Jump to content
PLC Forum


Nuova Elettronica... Con La Fine Di Un' Epoca...


roberto1953
 Share

Recommended Posts

Qui ognuno cerca di fregare l'altro per farsi il comodo proprio, chi no lofa è perchè non può.

Appunto. Per non parlare di chi risolve tutto con i buoni consigli: potrebbe farti assumere domani facendo due telefonate, ma no, troppa fatica, allora vomita dal secondo buco di coolo che si ritrova in faccia quattro consigli idioti, dati con l'aria di chi non sa neanche di cosa sta parlando, tanto lui le chiappe al caldo ce le ha, i figli li ha sistemati, che gli frega?

A questi elementi ho iniziato già da tempo a rispondere che alla cassa del supermercato o in posta quando vai a pagare le bollette ti serve denaro contante, non buoni consigli.

Darlington tu devi aver incontrato solo criminali, oppure la tua è una zona di criminali.

Molto probabile la seconda. Senza dubbio nel mucchio esisteranno anche i piccoli imprenditori onesti che fanno sacrifici come li dipingi tu, ma quelli hanno i loro dipendenti assunti nel trentennio scorso e non assumono nessun altro.

Perchè non è forse iniziata lo 11 Settembre 2001?

Tu dall'11 Settembre 2001 hai forse iniziato a vedere eserciti che si muovono per le strade, bombe che cadono a grappolo sulle città, carri armati per le vie del centro, nazioni in conflitto armato tra di loro? Io personalmente no.

Le storielle della propaganda televisiva che plagia inconsciamente le menti del futuro sono buone forse per siti di complottari come Luogocomune, dove c'è ancora gente che sbraita che non siamo andati per davvero sulla Luna e che in realtà ha girato tutto Kubrick in un capannone di Hollywood.

Allora, sempre riallacciandomi all'esempio precedente... quando qualche anno fa c'è stato il boom dei reality dopo l'arrivo del Grande Fratello in Italia, volevano prepararci tutti al fatto che di lì a poco ci avrebbero deportato in un qualche gulag?

Una decina di persone chiuse in una casa, senza contatti con l'esterno, costrette a superare delle prove (e quindi lavorare) per ottenere in cambio del cibo. Cioé oh, più chiaro di così, vogliono riaprire Auschwitz. Ma per favore.

Guardacaso poi, chi ciancia sul fatto che prima o poi comincerà la rivolta (ma non partirà certo da loro, ché loro hanno le chiappe su di una comoda poltrona e se ne fregano altamente di come vivono gli altri), che sta per scoppiare la guerra, che bisogna armarsi ed espugnare i palazzi del potere (classico "Armiamoci e partite" alla Totò, insomma), o che bisogna fuggire all'estero il prima possibile... è tutta gente che sta bene e che non ha la minima intenzione di abbandonare l'Italia, né oggi né mai.

Edited by Darlington
Link to comment
Share on other sites


  • Replies 66
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • walterword

    16

  • Darlington

    15

  • dott.cicala

    11

  • Livio Orsini

    8

dott.cicala

circa 200 anni fa tal Giacomo Leopardi

Embè?

A Leopardi e al Manzoni una certa licenza "poetica" posso anche concederla....

Se vi fa piacere, voi sarete così, ma non lamentatevi perché in tal caso avete esattamente ciò che vi meritate.

Io no e non voglio esserlo. Si potrà avere almeno un'etica o per averla è necessario emigrare?.....E non pretendo nemmeno che mi crediate, perché se siete così, non potete nemmeno accettare l'idea che qualcun altro sia diverso da voi....l'importante che ci credo io.....

E tanto per continuare con le citazioni: "Il male sta negli occhi di chi guarda".

In ogni caso, sono comunque contento di essere parte di questo gruppo, di PLC Forum, di discutere con voi....e non sono per niente offeso, e spero che non lo sia nemmeno Walter.....

Vi capisco!

Link to comment
Share on other sites

dott.cicala

Però......fra amici è d'obbligo la franchezza, magari con molto tatto, che purtroppo io non ho..e quindi vi chiedo perdono in anticipo:

MA BASTA!

Si doveva parlare di NE e la fine di un epoca, sotto il profilo degli hobbies e invece.......giù sentenze....

