Jump to content
PLC Forum


Motore Trifase 400v: Come Collegarlo A 230v Monofase?


Alex1278
 Share

Recommended Posts

Alexander MacNaughton
quì di elettronico non c'è proprio nulla... :lol:

Ecco cominciamo bene! :wallbash:

probabilmente è un pressostato trifase, e se una è la messa a terra (del pressostato?) le altre tre sono le fasi del motore

Dal pressostato escono 8 cavi: uno verde e giallo, uno blu, uno marrone e uno nero escono di 5 cm e sono stati recisi (sicuramente andavano alla presa della corrente industriale e questi cavi sono nuovi) i restanti 4 (sono un vecchio cavo multipolare) dal pressostato vanno al motore e sono colorati due di marrone uno di nero e uno di grigio.

Nel pressostato il verde-giallo è solo giuntato al grigio, mentre gli altri 3 vanno dentro il meccanismo che isola i cavi quando arriva in pressione...

non è il collegamento che ti interessa se vuoi far partire il motore in monofase 230V

Allora non ho capito niente dalla discussione... :blink: Quindi quale collegamento uso stellato o triangolare? :huh:

Pensavo di giuntare il marrone, cercando informazioni e leggendo questa discussione ho capito immantinente che era una fesseria, e non l'ho fatto ovviamente.

tu disponi di una fornitura monofase 230V giusto? Se così le tue prese sono 2P+T 3 non 3P

Esatto! 230V: messa a terra(giallo-verde), neutro(blu) e nero(fase).

però dici che il motore è del '65, magari lo sono anche i cavi

sicuramente infatti alcuni cavi l'isolante è secco infatti se funziona i cavi li cambio!

Qual' è la potenza (kW) del motore?

Non ne ho la più pallida idea! Tutto quello che era scritto sulla targhetta del motore l'ho postato tranne il numero di serie del prodotto...

50 uF (microFarad) vanno bene per un motore da 2 HP

Un cavallo(CAV.: 1) non rappresenta la potenza Hp?

devi chiedere quelli a scatolotto per collegamento a motori elettrici

Scusa per curiosità sai quanto viene?

perché allora se devo comprare 10€ di condensatore quasi 20 di pressostato,un paio di € per i cavi della corrente, 5€ di tubo, 7€ di pistola sono 34€ se consideri che a prenderlo nuovo lo paghi 50€ tutto incluso... mha conviene?

Link to comment
Share on other sites


Del_user_127832
Allora non ho capito niente dalla discussione... Quindi quale collegamento uso stellato o triangolare?

Δ Triangolo!

Scusa per curiosità sai quanto viene?

< 10€

ciao

Link to comment
Share on other sites

A parte tutte le considerazioni da un punto di vista economico se conviene o no ,la vedo molto dura

che il motore con il condenatore riesca a lavorare su un compressore a pistoni,è infatti risaputo che

tale escamotage puo' andare bene su altri tipi di carico come ad es. i ventilatori.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

sono daccordo con eliop, poi dipende ancora da altri fattori, ma in linea generale sono daccordo il motore trifase con condensatore non è propio una bella idea...

Link to comment
Share on other sites

Alexander MacNaughton
in linea generale sono daccordo il motore trifase con condensatore non è propio una bella idea

Perché??? :unsure_2:

Motivi? Il rischio che duri poco, oppure non è detto che funzioni oppure è pericoloso?

è infatti risaputo che tale escamotage puo' andare bene su altri tipi di carico

é risaputo da voi io non ne so niente o quasi di elettricità o di motori elettrici o componentistica varia, :embarassed: se lo sapevo non venivo a chiedere a voi!

Edited by Alexander MacNaughton
Link to comment
Share on other sites

rischi che il motore non ce fa, potrebbe andare sotto sforzo o non partire neanche. se vuoi puoi fare la prova non succede nulla di pericoloso.

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
...é risaputo da voi io non ne so niente o quasi di elettricità ..

Se, invece di replicare stizzito, avessi almeno letto questa discussione per intero l'avresti saputo anche tu. L'ignoranza è ammessa, basta non approfittarsene. :)

Link to comment
Share on other sites

Alexander MacNaughton

roberto8303 Grazie... ho capito.

Se, invece di replicare stizzito, avessi almeno letto questa discussione per intero l'avresti saputo anche tu. L'ignoranza è ammessa, basta non approfittarsene. :)

Ad essere sincero l'ho letto tutto ma sinceramente non me ne ricordo molto! è il fatto che potrebbe andare sotto sforzo se messo su compressore e non riuscire a niente non ci ho fatto caso! :toobad: Scusate! :embarassed:

Link to comment
Share on other sites

Bhe se vuoi avere le stesse caratteristiche di potenza del 380V inserisci un bell'inverterino con ingresso 220v ed uscita 220v trifase ed il gioco è presto fatto.

certo la scelta non è proprio economica, ma funzionale

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti mi chiamo Albert.

