Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
aleda5859

Programmazione Pic Ed Assembler

Recommended Posts

aleda5859

Salve a tutti,sono nuovo e mi presento: Aleda5859... e sono nuovo in tutti i sensi perchè è da poco che mi sono avvicnato al mondo dell'elettronica.

Ho cominciato a fare ricerche sui pic ..e sul linguaggio assembler...

ho letto il tutorialone sul sito tanzilli.com ma ci sno alcune cose che mi sfuggono ancora...

Cosa sono di preciso i registri..?perchè sono diversi e a cosa servono?

w...cos'è?

potrest poi indicarmi le principali funzioni assembler per partire con un programmino easy easy?

che ne pensate del multipippo che hanno su hobby elettronica come programmatore?

ringrazio e saluto...aleda5859

Share this post


Link to post
Share on other sites

Livio Orsini

Senza offese, se non sai cosa è un registro per prima cosa devi studiare l'ABC dei microprocessori, magari andando a ripescare un vechio test come il Bug Book.

Comunque un registo è una cella di memeoria con un nome specifico, anzi in alcuni micro tutte le memorie posono essere usate come indirizzi. Di solito si ha almeno un registro l'Accomulatore. Il tutor di Tanzilli è buono, ma è necessario avere un minimo di infarinatura sui micro. Se fai una ricerca con google, o altro, sulla rete cercando "microprocessori tutor" o "microprocessori test" o altro sui micro trovi valanghe di documentazione, anche di base che è quello di cui hai bisogno

Share this post


Link to post
Share on other sites
dlgcom

Benvanuto Aleda ,

Come dice Livio , bisogna avere una infarinatura di microprocessori per iniziare .

Il tutorial di Tanzilli presuppone che si abbia un idea di quali sono le basi.

Io ti consiglio , a parte le ricerche su internet , di comprare un libro base sui microprocessori , purtroppo non abitando in Italia non so' quali testi sono in commercio , ma ci sono anche libri dedicati ai pic che partono propio dalla base .

Per le tue domande :

I registri sono variabili ( normalmente di 8 bit ) dove il pic deposita valori o risultati di operazioni es: valori di timer .

I registri si usano anche per configurare il PIC il piu semplice e il registro TRIS dove decodo se il pin sara' una uscita o un entrata , ma ce ne sono molti .

Il W = Work e' il piu importante e' il registro coinvolto in quasi tutte le operazioni : trasferimento , calcolo , verifica .

Un esempio per poter scrivere un dato in una locazione di memoria Prima deve essere caricato in W e poi W sara copiato nella locazione finale di memoria.

Come vedi per sapere come iniziare con pic dovresti sapere perche si usa sempre W ....

Un Vecchio libro , ma valido ... forse oggi ci sara' una versdione aggiornata e':

SISTEMI A MICROPROCESSORE della casa ed. HOEPLI , l'edizione che ho io e' del 1989 ( non sono giovane)

Ma molto valida e parte dalle basi e molto completa .

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleda5859

Ok ragazzi,e grazie per le risposte.Non preoccupatevi,sono cosciente della mia ignoranza e non mi offendo se viene riconosciuta :D

Ho potuto trovare molto di quanto dovevo cercare sulla rete ma alla fine un buon libro rimane sempre un buon libro,vedrò se posso trovare qualcosina... :lol:;)

Capito che i registri sono celle di memoria,da 8 bit ciascuno,e che per ogni dato (se bit) ne occuperò uno mi domandavo...esiste una differenza tra un registro ed un altro?si,altrimenti non li avrebbero chiamati con nomi diversi suppongo...ma quali sono ste differenze? trisA e trisB determinano la modalità entrata/uscita di un particolare piedino..ma gli altri?

ringrazio ancora per le tempestive risposte..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Per il libro potresti anche leggere qualche cosa sui vecchi 8085 - Z80, la teoria di base non cambia.

Per quanto concerne la differenza dei registri devi pensare che i rigistri vengono specializzati per funzioni. Cerco di esemplificare.

Tutti i microprocessori hanno almeno i seguenti registri:

- Program Counter: contiene l'indirizzo dell'istruzione che deve essere iseguita

- Stack Pointer: puntatore dello Stack

- Accunulator: è un registro da cui passano tutti gli operandi

Poi (quasi) tutti hanno altri registri per impiego generale. I microprocessori più complessi come 80X86 (compreso il pentium) hanno numerosi registri specializzati per segmenti, stringhe, istruzioni particolari, etc. Altri come il PIC hanno diverse serie di registri uguali ma in banchi di memoria diversi, questo rende più facile usaregli interrupts senza il pericolo di sporcare i registri.

Vedi la tua è una domanda semplice che richiede una risposta molto complessa

Share this post


Link to post
Share on other sites
dlgcom

aleda,

I registri dei PIC sono naturalmente tutti diversi :o

Il nome tipo trisa ecc. in verita' sono solo un mnemonico per aiutarti a ricordare a che cosa servono , difatti il registro si trova in una precisa locazione di mamoria.

A parte i registri base , molti dipendono dal pic che usi, per esempio ADCON1 lo trovi solo nei pic con conversore A/D interno ... non avrebbe senso in un 16F84 che non ha questa risorsa .

Quindi dopo aver una base ... dovrai studiare il pic che vorrai utilizzare.