E' proprio questo il grosso problema...ci si perde in chiacchiere e si perde di vista l'obbiettivo!

:roflmao:

Link to comment
Share on other sites

Allora qualche anno fa, quando andavano di moda i film Americani pieni di sparatorie ed esplosioni, e tutte le reti ne trasmettevano almeno una decina ogni settimana... volevano prepararci alla Terza Guerra Mondiale?

L' hanno già fatto, le persone che tengono d' occhio ciò che accade nel mondo lo sanno bene, come la maggior parte della popolazione viva nella totale indifferenza, eppure solo nel mediterraneo si combattono almeno 3 guerre distinte, poco più lontano ne è scoppiata un' altra e da un anno a qualche kilometro dalla Germania la gente si ammazza, eppure nessuno lo sa, o meglio, sanno che sta succedendo qualcosa, ma nessuno si cura di capire cosa...

E che diavolo dottore, di 5 secondi mi precede <_<

:lol:

Edited by Wolfy
Link to comment
Share on other sites

non sono offeso , trq dott Cicala .

Io esprimo quello che sento , e quello che esprimo e' logico che nessuno qua dentro si senta offeso o ch eprenda le distanze dicendo "Io non mi rivedo per niente in queste affermazioni" ....ci mancherebbe altro , non sarei nemmeno qui a perdere tempo se cosi fosse.Lo so anche io che qua dentro ci sono quasi tutte persone per bene , oneste , che hanno lavorato e che lavorano e che credono .Ma quello che intendo dire io e' che il resto della società italiana non e' cosi e i fatti lo dimostrano , ogni giorno , in ogni tv-giornale , in ogni giornale ed in ogni parola che si sente per la strada o al bar per quel poco che ci vado a bere un caffe.

Il tema di Fare elettronica e' che credo sia giusto che si adegui al presente .I costi di produzione , le tasse , la carta , le piante che vengono abbattue ...tutti bei discorsi , bene ... riviste in pdf e scaricabili dal web .Io , ripeto , preferisco il cartaceo , perche mi da un senso di libro o di di rivista diverso , anche perche mi fanno male gli occhi stare troppo al pc nonostante gli occhiale anti rinfrangenti con scappellamento a sinistra e super cazzola incorporata :)

Sta di fatto che comunque per la qualità che ho notato nella rivista fare elettronica , 4-5 euro per una rivista digitale restano comunque troppi .Ripeto sono stato abbonato per diversi anni ma non notavo un interesse a fare cose interessanti senon qualche tutorial sui pic , i2C , ampli operazionali ma roba da ben poco .I progetti erano quasi tutti le lucette che accendono con la musica , il termostato di carlo cudega , tutta roba cosi con nessuna possibilità di interfacciamento o di interesse comune , per quanto mi riguarda .

Poi molte riviste non arrivavano mai , mentre dalla cina arriva tutto anche i morsetti da 0.60 euro , tasse e trasporto tutto incluso

Poi vogliamo ancora stare qua a discutere perche gli altri ci comprano ? Ma ben vengano , per me lavorare per un imprenditore italiano o cinese o americano cosa cambia?

Niente , devo lavorare e pagare le tasse , non cambia niente .Le aziende furbe che non si vendono totalmente , con la globalizzazione hanno raggiunto mercati internazionali e vanno avanti , gli altri chiudono o lavorano per questi .Della globalizzazione ci sono pochi punti che a mio parere sono positivi , pochi ma ci sono anche se io non sono molto favorevole a questo , ma e' cosi ...i potenti hanno deciso cosi .

Link to comment
Share on other sites

dott.cicala

Ok parliamo di F.E.

Concordo in toto.

L'ho comprata per moltissimi anni e ogni tanto ne sfoglio qualcuna. Abbonato mai, per problemi...tipo il vicino che se le frega. Mi sparivano anche le Elettronica Flash e le Cq, quindi poi ho disdetto gli abbonamenti. Nel frattempo il vicino ha traslocato....non mi ha mai fregato RkE del quale sono tutt'ora abbonato....

F.E. mi piaceva molto e pure Firmware anche se a volte apparivano progetti entry level triti e ritriti. Però bisogna considerare che il pubblico è o era eterogeneo e quindi può essere composto da esperti ai quali i progettini stufano e da principianti ai quali invece i progetti di una certa complessità risultano incomprensibili.

