Jump to content
PLC Forum


EsErEm

Varistor

Recommended Posts

EsErEm
42 minuti fa, Livio Orsini scrisse:

Non capisco, eppure mi sembra di essermi espresso chiaramente. È il contatto di uscita da verificare 

Per contatto di uscita si intende In1 e O1?

 

1CDDDABB-7CC4-466F-8CDD-0CB8F718101F.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Livio Orsini

Si

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
9 ore fa, Livio Orsini scrisse:

Si

Si, su in1 e O1 il tester mi da il corto con 3hom, perchè giustamente la bobina è eccitata, quindi chiude il circuito. Se gli do corrente al morsetto in1 e collego il ritorno della lampada su O1, le lampade si accendono, il tester mi dice sempre che è in corto ma mi segnale anche che c’e  corrente sopra. Sembra funzionare bene solo che non posso più diseccitare la boccina. 

Scusate per i termini poco professionali.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

ma ai provato a disalimentare  tutto per verificare se il contatto è ancora chiuso?

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
26 minuti fa, Livio Orsini scrisse:

ma ai provato a disalimentare  tutto per verificare se il contatto è ancora chiuso?

Certo per questo ho detto che sembra tutto ok, tranne che non posso diseccitate la

bobina, disalimentato la bobina non mi da nessun corto. È come se la

scheda che lo gestisce gli dice di eccitare il relè appena lo gli do corrente, che gli colleghi i cavi degli switch e luci o meno, è sempre quello il discorso, apparentemente sembra tutto ok

Edited by EsErEm

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm

Ok ho appena notato una cosa COM ed S1 sono in corto, sia da disalimentato che con cavi scollegati. Cosa può essere? Si sono incollati solo COM ed S1 gli altri non sono in corto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
1 ora fa, EsErEm scrisse:

Ok ho appena notato una cosa COM ed S1 sono in corto, sia da disalimentato che alimentato  con cavi scollegati. Cosa può essere? Si sono incollati solo COM ed S1 gli altri non sono in corto.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Se com e s1 sono in corto anche senza alimentazione allora il problema è interno alla scheda

Probabilmente non è una scheda molto robusta 

Se i contatti sono in corto anche senza alimentazione significa che si sono saldati 

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm

.

Edited by EsErEm

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
1 ora fa, Livio Orsini scrisse:

Se com e s1 sono in corto anche senza alimentazione allora il problema è interno alla scheda

Probabilmente non è una scheda molto robusta 

Se i contatti sono in corto anche senza alimentazione significa che si sono saldati 

Mi sapreste dire cosa devo usare nello specifico per proteggere tutti i contatti sul nuovo modulo che mi manderanno?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
9 ore fa, EsErEm scrisse:

Mi sapreste dire cosa devo usare nello specifico per proteggere tutti i contatti sul nuovo modulo che mi manderanno?

 

Ritorniamo d'accapo!

E il comando guasto o è il contatto saldato?

 

Non è una domanda oziosa.

 

Se è, come ho già ripetuto più volte, il contatto saldato prima di pensare ad una eventuale protezione bisogna valutarne l'uso per cpire se si è fatto un'uso improprio di quel relè.

Una protezione serve solo a prolungare un la vita dei contatti in particolari condizioni di lavoro, ma assolutamente non evita che i contatti si saldino perchè costretti a commutare una corrente molto al di sopra del loro limite.

 

Se il guasto è nel comando del relè un'eventuale filtro sugli ingressi, come già aveva consigliato rfabri, può forse migliorare un poco la situazione ma rimangono le cause di fondo: una scarsa o nulla robustezza ai disturbi ECM.

 

Potrebbe anche trattarsi solo di un singolo episodio dovuto ad un difetto specifico di quel componente, ma questo lo si vedrà con il tempo.

Purtroppo tra i partecipanti alla discussione non c'è nessuno che ha espereinza applicativa di questo prodotto, quindi non abbiamo una "storia" a cui fare riferimento.

 

Comunque le indicazioni per i dispositivi di protezione le abbiamo già date, basta rileggere i vari messaggi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
3 ore fa, Livio Orsini scrisse:

 

Ritorniamo d'accapo!

E il comando guasto o è il contatto saldato?

 

Non è una domanda oziosa.

 

Se è, come ho già ripetuto più volte, il contatto saldato prima di pensare ad una eventuale protezione bisogna valutarne l'uso per cpire se si è fatto un'uso improprio di quel relè.

Una protezione serve solo a prolungare un la vita dei contatti in particolari condizioni di lavoro, ma assolutamente non evita che i contatti si saldino perchè costretti a commutare una corrente molto al di sopra del loro limite.