Per non creare doppioni, mi accodo a questo thread come primo intervento. Premetto che mi occupo per hobby di legno e non di elettronica/elettricità. Leggendo i messaggi precedenti, ho capito alcune cose, ma alcuni aspetti forse non mi sono ben chiari.

Ecco il mio quesito:

Ho trovato una vecchia sega a nastro che monta un motore con le caratteristiche indicate nella targa

TargaMotorePrimultini.jpg

Al momento è collegato a 380V. Logicamente non ho accesso a voltaggi industriali e di conseguenza vorrei poter utilizzare la nastro a 220V.

Non volendo perdere potenza con condensatori o altri espedienti, vorrei capire se questo motore può funzionare con un inverter, oppure se è il caso che trovi un motore (se esistono) che funzioni a 220V e abbia una potenza che si avvicini (se non eguagli), quella di quello installato.

Grazie

Link to comment
Share on other sites

Dalla targhetta risulta essere un motore con collegamento 380-660 ,per cui non puoi usare un inverter

monofase con uscita trifase 220 l'unica cosa da farsi è comprare un motore monofase di uguale potenza.

Ciao.(avresti potuto usare l'espediente del condensatore se il motore fosse stato 380-220)

Link to comment
Share on other sites

E' come temevo :( . Grazie Elio per la risposta. Esistono motori 240V così potenti? Che voi sappiate si può fare riavvolgere?

Edited by Albertity
Link to comment
Share on other sites

Che voi sappiate si può fare riavvolgere?

Si, anche se non è proprio econimicissimo.

C'è una soluzione, anche questa non a buon mercato. Un autotrasfo monofse 230 V - 400 V, seguito da un inverter mono fase 400 V - uscita 3 fase 400 V. Solo che con quella potenza non è facile trovare inverter mono - trifase.

La soluzione meno costosa è cercare un motore monofase a 230 V, magari anche un poco meno potente: 2,2kW - 2,5kW.

Link to comment
Share on other sites

Che voi sappiate si può fare riavvolgere?

non credo, tirare fuori 3kw da quel motore in monofase è difficile, e poi bisogna vedere le cave del rotore se possono andare.

Consiglio un buon motore monfoase anche 2,2kw e gioare con i rapporti delle pulegge in modo da avere meno giri ma la stessa coppia.

Link to comment
Share on other sites

tirare fuori 3kw da quel motore in monofase è difficile,..

Non penso proprio sia il caso, al limite riavvolgerlo per 230 V - 400V, ma sempre 3 fasi.

Link to comment
Share on other sites

Rimarrai soddisfatto...credimi... wink.gif

Saluti

Mirko

Grazie anche a te Mirko.

Spero solo di non avere una grande perdita di potenza alla lama. L'ho presa apposta per fare lavori grossi.

Gli inverter mi stanno appassionando, Ho appena finito di restaurare un tornio per lastre

92160027.jpg

con un motore 380/220V trifase.

Con queste caratteristiche (42Hz?)

91260030.jpg

e con questo inverter

Inverter004.jpg

promette di funzionare parecchio bene.

Edited by Albertity
Link to comment
Share on other sites

Magicdami

Ciao, sono riuscito a fare un ecellente lavoro alimentando un motore 220/380 da 1,1Kw con un inverter Toshiba da 2,2Kw che ho acquistato nuovo (€270,00). Praticamente con la rete domestica monofase 220V posso ora alimentare qualsiasi motore trifase in 220V fino ad una potenza di 2,2Kw.

:thumb_yello:

Link to comment
Share on other sites

Ciao tutte le considerazioni e le teorie circa i condensatori sono corrette e qusi fuzionanti, tieni presente però che non avrei mai la reale coppia del motore, lo sfasamento della tensione data dal condsensatore è 90 gradi e non 120 come un sistema di terna. poitresti collegare il motore a 220V quindi a triangolo e alimentarlo con un inverter monofase/trifase che ti darebbe in uscita una tensione 220Vtrifase, inoltre potresti regolare giri, accelerazione decelerazione, frenatura etc etc. oltre a migliorare il rendimento, pensaci ciao e buon esperimento...

Link to comment
Share on other sites

Sempre col motore 220 V Y Il collegamento che da' le migliori prestazioni,

fase collegata a U1 e W2

neutro collegato a V1 e C

U2 collegato a V2

l'altro capo di C collegato a W1

in ogni caso si ottiene meno potenza che in trifase.

E' veramente questo il collegamento migliore per collegare un motore trifase alla monifase?

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

E' l'unico possibile. L'alternativa è usare un inverter 230 V monofase -----> 230 V trifase.

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share


×
×
  • Create New...