News

Un'indagine ABB rivela che la reindustrializzazione è a rischio a causa del "gap educativo" globale nell'automazione

- L'80% dei professionisti della formazione afferma che i robot e l'automazione guideranno il futuro dell'occupazione nei prossimi dieci anni.



- Tuttavia, solo un istituto di formazione su quattro utilizza i robot nei programmi di insegnamento, nonostante il 70% delle aziende statunitensi ed europee preveda di investire nella robotica e nell'automazione nei prossimi tre anni a causa dei cambiamenti nella catena di fornitura.



- Il programma globale di formazione di ABB, con oltre 100 università che formano più di 30.000 studenti all'anno, si espande con l'apertura di nuove strutture di formazione in robotica e automazione. Un'indagine globale di ABB ha rivelato una crescente tendenza delle imprese statunitensi ed europee a delocalizzare le attività per costruire una capacità di resistenza di fronte alle sfide globali, ma allo stesso tempo si crea un significativo gap formativo nelle competenze necessarie per il successo di queste strategie.

"Il mondo è in continua evoluzione: le imprese stanno modificando le strutture esistenti e adottando nuove tecnologie per affrontare le sfide e le incertezze del futuro, con l'automazione robotica che svolge un ruolo fondamentale", ha dichiarato Sami Atiya, Presidente della divisione Robotica e automazione discreta di ABB.

"Abbiamo bisogno di investimenti significativi nella formazione continua per preparare la nostra forza lavoro attuale e futura a prosperare in un'epoca di robotica e automazione; è quindi importante non solo per prepararsi ai cambiamenti diffusi a cui stiamo assistendo, ma anche per creare società prospere in futuro."

L'indagine condotta da ABB nel 2022 tra i leader delle aziende statunitensi ed europee ha rivelato che il 74% delle aziende europee e il 70% di quelle statunitensi stanno pianificando operazioni di riallocazione o di nearshore per aumentare la resilienza della propria supply chain in risposta alla carenza di manodopera, alla necessità di un'impronta globale più sostenibile e all'incertezza globale.

La maggior parte di queste aziende considera l'automazione come il fattore abilitante di questi cambiamenti, con il 75% delle aziende europee e il 62% di quelle statunitensi intervistate che prevedono di investire in robotica e automazione nei prossimi tre anni per facilitare questo spostamento delle operazioni.

Nonostante questa necessità di automazione, l'indagine di ABB sulla formazione globale 2022 ha rilevato un divario significativo nell'istruzione e nella formazione necessarie a garantire le competenze necessarie per lavorare nei luoghi di lavoro del futuro, sempre più connessi e automatizzati.

L'80% dei professionisti della formazione intervistati a livello globale ritiene che la robotica e l'automazione influenzeranno il futuro dell'occupazione nei prossimi dieci anni, mentre solo un istituto di formazione su quattro utilizza attualmente i robot come parte dei propri programmi di insegnamento.

Per contribuire a colmare il divario di competenze, ABB ha rafforzato il suo programma globale di formazione sulla robotica e l'automazione con nuovi centri di formazione, tra cui il campus globale di innovazione e formazione in Austria, del valore di 100 milioni di euro.

Il nuovo sito, insieme ad altri nuovi centri di formazione regionali nel Regno Unito, a Berlino e in Brasile, espande le strutture di formazione di ABB a oltre 40 siti a livello globale, formando ogni anno più di 30.000 studenti di scuole, college e università, nonché apprendisti e lavoratori.

I siti si aggiungono all'offerta formativa esistente di ABB, che consiste in pacchetti software, tra cui Wizard Easy programming, RobotStudio® e RobotStudio® AR Viewer App, nonché hardware sotto forma di celle robotiche collaborative e pacchetti applicativi.

Grazie a più di 100 partnership globali con scuole e università, ABB genera materiale didattico in collaborazione con i fornitori di servizi educativi per aiutare a formare le future generazioni e prepararle ai lavori di domani.