Al passaggio al formato pdf...l'ho mollata proprio perché se potevo giustificarne i costi dovuti a stampa e distribuzione lo stesso criterio di valutazione non è applicabile

al pdf. Ovviamente preferisco il cartaceo perché lo leggi ovunque, non si scaricano le batterie, ecc ecc e perché se lo dimentichi su di una sedia...difficilmente te lo fregano.

Per il resto, visto il lavoro che abbiamo scelto di fare o ci siam trovati a fare...leggere un pdf in più o uno in meno poco cambia per i nostri poveri occhi.

In ogni caso, ben vengano i pdf....i quintali di carta di tutte le riviste che conservo sempre si trasformano in pochi grammi di una pen drive.

I tempi cambiano, gli strumenti cambiano con essi, ma la voglia di far qualcosa con le proprie mani, senza aver la pretesa di essere il nuovo Bill Gates o Steve Jobs, in me rimane, anche solo per diletto....e vedo che qui, ma non solo, visto il pullulare di siti e blogs inerenti le auto costruzioni, di persone che praticano ancora questo bel passatempo, ce ne sono molte....e quindi, se N.E. è morta, come la maggior parte di ciò che fallisce, è perché il modello è sbagliato e non più attuale.

Gli ultimi numeri di N.E. parlan chiaro. Le descrizioni dei pochi circuiti proposti erano diventate scandalosamente povere e superficiali ormai da diversi anni. Non era più la rivista che ha formato e ha aiutato a crescere la moltitudine di tecnici come in passato. Già dal 2000 si leggeva la cronaca di una morte annunciata.

I soliti ST7, il tutto incentrato su roba di loro esclusiva fornitura, mai una volta che si parlasse di un sorgentino usato in una delle mcu dei loro kits....e sì che di strumenti con i micro ne hanno prodotti molti e anche ben funzionanti. Io ne ho diversi. Mai una parola sui sorgenti. Avevano paura che gli venissero rubati...e si son rubati il futuro.

Mi dispiace, ma si son scavati la fossa da soli...inutile dare addosso a Montuschi che è pure morto....dopo di lui son passati alla diatermia.....

Link to comment
Share on other sites

Le descrizioni dei pochi circuiti proposti erano diventate scandalosamente povere

Concordo, prima spiegavano dettagliatamente cosa faceva il circuito, ora ci piazzavano un ST6 preprogrammato e poi "sul circuito c'è poco da dire in quanto si occupa di tutto il microcontrollore, diciamo solo che..." :thumbdown:

Mai una parola sui sorgenti. Avevano paura che gli venissero rubati

Che poi questo forse lo posso anche capire. Ma se proprio non vuoi mettere i sorgenti, almeno distribuisci i binari; se fai in modo di legare qualsiasi progetto ad un microcontrollore preprogrammato che distribuisci solo tu, allora mi passa anche la voglia di autocostruire. Visto che già in questo modo lo scopo didattico viene meno, con pochi più soldi posso prendere qualcosa di già pronto e funzionante senza neanche sbattermi ad assemblarlo.

Link to comment
Share on other sites

dott.cicala

Prendere a prender a pochi soldi qualcosa di analogo, almeno in quegli anni, non era proprio possibile. E nemmeno in tempi recenti. Più che i binari, che quelli sì che li puoi trasferire, era meglio parlare dei sorgenti, quelli avrebbero avuto scopo didattico e avrebbero sicuramente attratto nuovi lettori.

Ad esempio....ancora non si trova così facilmente nemmeno fra i cinesi, un generatore dds che arriva a 120MHz, quando arrivano a 40-50MHz è tanto e alla frequenza max o al suo approssimarsi, non sono più sinusoidali.

Oppure un impedenzimetro, a uC risalente agli anni 90 che misura le induttanze rf da meno di 1uH

Oppure l'analizzatore di spettro, quello vero, che arrivava a 1GHz e aveva pure il traking generator....

trovi se mai quelle latrine cinesi Atten che sembrano i vecchi oscilloscopi goldstar e chiedono pure 1000€.

Io qell'analizzatore, prima di comprare l'HP che a suo tempo costava 8600$, l'ho avuto, e ho provato anche l'atten, o latrin.

