ecc. deve essere fatto in sicurezza.

I collegamenti pneumatici, vista la possibilità di raggiungere i 10 bar devono essere fatti con componenti a norma.

Il risultato finale, nel mio caso, si presentava ingombrante e pesante e certamente non facilmente trasportabile.

Infine per ragioni di sicurezza non puoi far usare a nessuno, (amico o famigliare) il tuo compressore, se succede qualche incidente

a terze persone finisci nei guai seri.

Attualmente, (a mio parere) i costi di un compressore per uso hobbistico pronto e collaudato sono cosi accessibili che non si giustifica più l'autocostruzione, se non per passione.

Link to comment
Share on other sites

Ho recuperato un compressore di un condizionatore da 1,3 kW è uno di quelli alti cilindrici credo sia tipo scroll (ammetto che non so cosa vuol dire scroll) la mia intenzione è di provare a installarlo al posto di un compressore a pistone di tipo hobbystico recuperando quindi serbatoio pressostato vavola di sicurezza ecc. devo prestare qualche attenzione particolare? è dotato di clickson per la sovratemperatura quindi per il surriscaldamento è protetto, lo userei sempre in modo hobbistico, cosa ne pensate vado avanti o e meglio lasciar perdere ? :huh:

Link to comment
Share on other sites

ho fatto questa domanda nel momento stesso che pensavo a come recuperare un serbatoio piccolo e sopratutto gratis

Se ti serve un serbatoio sicuro a costo zero, rivolgiti ad una ditta di manutenzione estintori e chiedi se possono darti un vecchio estintore a polvere non più a norma, di solito te lo regalano volentieri perchè dovrebbero pagare per farlo smaltire (naturalmente specifica che ti serve per un compressore). Sono serbatoi con pressione di scoppio di almeno 70 bar, la pressione a cui lavorano è compresa tra 14 e 18 bar e la valvola di sicurezza è tarata a circa 22bar. La valvola puoi lasciarla al posto suo dopo aver scaricato l'estintore (se non è già scarico) e ripulito internamente dai residui di polvere, trovi facilmente dei raccordi da 1/4" che puoi avvitare al posto del tubo, per tenere la valvola sempre aperta si tiene premuta la leva con una fascetta (o si fanno dei nuovi fori per tenere la spina di sicurezza inserita anche in quella posizione). Trovi facilmente estintori da 6 o 9kg, soprattutto i primi perchè più utilizzati.

Ciao :)

Edited by LB81
Link to comment
Share on other sites

N.B: Un noto produttore di compressori (non ricordo se Fini o Abac) commercializza serbatoi portatili a caro prezzo, dotati di una valvola già adatta per l'uso. In realtà, si tratta proprio di serbatoi per estintori da 6kg, però costano più di un estintore nuovo :ph34r:

Ciao :)

Edited by LB81
Link to comment
Share on other sites

:huh: applicare ad un serbatoio di recupero (!!!) 1 o più compressori di derivazione "frigorifera" non avendo la minima idea di cosa sia la "pressione distribuita su 1 cm2" , equivalente all' ATM, può veramente diventare PERICOLOSO !!! :ph34r:

1° i compressori frigoriferi possono tranquillamente "spingere" anche a 40/45 BAR (tipo utilizzati per 410A)

se non opportunamente controllati da valvola di sicurezza ...... AIUTO !!!

2° gli stessi compressori utilizzano l'olio lubrificante come dispersore del propio calore infatti nel normale circuito frigorifero lo stesso olio viene miscelato con il gas frigogeno che nel ciclo di lavoro viene abbattuta la eventuale temperatura di eccesso,di conseguenza utilizzato come compressore aria , prima o poi ci si trova senza olio lubrificante, "cotto" e tanti saluti... al bricolage

3° recuperare serbatoi tipo: estintori, bombole gpl e vasi di espansione nessuno può dire in che condizioni sono stati "trattati" ad occhio nudo non si può vedere una "cricca" su una saldatura, in un momento a noi sconosciuto può cedere e non è il caso di stare vicino !!!

Infine aggiungere valvola di ritegno, valvola di sicurezza (ispel o comunquer omologata), pressostato (omologato), regolatore di pressione, ovviamente un manometro per la lettura e tutto ciò che necessita per l'assemblaggio.... c'è sempre un costo non indifferente

Come giustamente:

Infine per ragioni di sicurezza non puoi far usare a nessuno, (amico o famigliare) il tuo compressore, se succede qualche incidente

a terze persone finisci nei guai seri.

non è assolutamente il caso.... i compressori hobbistici hanno costi alla portata di tutti, e il costruttore certifica la costruzione ed è RESPOSABILE di eventuali anomalie o peggio "incidenti" ;)

Walter64

Link to comment
Share on other sites

FattoreDiPotenza

Quoto quanto detto da walter64 , facendo solo una nota tipica da "precisino del cavolo" , non avermene male... :lol:

non avendo la minima idea di cosa sia la "pressione distribuita su 1 cm2" , equivalente all' ATM

Primo la pressione è distribuita sì sulla superficie ,ovviamente, ma fisicamante la PRESSIONE e le sue unità di misura si basano sul peso (Kg) che grava sulla superficie o meglio ancora la forza (N).

Un unità che dà subito un'idea della cosa è l'atmosfera tecnica (at) che equivale ad 1 Kg su cm2 = 10 mH2O = 98.066,50 Pa

Tanti la confondono con i bar , diciamo che ci vanno vicini 1 bar = 1,019 kg/cm² , ma non è esatto.