"Il cambiamento deve avvenire ora", ha aggiunto Atiya. "Mentre le aziende si rivolgono all'automazione robotizzata per compensare la carenza di manodopera, migliorare l'efficienza e aumentare la resilienza, i lavoratori hanno bisogno di competenze per utilizzare l'automazione per svolgere il proprio lavoro e migliorare il proprio ruolo.

Le aziende devono unire le forze, collaborando con gli istituti di istruzione e i governi per garantire che la società sia preparata ai lavori del futuro. Solo così potremo utilizzare appieno l'automazione flessibile e sbloccare il valore della reindustrializzazione in corso".

L'indagine di ABB evidenzia la necessità critica di promuovere l'insegnamento della robotica e delle competenze in materia di automazione.

Per ulteriori informazioni, tra cui l'offerta di ABB per l'istruzione, esempi di progetti educativi che coinvolgono ABB e i suoi robot e software, e un white paper che spiega come l'insegnamento dell'automazione può aiutare a formare la forza lavoro di domani, visitare la pagina del portale ABB dedicata all'istruzione.
Redazionali o presentazioni di prodotto/di azienda
Pubblicato il 20 settembre 2022
News

Approvati gli incentivi per la produzione di biometano

Il Ministro della Transizione Ecologica Cingolani ha firmato il nuovo Decreto Biometano che dà attuazione a quanto previsto dal Piano Nazionale di...

Ambiente: qualità dell'aria in città, arriva il monitoraggio con dettaglio fino al numero civico

Un archivio di dati sulla qualità dell'aria raccolti dai cittadini durante il monitoraggio "comunitario" e mappe a risoluzione ultra elevata, con...

Pubblicati i nuovi criteri ambientali minimi (CAM) per raccolta e trasporto dei rifiuti urbani, edilizia e arredi per interni

Sono recentemente stati pubblicati tre nuovi decreti relativi ai Criteri Ambientali Minimi, approvati dal Ministero della Transizione Ecologica (MITE)...

Siemens è Socia della Fondazione "Istituto Tecnico Superiore Lombardo per le Nuove tecnologie Meccaniche e Meccatroniche"

- Scuola e lavoro: obiettivi condivisi proiettano la Fondazione e Siemens verso nuovi traguardi a supporto delle generazioni future - Al via la prima...

I nuovi TopTherm chiller VX25, testa fredda e ingombro ridotto

La precisione richiede testa fredda. Le macchine utensili, per ottenere risultati di lavorazione con elevata precisione, necessitano di un corretto e...

Energia: ecco Futura, la barca a vela ecosostenibile che va anche a idrogeno

Si chiama FUTURA ed è un prototipo innovativo di barca a vela ecosostenibile dotato anche di propulsione elettrica alimentata a idrogeno. È lunga 6...

Schneider Electric presenta i nuovi interruttori scatolati connessi ComPacT New Gen, riprogettati per garantire un'esperienza senza precedenti

- Schneider Electric migliora la storica gamma ComPacT con nuove funzionalità di connettività wireless e una maggior ergonomia - Mantenendo lo...

Plenitude: nuova partnership per lo sviluppo di progetti eolici e fotovoltaici in Italia e Spagna per 1,5 GW

Plenitude - Società Benefit controllata al 100% da Eni, ha avviato una nuova partnership con Infrastrutture S.p.A. per lo sviluppo di progetti solari...

Eni UK presenta la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento esausto di Hewett in Gran Bretagna

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel...

ABB acquisisce PowerTech Converter per ampliare l'offerta di sistemi di trazione

- PowerTech Converter (PTC) è leader nella fornitura di convertitori di potenza ausiliari e servizi post vendita per il settore ferroviario - In...

Da power-to-gas a gas-to-power con cogeneratori 2G. La municipalizzata di Haßfurt produce energia da cogenerazione con idrogeno verde

Case-study municipalizzata di Haßfurt: produzione di energia elettrica da impianti eolici e fotovoltaici, conversione in idrogeno (Power-to-Gas)...