 

Se il guasto è nel comando del relè un'eventuale filtro sugli ingressi, come già aveva consigliato rfabri, può forse migliorare un poco la situazione ma rimangono le cause di fondo: una scarsa o nulla robustezza ai disturbi ECM.

 

Potrebbe anche trattarsi solo di un singolo episodio dovuto ad un difetto specifico di quel componente, ma questo lo si vedrà con il tempo.

Purtroppo tra i partecipanti alla discussione non c'è nessuno che ha espereinza applicativa di questo prodotto, quindi non abbiamo una "storia" a cui fare riferimento.

 

Comunque le indicazioni per i dispositivi di protezione le abbiamo già date, basta rileggere i vari messaggi.

Grazie

Non so se è guasto o saldato, o addirittura se Com e Sx siano tutte levette meccaniche azionate da altre bobine interne del modulo e quindi basta solo riprogrammare il modulo, dall’esterno vedo solo che COM e S1 sono in corto col tester, c’e un talloncino di garanzia e non posso aprirlo.

Non vorrei aprire un altro post per chiedere quali dispositivi comprare ( non so come e dove comprare i vari pezzi e non ho molto tempo per fabricarmene uno) e come collegarli sul circuito o modulo ( se devo fare da solo, dovrei studiare l’argomento e tra famiglia, lavoro e finire la ristrutturazione, se procedessi cosí, darei corrente tra qualche mese...).

Potrebbe essere semplicemente un difetto di fabbrica, ma non vorrei rischiare in futuro di dover richiedere un RMA e aspettare 1/2 settimane per avere un nuovo modulo.

Escludendo i relè InX e OX che credo non abbiano problemi se comandati bene da COM e SX, vorrei proteggere appunto COM e SX. Che dispositivi devo usare e come dovrei collegarli sul circuito/modulo?

I carichi sono sempre gli stessi,

Lo switch S1 comanda 4 lampade led che ho allegato nei post precedenti,

S2 un trasformatore dc24v 300w,

S3 comanda l’alimentazione della caldaia a gas,

S4 comanda l’alimentazione della scintilla del pino cottura a gas

S5 comanda una piccola lampada esterna a led

e questi primi 5 sono senza contattori, vengono alimentato direttamente dal modulo.

Gli altri 5, sono forno, lavatrice, lavastoviglie, asciugatrice e prese in cucina, tutti pypassati dai contattori ( lo schema l’ho allegato nei post precedenti).

Grazie mille ancora per la pazienza  e scusatemi se non riesco ancora ad afferrare i concetti base dell’elettronica.

 

Edited by EsErEm

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
39 minuti fa, EsErEm scrisse:

( non so come e dove comprare i vari pezzi e non ho molto tempo per fabricarmene uno)

 

Per le bobine dei contattori compra il filtro che si abbina al contattore, lo fornisce il fabbircante del contattore se ritiene che sia necessario il filtro.

 

Non commutare carichi non puramente resistivi che eccedano un assorbimento di 3A.  Se devi comandare carichi maggiori interponi un relè adatto.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
1 ora fa, Livio Orsini scrisse:

 

Per le bobine dei contattori compra il filtro che si abbina al contattore, lo fornisce il fabbircante del contattore se ritiene che sia necessario il filtro.

 

Non commutare carichi non puramente resistivi che eccedano un assorbimento di 3A.  Se devi comandare carichi maggiori interponi un relè adatto.

 

Grazie mille 

ok per l’assorbimento da 3A, so come testarlo ma per carichi resistivi? come faccio a sapere quali lampade o dispositivi sono resistivi? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri-z
28 minuti fa, EsErEm scrisse:

 come faccio a sapere quali lampade o dispositivi sono resistivi? 

Qui hai un problema....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
3 ore fa, EsErEm scrisse:

come faccio a sapere quali lampade o dispositivi sono resistivi?

 

in pratica in ambiente domestico puoi considerare carichi resistivi, essendo la componente reattiva trascurabile:

  • lampade ad incandescenza
  • lampade alogene
  • forni elettrici (non forni a micro onde e piastre induttive)
  • ferri da stiro
  • Stufette elettriche senza ventilatore.

Tutti gli altri dispositivi hanno coponenti reattive significative.

Per le lampade a LED al 99% hanno alimentatori con componenti reattive anche molto pesanti, neol tuo caso parli addirittura di trasformatore.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
30 minuti fa, Livio Orsini scrisse:

 

in pratica in ambiente domestico puoi considerare carichi resistivi, essendo la componente reattiva trascurabile:

  • lampade ad incandescenza
  • lampade alogene
  • forni elettrici (non forni a micro onde e piastre induttive)
  • ferri da stiro
  • Stufette elettriche senza ventilatore.

Tutti gli altri dispositivi hanno coponenti reattive significative.

