Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
Alex1278

Motore Trifase 400v: Come Collegarlo A 230v Monofase?

Recommended Posts

roberto8303
Se è un motore 220vY e 380v D (triangolo) bisogna collegarlo a Y.

-Se è un motore 220v D e 380v Y (esiste così?? Boh ) bisogna collegarlo a D.

-Se è un motore 380v/660v non si può fare niente..

-no il primo caso non esiste

- si a triangolo lo alimenti con la 220 trifase

-compra il motore nuovo anche perche il collegamento 380-660 lo trovi per motori di una certa potenza non per i 2,2 kw che di solito fino a questa potenza puoi alimentare con la potenza installata in casa (di solito 3kw)

Share this post


Link to post
Share on other sites

vinlo
si a triangolo lo alimenti con la 220 trifase

Scusa Roberto8303,io intendevo a 220v con il condensatore...

In dfinitiva possiamo dire che per collegarli a 220v con il condensatore, devono essere collegati a triangolo??

Grazie e ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
roberto8303

si 220v monofase collegamento triangolo... mi sa che l avranno detto un migliaio di volte un po tutti :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
vinlo

Ancora grazie tanto Roberto8303, B)

si 220v monofase collegamento triangolo... mi sa che l avranno detto un migliaio di volte un po tutti

Come ti dicevo prima,ho letto tutti i messaggi di questa discussione e c'è chi dice collegamento a stella e chi a triangolo per questo ho chiesto chiarimenti, e mi sei stato di aiuto e molto chiaro

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
roberto1953

Per una mia curiosità, faccio una domanda a chi ha fatto questa prova. Solo per espertissimi.

Il motore trifase di un ventilatore di piccola potenza, ha una tensione di targa di 220 volt a triangolo.

Lo alimento con una linea monofase. E faccio queste prove:

- Stacco le tre ponticelli per i collegamenti a stella o a triangolo.

1)Collego un solo avvolgimento alla linea monofase ed uno solo degli altri due rimasti liberi lo collego alla stessa linea, ma con in serie un condensatore, come fosse un motore monofase. ( Un avvolgimento resta libero)

2) Collego il motore come al numero 1, ma all' avvolgimento in parallelo alla linea aggiungo in parallelo l' avvolgimento rimasto libero. (L' altro resta collegato alla stessa linea monofase con in serie il condensatore, come prima)

3)Collego il motore come al numero 2 ma invertendo uno dei due avvolgimenti in parallelo tra di loro alla linea.

4) Rimetto i ponticelli sulla morsettiera per il collegamento a triangolo, alimento due fasi con la linea e ad una metto in serie il condensatore; collgato dunque tra il morsetto rimasto libero ed un capo della linea monofase.

Provando il ventilatore, cosa vi sembra succeda? O meglio come variano correnti e potenza attiva assorbita, nonchè portata d' aria rispetto alla precedente.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
roberto8303

se non inizia a fumare siamo fortunati... :) a parte gli scherzi perche non fai un bel schema non riesco a capire come deve essere collegato spiegato cosi..scusa la mia ignoranza!

Share this post


Link to post
Share on other sites
roberto1953

Non disegno lo schema dei collegamenti proprio perché non lo provino i dilettanti; un esperto invece sò bene che ha capito da se.

Altrimenti non avrebbe mai aperto la morsettiera di nessun motore. Ne monofase ne trifase e misurato la continuità dei singoli avvolgimenti.

Poi rileggete quello che è già scritto, e se i miei problemi vi sembrano poco chiari: ditemi quale collegamento avete scelto, ossia quello dato da chi?

Perché mi sembra di aver capito che non tutti hanno dato lo stesso...

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
roberto8303
Non disegno lo schema dei collegamenti proprio perché non lo provino i dilettanti; un esperto invece sò bene che ha capito da se.

Perché mi sembra di aver capito che non tutti hanno dato lo stesso...

A me sembra che solo tu hai uno schema diverso da tutti! o dilettante o esperto l importante è fare le cose nel giusto modo e seguire una regola ben precisa! le tue prove se ritieni che sono cosi valide che solo un esperto puo fare allora perche non te li fai tu? e poi ci dici cosa hai scoperto...!

Share this post


Link to post
Share on other sites
adriano2

CIAO A TUTTI

Holetto quasi tuto largomento ma ho notato un po di cose che vorrei sugerrire con un semplice inverter alimentato a 220 v monofase si riesce a generare un 220 v trifase mantenendo le medesime caratteristiche del motore . Mentre con un collegamento con condensatore si riuscira al massimo avere 1/2 della potenza del morore .

:unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites
gallonero978

ciao a tutti!! non sono molto ferrato sull argomento motori trifase e inverter... e quindi ho deciso do porvi questa domanda..

sarei curioso di sapere perchè, dopo aver sostituito il vecchio inverter..di una marca sconosciuta con un nuovo altivar 31 200/240v, il motore ha iniziato a fare un rumore magnetico fastidioso!! secondo voi impostando i valori corretti ce la farò ad eliminare l'odioso fischio???

vi ripeto che sono un carrozziere...e di elettronica ci capisco il giusto!!! ciao grazie!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
miro970

per gallonero978

puoi modificare lo switching frequency dovrebbe essere il parametro SFr

saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
olusi

il condensatore lo applicato su un afettatrice professionale il funzionamento e buono , il motore tende a riscaldari perche la capacita e alta per ottenere piu coppia. poteri usare un inverter esiste qualcosa in proposito per motori 1500w

Share this post


Link to post
Share on other sites
saturnoluna

si sono concorde con l' uso dell INVERTER INGRESSO 220 V MONOFASE USCITA 220 V TRIFASE 1KW. LA SPESA SI AGGIRA SUI 200 euro senza filtro. chiaramente un condensatore costa 20 volte meno. ciao a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites
GlaucoSerra

E' bene sapere che esistono degli azionamenti semplificati, fatti apposta per sostituire i motori monofase (quelli a condensatore) con motori trifase. Il costo di questi azionamenti si aggira intorno ai 30 euro e non 200 euro! E hanno i filtri EMI!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
Il costo di questi azionamenti si aggira intorno ai 30 euro e non 200 euro! E hanno i filtri EMI!

Sarebbe interesante. Potresti indicare qualche modello e qualche produttore?

Share this post


Link to post
Share on other sites
GlaucoSerra

Si tratta di una azienda italiana: la Biamino spa . Fanno un azionamento semplificato che comunque permette di regolare velocità ed accelerazione del motore. Credo che vada bene solo per taglie piccole (0.37kW - 1kW) ma non sono sicuro.

Noi usiamo dei motori con un loro azionamento (non semplificato) integrato all'interno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
arabicus

HOUN MOTORE TRIFASE FUNZIONANTE CON BATTERIE A 48V CC , CON CETRLINA CHE TRSFOMA LA CORRENTE IN 48V IN AC

SI E ROTTA LA CENTRALINA , E NON NON RIESCO A TRVARNE , U ' ALTRA CE MODO DI FARLO FUNZIONARE DIRETTO SENZA CENTRALINA , SEMPRE CON CORRENTE AC .

Share this post


Link to post
Share on other sites
c4n10

scusate.....a me interesserebbe la formula per il calcolo del condensatore!!!

in rete ho trovato questa:

Dove:

P=potenza del motore in CV

V=tensione nominale di alimentazione in VOLT

f=frequenza nominale in Hz

C=50 x P x (220/V)2 x 50/f (in µF)

che può essere semplificata in questo modo:

C=50 X P X (220/V)2

grazie x la risposta!!!!

Edited by c4n10

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Guarda nella sezione didattica, c'è tutto quello che ti serve.

Share this post


Link to post
Share on other sites
GiroBo2

già, si sono visti dei contrari a quello, cioè dei tri-mofasi (in circuiti mooolto economici....).. ma mono-trifasi è impossibile...

e per il discorso del collegamento o a stella o a triangolo, non dipende dalla monofase o dalla trifase, ma dalla tensione che si vuole utilizzare, no??

se un motore ( standard) è 240/400 sarà collegato a triangolo a 240 sia in monofase che in trifase; viceversa sarà collegato a stella sia monofase ( se la trovate) che trifase a 400 Volt;

se invece il motore è ad esempio un 400/680 saà collegato a triangolo a 400 volt e a stella a 680 volt; in quel caso a 220 volt diventa impossibile ( sia che si abbia la 220 monofase che la 220 trifase, ecc. ecc.)

yup!

Share this post


Link to post
Share on other sites
GiroBo2
Il costo di questi azionamenti si aggira intorno ai 30 euro e non 200 euro! E hanno i filtri EMI!

hummm sicuro che all' interno non vi sia altro che collegamenti a filo + il condensatore famoso e qualche RC di filtro, il tutto mascherato da azionamento?

di solito per azionamento si itende un dispositivo che ha delle caratteristiche tecniche per cui a quella cifra è impossibile....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alexander MacNaughton

Premetto che se non sono a digiuno di elettronica siamo molto vicini.

Un mio amico mi ha regalato un compressore regalatogli da una ditta che ha chiuso. Il proprietario gli ha spergiurato che funziona benissimo, ma lui non è molto convinto. L'unica cosa che dovevo comprare era il tappo della bombola e collegarlo al pressostato, aprendo il pressostato ho notato che ha 4 cavi: una messa a terra, un neutro e (penso) due fasi.

