Jump to content
PLC Forum


pippuccio76

Problemi a caldaia dopo controllo

Recommended Posts

pippuccio76

Salve , ho una caldaia sole da 8 anni a cui non ho mai dovuto rabboccare acqua.

Da quando è stato fatto il controllo annuale della caldaia in un mese ho già indovuto rabboccare acqua 2 volte .

Ci può essere un collegamento?

Se si cosa potrebbe essere?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alessio Menditto

Non c’è risposta a questa domanda.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lorenzo-53

Quale caldaia marca modello, hai solo i caloriferi su un livello o più piani con valvole di zona? termostatiche? impianto misto?altre fonti?

Magari dopo 8 anni era ora che si bucasse qualcosa

Share this post


Link to post
Share on other sites
BADPI59

dopo otto anni se hai caloriferi in alluminio controllerei piu che bene le guarnizioni ai radiatori, freddi,valvola e detentore mi raccomando

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
pippuccio76

Modello Sile superapida.

Per il discorso dei termosifoni( sono in alluminio tubi in rame)  la coincidenza che abbiano iniziato a perdere le valvole ? Oltretutto l impianto è del 2000 , non ha perso per 20 anni e casualmente dopo il controllo ..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lorenzo-53

Caspita 20 anni senza perdite, anche a me è successo ho fatto il tagliando al furgone mai un problema per 240.000 Km e la settimana dopo ho bucato, ci sarà un nesso?

Share this post


Link to post
Share on other sites
THE CAT
19 minuti fa, Lorenzo-53 ha scritto:

Caspita 20 anni senza perdite, anche a me è successo ho fatto il tagliando al furgone mai un problema per 240.000 Km e la settimana dopo ho bucato, ci sarà un nesso?

🤣 .sisì è colpa del tecnico ha fatto una macumba.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

devi capire dove perde in base a quello si può dire se è stato il cadaista o meno

La mia esperienza mi porta a diffidare sempre molto dei caldaisti..lo una lunga casistica di furbetti che se ne inventavano una più del diavolo..

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

Erikle a volte stento a credere che quando lavoravi eri in proprio...per carità di furbi ce n’è in tutti i settori, ma mai ti ho sentito dire una parola in difesa di un tecnico.

Per te lucrano sui ricambi, sabotano i macchinari e altre carinerie, poi certo questo è il tuo pensiero e fai bene a scriverlo, ma resta il fatto che sono sempre stupito.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

....di caldaie ne ho montate poche e se ti dicono mettimi una caldaia buona e tu gli dici ok ti monto questa ce l'ho anche io a casa mia e va bene..questo poi invece ti dice che non è contento perchè ha sempre problemi ecco che sono andato a vedere

Comunque non sono i soli a fare i furbetti mi sono anche trovato con due macchine frigo bucate sul tetto di un locale commerciale il sospetto di una  manomissione era una certezza ma mica potevo incolpare qualcuno per cui hi riparato tutto di tasca mia..solo dopo molto tempo per puro caso un mio amico che collaborava con una ditta di impianti frigo mi ha detto cosa combinava questa azienda e allora ho collegato le due cose e capito cosa era successo..era la ditta che faceva manutenzione ad altri impianti nello stesso stabile evidentemente hanno sbagliato a scegliere le vittime penso o magari no questo non l'ho mai capito

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

Si sì ma formalmente quello che dici è verissimo, però ripeto essendo tu stato (se non sbaglio) come me un tecnico in proprio, nei tuoi interventi noto sempre un accanimento verso il tecnico che, a quello che ci riferisce sempre chi scrive, ossia senza un contraddittorio, tu prendi per oro colato, per cui il costo del ricambio è sempre ricaricato all’inverosimile, un piccolo guasto diventa una tragedia e via così.

Poi forse è come dici tu, ma mancando il contraddittorio, prudenza e deontologia tra colleghi ed ex colleghi (sia di caldaie che di clima che di tutto il resto) dovrebbe spingerti a spezzare una lancia in favore, ma non ricordo tu l’hai mai fatto, o se l’hai fatto non eri molto convinto.

Tutto qui, era solo una considerazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Xxxxbazookaxxxx
Il 23/3/2020 alle 08:51 , pippuccio76 ha scritto:

Ci può essere un collegamento?

Può darsi,dipende dal tipo di lavoro che hanno dovuto fare.

Il 23/3/2020 alle 08:51 , pippuccio76 ha scritto:

Se si cosa potrebbe essere?

Può essere entrata aria nell’impianto e lentamente scaricandola in automatico ti si abbassa la pressione.

Oppure c’è una perdita in qualche punto della caldaia radiatori o collettori ma da qui non la vedo,sta a te dare un occhiata un po’ in giro. 

