Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
Paolo Prete

Plc Programmabili In Linguaggio C

Recommended Posts

lucios
Li non si possono mettere a punto i programmi a martellate come fanno certi "programmatori" in ladder diagram

Bella frase! :lol::lol: Mi è capitato tra le mani un programma del genere proprio una quindicina di giorni fa, una fatica per trovare il bandolo della matassa...

Comunque anche in C può fare del danno, anzi è proprio con il C che è meglio avere chiaro il più possibile quello che si vuol fare. In questo modo si può strutturare bene il progetto e facilitarsi tutto lo sviluppo. In ladder tutto sommato è un "peccato" meno grave proliferare con pezzi di software poco lineari.

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gianmario Pedrani

Guardate questo progetto che ho trovato in rete, a proposito di c ed linux realtime

emc2&CNC

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
TRC

La Moeller si puo' programmare in C ed è un bel C, non un surrogato, anche la B&R hanno il linguaggio C (per me è il top), la telestar si programma in C e molti altri che non ricordo ora, lo so perchè ho sempre cercato qualche altro linguaggio più raffinato del ladder o awl, dato che venivo da schede custom programmate in C, io ero uno di quelli che apprezzava gli M7 ma mi sentivo una mosca bianca, la Siemens con l' SLC ha un simil pascal, anche se non lo trovo bello, la telemecanique ha un simil basic, io se non fossi legato ai capitolati, programmerei B&R, comunque programmare in C è più bello ma il sistema dei PLC che ad ogni scansione aggiorna ingressi e uscite, forse è più sicuro per l'automazione, quindi il C dovrebbe essere un compromesso tra linguaggio da PLC e linguaggio da PC.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
.....ma il sistema dei PLC che ad ogni scansione aggiorna ingressi e uscite, forse è più sicuro per l'automazione, quindi il C dovrebbe essere un compromesso tra linguaggio da PLC e linguaggio da PC.

La funzione dell'aggiornamento delle immagino di In e Out è indipendente dal linguaggio di programmazione! E' svolta dallo schedulatore o dal SO (Se hai usato M7 dovresti sapere cosa fa lo RTOS). Questa funzione "gira" in modo trasparente per il programma utente, programma che è solo un task o un job dell'intero sistema.

Share this post


Link to post
Share on other sites
TRC

No stavo parlando di M......r, non ha nessun sistema indipendente, fai un loop di mezz'ora e le uscite si aggiornano alla fine del loop.

Share this post


Link to post
Share on other sites
TRC

RTOS = Sistema operativo Real Time con funzionamento indipendente dal software di funzionamento, progettato per il funzionamento della macchina, praticamente un sistema operativo "inaccessibile" con le minime funzioni di sistema, tipico dei PLC in grado di aggiornare le immagini di processo e controllare funzioni tipo watch-dog ecc. ecc. che consente il funzionamento e la messa in sicurezza, tipo impostando tutte le uscite a zero (o stato definito) in caso di crash del programma utente, praticamente il bios del computer. Purtroppo non l'ho trovato su alcuni modelli, motivo per cui non li ho usati, ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
TRC

Mi son sbagliato, la Moeller ha una routine ciclica di aggiornamento, ho detto una cosa non vera, ammetto di non ricordarmi in che circostanza mi sia capitato di trovare il loop che mi bloccasse l'aggiornamento delle uscite. Signora Moeller mi scusi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andboa

Ciao a tutti ,

sono quasi 6 anni che utilizzo i PLC della B&R , l'approccio alla programmazione avviene tramite alcuni linguaggi di alto livello quali il testo strutturato, automation Basic , il ladder , l' SFC , ed infine il C (ansi C ) .

Ho usato per molti anni anche AWL siemens S7 300 , ho sviluppato parecchie aplicazioni e scritto parecchie righe di codice ; da quando ho iniziato ad usare B&R la parte piu' consistente del mio codice viene scritta in C , ottenendo risultati piu che soddisfacenti, codice pulito , chiaro , veloce e compatto .

Il paragone con mamma Siemens non esiste ....

solo se B&R cominciasse a camminare e la Siemens cominciasse a correre a distanza di tot anni i due non si vedrebbero ancora !

(scusate lo sfogo ...) ma siemens dovrebbe adattarsi ai tempi che corrono ..... riciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Savino
Ho usato per molti anni anche AWL siemens S7 300 , ho sviluppato parecchie aplicazioni e scritto parecchie righe di codice ; da quando ho iniziato ad usare B&R la parte piu' consistente del mio codice viene scritta in C , ottenendo risultati piu che soddisfacenti, codice pulito , chiaro , veloce e compatto .

Il paragone con mamma Siemens non esiste ....

Non sono d'accordo.

Anche Siemens aveva e ha questa possibilita', mi risferisco a coding in C.

Forse non ne sei al corrente.

Vedi poi, il fatto che Siemens abbia decollato e corra sempre piu' veloce che gli altri, che addirittura fanno fatica a mantenere il passo, si fonda principalmente sull' adottare una filosofia di disegno in correspondenza con una totale automazione integrata, in senso verticale ed orizzontale, che e' gia una realta' e sara' il futuro della programazione PLC ed altro.

Edited by Savino

Share this post


Link to post
Share on other sites
ETR
Vedi poi, il fatto che Siemens abbia decollato e corra sempre piu' veloce che gli altri, che addirittura fanno fatica a mantenere il passo, si fonda principalmente sull' adottare una filosofia di disegno in correspondenza con una totale automazione integrata, in senso verticale ed orizzontale, che e' gia una realta' e sara' il futuro della programazione PLC ed altro.

