Jump to content
PLC Forum


Prese E Spine Domestiche - alla ricerca di uniformità


Carlo Albinoni
 Share

Recommended Posts

Carlo Albinoni+-->
CITAZIONE(Carlo Albinoni)

Hai ragione : ) oltre i computer...mi sono ricordato di avere un saldatore a stagno con presa schuko e se non sbaglio ho visto anche delle piastre per capelli ...

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 122
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • Carlo Albinoni

    33

  • MeM-93

    13

  • power-nrg

    7

  • fraandco

    6

C'è da dire comunque che in casa ho una lavatrice di 20 anni fa con spina schuko e che è stata collegata sempre con lo stesso adattatore. Non si è mai guastato.

Link to comment
Share on other sites

Pierluigi Borga

Mi ricollego a quanto detto da Livio, qui da noi la serie Magic è una delle più longeve e resistenti di tutte e usatissima, le prese irreversibili da 10 e 16 A di allora sono sparite, in effetti si rompevano di brutto perché le molle interne erano così forti che spaccavano la plastica, e il corto era frequente, ma il resto compresi interruttori e altro decisamente molto buoni.

Quindi se non sbaglio parli della vecchia sede in corso porta vittoria, non in via messina....

All'epoca però era tutta italiana Bassani-Ticino oggi è molto più Legrand.....

Ciao

Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...
In ogni caso a casa mia niente spine tedesche, tutte mozzate e sostituite con spine 10A o 16A a seconda dei casi! E sulla lavastoviglie una spina + presa da 20A che chissà come era stata installata! (Le fanno più?) Sono quasi uguali a quelle solo 16A ma con i buchi ancor più grandi ohmy.gif

Rare, ma esistono, io così ne ho da circa 30 ampere (vecchiotte), in cui i contatti hanno la dimensione del contatto di terra di una industriale da 16A :o:

Non so voi, ma se dovessi dettare i canoni di una spina e presa standard, essa dovrebbe essere:

1) Polarizzata, coi conseguenti benefici.

2) Assolutamente protetta contro i contatti diretti (Ad esempio il sistema brevettato da Vimar se non erro).

3) Compatibile europlug (o sarebbe la fine).

4) Essere, come le vecchie magic e se non erro le prese australiane, disponibile in quanti formati necessari (10-16-20-25-ecc ampere), presentando però la capacità di inserire in una presa di amperaggio maggiore una spina di amperaggio inferiore, ma non viceversa.

5) Essere robusta e passabile esteticamente.

Volendo fare una classifica, sempre secondo me, le più vicine, tranne che per i punti 4 e 5, sono le francesi e le inglesi, magari anche le australiane volendo uscire dall' UE, la spina e presa IEC 60906-1 potrebbe avere le carte in regola, ma prima devono riuscire a renderla modulare come le nostre amate prese italiane (credo siamo quasi gli unici ad aver adottato il sistema dei moduli per questo genere di cose), e non credo sia in grado di fornire quella compatibilità con le taglie inferiori.

Insomma, forse più che unificare le spine e le prese bisognerebbe rendere più facilmente reperibili anche altri modelli e marchi di altre nazionalità, lasciando poi all' utente finale la scelta dell' una o dell' altra in funzione di praticità, compatibilità, sicurezza, flessibilità eccetera.

Ah, approposito, escludiamo a priori le spine e prese domestiche americane, e su di quelle ci sarebbe tanto da ridire :whistling:

Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni
ma prima devono riuscire a renderla modulare come le nostre amate prese italiane

In Brasile ci sono.

Insomma, forse più che unificare le spine e le prese bisognerebbe rendere più facilmente reperibili anche altri modelli e marchi di altre nazionalità, lasciando poi all' utente finale la scelta dell' una o dell' altra in funzione di praticità, compatibilità, sicurezza, flessibilità eccetera.

Marchi e modelli è un conto.

Il formato dimensionale, che garantisce l'interoperabilità, sarebbe meglio se fosse scelto in modo unico... ma questa è utopia!

la spina e presa IEC 60906-1 potrebbe avere le carte in regola

Ha un difettuccio. Mentre sarebbe relativamente facile realizzare prese multivalenti IEC 60906-1/formato nazionale esistente per la maggior parte dei formati europei, c'è una presa nazionale di un grande paese europeo che non avrebbe questo "vantaggio", quindi....

Edited by Carlo Albinoni
Link to comment
Share on other sites

Effettivamente la cosa è abbastanza utopica :lol:

Forse ci conviene continuare a tagliare le varie shucko e a montare di volta in volta quello che più ci aggrada...

