Vai al contenuto

Recommended Posts

aleorsetto

Salve a tutti, devo rifare il quadro elettrico di casa, in quanto è predisposto male e presenta interruttori non adeguati al mio fabbisogno di energia.

 

Ho un contratto monofase da 4,5 kW con contatore distante non più di 5 metri di cavo dal quadro elettrico, quindi pensavo di sostituire i cavi attuali con del 6mm. Il contatore fornisce energia a due piani, entrambi cablati con 2,5mm per le dorsali e per le prese forno/lavatrice da 16A(non ho lavastoviglie), il resto è tutto 1,5mm con prese da 10A, il tutto unito sotto un unico MTD.

 

Attualmente ho un MTD da 16A a protezione di tutta la casa, che quindi non mi permette di sfruttare i 4,5 kW.

 

All'interno del quadro elettrico pensavo di sezionare così:

 

- MT 25A ---> generale subito dopo il contatore

- MTD 16A ---> piano terra

- MTD 16A ---> primo piano

 

Così posso sfruttare i 5 kW massimi disponibili mantenendo accesi forno-forno, forno-lavatrice, forno-stufetta, elettrica stufetta, elettrica-phon solo se su piani differenti.

 

Rimango in attesa di consigli e miglioramenti

 

Michele

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Maurizio Colombi

Ma benedetto Michele, rispondo alla tua domanda con una domanda:

 Se un ponte è stato costruito e collaudato per sopportare il 100 tonnellate, cosa succede se ce ne facciamo passare sopra 200?

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

e la protezione per  le linee da 10A non c'è?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
aleorsetto

Non proviamo che è meglio... a parte le domande

Forse non sono stato completamente chiaro.

 

Premetto che l'impianto (anni 70) attualmente non è a norma e non lo è mai stato, e non ho intenzione di rifarlo fare per ora, ma ho intenzione di applicare solo qualche modifica per renderlo migliore.

 

Tutto l'impianto (luci, prese 10, prese 16, e tutto il resto) è collegato ad un unico montante da 2,5mm, quindi non posso sezionare le prese da 10 e quelle da 16 e tanto meno le luci. Quindi pensavo di mettere un unico MTD da 16 a protezione di tutto, sapendo che alle prese da 10 non andrò mai a collegare un carico oltre i 2000w. Altra soluzione non c'è se non rifare le linee, ma per ora non è in previsione.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

ah ok, 

la tua idea di dividere in due è ok, l'ho fatto anch'io dividendo le linee in due gruppi per sfruttare l'extrapotenza data dal fotovoltaico in estate.

 

per le linee da 1,5 potresti pensare di inserire dei fusibili nelle scatole di derivazione da dove partono.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
aleorsetto

Ho fatto uno schema piuttosto semplice e veloce che rappresenta ciò che voglio realizzare.

 

Attualmente entrambi i montanti sono sotto un unico MTD da 16A. In pratica andrei a dividere in due l'impianto, lasciando la portata massima di 16A per montate come è sempre stata.

 

 

 

 

Impianto Elettrico.png

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

l'MT potresti metterlo da 32A e 6kA a fianco del contatore e nel quadro potresti metterci un sezionatore come generale

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
aleorsetto

Cosa cambia da MT a sezionatore?

Il contatore è praticamente attaccato al quadro (3-4 metri)...

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DavideDaSerra

Il MT ha le protezioni da sovraccarico e cortocircuito, il sezionatore è un semplice interruttore. Se già hai un MT subito a valle del contatore come generale di quadro un altro MT non ha senso (sarebbe già protetto da quello a monte)

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
aleorsetto

Quindi metto nel quadro (subito dopo il contatore) un MT generale da 32A (non basta 25A per 5 kW massimi?) seguito dai due MTD, corretto?

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DavideDaSerra

Col montante da 6mmq metti un 32, col montante da 4mmq metti il 25. Il contratto è 'slegato' dalle protezioni: servono a proteggere i cavi a valle.

 

Metti un 32A subito sotto al contatore (serve a proteggere dai cortocircuiti) entri nel quadro di casa e metti un sezionatore, da questo alimenti i vari circuiti con dei MTD (le linee con dei MT).

 

I MTD sceglili così:

circuiti da 1,5mmq -> MTD10A

circuiti da 2,5mmq o da 4 mmq (che alimentano direttamente delle prese) -> MTD16A

linee da 4mmq con protezioni a valle (es: linea che alimenta un quadro di un altro piano) -> MT25A (ii circuiti a valle avranno protezioni MTD da 16A  o 10A a seconda del cavo con cui sono realizzate)

 

 

NOTA:

In questo post ho adottato questa terminologia:

montante > linea che dal contatore alimenta il quadro generale

linea > alimenta un sottoquadro

circuito > alimenta un carico 'terminale' (prese, punti luce)

 


Messaggio editato da DavideDaSerra

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

con 4,5 di contratto hai 6kW per 2 o 3 ore mi pare, quindi per sfruttare i picchi, e visto che il 6mmq lo consnete, ti consiglio un 32A.

 

il sezionatore nel quadro è solo per normativa, serve un generale che tolga corrente all'intero quadro, visto che a te non interessa (e non serve visto che il contatore è a fianco) puoi anche non metterlo e tenere solo i due MTD, giusto per scrupolo potresti mettere una spia di presenza rete … ma sono finezze.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
aleorsetto

Quindi volendo posso uscire dal contatore ed andare diretto hai due MTD se ho capito bene?

