Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
Marcos2000

Annosa Questione Sugli "anticalcare" e coadiuvanti - Soldi buttati o giusto mantenimento?

Recommended Posts

DJ_Gabriele
elenoci+30/01/2012, 11:31--> (elenoci @ 30/01/2012, 11:31)

Se funziona solo per acque fino a 35°F allora significa che NON funziona in quanto l'acqua "dura" inizia proprio a partire da quella soglia! ohmy.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciccio 27

Sto vicino Pisa ( sad.gif ), Lorenzo è più vicino a te! wink.gif

Magnete per magnete, meglio una resistenza a rivestimento ceramico stile Samsung.

Ma, come dice Gabriele, i residui fissi non calano... tongue.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
DJ_Gabriele

Mi permetto di fare una puntualizzazione!

TUTTE le resistenze elettriche utilizzate nelle lavatrici, nei forni e nelle lavastoviglie sono a rivestimento ceramico! Samsung (come suo solito) ha solo trovato la cosa interessante dal punto di vista del marketing!

Il filo riscaldante (nikel-cromo, sottile come quello di un asciuga capelli) è immerso in un materiale appunto ceramico, quale il biossido di titanio o più spesso ossido di magnesio, che lo avvolge, oltre ad uno strato superficiale di metallo oppure ossido (ossia materiale ceramico) come rivestimento. Come dire: la (non) invenzione dell'acqua calda!

Edited by DJ_Gabriele

Share this post


Link to post
Share on other sites
klsrc

clap.gif

Prima o poi inventeranno la prima lavatrice elettronica che "non dimentica mai il programma", anche nel caso in cui la macchina rimanesse senza corrente per un mese...

Rimonteranno i timer meccanici tongue.gif

Gli anticalcare magnetici non li ho mai visti in funzione, quindi non so proprio se funzionino o no.

Leggendo qua e la nei vari siti, dicono che trasormano il calcare in aragonite per mezzo di un fortissimo campo magnetico, generato appunto da due magneti permanenti.

Sempre a detta di loro, in pratica, si dovrebbe anche vedere questa aragonite nell'acqua di lavaggio... bla bla bla.

Se è vero quello che dite, che non funziona per le acque di durezza superiore a 25°F (o 35?)...

Bo...

A sto punto mi sembra un qualcosa di inutile, no?

Faccio prima a montare due altoparlanti sul tubo di carico laugh.gif

Come Ciccio, continuo a preferire le resine thumb_yello.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
elenoci

Il problema delle resine è che distruggono le tubature. Oggi ho parlato con un mio collega che rappresenta per il lazio una azienda produttrice di prodotti industriali di potalizzazione e mi confermava che dopo l'impianto alle resine va aggiunto per forza un polifosfato per evitare corrosione.Questi polifosfati oltre 90C creano sali ionizzati che ancora non hanno capito bene quanto possano essere dannosi per l'organismo. Perciò sono alimentari perchè considerano l'acqua che bevi, non quella che cucini. Per l'osmosi è lo stesso discorso... Ci vuole il polisfosfato che fa una pellicola protettiva ai tubi. L'aragonite sarebbe stata ottima. Non inquina nulla, perchè il cacl2 mgcl2 sono altamente inquinanti. tanto per dirne una!!! E poi sempre questo rischio di infestazione batterica che c'è!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciccio 27

Questa storia del danneggiamento dei tubi non la sapevo...

Sapevo invece il contrario: montare un addolcitore per tutto l'impianto domestico "ripulisce" i tubi dai depositi di calcare che con gli anni limitano il flusso d'acqua.

Quando alla Techna volevo strafare non ascoltando i suggerimenti della spia mancanza sale come niente la serpentina s'incrostava. Bastavano però pochi cicli a sale ricaricato e da sola ritornava come nuova! smile.gif

Ancora però non ho capito come fanno le tabs multifuzione a fare la funzione del sale e specialmente quella del brillantante, specie se tra lavaggio e asciugatura si frammettono più di un risciacquo... senzasperanza.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
elenoci

Il deca a resine pulisce i tubi sia per la solvenza dell'acqua sia per il carbonato di sodio che è anche molto aggressivo per ferro e ottone.

