Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
dani9

Programmazione

Recommended Posts

dani9

È più semplice programmare i PLC costruendo la tabella della verità con ingressi ed uscite oppure è meglio ragionare direttamente sul peogramma da realizzare costruendolo sempre in ladder?

-Con le tabelle della verità si riescono a fare programmi anche molto complessi?

Come funzionano in breve..

Sono alle prime armi.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lucky67

Te la butto lì anche se parecchi probabilmente storcedranno la bocca...se vuoi programmare in  ladder ti consiglierei come prima infarinatura di prenderti un bello schemario di schemi elettromeccanici indstriali anni '70 e di spaccarti un pò la testa lì...Con le tabelle della verità non andrai molto avanti..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Programmare un PLC è un'operazione dove la programmazione è l'ultimo passo.

Prima di tutto bisogna analizzare le necessità della macchina/impianto da automatizzare, poi si potrà tradurre queste necessità in un programma.

Per effetuare l'analisi si può procedere con specifiche sempre più dettagliate, o con diagrammi di flusso sempre più particolareggiati.

 

Il consiglio di Lucky67 è valido perchè ti esemplifica come si realizzano sequenze di automazione, però presuppone la conoscenza delle ragioni che hanno spinto a realizzare quelle particolari sequenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites
leleviola

Le tabelle della verità si applicano a sistemi combinatori dove il sistema interagisce tra ingressi e uscite senza considerare la storia passata del sistema,

i sistemi che invece tengono in considerazione la storia passata del sistema sono i sistemi sequenziali. Queste sono le definizioni base dell'elaborazione sistemica delle applicazioni da sviluppare. Un sistema sequenziale è quello che in genere si sviluppa con un PLC o con un sistema che ha in dotazione una memoria ritenitiva, se i sistemi fossero tutti combinatori non ci sarebbe bisogno delle memorie ritenitive ed è quello per cui spesso si usano i PLC, li potresti ovviamente utilizzare anche per i sistemi combinatori ma la realizzazione di una scheda ad hoc realizzata con porte logiche utilizzando le semplificazioni dell'algebra Bolleiana sarebbe comunque possibile. Insomma secondo me fai forse un po' confusione devi riuscire a capire se il sistema che vuoi sviluppare è un sistema combinatorio o sequenziale.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...