Articolo

Trasporto stradale, marcia indietro su Euro 7: riduzione radicale delle emissioni di CO2, meno delle altre

L'anno scorso, nel servizio sul phase-out dei motori endotermici, pubblicato in marzo (1), e nel successivo sulla normativa allo studio per limitare l'impatto dei nuovi veicoli stradali sulla qualità dell'aria, pubblicato in ottobre (2), si è detto delle proteste dei costruttori, non solo per l'uscita di scena, prevista dal 2035, ma anche per il rigore eccessivo dei requisiti da rispettare nel periodo transitorio per la commercializzazione nell'UE dei mezzi stradali di nuova produzione. Standard proposti dalla Commissione Europea (CE) nel novembre del 2022 la cui evoluzione, nel mezzo secolo che abbiamo alle spalle, è stata riassunta nella cronaca della riduzione dei limiti sulle emissioni dei veicoli a motore riportata nel primo dei due articoli.

Negli interventi si è fatto cenno alle esigenze, incognite e incongruenze che caratterizzano la transizione verso una mobilità su ruote in Europa più sostenibile, che sono molteplici e da affrontare prima del fatidico 2035.

Riguardano, pertanto, il futuro immediato, da gestire per attuare la necessaria, ulteriore diminuzione del livello inquinante dei tradizionali veicoli a ciclo Otto e Diesel, particolarmente drastica nel caso del biossido di carbonio.

Una questione che ha costituito una forte ragione di contrasto tra il settore industriale e la CE, per la grande severità delle prestazioni da raggiungere nella riduzione della CO2, oggetto di uno specifico provvedimento (3), e delle altre emissioni, indicate nel nuovo standard omologativo che era in corso di definizione.

Un salto di classe da Euro 6 a 7 che prescriveva il conseguimento di valori estremamente impegnativi, se non improbabili, comunque molto onerosi, da imporre a partire dal luglio 2025, cioè tra poco più di un anno.
Ciò per le nuove auto e i veicoli commerciali leggeri e due anni dopo per quelli pesanti.

In materia è utile rammentare il percorso in salita che ha caratterizzato il passaggio dai vecchi veicoli ante '93, privi di sistemi di filtraggio dei gas di scarico, così detti Euro 0, all'attuale classe Euro 6.

Una storia di successo, partita in Italia più di 50 anni fa, nel 1970, con il regolamento attuativo del Capo VI "Veicoli a motore" della
legge antismog.

La famosa legge 615/66 "Provvedimenti contro l'inquinamento atmosferico", che i lettori più anziani certamente ricordano per la sua portata fortemente innovativa.

Norme rese via via più stringenti con il varo del programma europeo "Auto-Oil", nei primi mesi del 2000, per ridurre risolutivamente l'impatto ambientale dei veicoli.

Questo con direttive coordinate sulla qualità dei carburanti e sul miglioramento delle prestazioni dei propulsori, di cui la rivista ha dato ampia testimonianza, monitorandone nel tempo il recepimento e l'attuazione.

Un programma, supportato da misure che hanno introdotto disposizioni e target progressivamente più rigorosi, che ha raggiunto egregiamente gli obiettivi, classificando corrispondentemente le vetture con le successive classi "Euro".
Ciò in base a valori decrescenti dell'inquinamento consentito che hanno determinato una continua riduzione delle emissioni generate durante l'utilizzo dei mezzi di trasporto su strada: monossido di carbonio, ossidi di azoto, idrocarburi incombusti, particolato.

Ad esse si sono aggiunti poi limiti decrescenti di altre emissioni e di quelle del biossido di carbonio, per l'impatto climalterante formalmente riconosciuto alla CO2 dal Protocollo di Kyoto nel 1997. Un effetto considerato nel tempo sempre più grave, al punto da aver indotto le istituzioni europee a prevedere, con il contestato, ma approvato, Regolamento 2023/851 del 19 aprile 2023, entrato in vigore il 15 maggio (3), la su richiamata messa al bando dei propulsori tradizionali dei veicoli leggeri entro il 2035.

Risultato di tutto ciò è stato l'efficientamento dei motori termici, il continuo perfezionamento dei sistemi di trattamento dei gas di scarico e la più recente ibridizzazione con quelli elettrici, che ha consentito ai veicoli di diventare sempre meno inquinanti, raggiungendo livelli prima impensabili.

Continua nel PDF
Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
La Termotecnica maggio 2024
Ultimi articoli e atti di convegno

L'idrogeno a basse emissioni in Italia. Dal PNRR alla decarbonizzazione profonda

Capacità produttiva di idrogeno in Italia Idrogeno per la decarbonizzazione settori "hard to abate" Hydrogen Valleys e Mobilità sostenibile

Attualità e importanza della cogenerazione per la decarbonizzazione e la transizione energetica

ITALCOGEN chi è e chi rappresenta Tendenze di mercato nel settore dell'energia Il futuro dell'energia è rinnovabile Definizione di...

Biometano da rifiuti: stato dell’arte e scenari futuri

Utilitalia è la Federazione che riunisce circa 400 aziende operanti nei servizi pubblici dell'Acqua, dell'Ambiente, dell'Energia Elettrica e del Gas,...

Agevolazioni a supporto degli investimenti

Chi siamo Come lavoriamo Principali agevolazioni Beneficiari del piano di transizione 5.0

Immissione del biometano in rete: tecnologie avanzate per l'analisi della qualità

Honeywell PMC GAS Immissione Biometano in rete Le sfide tecniche (nel PDF lo Schema di impianto secondo la UNI TS 11537:2024) Le sfide...

Il Regolamento europeo sulla intelligenza artificiale, lineamenti generali e possibili applicazioni alla meccanica e alla industria del biogas

Stiamo vivendo in un periodo molto particolare della Storia, nel quale si concentrano diversi aspetti, per un certo verso, davvero inediti, se...

L'esperienza Ecospray nel trattamento del biogas e nella liquefazione del biometano: realizzazioni e progetti futuri.

(Atto PDF in lingua inglese) Markets & products: marine, capabilities, renewables, industry biogas pre-treatment & upgrading

Sostenibilità energetica: soluzioni integrate per la produzione di biometano

C'è un modo diverso di produrre che aumenta l'efficienza, incrementa i profitti e, allo stesso tempo, ti accompagna verso la sostenibilità. Un modo...

Vettori energetici da rifiuti, lo stato dell'arte delle politiche industriali, focus su biometano da FORSU

I vettori energetici da rifiuti I vettori energetici da rifiuti per la decarbonizzazione; Biometano, Idrogeno, CSS-C Il CSS-C: le caratteristiche...

Il biogas e il biometano tra nuovi assetti ed evoluzioni

Lo stato attuale della produzione di Biogas PNRR: lo sviluppo del settore I bandi Biometano

Industria: porta la tua azienda verso la sostenibilità

Per soddisfare la domanda globale di acqua in modo sano e sostenibile, la società, e le industrie in particolare, devono trattare le acque reflue con...