Per il muntifunzione è molto semplice. La funzione sale è nella sola fase di lavaggio con l'utilizzo di sequestranti organici molto costosi ed efficenti sicuramente più del deca.La dose di brillantante viene distribuita in modo molto approssimativo circa alla fine del lavaggio principale in modo di aderire alle superfici per tutta la durata dei risciacqui.L'ultimo risciacquo caldo è in assenza sale, almeno credo.. La protezione della resistenza dovrebbe essere inferiore rispetto al lavaggio classico.Anche se ripeto che a me si forma solamente in pochi punti non raggiunti dall'acqua, cioè agli angoli estremi.Comunque anche a me il sistema non piace. Secondo me troppo aggressivo. Però usando sapone liquido, fatico ad abbandonarlo perchè non ho un graffio a bicchieri e vetro, anche con l'intensivo, e pultroppo i liquidi sono solo multifunzione!! E poi lavano da subito senza lasciare il minimo residuo di polvere. Smonti la lava e trovi tutto pulitissimo!!! Dovrebbero inventare un liquido solo lavaggio e con enzimi, il finish è a base di cloro ed è troppo nocivo.. Prill gel tutta la vita, provatelo e torna tutto nuovissimo!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
rimonta

In realta' l'acqua troppo dolce puo' corrodere materiali come alluminio, almeno cosi' scrivono sulle istruzioni dei ferri da stiro a caldaia non in acciaio o sulle vari vaporetti con serbatoio non in acciaio, quindi sulle tubazioni in ferro credo che forse un'acqua troppo dolce possa essere davvero nociva per lo stesso motivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciccio 27
elenoci+1/02/2012, 23:51--> (elenoci @ 1/02/2012, 23:51)

Logico che il sale alla fine non c'è.

Ma il Finish gel non è mica multifunzione! O adesso sì? senzasperanza.gif

E comunque non c'è ad esempio il Carrefour gel?

Share this post


Link to post
Share on other sites
elenoci

Il carrefour è in pratica il finish gel. Non ha enzimi come il prill ed è a base di cloro che come saprai a temperatura libera sostanze cancerogene ed è pure molto schiumogeno... la mia macchina anche con le pastiglie la sento girare lentissima per troppa schiuma. Francesco provalo sto prill.. Costa poco.. In offerta lo prendo sempre a 4 euro per 750ml e ci fai 27 lavaggi testati. Circa 0.15 a lavaggio contro una media tra sale brillantante e sapone in polvere pagato 2 euro/kg di 0.10 a lavaggio.Alla fine del mese spendi 1.5euro in più ma con risultati eccellenti.E altro discorso importante che è confezionato in bicomponente.Eliminano il problema del deposito sul fondo della parte pesante. Con il finish dovresti agitarlo sempre per non rischiare di dosare solo liquido.Su youtube girano video di lavaggi bosch eco50 con il loro prill tedesco "non ricordo il nome".Wow.. mettono dentro pentole che fanno veramente schifo e alla fine tutto brillante. Da una lucentezza che tutto sempra uscito nuovo di fabbrica. Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
DJ_Gabriele

elenoci+2/02/2012, 08:24--> (elenoci @ 2/02/2012, 08:24)

Non diciamo scemenze eh! ohmy.gif

Anche se il detersivo fosse li a liberare tutto il cloro contenuto come gas, questo NON è cancerogeno, semmai irritante ma insomma! Un po' di serietà in quello che si dice!

Poi, posso accettare che l'acqua eccessivamente dolce rovini le tubature ed i bicchieri però specifichiamo che questo accade a valori di durezza sotto i 5°F! Mentre gli addolcitori delle lavastoviglie (e anche quelli per l'impianto di casa) sono tarati a valori intorno ai 15°F proprio per quello!

thumb_yello.gif

Edited by Diomede Corso

Share this post


Link to post
Share on other sites
elenoci

Oiiiiiii ma qui si arrabbiano tutti??? biggrin.gif

Il cloro è l'elemento più dannoso presente in natura. A temperatura sbianca e libera diossine. Per esempio: http://www.greenpeace.it/inquinamento/cloroeapplicazioni.htm

Per quanto riguarda i bicchieri che si graffiano siamo stati capiti male. Sto discutendo la differenza tra polvere e liquido. Nessuno può dirmi che non è vero che la pressione della lavastoviglie può non sparare detersivo ancora non sciolto bene che ovviamente graffia.

Con il liquido no! Fatto più volte prove con bicchieri nuovi sia con liquido che polvere. Nell'ultimo caso microschegge verticali...

Share this post


Link to post
Share on other sites
DJ_Gabriele

I collegamenti di greenpeace non li degno di nota, è solo, disgraziatamente, un gruppo di abbracciaalberi che non rinuncerebbe mai alla comodità del 21° secolo ma che allo stesso tempo non vogliono fare nulla e si lamentano di tutto... andassero tutti a...

PS: il grassetto non è mio e qua non si sta arrabbiando nessuno, semplicemente io ribatto con criteri scientifici e non dicerie campate in aria dette da chissà quale scemo di turno che al giorno prima mi ha parlato di auto ad acqua e di quanta energia si produce con un pannello solare nel didietro come quelli di greenpeace!