 

Questo modello (A9N19277) della Schneider può andare?

 

La spia come funziona? Si illumina quando c'è corrente e si spegne quando manca, oppure si alterna verde/rosso per corrente presente/assente?

 

Grazie mille ad entrambi per l'aiuto!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DavideDaSerra

Dipende: un generale quadro serve se la somma dei circuiti a valle supera la capacità del montante (es per un montante da 6mmq puoi derivare direttamente solo 2 linee a 16A per totalizzare un massimo di 32A retti dal 6mmq), se invece metti una protezione (sul montante o sul quadro) da 32A allora a valle puoi installare crcuiti anche per più di 32 A (se hai un montante da 6mmq e un generale da 32A, a valle puoi installare senza problemi 6 circuiti da 16A perchè, in caso di sovraccarico, interviene la protezione generale).

 

Non è lecito considerare l'interruttore del contatore come protezione (in caso di mancato scatto el contatore e conseguenti danni enel non è da riteneresi responsabile)

 

La spia è una semplice lampadina (una volta era al neon ora è a led) che è accesa se c'è corrente

 

Il MTD indicato è un 16A, può andare per proteggere una linea prese, non tutto l'impianto


Messaggio editato da DavideDaSerra

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
augustoelektrico
6 ore fa, aleorsetto scrisse:

Il contatore è praticamente attaccato al quadro (3-4 metri)...

Ma tre o quattro metri?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
aleorsetto

@DavideDaSerra Tutto chiaro!

 

1 ora fa, augustoelektrico scrisse:

Ma tre o quattro metri?

Devo ancora verificare la distanza precisa, penso 4 metri decisamente, ma perché fa differenza una distanza così breve?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DavideDaSerra

La 'lunghezza critica' sono i 3 metri. Meno di 3 metri (in cavo) e la protezione da cortocircuiti si considera svolta dal MT di quadro, più di 3m ed è necessario un MT a protezione del montante.

 

Nel tuo caso, sei sicuramente oltre i 3m, quindi è necessaria una protezione per il montate


Messaggio editato da DavideDaSerra

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
augustoelektrico
9 minuti fa, DavideDaSerra scrisse:

Nel tuo caso, sei sicuramente oltre i 3m, quindi è necessaria una protezione per il montate

Vuol dire che, se vuoi rispettare la normativa CEI 64-8, dovrai mettere una protezione della linea di collegamento tra il Gruppo di misura ed il quadro, ovviamente la protezione va individuata dal tipo di cavo, sezione e tipo d'installazione, detta protezione va installata " sotto " il Gruppo di misura dell'energia elettrica.


Messaggio editato da augustoelektrico

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
aleorsetto

In poche parole se voglio fare le cose a norma devo mettere un MT subito dopo il contatore (da 32A con relativo cavo da 6mm più lungo di 3 metri), altrimenti, sorvolando la norma, dal contatore vado diretto hai MTD nel quadro, magari aggiungendo prima un sezionatore e relativa spia...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

piuttosto risparmia sul sezionatore ma metti il C32A da 6kA a fianco del contatore.

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
aleorsetto

Grazie ragazzi, ora ho le idee chiare su come agire!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
giocom

È una cosa sgorbutica da dire, ma se hai un montante da 6mmq non ci potrá mai  essere sovraccarico quindi potresti momentaneamente evitare di mettere un mt appena sotto il contatore. Sui cavi da 1.5mmq ti dovresti porre il problema della protezione (pur reggendo anche 15/16A)  è meglio non sovraccaricarli; quindi con un mtd da 13A potresti proteggere in buona parte i conduttori da 1.5 (con un 10A non sfrutteresti tutta la potenza disponibile, quindi evitalo pure se non hai “punti forza” con sezioni inferiori ad 1.5. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DavideDaSerra

@giocom

Non sono d'accordo un bel corto franco e frigge anche il cavo da 6mmq, la protezione del montante è anche contro il cortocircuito, non solo dal sovraccarico.


Messaggio editato da DavideDaSerra

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
augustoelektrico

Confermo quanto detto da Davide, la protezione con Un interruttore è magneto ( per il cortocircuito ), termico ( per il sovraccarico ). Ritengo di dover precisare che il rispetto delle norme serve ad eseguire il lavoro a regola d'arte, che per me personalmente vuol dire in sicurezza!

Se per ipotesi succedesse un guasto con conseguenti danni, di sicuro di verrebbe penalizzati dalla mancanza o carenze di dispositivi atti a proteggere l'impianto.

Sentirsi dire .... Ma il montante è da quattro metri ...... E mó per un metro in più devo installare un altro interruttore.... Vabbè che ce lo metto a fa' ( dialettica romana ) . Che rispondere: speriamo che non succeda nulla nel tempo.  Ma penso che nelle norme CEI nulla venga lasciato al caso!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
aleorsetto

Sono d'accordo anche io, una cosa o si fa a regola d'arte oppure meglio lasciar perdere o lasciar fare a chi ne sa.

 

Per ora mi limito a sostituire il montante e il centralino che attualmente è veramente degradato (tra giunzioni e doppi cavi) poi (in tempi brevi) farò un mini quadro sotto al contatore con il MT da 32.

 

Ho una domanda da porvi intanto: volevo mettere due spie collegate ai 2 MTD, però non capisco come possano funzionare (tipo questo modello: A9E18321 che ha 4 contatti)... ma quelle a doppia luce (rossa e verde) funzionano che se manca la corrente è rossa mentre se c'è è verde?

 

Grazie

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×