Quello di N.E. per alcuni aspetti era superiore all'HP e cosatva un decimo.

Poi, il generatore RF da 1GHz - il traccia curve - i vari sweep marker - il misuratore geiger certificato ENEA - il sismografo a pendolo...certificato pure lui

tutta una serie di frequenzimetri, uno ce l'ho ancora e non ha niente da invidiare al Racal Dana....ci sono una serie numerosa di esempi che potrei citare.

Erano strumenti che fornivano veramente prestazioni professionali al costo degli odierni cinesi che invece forniscono prestazioni cinesi.

Dovevano continuare con la strumentazione...e nel frattempo.....la riforma scolastica....con quella scelta o istituto tecnico professionale o liceo/università.

Link to comment
Share on other sites

dott.cicala

....e tutti a correre all'università....a imparare a programmare il 200 siemens....obsoleto da almeno 10 anni...meglio quello che niente...dicono. Ma quell'esperienza è uguale a niente nella vita reale.

N.E. era frequentemente usata come base "d'appoggio" negli istituti tecnici professionali i quali riuscivano nel bene o nel male a formare una base tecnica ai futuri univeritari. Quelli che oggi escono dai licei e che se va bene hanno visto un tester....

Degno di citazione, l'analizzatore vettoriale. Forniva misure R L Z C con precisione all'1%. Un cinese, formato tester se va bene arriva al 20%

Il generatore di funzioni da 0 a 5MHz

per non parlare del pc Delta a meno di un milione di lire con pari prestazioni di un ibm M2x che ne costava 6.

Il misuratore di campo TV....faceva concorrenza all'unaohm e costava meno della metà......

Link to comment
Share on other sites

Infatti , mettevan oqualche progetto di micro e a parte quello di tanzilli che c'era qualcosa di assembly per il resto ....per cui essendo il micro il cuore del progetto il resto era quasi sempre un quarzo , due condensatori , la resistenzsa da 1 K che va nella base di qualche povero transistor ect .... roba che se vai su siti internazionali trovi software da annegare , vedi arduino

comunque F.E ha perso molto negli ultimi anni

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
F.E. mi piaceva molto e pure Firmware anche se a volte apparivano progetti entry level triti e ritriti.

F.E: era la classica rivista per amatori, dilettanti, giovani che cercan d'imparare con la pratica l'elettronica. Firmware inizialmente aveva un bersaglio simile, però più spstato verso la programmazione di microcontrollori e le loro applicazioni. Notare che il medesimo editore curava la versione italiana di elektor.

Il passaggio alla versione elettronica ha anche coinciso con l'impoverimento tecnico della rivista. Io ero abbonato eprchè spesso c'erano articoli intersssanti. Improvvisamente mi sono trovato l'abbonamento convertito in versione elettronica, visibile sono on-line. Ho scritto e telefonato per protestare, perchè a me proprio non piaceva e non piace. Mi hanno "indenizzato" con il prolungamento dell'abonamento di un paio di numeri, indenizzo vanificato dall'altro malvezzo di fare numeri doppi solo come numerazione. Poi hanno dato la possiiblità di scaricare il PDF.

Comunque gli articoli, tranne qualche rara eccezione, son diventati riciclaggio di application notes delle case, con poche notizie originali.

Medesima piega sta prendendo F.E.

A me poi da molto fastidio dover leggere la rivista sul PC. Ne facessero almeno una versione in formato compatibile con gli ebook readerssarebbe già meglio.

Ora mi leggo l'anteprima con i titoli e quando, raramente, vedo un numero con un paio di articoli che potrebbero essere interessanti lo scarico pagando i 5€ richiesti.

A Leopardi e al Manzoni una certa licenza "poetica" posso anche concederla....

Stefano non è questione di licenza poetica, ma di media nazionale.

Non ti guardi attorno?

Cosa vedi?

Le televisioni propongono quasi esclusivamente discussioni vuote ed urlate sui fatti di crinaca nera o rosa. In alternativa hai trasmissioni urlate sul calcio con tanto di "opinionisti" i moderni filosofi.....

Filosofi. Si spacciano come "filosofi" personaggio come Buttiglione e Cacciari. Non dico che si rivoltino nelle tombe Platone e Kant, ma anche Nice, Marcuse ed Adorno si sentirebbero offesi al apragone.