Share this post


Link to post
Share on other sites
elenoci

Siccome ribatti con criteri scientifici, spiegaci bene sotto quale forma è presente questo cloro nei detersivi almeno sfatiamo sta BUFALA della dannosità. Anche perchè a me risulta una cosa diversa... Comunque danno o no, la stessa finish afferma che gli enzimi lavano meglio del cloro. Anche nella nuova polvere finish il cloro è stato eliminato.Non più presente anche nella formula gel multifunzione.

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
DJ_Gabriele

elenoci+2/02/2012, 11:10--> (elenoci @ 2/02/2012, 11:10)

Come sbiancante ipoclorito di sodio alias candeggina: è presente ancora in alcuni tipi di detersivi liquidi per lavastoviglie domestici e nei prodotti professionali utilizzati qualora sia necessaria garanzia di sanificazione delle stoviglie.

E poi non ho mai detto che un detersivo enzimatico lavi meglio di uno non enzimatico, non capisco da dove te ne sei uscito con questa affermazione assurda! Figurati che io sono per non utilizzare la candeggina neppure in lavatrice.

Per quello che riguarda i bicchieri che si graffiano non avendo provato mai il detersivo liquido non so che dirti, però i bicchieri IKEA li butto via ogni anno che diventano bianchi e rovinati mentre quelli Bormioli degli anni 90 sono ancora come nuovi, che dipenda dalla qualità del vetro utilizzato piuttosto che dal detersivo usato? (domanda ovviamente retorica)

Aggiungo, visto che mi ero dimenticato, il cloro è anche presente nei succhi gastrici, contengono acido cloridrico, ben peggiore della candeggina direi, eppure non stiamo male, sarà che questi di green peace sono troppo allarmisti come al solito?

Edited by DJ_Gabriele

Share this post


Link to post
Share on other sites
elenoci

"""E poi non ho mai detto che un detersivo enzimatico lavi meglio di uno non enzimatico, non capisco da dove te ne sei uscito con questa affermazione assurda! Figurati che io sono per non utilizzare la candeggina neppure in lavatrice."""

Chi ti ha detto nulla, leggendo si capisce male. Prima del tuo intervento elogiavo detersivi liquidi con enzimi e senza cloro. PUNTO. Non era riferito a te. wink.gif

Riguardo al ipercloruro di sodio sei informato male, produce trialometani (THM) e acidi aloacetici (HAAs) e sono altamente dannosi e cancerogeni. Nella potalizzazione delle acque non vengono appositamente utilizzati ipercloruri e cloro gassoso proprio per questo motivo. La fonte non è greenpeace ma ingegneria la sapienza di Roma. "vecchi studi". Ovviamente il discorso vale se effettivamente ci sono ipercloruri come tu hai detto. A mia moglie ho proibito la candeggina come hai fatto tu anche se nei libretti di istruzione la elogiano per il ciclo igiene. Pensa come stiamo messi!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
DJ_Gabriele

Ma un correttore ortografico ed un corso di grammatica no eh?

In ogni caso non esistono robe come "ipercloruro di sodio", semmai "ipoclorito di sodio" che è come ho detto la candeggina classica. Non lo avevo mai sentito nominare prima e sono andato a scomodare mia sorella per sincerarmene, voglio evitare di scrivere castronerie!

Trialometani e acidi aloacetici sono sottoprodotti di disinfezione con cloro e potabilizzazione delle acque ma ai fini pratici domestici sono 100% non influenti perché presenti (se affatto presenti) in quantità infinitesime e secondo NON sono componente dei detersivi, ci mancherebbe! Se ad ingegneria a Roma dicono ste cose sono contento di aver studiato a Bologna ed utilizzare con tranquillità la lavastoviglie senza inutili patemi d'animo!

PS: per la potabilizzazione delle acque ti do ragione che non si usa nè ipoclorito nè cloro gassoso ma biossido di cloro oppure acido ipocloroso proprio per i problemi da te riportati.

Invece quanto riguarda la candeggina a base di cloro io ho sempre saputo fosse sconsigliata da tutti i produttori a favore di sbiancanti a base di ossigeno (almeno nella mia lavatrice era indicato così).

Però vorrei evitare di divagare in discorsi inutili e deleteri e tornare al discorso degli anticalcare che era più interessante!

