Jump to content
PLC Forum


Aieie Brazorv

Regolatore Di Velocità Per un Motorino 12V in cc

Recommended Posts

webdvd

Ciao sono un nuovo iscritto e siccome il fai da te è l'imperativo eccomi capitato in questa discussione alla caccia di input.

Intanto faccio subito i complimenti perchè noto che ce parecchia serietà e professionalità nelle cose trattate.

Sono capitato quì semplicemente perchè stò cercando un semplice circuito che mi dimezzi più o meno, la luminosità delle lampade H3 che montano i fendinebbia della mia auto. Potrebbe andar bene il primo circuito postato in questo topic?

Questo circuito poi, verrà integrato alla pcb che tutt'ora stò testando su strada e che pare funzionare come da progetto.

Vi ringrazio tutti per l'eventuale aiuto.

Link to comment
Share on other sites


Livio Orsini

Dipende da qaunto consumano le tue lampade.

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Se hai letto tutta la discussione dovresti aver notato che Mirko consiglia proprio, come carico di prova, lampade alogene in parallelo per consumare circa 50W - 60W

Link to comment
Share on other sites

webdvd

Si l'ho letta ma essendo fuori orario l'occhio tendeva a chiudersi :smile: .

Quindi in sostanza potrei iniziare a sviluppare il circuito stampato usando il primo schema elettrico giusto?

Sono un pò arrugginito e chiedevo solo per essere sicuro.

Nel frattempo ho trovato una soluzione ma non capisco se la diminuzione dell'intensità possa soddisfare la mia esigenza.

Il documento è in PDF eventualmente posso postarlo?

Link to comment
Share on other sites

webdvd

Stò valutando il da farsi e avrei un'altra domanda forse banale ma tant'è.

Se prendessi in considerazione il primo circuito posso pilotare entrambe le lampadine?

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Siamo quindi sui 10 Ampere giusto ?

Quindi lo shunt da 0,1 Ohm dissiperebbe 10 watt, e la temperatura di costui si farebbe considerevole, visto che si tratta di un'applicazione a servizio continuo (fari auto)

Porterei quindi lo shunt a 0,022 Ohm, ed aletterei robustamente sia lui che l' IRF44 .

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Il MOSFET può pilotare una determinata corrente, come anche tutto il circuito è calibrato su un determinato valore di Imax. Se le tue lampade in parallelo non superano i 50W - 60 W non dovrebbero esserci problemi.

Però in questo caso bisogna attendere la pronucia della cassazione, cioè di Mirko che ne è autore e progettista.

Link to comment
Share on other sites

webdvd

Dunque non metto assolutamente in discussione lo schema elettrico ed il suo funzionamento, ci mancherebbe, però a dir la verità vorrei anche capire se fosse possibile partire con un circuito più semplificato visto che non dovrei guardare ai giri dell'utilizzatore.

Continuando quindi a cercare info ho trovato questa possibile soluzione,che assomiglia molto al secondo schema postato da Mirko.

Come vi sembra o che differenze ci sono a livello funzionale?

http://imageshack.us...1259828801.jpg/

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Ah....totem pole a parte, è praticamente quello.

Del resto col 555 se si vuole ottenere un duty cycle variabile e frequenza costante, le strade non sono molte :smile:

Nel mio, in caso di forti correnti di carico, il totem pole garantisce un pilotaggio più erculeo sul gate, con fronti di commutazione più ripidi e quindi un minore surriscaldamento del Mos-Fet...tutto qua !

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

webdvd

Quindi potrei muovermi per la realizzazione giusto?

Riesco a pilotarci entrambe le lampadine?

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Col mio o con l'altro ?

Link to comment
Share on other sites

webdvd

Se col tuo riesco a pilotare entrambe le lampadine, ben venga, non ho problemi a realizzarlo però ci sono un paio di cose che non mi sono chiare. Abbi pazienza :worthy::smile: .

Parliamo del secondo circuito postato nella prima pagina di questo topic.

La linea trateggiata che dal potenziometro va al trimmer da 1K cos'è?

Lo stesso "potenziometro switch" a me non dovrebbe interessare.

Mi spiego: il circuito una volta integrato al resto della basetta che ho già funzionante, riceve il 12V in ritardo ovvero X secondi dopo la messa in moto del motore e gli viene tolto non appena si accendono le luci normali anabbaglianti. In quest'ultima condizione praticamente il tuo circuito è completamente escluso e i fendi andrebbero a funzionare, in caso di necessità, come da originale con la loro piena efficenza. Questo sistema quindi mi farebbe anche da switch.

La cosa che non capisco è se posso utilizzarlo per entrambe le H3.......sono una frana lo so!

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Devi considerare che una lampada da 12 Volt 55 Watt (anzi 110 Watt dato che sono 2) quando passa da "spenta" (filamento freddo) ad "accesa", ha lo stesso effetto di una fucilata nei confronti del circuito che la pilota.

Stessa cosa per i motori D.C. quando passano da "fermo" ad "in moto".

Quindi il tratteggio nel potenziometro switch, indica che lo switch è inserito nel potenziometro, e che per spegnere il circuito bisogna prima portare la regolazione a "zero" volt in uscita (un po' come avveniva nelle radioline portatili) e per accendere si è costretti a passare sempre da volt "zero" in su.

Questa sorta di soft-start manuale, serve appunto per limitare lo spunto alla partenza, altrimenti il finale primo o poi si sfonda.

(vedi anche messaggio N°# 12 alla prima pagina di questo Topic).