Sempre osservando il comportamento medio sembra che agli Italiani interessi solo andare a far a botte allo stadio ed ad ubriacarsi il spesso possibile.

Ubriacarsi. Solo meno di 50 anni fa ubriacarsi era un evento molto raro; nei paesi a parte i pochissimi "ciuchetèe" riconosciuti era difficile vedere ubriachi. Ora abbiamo preso le pessime abitudini nordiche e USA, però non abbiamo ripreso le abitudini buone che ci sono in questi paesi.

Tu dici che non ti riconosci in questa fotografia? Può essere, anch'io non mi riconosco e nemmeno mi riconosco nella definizione leopardiana, però purtroppo la media dei nostri concittadini non è così.

Se fossimo differenti non ci troveremmo nell situazione attuale, sceglieremmo meglio i nostri governanti senza farci incantare da imbonitori e da comici emuli di Masaniello (però molto più furbi del povero pescivendolo).

Il guaio è che alla maggior parte della gente sta bene questa situazione perchè sa o crede che può trarne un certo vantaggio personale.

Cosa centra questo con le riviste amatoriali di elettronica?

C'entra poco, ma almeno un pochino c'entra, perchè anche queste risentono del comportamento medio del cittadino italico.

Tu dall'11 Settembre 2001 hai forse iniziato a vedere eserciti che si muovono per le strade, bombe che cadono a grappolo sulle città, carri armati per le vie del centro, nazioni in conflitto armato tra di loro? Io personalmente no.

Se non li hai visti o sei cieco o non li vuoi vedere.

Un centinaio e più di morti tra i nostri soldati purtroppo c'è stato. Aerei che decollano dalle nostre basi per andare a bombardare ce ne sono stati e ce ne sono ancora.

Abbiamo ancora parechie migliaia di nostri militari dislocati in varie nazioni, dai balcani, al vicino oriente sino all'Afghanistan. Spendiamo alcuni miliardi all'anno per queste cosucce.

Pudicamente chiamiamo queste cose "missioni di pace" o "peace keaping" perch'è l'inglese è molto più intellettuale e fine. :toobad:

Però sono operazioni di guerra. Si può anche affermare che assomiglino più ad operazioni di pubblica sicurezza per lo scopo, ma senpre di guerra si tratta.

Per il momento le sparatorie nelle strade sono a poco più di un centinaio di km dai nostri confini, per il momento.....

Sino al medio evo le guerre erano sontri fisici tra uomini che si sbudellavano e si spaccavano le teste a colpi di armi bianche. Poi han cominciato a spararsi e si ammazzavano un poco più da distante.

Poi sono iniziati i bombardamenti aerei.

Oggi la guera la si fa da remoto. C'è un tizio seduto in base blidata a quelche migliaio di km. Se ne stà seduto tranquillo davanti ad un video sorseggiando caffè. In mano ha un jostick con il quale pilota un drone. sullo schermo appare quelche cosa che potrebbe essere una pattuglia nemica, una postazione di artiglieria e...pff si preme un pulsante, parte ikl missile e quacle secondo dopo al posto del presunto bersaglio c'è un bel buco.

Ovviamnte questo è quello che fanno i paesi ricchi di mezzi e tecnologia, quelli poveri inece si scannano per strada con armi più convenzionali, mitraglaitori, cannoni, bombe , mine, suicidi imbottiti di esplozivo, e via elencando.

Se per te questa non è guerra priva a darne una defuinizione, anche se è difficile definirla in altro modo.

In quanto al fatto che sia mondiale o meno basta guardare un carta geografica panetaria: se non c'è in tutto il mondo ce ne è comun que in una buona porzione. Senza contare poi i lavoretti come quello paragino di qualche tempa fa o quello più recente di Tunisi.

ma questa non è guerra son scherzi da ragazzi, poco più di una sparatoria di fine anno a Napoli :toobad:

Edited by Livio Orsini
Link to comment
Share on other sites

dott.cicala

Sì lo vedo Livio....cerco di comportarmi secondo le mie convinzioni e di educare i miei figli secondo questi principi...di più non posso fare.

Se tutti pretendessimo il RISPETTO.....e imparassimo a RISPETTARE.....questo Paese cambierebbe...in meglio.