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
DJ_Gabriele
Ha un difettuccio. Mentre sarebbe relativamente facile realizzare prese multivalenti IEC 60906-1/formato nazionale esistente per la maggior parte dei formati europei, c'è una presa nazionale di un grande paese europeo che non avrebbe questo "vantaggio", quindi....

Infatti come tutto quello che viene osannato di quel paese finisce sempre per rovinare il resto d'Europa! ;)

Comunque si, sono dell'idea che la presa unica europea avrebbe tutte le carte in tavola per essere vincente! Peccato che nessuno voglia veramente adottarla, produrla nello standard ibrido italiano sarebbe oltremodo facile, basterebbero due fori di terra!

Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni

A leggere alcuni documenti pare uno solo... poi.. chi lo sa!

Link to comment
Share on other sites

Beh, diciamo che, volontariamente o involontariamente, le loro prese sono moooolto simili e moooolto compatibili :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

  • 5 months later...
  • 6 months later...
Valerio5000

Ne approfitto per fare una domanda: ma quella presa che ogni tanto in case vecchie ci si ritrova per caso dietro un mobile quella che se non erro si chiama " a pettine" che secondo wikipedia era stata imposta dalla BTcino negli anni '60 che fine ha fatto ? Inoltre non era utilizzata anche come presa telefonica prima della comparsa della RJ11 ? Oppure confondo due prese simili ?

Edited by Valerio5000
Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni
Link to comment
Share on other sites

Valerio5000

No infatti mi riferivo a qella chiamata Magic che l'unica volta che lo vista è stata a casa di un amico in una scatola 503 dove c'era una presa bipasso e vicino questa Magic, ma a cosa serviva ? Quella telefonica mai vista in italia non mi riferivo a quella evidentemente ho confuso le due ;)

Però vedo che qui http://it.wikipedia.org/wiki/Spina_elettrica#Prese_BTicino_.22Magic.22 Wikipedia afferma che c'è anche la stessa spina come connettore telefonico (non quella francese che mi hai fatto vedere però)

Edited by Valerio5000
Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni

il "Museo della spina e della presa"

Non lo conoscevo! bel sito!

C'è anche la "Magic" al gran completo.

http://fam-oud.nl/~plugsocket/Italian_3hd.html

ma a cosa serviva ?

Serviva a quello che servono tutte le prese.

BTicino voleva imporre un nuovo standard, non solo era irreversibile ma era ben protetta contro i contatti.

E poi, pensa, esisteva da 10 A, 16 A, 20 A e persino trifase.

Edited by Carlo Albinoni
Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni

Wikipedia afferma che c'è anche la stessa spina come connettore telefonico

Confesso di non averla mai vista usare per questa applicazione.

Però, in epoca anche recente, l'ho vista utilizzare per applicazioni atipiche: altoparlanti, o come dispositivo antitaccheggio, oppure come chiave per indicare negli alberghi la camera dove si trova la cameriera.

Link to comment
Share on other sites

come dispositivo antitaccheggio, oppure come chiave per indicare negli alberghi la camera dove si trova la cameriera.

stè due ultime non le ho capite :toobad:

Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni

Allora:

- nel primo caso per realizzare un "laccio" elettrico per legare prodotti esposti nei negozi (se stacchi suona l'allarme)

- nel secondo caso, fai una spina con un cortocircuito, la inserisci nella spina in camera e alla reception si accende una luce che corrisponde alla camera.

Ovviamente puoi usare un qualunque connettore però questa presa ha il vantaggio di essere economica, robusta, facile da reperire e perfettamente integrabile nella serie civile.

Edited by Carlo Albinoni
Link to comment
Share on other sites

Valerio5000

Be a questo punto mi chiedo perchè questo amico mio che se non erro il padre fece l'impianto di casa a fine anni '80 ha messo questa presa...

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Be a questo punto mi chiedo perchè questo amico mio che se non erro il padre fece l'impianto di casa a fine anni '80 ha messo questa presa...

te lo dico io, perchè credeva fosse "lo standard del 2000" resistente, sicura ed anti inversione, sicuramente di gran successo....

come faccio a dirti ciò???

mio padre fece l'impianto di casa nel 1986, e sparse queste prese a destra e a maca convinto di fare una predisposizione per il futuro, il tempo gli diede clamorosamente torto...

PS: esistono anche le Magic per uso telefonico, ne ho un paio, appena capita le fotografo e ve le faccio vedere

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
  • Maurizio Colombi locked this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share


×
×
  • Create New...