Edited by DJ_Gabriele

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciccio 27

elenoci+2/02/2012, 10:24--> (elenoci @ 2/02/2012, 10:24)

Mah... sarà che preferisco sempre tre componenti con tre funzioni in tre momenti diversi (specialmente ora che ho montato un'Ariston L 63 al posto della Techna - ma la Techna è sempre pronta a riprendere il suo posto di diritto! - e per questa col ciclo Eco il brillantante è indispensabile, dato il "monorisciacquo" finale), però:

2 kg di sale Lidl: 75 centesimi (!!!) [Vedi perchè preferisco l'addolcitore funzionante? tongue.gif]

3 kg di polvere Carrefour: meno di 4 euro, se ricordo bene

1 lt di brillantante Lidl: 1 euroequalcosa...

... continuo così! wink.gif

Edited by 27dff

Share this post


Link to post
Share on other sites
elenoci

Hai ragione, ho letto male e troppo i fretta il tuo messaggio e l'ho confuso!! worthy.gif Esiste esiste ipercloruro... Comunque stoppiamo qui altrimenti mi tocca andare ad aprire i vecchi libri e non ho veramente tempo! biggrin.gif Diciamo che sto cloro non fa male. Tanto non c'è più in nulla. La mia lavastrice ariston ha un contenitore proprio per la candeggina.. Bo.. spiega anche come usarla.. Lasciamo stare.. Archiviato! A francè, lodi tanto la mia tecna, chiedo consigli sulla sostituzione con l'ariston, mi dici ripariamola insieme e poi....... La metti tu!!!!!! Ti prego!!!!! Sembra una comica!! E la tua lavava pure!! wallbash.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciccio 27

Ma mica l'ho buttata: la Ariston è al suo posto per collaudo: era un modello usato del 2004 (mica quelle di adesso!), e la sto testando per bene.

Ma la Techna è sacra, pronta a ruggire... plug and play! wink.gif

So che finiamo OT, ma Lorenzo "difende" la candeggina!

In argomento: è vero che gli anticalcare per lavatrice sono di orgine petrolifera?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Diomede Corso

mad.gif buoni...

ha ragione Gabriele, non lasciamo che si fondino i pressuposti per chiudere una discussione che, finalmente, rende merito alla natura tecnica di questo forum!

Dai... ognuno dice la usa, di compentenza o non di compentenza... per esperienza o per sentito dire, fare, baciare, lettera e testamento rolleyes.gif ...

L'importante è che chi legge capisca che ci sono innumerevoli sfaccettature di un argomento che sembra essere banale quando in reltà non lo è....

smile.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
elenoci

Ok, giusto continuare a parlare serenamente.. Ragazzi, ma avete letto di questa???

http://www3.lastampa.it/benessere/sezioni/...lo/lstp/408242/

Sembra vero!!!! Qui ci siamo bloccati sul cloro e va bene, ma che ne dite si usarlo a vuoto su questi maledetti??? Sia su lavatrice che la nostra amata lavastoviglie??? Cavolo funzionerà per forza... Un bel ciclo con 4-5 risciacqui??? Aspetto nuove. Se fosse vero dobbiamo trovare il modo di sfondarli sti maledetti!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciccio 27
elenoci+2/02/2012, 18:18--> (elenoci @ 2/02/2012, 18:18)

A te l'onore di aprire una nuova discussione sull'argomento, dove linki questo articolo!

thumb_yello.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
Diomede Corso

Miei cari amici fabrianesi che tanto vi siete sbattuti per infilare a fiotte la lavastoviglie nelle cucine degli italiani, volenti o nolenti, e a seguirvi poi tutti gli altri con queste baracchine da poco giusto giusto per far assaggiare alla massaia Maria cosa significa questo elettrodomestico per poi dopo 4-5 anni farglielo comprare nuovo magari migliore... con questo articolo vi hanno atterrato!

Vuoi dire che chi era lì lì per acquistare una lavastoviglie e poi senza nemmeno scorrere l'intero articolo si imbatte in quel titolo non si arresti sul dire ah no no, ma allora io non la voglio la lavastoviglie, i piatti meglio lavarseli a mano, o peggio quelli che ce l'hanno smetteranno di usarla...?!

Ma perchè non diciamo che è invece il contrario, come per anni è stato predicato, e cioè che la lavastoviglie è più igienica del fare a mano, e non perchè lo dicono i laboratori di ricerca pagati dalle industrie produttrici, e che bisogna imparare che le alte temperature rappresentano sì un maggior dispendio energetico ma a fronte di una minore carica chimica (si può usare meno detersivo) garantiscono una maggior igiene in quanto a lavaggi di un ciclo a bassa temperatura, e questo l'abbiamo detto più e più volte, sia per il discorso delle pastiglie con il ciclo economico (spesso su alcune macchine sprovvisto di risciacquo caldo/igienizzate e senza successiva asciugatura), sia per il famoso ciclo a 90°C ormai abbandonato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...