O almeno....lasciatemelo credere e lasciatemi la speranza che ciò sia possibile....

Perché fare crescere i miei figli nel postribolo di berlusconiana mentalità...mi angoscia!

Le televisioni...... appunto...il postribolo......non perdo tempo a guardare quegli inutili pollai chiamati talk show.

Però non mi azzarderei mai a dire che siamo tutti così, perché io non lo sono, non credo che tu lo sia, come credo che ci siano tantissime persone per bene...che non fanno notizia.

Tornando a F.E.

proprio per i motivi che hai descritto, nei messaggi precedenti l'ho indicata con...... R.I.P.

Link to comment
Share on other sites

Se non li hai visti o sei cieco o non li vuoi vedere.

Livio le guerre c'erano pure prima dell'11/9 e non è che dopo sono aumentate in maniera così drammatica.

I nostri militari venivano impiegati prima, vengono impiegati pure adesso; non c'è chissà quale differenza.

Attualmente si combattono guerre che, o si tirano avanti da trent'anni (come il conflitto israelo-palestinese) o sono nate dopo ma comunque la vedo dura che arrivino a toccare l'italia come stato: il conflitto in atto per l'indipendenza della Crimea, ad esempio, interessa solo loro (così come la guerra di secessione americana non coinvolse nessun altro se non gli stessi americani).

Se invece si vuole parlare di terrorismo islamico, non è che gli attentati di matrice islamica in Italia siano cominciati ora solo perché fa moda parlare di Isis, ci sono sempre stati (alcuni riusciti, altri sventati) e c'erano anche in tempi meno sospetti, prima dell'11/9 e quando l'Isis non faceva notizia.

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Allora diciamo che non vuoi vedere e sei un'ottimista ad oltranza.

Egoisticamete ni auguro che abbian ragione quelli che come te rifuggono dalla realtà.

Però temo che il risveglio sarà molto brutto e ci sia ccorgeraà che non era un incubo ma la realtà. Spero solo che si tiri in la qualche decennio così probabilmente non sarò li a vedere.

Tornando a F.E.

proprio per i motivi che hai descritto, nei messaggi precedenti l'ho indicata con...... R.I.P.

Mi è appena arrivata un mail che mi annucia l'uscita di un nuovo numero.

Dunque.

E' un numero doppio, nelsenso che che è cataloigato come 352/353. però i contenuti sono i soliti.

Spicca un articolo che sembra tutto il riciclo di un qualcosa apaprso recentemente su Grix; probabilemtne l'autore è il medesimo (anche questo è un malvezzo imparante su diversi siti). C'è un metro elettronico con il solito RX-TX a ultrasuoni della parallax, un contatore, solo la prima puuntata, basato su una FPGA e poi una specie di corso sui transistori.

4.99€ mi sembran troppi per questa roba.

Edited by Livio Orsini
Link to comment
Share on other sites

dott.cicala

Grix....non mi va molto a genio....soprattutto gradi e stellette...... :thumbdown: Altri recinti e altre etichette? No grazie!

F.E. mi piaceva molto negli anno 90 quando Fabio Veronese (R.I.P.) pubblicava circuiti rf nella rubrica MHz

Hanno pubblicato anche dei bei circuitini in passato, farina del sacco Elektor....e moltissimi di provenienza kit Welleman...che non erano male....poi...la decadenza.

Come per N.E.

Ma a chi pensavano interessasse la....diatermia? :blink:

Link to comment
Share on other sites

quelli che come te rifuggono dalla realtà

Livio, intervengo qui e poi chiudo la discussione per rispetto delle regole del forum.

Questa storia che ci sta per essere la terza guerra mondiale e che prima o poi ci sarà la rivoluzione eccetera mi ha parecchio stufato.

Mi sembra di sentire i Testimoni di Geova con la fine del mondo.

Mi sembra di sentire i complottisti undicisettembrini quando strillano che "prima o poi la verità verrà a galla" quando in sette anni non è emersa una sola prova a sostegno delle loro teorie strampalate.

Sembra che prima dell'11/9 gli attentati non venissero perpetuati.

Sembra che prima che si parlasse del califfato dell'Isis, l'estremismo islamico non esistesse.