Per le lampade a LED al 99% hanno alimentatori con componenti reattive anche molto pesanti, neol tuo caso parli addirittura di trasformatore.

 

 

 

Questo è un bel problema.

Al venditore prima di vendermi gli articoli gli ho fatto delle domande e mi ha detto che non avevo problemi di carico fino a 10Amp.

 

Dear Customer,

We check your configuration. Here is some details and observation from our side:
 
1. DD-4 and RS-10PM are 105mm width. For comparison (5x Haseman DIN enclosures for Fibaro insert are 175mm)

2. You could consider direct connection to RS-10PM of Fridge and Kitchen socket and remove contactor there. Is important not current rating of breakers, but real consumption on the appliances. Relay could handle 10A/250V, which is 2500W active load. So fridge is ok. You should check other appliances too...

3. Also you will had additionally current clamp for your main "Line" and report in your system for voltage, current, PF, momentary power and energy consumption. So you could organize statistics within HC2 UI or safety notification on exceeding certain parameters... just for example.

Kind Regards,

 

Ovviamente prese della cucina e frigo non le ho messe dirette ma tramite contactor.

cosa dovrei fare adesso che non ho altro spazio nel quadro per altri contattori? Devo ammazzare il venditore o chiedere delle specifiche più dettagliate al produttore (il sito è in riallestimento e non riesco a contattarlo ancora) ?

Inoltre se mi dite che il micronde è induttivo non mi avrebbe proprio dovuto consigliare di mettere le prese della cucina nel modulo 🤬.

Edited by EsErEm

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
1 ora fa, EsErEm scrisse:

Al venditore prima di vendermi gli articoli gli ho fatto delle domande e mi ha detto che non avevo problemi di carico fino a 10Amp.

 

Scusa se te lo dico, ma non si fanno domande ai venditori, si devono leggere i data sheets ed attenersi rigorosamente alle indicazioni ivi contenute. I venditori, nella migliore delle ipotesi, difficilmente hanno la competenza per capire tutte le sfumature; inoltre, dovendo vendere, tendono a minimizzare i problemi ed ad rassicurare il cliente.

 

Nel caso specifico, il data sheeti è chiaro. Specifica 10 per "resistive loads", ovvero è un AC1. I carichi induttivi sono AC3 .

Poi basta osservare le dimensioni del relèper avere qualche dubbio sulle sue capacità di carico.

Leggi questo documento della Finder, a pagina 4 c'è la spiegazione e la tabella della classificazione dei carichi dei relè.

 

Comunque puoi sempre pilotare dei piccoli contattori, localmente, che andranno ad inserire e disinserire carichi come il frigorifero. Per il frigorifero è necessario un relè/contattore che possa commutare carichi da 10A in AC3. Non è una bella soluzione, ma è una soluzione.

poi ci sarebbero dei relè SSR, adatti allo scopo, che occupano lo spazio di un morsetto, fungono da morsetto e sinmontano in morsettiera.

Edited by Livio Orsini

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
53 minuti fa, Livio Orsini scrisse:

Comunque puoi sempre pilotare dei piccoli contattori, localmente, che andranno ad inserire e disinserire carichi come il frigorifero. Per il frigorifero è necessario un relè/contattore che possa commutare carichi da 10A in AC3. Non è una bella soluzione, ma è una soluzione.

poi ci sarebbero dei relè SSR, adatti allo scopo, che occupano lo spazio di un morsetto, fungono da morsetto e sinmontano in morsettiera.

Fortunatamente il frigo non devo sistemarlo è giá su un altro contattore Schneider.

quello che devo sistemare sono questi 5

7 ore fa, EsErEm scrisse:

Lo switch S1 comanda 4 lampade led che ho allegato nei post precedenti,

S2 un trasformatore dc24v 300w,

S3 comanda l’alimentazione della caldaia a gas,

S4 comanda l’alimentazione della scintilla del pino cottura a gas

S5 comanda una piccola lampada esterna a led

e questi primi 5 sono senza contattori, vengono alimentato direttamente dal modulo.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm

Sapreste rispondermi anche a questo modulo?

non ci sto capendo piú niente, forse mi sono perso qualcosa... se le lampade led sono induttive e i trasformatori lo sono ancora di piú, perché con questo modulo non ho nessun problema? È pieno di lampade led e ogniuna ha un alimentatore/trasformatore dimmerabile.

Funziona benissimo, nessuno sfarfallio nelle lampade e lo uso già da 1 mese, peró sul pdf del produttore c’e Scritto 4x500w resistive load, non fa nessun riferimento a  carichi induttivi.

http://haseman-electric.com/downloads/Haseman_DD-4_Manual.pdf

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Per risponderti esaurientemente dovrei scrivere per 4 pagine, accontentati di una risposta banale: questo modulo lo stai usando per l'impiego per cui era stato progettato.