Invece col circuito a limite di corrente (primo schema), il problema non si pone, poichè è appunto il limite di corrente che (motore fermo o lampade fredde che siano) fa buona guardia per evitare che la corrente superi il limite di set point impostato, sia in accensione, che durante l'uso.

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

webdvd

Grazie,gentilissimo e chiarissimo.

Considerando che vorrei un qualcosa di longevo dunque, tocca rimboccarsi le maniche e mettere in pratica il primo circuito.

Posso chiedere 2 cosette?

1: l'alimentazione fissa 12V (IN) suppongo venga data dove cè l'NE555 giusto?

2: L'uscita del circuito (OUT) è da considerare ai capi del BY229 o tra 12 VDC-OV?

3: nello schema elettrico noto delle interruzioni di collegamento....stanno ad indicare che in quel punto non v'è un nodo giusto? ( si sa mai :smile: )

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti
1: l'alimentazione fissa 12V (IN) suppongo venga data dove cè l'NE555 giusto?

Sbagliato :smile:

L'alimentazione viene dalla batteria che vedi a destra dello schema, poi da lei, va anche allo stadio fatto con l'NE555

2: L'uscita del circuito (OUT) è da considerare ai capi del BY229 o tra 12 VDC-OV?

Ai capi del BY229; in sostanza le lampade andranno collegate al posto del motore che vedi disegnato, ed il BY229 (dato che il carico pare essere puramente resistivo) lo puoi omettere.

3: nello schema elettrico noto delle interruzioni di collegamento....stanno ad indicare che in quel punto non v'è un nodo giusto?

Certo, è per evidenziare che in quel punto non vi è collegamento, e che il filo prosegue passando sopra al suo collega ortogonale.

Ora però una domanda :

Sono capitato quì semplicemente perchè stò cercando un semplice circuito che mi dimezzi più o meno, la luminosità delle lampade H3 che montano i fendinebbia della mia auto

perchè vuoi dimezzare la luce dei fendinebbia ???? :huh:

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

webdvd

Sono una frana, non ho manco riconusciuto il simbolo della batteria:)!!

Vorrei dimezzare l'intensita dei fendinebbia perchè le stò usando come luci diurne. Lo so, è vietato, però non mi va di aggiungere fari aftermarket o qualsiasi altra cosa. E neanche di usare gli anabaglianti.

In questo modo limiterei sia i danni con le Fdo, sia l'eventuale fastidio agli altri.

Sia i fendi sia tutte le altre luci, sono gestite automaticamente da diciamo così un'interruttore crepuscolare temporizzato, temporizzato perchè ho inserito la funzione coming/living home.

L'obbiettivo è anche quello di mantenere inalterato l'originalità del funzionamento del devioluci per il collaudo biennale.

Comunque ti ringrazio infinitamente per i preziosi suggerimenti. Ho già avuto una brutta esperienza con i circuiti preassemblati, nello specifico il crepuscolare, non tanto per il costo ma quanto per il funzionamento. Poi scoperto il trigger di schmitt si sono aperte le strade e schiarite le idee.

Non mancheranno aggiornamenti sulla realizzazione che inizierò subito.

Edited by webdvd
Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Buon lavoro allora :smile:

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

webdvd

Stò stilando una lista dei componenti ma l'LM336B accanto al trimmer multigiro cos'è?

Dai datascheet risulta un transistor.........

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

No..No....!...è un generatore di tensioni di riferimento costanti, nella fattispecie trattasi di 2,5 Volt.

Ha 3 pin come un transistor BC337, di cui uno non utilizzato :smile:

A voler fare un lavoretto come da manuale, la 10 K postagli in serie andrebbe del tipo "di precisione" ma per questo utilizzo van bene anche quelle normali.

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

webdvd

Ok chiaro.

Ho fatto la spesa solo che non ho trovato la corazzata. Mi è stato suggerito di usare al suo posto, tre resistenze da 0.33 ohm 10W in parallelo appoggiandole poi su una base di alluminio. Potrebbe essere?

Per la regolazione della velocità, "speed" ho preso un trimmer piccolino blu sempre da 10K. Va bene o serve un potenziometro lineare?

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Ehi...se ricordi quanto ho scritto al messaggio N°# 182

Siamo quindi sui 10 Ampere giusto ?

Quindi lo shunt da 0,1 Ohm dissiperebbe 10 watt, e la temperatura di costui si farebbe considerevole, visto che si tratta di un'applicazione a servizio continuo (fari auto)

Porterei quindi lo shunt a 0,022 Ohm, ed aletterei robustamente sia lui che l' IRF44 .

Invece, 0,33 : 3 = 0,11 Ohm (30 Watt).....praticamente il valore originale come da schema.

D'accordo che se viene tarata l'uscita per produrre alle lampade una luce dimezzata, non assorbiranno 10 Ampere, però era per avere del margine.

Comunque quel che t'han detto è vero, quindi non Ti resta che provare e vedere.

Per la regolazione della velocità, "speed" ho preso un trimmer piccolino blu sempre da 10K. Va bene o serve un potenziometro lineare?

Va benissimo, tanto più che il circuito sarà a tensione d'uscita fissa, quindi una volta tarato il trimmer, non sarà manco più da toccare.

Saluti

Mirko

Edited by Mirko Ceronti
Link to comment
Share on other sites

webdvd

Ottimo che poi le 3 R dovrei anche pagarle meno quindi rimanere sotto i 20€ di componenti come avevi scritto.

Grazie.

Dimenticavo un'altra cosetta: lo 0V ed il GND sulla PCB posso metterli tutti insieme giusto?

Edited by webdvd
Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Certo...0 Volt e GND nello schema sono la stessa cosa :smile:

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.



×
×
  • Create New...