Sembra che finora si sia vissuti in un mondo senza guerre, in cui tutti vivevano in pace, in cui i nostri militari si addestravano solo per scalare le classifiche dei migliori giocatori di CoD e Battlefield.

Ai fatti mi pare proprio che il mondo sia continuato a girare esattamente come girava prima.

Dopo l'11/9 c'è stata la guerra in Iraq con la campagna americana Enduring Freedom?? Prima dell'11/9 c'è stata la Guerra del Golfo con l'operazione americana Desert Storm; dove sta la differenza?

Ora l'Isis rivendica attentati?? Prima li rivendicava Al Qaeda; dove sta la differenza?

Prima dell'11/9 c'erano attentati, di matrice islamica e non, alcuni sventati altri riusciti; dopo l'11/9, la stessa identica cosa.

I segni della terza guerra mondiale... dove sono? A me pare che si combattono ancora le guerre che si combattevano prima, nascono nuovi conflitti esattamente per gli stessi motivi per i quali nascevano prima.

Il resto, come la storia della televisione che ci prepara a cibarci di insetti facendoci vedere le avventure di Bear Grylls, mi si perdoni ma è fuffaccia. Fuffaccia della peggior specie, non tanto differente da quella che si trova nei siti di complottisti, fuffaccia non tanto differente da quella nella testa di chi, nell'era pre-Internet ascoltava al contrario i dischi di musica rock perché diceva di sentire chiaramente riferimenti al demonio, storie di sacrifici umani e la ricetta del polpettone della nonna.

Edited by Darlington
Link to comment
Share on other sites

cao Livio , tra i fautori della 3° guerra mondiale e del disagio mondiale nonchè di buona parte delle porcherie mondiali ci sono proprio i tuoi amiconi yankees che tu hai sempre stimato .Un popolo di xxxxxx che vivono in baracche di legno o roulotte ,che pilota il mondo ;) che al primo soffio volano via come dei disperati .

Edited by PLC Forum Quality Manager
Link to comment
Share on other sites

il conflitto in atto per l'indipendenza della Crimea, ad esempio, interessa solo loro

A loro si che interessa , ma se a noi non interessa oggi questo loro problema , è facile che a nessuno interessi domani che la lingua più parlata in Italia è ... rumena , albanese o cinese ; so che non va bene immischiarsi negli affari altrui , ma un po di coraggio per far sentire l'opinione ci vorrebbe .

Non so se vera o no la risposta di Einstein alla domanda : Come sara la 3° guerra mondiale ?

Disse : non lo lo so , ma potrei dire che la 4° sarà col arco e frecce .

tra i fautori della 3° guerra mondiale e del disagio mondiale nonchè di buona parte delle porcherie mondiali ci sono proprio i tuoi amiconi yankees che tu hai sempre stimato .Un popolo di xxxxxxx che vivono in baracche di legno o roulotte ,che pilota il mondo ;) che al primo soffio volano via come dei disperati .

Anche se dovessi restare anche 'sta volta senza Internet , non posso che Condividere ! ( Livio escluso :P ) Edited by PLC Forum Quality Manager
Link to comment
Share on other sites

ma un po di coraggio per far sentire l'opinione

Un pò di coraggio per cosa?? All'italiano medio non interessa neanche se il suo vicino sta crepando di fame, le uniche cose di cui gli importa sono:

- star bene lui;

- avere un bel conto in banca;

- ciancicare al bar di una crisi che non sente in quanto riceve una cospicua busta paga tutti i mesi.

Figurati cosa gli può importare del fatto che arriveranno anche i profughi dalla Crimea.

la risposta di Einstein alla domanda

Se sia vera o no, in ogni caso, è riferita alla possibilità di un conflitto con impiego massiccio di armi atomiche. Completamente decontestualizzata dal tema.

Link to comment
Share on other sites

Darlington , nella lista delle cose che importano all'italiano medio manca la cosa piu importante :

- La yuve

- Il Milan

- L'inter

-Il Napoli ....

-La nazionale

:D

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Continuate a tenere la testa sotto la sabbia ed a fregarvene, tra qualche hanno vi accorgerete che è troppo tardi.

Le guerre non si combattono più con gli eserciti ed i carri armati, quelle sono operazioni di polizia o di lotta tra bande armate.

Le guerre ora si combattono accaparandosi le risorse energenitche ed alimentari, oltre che economiche.