Il pressostato volevo sustituirlo con uno odierno ma prima di spendergli 20 € volevo vedere se funziona...

Il motore è asincrono trifase vi riporto quanto scritto in targhetta:

Tipo: NPG1305/2

CAV: 1

Giri: 2800

Hz: 50

V:220/380

A:3,2/1,85

Serv.: CONT (e che significa?)

Coll: ha disegnato un triangolo / una Y rovesciata

Nell'immagine riquadrata in nero è come trovo i collegamenti aprendo la scatola elettrica del motore. I cavi in giallo sono dei cavi rivestiti in tessuto e non riesco a vedere con cosa si congiungono, vedo solo che vanno dentro il motore. Il cavo grigio(messa a terra) nero e i due marroni vanno dal motore al pressostato.

schemamotorecompressore.jpg

Inizialmente pensavo di giuntare il cavo marrone (come in riquadro rosso) e collegare i tre cavi rimanenti ai tre poli della presa ma ho capito che è una fesseria!

Nella morsettiera non ho visto sigle o simili però posso prendere una luce forte e lente d'ingrandimento per controllare meglio.

Ho solo qualche dubbio che a voi può sembrare idiota: Da quello che ho capito il collegamento a stella e a Y sono la stessa cosa. Il condensatore secondo la formula se non ho capito male deve essere 50uf e 400V(se esiste) ma quale tipo di condensatore devo acquistare a scatolino, elettrolitico o ceramico?

Inoltre penso che il collegamento debba essere fatto come il riquadro verde* o sbaglio? Non vorrei che invertendo il senso di marcia il compressore mi scoppi in faccia :blink:

Vi prego di non ditemi di leggere in didattica perché arrivo da lì e sono più confuso di prima :wacko: mi spiace ma i schemi elettrici quando penso di averci capito qualcosa comprendo di averci capito nulla...

Grazie per qualunque informazione potrete darmi...

P.S. Il motore è del 1964, e la bombola è in ghisa...

*il quadrato nero col segno di pausa rappresenta il condensatore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Del_user_127832

Ciao,

Premetto che se non sono a digiuno di elettronica siamo molto vicini.

poco male, quì di elettronico non c'è proprio nulla... :lol:

aprendo il pressostato ho notato che ha 4 cavi: una messa a terra, un neutro e (penso) due fasi.

probabilmente è un pressostato trifase, e se una è la messa a terra (del pressostato?) le altre tre sono le fasi del motore

Serv.: CONT (e che significa?)

servizio continuo, diversamente ci sono motori progettati per lavorare ad intermittenza

I cavi col rivestimento, sono i capi degli avvolgimenti di statore, nella prima figura, quelli collegati con i ponticelli in rame rappresentano la chiusura in centro stella,

ma non è il collegamento che ti interessa se vuoi far partire il motore in monofase 230V

Inizialmente pensavo di giuntare il cavo marrone (come in riquadro rosso) e collegare i tre cavi rimanenti ai tre poli della presa ma ho capito che è una fesseria!

l' importante è che tu non l'abbia fatto, poi premesso che non lo hai specificato, ma lo intuisco dalla discussione in cui hai postato la tua domanda, tu disponi di una fornitura monofase 230V giusto? Se così le tue prese sono 2P+T 3 non 3P

(premesso che quel cavo grigio per la messa a terra, mi insospettisce un pò, però dici che il motore è del '65, magari lo sono anche i cavi...)

Da quello che ho capito il collegamento a stella e a Y sono la stessa cosa. Il condensatore secondo la formula se non ho capito male deve essere 50uf e 400V(se esiste) ma quale tipo di condensatore devo acquistare a scatolino, elettrolitico o ceramico?

Y rovesciata = stella,

Qual' è la potenza (kW) del motore? 50 uF (microFarad) vanno bene per un motore da 2 HP, la tensione d'isolamento dei condensatori è solitamente di 450Vca, niente elettrolitici o ceramici, devi chiedere quelli a scatolotto per collegamento a motori elettrici

inoltre penso che il collegamento debba essere fatto come il riquadro verde* o sbaglio? Non vorrei che invertendo il senso di marcia il compressore mi scoppi in faccia

il collegamento è giusto, male che vada devi invertire il collegamento del condensatore, non preoccuparti che non scoppia nulla!

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
roberto8303
inoltre penso che il collegamento debba essere fatto come il riquadro verde* o sbaglio? Non vorrei che invertendo il senso di marcia il compressore mi scoppi in faccia

togli la faccia!!! :lol: se gira al contrario non succede nulla, ma la puleggia grande sul gruppo compressore deve ruotare in modo da raffreddare le alette del cilindro :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...