Verifica anche che la valvola di sicurezza della caldaia non sgoccioli. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Xxxxbazookaxxxx
10 ore fa, Alessio Menditto ha scritto:

Si sì ma formalmente quello che dici è verissimo

Se è verissimo gli idraulici (me compreso) sono dei deficienti i caldaisti dei ladri e gli installatori,gli “splittaroli” definizione esatta  per il nostro comune amico non sanno tutti fare una cartella.

Scusa Erikle ma non ho resistito 😝

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

È verissimo nel senso che da quando l’utente finale sa quanto costa il ricambio, è cominciato il tracollo economico, innanzitutto perché il conto finale della sostituzione è caricato dalle spese che l’impresa deve sostenere per stare aperta ecc.

 

Ovviamente al cliente non gliene frega assolutamente nulla di questo, ed è comprensibile, peccato che sono le tasse che versa l’impresa che tengono vivo questo disastrato paese, dove ognuno guardando solo nel suo orticello se ne fotte se il resto va in rovina.

 

Ecco perché mi piacerebbe che più persone si ribellassero a questo continuo massacro verso il tecnico, qualcuno lo fa, Erikle no ma non importa, il suo pensiero è chiaro anche se non lo condivido, ma in quel senso ha ragione, nel senso brutale dei numeri che non dicono però assolutamente nulla, perché non tengono conto dell’insieme.

 

Ad esempio, se mi chiama un cliente e mi dice che una impastatrice non funziona, io apro la spina e vedo che c’è un filo di fase staccato (mi è successo personalmente più volte), posso dire due cose:

 

1) si è staccato un filo

2) si è rotta la spina

 

Nel caso 1, quanto devo chiedere per un intervento di 1 minuto (aprire la spina e avvitare il filo)?

 

Nel caso 2, posso chiedere una cifra che giustifica la mia uscita, e al cliente do il servizio che lui non sa fare.

 

Se seguo l’1 però, ed è qui che il ragionamento di Erikle secondo me crolla miseramente, QUALUNQUE CIFRA CHIEDO per il cliente È TROPPO !!!, perché un intervento di 1 minuto non varrebbe nemmeno 1 euro.

 

La verità è che questa è una guerra tra poveri.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Xxxxbazookaxxxx
27 minuti fa, Alessio Menditto ha scritto:

QUALUNQUE CIFRA CHIEDO per il cliente È TROPPO !!!, perché un intervento di 1 minuto non varrebbe nemmeno 1 euro.

 

La verità è che questa è una guerra tra poveri.

Ci sono clienti diversi da altri clienti come tecnici diversi da altri tecnici,c’è il cliente che pensa sia troppo e c’è quello che ti paga tranquillo altrimenti quell’impastatrice restava ferma e se la usa per lavoro oltre che pagarti si scusa per averti disturbato per una fesseria che non ha pensato lui a controllare.

Per il servizio io ho sempre detto la verità,se il danno è serio lo dico se è una fesseria pure,poi sta a me valutare se il tempo che ci ho perso vale il prezzo della chiamata oppure dico che un caffè è abbastanza.

Troppi purtroppo pensano solo a oggi e non pensano che perdendo 50€ oggi hai probabilmente conquistato un futuro cliente che un domani potrebbe darti molto di più oltre il fatto che uno ne conosce dieci e se parla bene di te probabilmente di quei dieci qualcuno ti cercherà e così ad oltranza per ogni cliente accontentato. 

Son sempre partito dal presupposto che acquisire un cliente non è semplice ma perderlo è un attimo,quindi sempre cortesia PUNTUALITÀ e professionalità. 

Edited by Xxxxbazookaxxxx

Share this post


Link to post
Share on other sites
THE CAT

tornando al caso in oggetto. ci sono perdite visibili ? è stato gonfiato il vaso ?.  per altre questioni di solito chi dubita sempre del prossimo è il primo ad avere la coscienza sporca. ognuno ha una suo modo di lavorare e di porsi di fronte al cliente. un incapace è il primo a farsi dare due lire e a sparlare degli altri.  io intervengo ti dò un prezzo di massima e se ti và bene si fà il lavoro con delle garanzie. non ci mettiamo d accordo 50 euro per lo spostamento e la ricerca del guasto e tanti saluti. mai avuto problemi se non con personaggi ai quali purtroppo madre natura ha fornito scarso cervello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

io ho sempre difeso chi lavora..anche se è caro e fa le cose fatte bene ho detto altre volte che è più conveniente di chi lavora male anche se per pcoo..diverse sono le persone che vanno a fare le sceneggiate a casa della gente per truffare soldi e io di queste cose ne ho viste qualcuna di troppo ovviamente non dico che sono tutti così per carità

Non voglio essere più onesto di altri semplicemente ognuno ha i suoi limiti io non sarei mai capace di fare cose simili

Share this post


Link to post
Share on other sites
robertice
Il 27/3/2020 alle 09:33 , Xxxxbazookaxxxx ha scritto:

Troppi purtroppo pensano solo a oggi e non pensano che perdendo 50€ oggi hai probabilmente conquistato un futuro cliente che un domani potrebbe darti molto di più oltre il fatto che uno ne conosce dieci e se parla bene di te probabilmente di quei dieci qualcuno ti cercherà e così ad oltranza per ogni cliente accontentato. 