Poi basta vedere le dimensioni.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
45 minuti fa, Livio Orsini scrisse:

Per risponderti esaurientemente dovrei scrivere per 4 pagine, accontentati di una risposta banale: questo modulo lo stai usando per l'impiego per cui era stato progettato.

Poi basta vedere le dimensioni.

 

Grazie mille

studio velocemente i componenti necessari e il materiale che mi avete mandato e torno per chiedere conferma prima di applicarli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
12 ore fa, Livio Orsini scrisse:

Per risponderti esaurientemente dovrei scrivere per 4 pagine, accontentati di una risposta banale: questo modulo lo stai usando per l'impiego per cui era stato progettato.

Poi basta vedere le dimensioni.

 

Buongiorno

intanto che studio, ho ricevuto questa email dal venditore dopo una discussione.

Please find attached contact ratings of relays from manufacturer. Type used within RS-10PM is 15A. 

 In general, it’s true when switching highly inductive or capacitive loads, manufacturers reduce rated currents few times in order to increase life expectancy for relay contact system. As we discuss earlier there is other prevention methods as SPD (surge protection device) which take care of relays contact health. But these device are not universal ones and depend of switching load type. So they could not be implemented within equipment as potential free relay contacts are intended to switch different load types. So when design installations, all these factors should be observed. All manufacturer of com-mutating highly reactive equipment suggest to use such their SPD devices. Take a look in Siemens portfolio for Tesys contactor for example, there is large number of protection add-on device which are made by Siemens to take care for their PLC an electromech-relays modules.

  Actually we partnership with Haseman for 5 years and more. A lot of devices was used within our installer’s projects and dispatch to our customers. There were no issues with their reliability. Our customers had great success with them, as ZW micromodules from other manufacturer had smaller relays and contact system suffer on high current and surges. But as we discuss precaution and protective measures when dealing with reactive load is recommended. 

Let’s us check what is the fault for this particular device. From description is not related to contact system as you confirm that COM and S1 is shorted. S1 is input terminal for RS-10PM and not related to relay contact system. S1 could be damaged from high potential on it. So please recheck your wiring and measure S1 for any potential. Potential free button/switch should be connected between COM and S1.

  Just our thoughts, regarding Kitchen line. What is your intention to switch this line, just as precaution when living house/apartment or other purpose? If it so there is no treat to relay as for example microwave will be in stand-by mode. Also when you start microwave via button panels, relay is already switched on and energized so there is no arc/surges from switch. There is a lot of different electronics designs within microwaves, newer ones also implement SMPS for greater efficiency. In general MW had variable power factor, during full load their PF become close to 1, which is pure active load. But this is just for information. As we discussed issues with relays comes from transitions from ON/OFF and vice versa during highly reactive load operating. In closed state they could withhold current which is rated for by manufactures. That’s where SPD(surge protection device) comes in, to minimize impact from these transitions.

We hope we provide basic details in order to observe your installation and if there is additional details needed, we are open to support you, so do not hesitate to contact us.

Kind Regards,

 

Cosa ne pensate? Anche perchè io ancora non ci ho capito molto, non ho manco le basi dell’elettronica :S

mi ha allegato anche questo...

4A1AF8E4-4E5C-4BA3-8186-57C738FCFC6D.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Non so che dirti, visto che non specifica il tipo di carico.

Ti ho linkato di proposito il documento di uno dei maggiori produttori europei (italiano) di relè, la cui serietà è nota, prprio per farti capire cosa ci si deve apsettare dalle specifiche di un relè.

Scrivere tabelle come quella riportata non è molto significativo

Almeno nel foglio tecnico della scheda è specificato che si tratta di carico resistivo (resistive load).

Share this post


Link to post
Share on other sites
EsErEm
il 3/8/2019 at 16:06 , Livio Orsini scrisse:

Non so che dirti, visto che non specifica il tipo di carico.

Ti ho linkato di proposito il documento di uno dei maggiori produttori europei (italiano) di relè, la cui serietà è nota, prprio per farti capire cosa ci si deve apsettare dalle specifiche di un relè.

Scrivere tabelle come quella riportata non è molto significativo

Almeno nel foglio tecnico della scheda è specificato che si tratta di carico resistivo (resistive load).

Buona sera

Ho contattato Finder e mi hanno consigliato un contactor picolissimo che fa al mio caso, se uso il contactor Finder e questo snubber, risolvo ogni problema?

Specialmente quello che mi è accaduto con il contatto Incollato dello switch 1?

12FD91CC-FBD5-4D3F-A3F2-488067A5AD5F.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...