Purtroppo non conosco un libro in italiano per i PIC

Per Livio.. il mio primo libro per micro fu il glorioso " IL BUGBOOK V" e "PROGRAMMAZIONE DELLO Z80"

.. una rivelazione ... che mi ha introdotto nel mondo micro ..

... poi costruito il computer di nuova elettronica.....

Da li .....

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
Per Livio.. il mio primo libro per micro fu il glorioso " IL BUGBOOK V" e "PROGRAMMAZIONE DELLO Z80"

.. una rivelazione ... che mi ha introdotto nel mondo micro ..

... poi costruito il computer di nuova elettronica.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleda5859

Che dire!! ancora mille grazie!

chissà come farei altrimenti...per adesso proviamo a capirci qualcosa...altrimenti tornerò a chiedere :P

Come programmatore che mi consigliate?

grazie ancora..cia cia

Share this post


Link to post
Share on other sites
razoro

Un ultimo suggerimento per comprendere il meccanismo di funzionamento dei microprocessori:ad ingegneria elettronica ti fanno studiare la macchina di VON NEUMANN(pur avendola studiata non ho passato l'esame eh eh).

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleda5859

Che ne dite del Multi(o mini ,non ho capito bene..)Pippo che c'è sul sito hobby elettronica alla voce pic e micro?

mi è sembrato di facile costruzione,e poi pare programmi anche le eproon....(tra l'altro..cosa sono?:P)

ciao a tutti..e tantissime grazie ancora!

Share this post


Link to post
Share on other sites
dlgcom
Che ne dite del Multi(o mini ,non ho capito bene..)Pippo

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleda5859

non è che potresti inviarmi qualche progettino di programmatore?e magari qualche schema di circuito iniziale per "testare " il lavoro svolto sul pic....?

ancora grazie per le risposte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dlgcom

Come ho detto in rete ci sono una infinita' di programmatori, cerca come ludipippo o multipippo ne trovi in quantita.... io non li ho mai provati ma so che funzionano .

Per i progetti , usa quelli del corso di tanzilli sono semplici e ti permettono di avanzare passo a passo.

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleda5859

perfetto! era proprio quello che avevo intenzione di fare... :D:PB)

Share this post


Link to post
Share on other sites
dlgcom

Una volta che inizi , se hai problemi , non esitare a fare domande ...

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleda5859

Informo che da adesso è partita ufficialmente la realizzazione del circuito per il Multipipo...speriamo bene:-)

come faccio poi,una volta realizzato il tutto..,a passare il programma al pic? o meglio,come posso essere sicuro che il programma sia passato? e quando devo staccare il pic? mi hanno detto che se la corrente di alimentazione c'è ancora non è buona cosa toglierlo..ma se l'alimentazione me la dà il computer,non l'avrò sempre?o cessa una volta chiuso il software di scrittura e passaggio?

Share this post


Link to post
Share on other sites
dlgcom
come faccio poi,una volta realizzato il tutto..,a passare il programma al pic?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giorgio Demurtas

logo_250.gif

Attenzione Attenzione !!!!

.

Su FareElettronica parte da questo mese (n°220/221) il corso PIC microcontroller by example, che è la nuova versione del vecchio e famoso PIC By Example.

Anche io mi stò addentrando come aleda5859 nella programmazione dei pic +o- partiamo dallo stesso livello.

Quindi aleda, ti consiglio di seguire il corso di Farelettronica, sono 9 puntate. quì trovi il dettaglo dell'articolo http://www.farelettronica.it/articolo.asp?aid=2636

pbe.jpg

ciao

giorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleda5859

Programmatore realizzato..spero..:P

Come faccio per postarvi le foto?Mi dicono però che il multipippo non sia molto affidabile per il problema del voltaggio che spesso non raggiunge il limite di 10V (credo) per far entrare il pic in modalità programmazione...Il sito da cui ho preso lo schema garantiva però che lo facesse...merito del diodo zener da 5.6 volt? che fà sto diodo?

adesso che ho un programmatore..quali sono le prssime tappe? scegliere un progetto...(quello di tanzilli..illuminazione led ad intevalli) ,scrivere il file sorgente assembler in windows,compilarlo tramite compilatore (quale?) e poi attaccare alla seriale il programmatore e passe il file?(come,qual'è la porta giusta?quella del mouse?) Io ho win..ma dicono che non sia fantastico nella gestione delle seriali..come mai?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giorgio Demurtas

ciao aleda,

quante domande!! è tutto spiegato su farelettronica,

io ne ho già letto abbastanza per fare un lampeggiatore, mi devo solo comprare i componenti.

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleda5859

Ancora mille grazie,è che sono malato e confinato a casa..m a appena potrò uscire la comprerò...

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleda5859

Non lo trovo..sembra impossibile ma è come se a Livorno non esistesse....:( e su internet ancora come arretrati non c'è..non mi potresti inviare qualcosina..per mail magari... :ph34r:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giorgio Demurtas

non credo sia possibile mandare il materiale via e-mail..

l'unica soluzione è trovare la rivista.

Prova a mandare una e-mail alla redazione di FE e fatti dire a quali edicole distribuiscono le riviste.

o magari chiedi aiuto all'edicolante...

ciao

Giorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...