Son sempre partito dal presupposto che acquisire un cliente non è semplice ma perderlo è un attimo,quindi sempre cortesia PUNTUALITÀ e professionalità. 

Bravo,bravissimo....l'onestà alla lunga ripaga sempre!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

Bene, quindi dopo aver divagato un po’, ricordo il titolo della discussione:

 

Problemi alla caldaia DOPO IL CONTROLLO”

 

Se qualcuno può dire CON CERTEZZA che questo può essere possibile, lo faccia, altrimenti quelle che facciamo sono solo chiacchiere per far venire sera.

Share this post


Link to post
Share on other sites
endurik
1 ora fa, Alessio Menditto ha scritto:

Se qualcuno può dire CON CERTEZZA che questo può essere possibile, lo faccia

penso che sia tra le più diffuse telefonate che ricevono i centri di assistenza:whistling: ... " da quando è venuto il tecnico, la caldaia ... ":P

 

nel caso specifico, l' ipotesi più plausibile è da ricercare in un assestamento del vaso di espansione ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Stefano Dalmo

Chiedo scusa a tutti .

Mi auguro  che  questa discussione   che per la maggiore sta andando avanti con messaggi OT  ,visto che non è un  argomento tecnico , insinuare un ipotetico sabotaggio  da parte del servizio  tecnico  , continui   con  risposte  inerenti prettamente  l'aspetto tecnico.

Il 26/3/2020 alle 07:19 , pippuccio76 ha scritto:

La coincidenza che abbiano iniziato a perdere le valvole ? Oltretutto l impianto è del 2000 , non ha perso per 20 anni e casualmente dopo il controllo ..

     Vi faccio notare  che il nostro pippuccio è da  giovedi che  non  risponde  ,

Ha rilanciato " ed è sparito.

 Per cui   forse  manco gli interessa  la risoluzione del problema  .

Mentre qui si fa il processo a cosa   ?alle dicerie.

Noi non siamo  giudici di nessuno .

E se in futuro   si apriranno discussioni   del genere   , sarò lieto di chiuderle sul nascere .

Grazie  .

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alessandro9212

Controlla eventuali perdite lo usi anche per scaldarti?? 

O magari dove sono raccordati tutti i tubi nel vaso di espansione 

Edited by Alessandro9212

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

Comunque se perde visto che è acqua da qualche parte si dovrebbe vedere mentre è diverso il discorso se cala la pressione ma non si vede la perdita..certo potrebbe essere occulta oppure il caldaista ha scaricato l'acqua per provare la pressione del vaso espansione...è un altra fissa che hanno e se ne fregano che magari hai messo il liquido filmante nel circuito della caldaia e magari pure piazzato due saracinesche sotto la caldaia no questi scaricano purtroppo molte caldaie a condensazione hanno lo scarico canalizzato assieme alla condensa per cui ecco che scaricano acqua

 

Se ha immesso molta acqua nuova capita poi che questa possa fare vapore e lo sfiato automatico della caldaia lo scaricano per cui la pressione scende ma non c'è una perdita reale

Share this post


Link to post
Share on other sites
vincenzo barberio

 Queste cose le sa sicuramente il manutentore e forse in parte pippuccio che non si fa pìù vivo.

A tale proposito, pippuccio : non sarebbe bene chiedere delucidazioni al tecnico che ha effettuato la manutenzione anziché ascoltare o dare retta alle nostre varie e vaghe ipotesi?  

Edited by vincenzo barberio

Share this post


Link to post
Share on other sites
pippuccio76

Era già venuto e sostiene che svuotando il vaso di espansione può accadere e che non c'erano problemi , il problema è che lo ha rifatto a distanza di una settimana . Mi viene il dubbio di una manomissione perché ( pur essendo fuorilegge e lo so ) faccio fare il controllo ogni 2 anni in corrispondenza del controllo fumi e a loro non va giù ( ci credo perdono 85 euro per mezz'ora di intervento con una spennellata ed un aspirata), oltretutto loro sono famosi per la sostituzione di pezzi per prevenzione ( un periodo sostituivano il jolly perché costava poco e se si rompeva faceva grossi danni). Purtroppo sono gli unici in zona ad avere la manutenzione su questo tipo di caldaia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...