ATM è l'Azienda Trasporti Milanese.

Si scrive in minuscolo.

quindi atm , cioè atmosfera metrica

1 atm = 101.325 Pa (l'atm è una misura fuori SI quindi ci si riferisce più volentieri al Pascal)

Edited by FattoreDiPotenza
Link to comment
Share on other sites

Primo la pressione è distribuita sì sulla superficie ,ovviamente, ma fisicamante la PRESSIONE e le sue unità di misura si basano sul peso (Kg) che grava sulla superficie o meglio ancora la forza (N).

Un unità che dà subito un'idea della cosa è l'atmosfera tecnica (at) che equivale ad 1 Kg su cm2 = 10 mH2O = 98.066,50 Pa

Tanti la confondono con i bar , diciamo che ci vanno vicini 1 bar = 1,019 kg/cm² , ma non è esatto.

ATM è l'Azienda Trasporti Milanese.

Si scrive in minuscolo.

quindi atm , cioè atmosfera metrica

1 atm = 101.325 Pa (l'atm è una misura fuori SI quindi ci si riferisce più volentieri al Pascal)

:lol::lol:

Hai ragione.... ma indipendentemente dal fatto come si scrive correttamente la pressione atmosferica (la scrivo tutta onde incorrere in errori ) rimane sempre il fatto che non ci vuole niente a farsi o a fare molto MALE.

Un contenitore destinato a fare da serbatoio ha a monte una progettazione (diametro, lunghezza, capacità e uno spessore idoneo con materiale adeguato) ragionando si possono utilizzare i serbatoi di recupero, ma oggi dichiarazioni CE e sopra ogni cosa la responsabilità di una qualunque tipologia d incidente ..... è sicuramente meglio desistere

comunque grazie

P.S.

qualunque serbatoio destinato a contenere liquidi/gas a pressioni superiori a 0,49 Bar sono soggettii a seguire norme e certificazioni di collaudo I.S.P.E.L.

max diciamo 10 bar un parallelepipedo rettangolo in alluminio spessore 4 mm misure 200 x 100 x 700 saldando dei piatti sempre di alluminio sp. 5

e non azzardiamo avventure !!!

sono influenzato ...

cordiali saluti a tutti Walter64

Link to comment
Share on other sites

3° recuperare serbatoi tipo: estintori, bombole gpl e vasi di espansione nessuno può dire in che condizioni sono stati "trattati" ad occhio nudo non si può vedere una "cricca" su una saldatura, in un momento a noi sconosciuto può cedere e non è il caso di stare vicino !!!

I serbatoi per estintori sono molto sicuri, perchè realizzati per sopportare pressioni molto più alte di quelle di esercizio. Un serbatoio di un estintore a polvere omologato in base alla vecchia norma (D.M. 20/12/82) deve essere collaudato ogni 6 anni alla pressione di 3,5Mpa (circa 35 bar), mentre uno più recente marchiato CE risponde alla direttiva PED ed è sufficiente collaudarlo ogni 12 anni alla pressione punzonata sul serbatoio. I comuni vasi di espansione è meglio lasciarli perdere, perchè sono dimensionati per pressioni più basse.

Molti estintori omologati in base alla vecchia norma sono stati messi fuori servizio, perchè più vecchi di 18 anni rispetto all'entrata in vigore della nuova norma EN 3-7 (D.M. 07/01/05), la quale ha stabilito questo ultimatum per l'eliminazione dei vecchi estintori. Presso una ditta si possono trovare anche serbatoi abbastanza recenti, ma messi fuori servizio prima dell'ultimatum (per convenienza economica). Un serbatoio del genere è perfetto per lo scopo, ma deve essere dotato di valvola di sicurezza tarata a pressione non superiore ai 22 bar originali.

N.B: Un noto produttore di compressori (non ricordo se Fini o Abac) commercializza serbatoi portatili a caro prezzo, dotati di una valvola già adatta per l'uso. In realtà, si tratta proprio di serbatoi per estintori da 6kg, però costano più di un estintore nuovo

Si tratta dell'art. 308600000, chiamato 6000/F AIR TANK 6 (serbatoio 6lt), di produzione Fini. Si può vedere su questo catalogo, è un serbatoio per estintori da 6kg marchiato CE ed è venduto a circa 105€ (un estintore nuovo costa circa 50-75€).

Ciao :)

Edited by LB81
Link to comment
Share on other sites

  • 5 years later...

Domanda....io ho recuperato un serbatoio da un mio vecchio compressore ho rotto la cinghia e ho finito con il bruciare il motore vi lascio immaginare la puzza di grimo ..ora l' ho sostituito ma prima di portarlo in discarica prendendo spunto dal detto in natura nulla si crea nulla si distrugge e divertendomi a trafficare l'ho smontato e pensavo una volta recuperati alcuni componenti di costruirmi un serbatoio portatile ma son ignorante patentato in materia...mi potete aiutare dicendomi i componenti necessari e dandomi lo schema? :worthy:

Edited by BlueShark
Link to comment
Share on other sites

Elvezio Franco

Scusa,ma non ti sei accorto che questa discussione e' finita nel 2008?

Usala per informazioni ma non per porre domande,se non hai trovato le risposte qui',devi aprire una tua nuova discussione esponendo il problema con le informazioni possibili.

Ciao.

P.S. Inoltre e' proibito dal regolamento accodarsi alle discussioni altrui.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...