Noi che ci vantiamo dia vere i migliori cibi del mondo dipendiamo per oltre il 60% dalle importazioni di cibo.

Quando siam stati costretti a vivere solo di quello possiamo produrre non siamo riusciti a sfamare decentemente 40.000.000 di abitanti, ma oggi siamo in 60.000.000.

In quanto al cibarsi di insetti è un'impotesi meno fantasiosa di quello che sembra.

Basterbbe informarsi un poco.

I bovini e gli ovini sono tra i maggiori produttori di anidride carbonica. Per alimentarli è necessario deforestare sempre più perchè consumano grandi quantità di foraggio.

Gia 2 nazioni che sono tra le più grandi produttrici di ovini e bovini, Australia e Nuova Zelanda (dove ci sono 10 pecore per ogni abitante) hanno messo una tassa sui gas prodotti dagli animali e stanno ipotizzando di accrscere la tassa pro capite per endere meno convenoiente l'allevamento.

Proprio ieri pomeriggio, rete nazionale 3, trasmissione divulgativa - ecologista, intervista a professore di scienza dell'alimentazione.

Questo professore spiega al pubblico che, per i problemi legati all'allevamento (quelli che ho elencato prima) bisognerà ridurre drasticamente il consumo di carne, però per produre le proteine necessarie ed indispensabili si farà ricorso alla produzione d'insetti.

Io in Korea mi son mangiato cavellette fritte e devo riconoscere che son squisite; però non verranno usati in questo modo ma verranno ricavati surrogati di bistecche, un po' come fanno i vegano con le bistecche di soia.

Poi se ti fa piacere continua a pensare che è solo fuffa.

Link to comment
Share on other sites

Livio , non farai mica parte della cospirazione dei folli mondiali , mangiatele tu le cavallette e i vermi

I bovini esistono da migliaia di anni e non hanno mai inquinato niente , anzi chiudono il ciclo naturale della vita , ossia il letame fertilizza la terra .Nelle azeinde agricole dove non usano letame ma porcherie chimiche dei tuoi amici americani , la terra e' ormai diventata bianca , non piu marrone scure come lo era una volta .I bovini consumano acqua , i bovini inquinano ....quelli che inquinano sono le industrie e le brutte xxxxxx come i cinesi che hanno il cielo senza sole e gli yankees che perforano a tutta birra il sottosuolo e stanno distruggendo il pianeta

La curiosità nel cibarmi di insetti potrei anche averla , in quanto il cibo e' tutta una questione di cultura e psicologia , ma essere obbligato perche lo dicono quei 4 schifosi che governano il mondo proprio no .

Ci sono distese di terra abbandonata , incolta che e' buona .Ci sono zone in iran che se ci mettia acqua produce riso 2 volte l'anno , constatato con i miei occhi ,e dove c'e' deserto di sabbia , se ci metti un goccetto di acqua mascono i datteri .La montagna se la lavori produci , vdi terrazzamenti della liguria .Se l'uomo dovesse studiare qualcosa di intelligente invece che pensare alle armi e ad andare su marte a fare il demente , troverebbe un tipo di grano che resista ai freddi della siberia e cosi si potra' produrre grano in quantita enorme .

Io vengo dal mondo agricolo , avevamo un pezzo di terra , ma dal 1994 abbiamo dovuto abbandonare perche il mais lo pagavano meno del prezzo di costo , dicevano che ce n'era troppo sul mercato , e cosi anche di carne , ce ne' troppa il prezzo e' basso

Appena hai un'idea devi pagare le tasse , lavori e 4 gocce di acqua esondano e ti rovinano , vendi e non ti pagano

SVEGLIA CUCU !!!!!

Siete tutti col cervello lavato , non sapete piu nemmeno cosa state dicendo , siete robotizzati dall eparole di obama , di prodi e di quei 4 magnaccioni ....non ragionate e soprattutto non sapete cosa vi circonda ....

Quesot te lo dice uno che la carne la sta evitando perhce si e' stancato di mangiarla ma non perche sono obbligato a mangiare le cavallette o i panarot ! In cina mangiano anche i topi , sono buoni e fanno bene , in africa mangiano le formiche , certo zappare e' dura no ?

Edited by PLC Forum Quality Manager
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...