Scusa Savino, non per ribadire il solito amore/ODIO per Siemens, di cui ho un opinione tutta mia, ma B&R (sulla quale ho dirottato tutta la mia attenzione e spero anche programmazione) e Omron (le uniche di cui ho notizie tangibili) non hanno già da anni perseguito questa filosofia, addirittura arrivando all'unico ambiente di programmazione ??? Alcune volte vorrei dire che è Siemens ha rincorrere in settori nei quali, possiamo dire tranquillamente, non ha una posizione da monopolista. In questi casi fà il bello e cattivo tempo...Non è la sola, bisogna ammetterlo.

Fuori OT ??? Che ne dite della nuova serie 1200 ? E del nuovo pacchetto (unificato ?) che verrà ? La serie 200 è segnata (si..)..

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
Savino
Scusa Savino, non per ribadire il solito amore/ODIO per Siemens, di cui ho un opinione tutta mia, ma B&R (sulla quale ho dirottato tutta la mia attenzione e spero anche programmazione) e Omron (le uniche di cui ho notizie tangibili) non hanno già da anni perseguito questa filosofia, addirittura arrivando all'unico ambiente di programmazione ???

Non ho capito molto cosa volevi dire. <_<

Vedi, Io amo il C, C++ Ansi C, MFC, Visual C++, e/o qualsiasi altra forma di C, percio...

Volevo soltanto dire che quando Andboa ha detto che

Il paragone con mamma Siemens non esiste
allora vuoldire che lui forse non ne era al corrente che anche Siemens aveva ed ha sempre sviluppato linguaggi di programmazione per PLC, HMI e SCADA fondati sul C, C++ ed ANSI C, prima o nello stesso momento degli altri, quindi il paragone non centra nulla. Edited by Savino

Share this post


Link to post
Share on other sites
ETR

Ciao Savino, scusa ma come al solito sono rimasto criptico...la mia battuta non riprendeva tanto l'argomento generale della discussione (linguaggio C), ma il fatto di avere in un unico oggetto di programmazione (es AS per B&R o CX per Omron), la disponibilità di tutti questi strumenti di scrittura, verso tutti o quasi tutti i prodotti di produzione. :o

L'altra battuta consisteva sul fatto che Siemens, la dove ha il monopolio, non si adegua al mercato, ma impone al mercato le sue scelte (uso la parola impone perchè mi sembra la più adeguata).

Rimanendo strettamente nell'ambito della discussione, attualmente la mia unica esperienza consiste nel C messo a disposizione da B&R nel suo pacchetto.

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexbellotti

Ciao a tutti. Mi re-inserisco dopo 2 anni in questa discussione.

Il 10% circa dei nostri clienti richiede la programmazione in linguaggio C. Questa è una percentuale che sta aumentando.

I nostri PLC, come immagino quelli dei concorrenti, programmati in C danno prestazioni elevate. Oltrettutto, oggi, si possono trovare compilatori free per diversi microcontrollori.

Ovviamente poter definire le priorità di interrupt, le tempistiche di scansione e lettura degli I/O e, in sostanza, poter definire le priorità software del sistema da controllare, consente di gestire la macchina, l'impianto e il processo in modo ottimale. Basti pernsare ad esempio alla gestione di ingressi analogici (conversioni anche in 10/20 microsecondi) o ingressi veloci per encoders gestiti anche a 200/300 KHz.

Il rovescio della medaglia è ovviamente costituito dal fatto che il C è un linguaggio per pochi. Appunto il 10%. Produzioni di serie (macchine) possono anche essere gestite da PLC programmati in C. Impianti, prototipi, controllo di processo difficilmente possono essere gestiti da un PLC programmato in C: difficoltà di manutenzione e soprattutto difficoltà di gestione del personale. Un buon programmatore di ladder lo si trova sempre mentre un ottimo programmatore di C....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Aleandro2008
difficoltà di manutenzione e soprattutto difficoltà di gestione del personale. Un buon programmatore di ladder lo si trova sempre mentre un ottimo programmatore di C....

Forse è la stessa cosa che hanno pensato i normatori IEC al momento della sua esclusione dai linguaggi della IEC1131-3...

quello che noto è una più ampia disponibilità di alcuni sviluppatori di programmi per PC a inserirsi nel mondo dell'automazione

e quindi la successiva ricerca di prodotti che si programmino come un normale software da PC, ma vedo anche che spesso manca una cultura

di base del processo finale, programmare un PLC è equivalente al cablare un quadro a relè, non richiede solo di conoscere il software ma anche di conoscere

molto bene l'automazione da svolgere e nei minimi particolari

partendo appunto da come funzionano i sensori... se manca questa parte la scelta del linguaggio in se a poco valore!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Max_k0d0

Una Cpu che si programma completamente in C/C++ è della Mitsubishi, modello Q06CCPU.

Va sullo stesso slot di una cpu normale della serie Q, gestite le stesse schede di i/o, ecc ecc..

Sugli appositi siti esistono tutti i manuali hardware e software del prodotto

saluti

Max

Share this post


Link to post
Share on other sites
bacoric

Salve a Tutti,

mi riallaccio al titolo della discussione per chiedere se qualcuno può gentilmente condividere esempi e/o progetti su PLC, sviluppati in linguaggio C e CFC.

A breve mi troverò a lavorare su piattaforma B&R e vorrei iniare a familiarizzare con questo ambiente nuovo.

Confido nel vostro aiuto e nella filosofia del Forum in cui siamo iscritti.

Saluti a tutti,

Riccardo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
Quote

mi riallaccio al titolo della discussione

 

Nonm ti puoi accodare, il regolamento lo vieta perchè si crea confusione nelle risposte.

Poi con una discussione feram da 7 anni è un po' ....... masochistico.:)

 

Se vuoi apri una nuova discussione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...