Jump to content
PLC Forum


Sostituzione antenna logaritmica e aggiunta parabola


l.spaccatrosi
 Share

Recommended Posts

l.spaccatrosi

Scusa, si un CAD12 ☺️

Ho aperto le due scatole e ti confermo che il partitore è collegato ad una uscita derivata e la passante, come detto, è terminata con resistenza.

 

Edited by l.spaccatrosi
Link to comment
Share on other sites


  • Replies 154
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • felix54

    67

  • l.spaccatrosi

    66

  • snipermosin

    22

Solo per fare una prova, togli la resistenza e al suo posto collega il cavo che va al partitore, staccandolo dall'uscita derivata che rimarrà momentaneamente vuota.

Edited by felix54
Link to comment
Share on other sites

Bene ma come avevo anticipato era soltanto una prova perchè così facendo la inea montante non è chiusa correttamente.

Il problema della ricezione in VHF deriva in gran parte dal tipo di derivatore che ha una diversa attenuazione per ogni banda infatti attenua:

- 18 dB in VHF

- 12 dB in IV banda UHF

- 13 dB in V banda UHF

Ora senza strumenti è impossibile sapere con che potenza arriva il mux 11 all'ingresso del CAD12 per cui bisogna andare a tentativi per capire come poter fare.

Ti ho fatto fare la prova sull'uscita passante dove il segnale VHF è praticamente uguale a quello in ingresso, meno 1 dB e sappiamo solo che rispetto a prima abbiamo guadagnato 17 dB.

La seconda prova da fare è ripristinare la resistenza sull'uscita passante e, in qualche modo collegare, uno alla volta i cavi che attualmente sono collegati al partitore Evology, sull'uscita derivata del CAD12. così facendo elimineremo i soltanto i 4 dB di attenuazione del partitore per scoprire se con un derivatore a due vie da aggiungere in cascata a quello esistente, si riesce a vedere il mux 11.

Anche nel caso il segnale fosse ancora critico potremo dare un po' più di margine montando un derivatore con meno attenuazione.

 

 

Edited by felix54
Link to comment
Share on other sites

Eventualmente puo' anche risolvere con un derivatore a 4 uscite da -10 db, in modo da guadagnare un pelo di segnale ed avere una perdita piu' equilibrata in tutta la banda, una presa ad ogni uscita e la passante chiusa, li fa la FTE, ne ho appena montato uno oggi. Ma stiamo parlando del derivatore che chiude l'impianto ? L'ultimo in basso ?

Link to comment
Share on other sites

 

Quote

Eventualmente puo' anche risolvere con un derivatore a 4 uscite da -10 db, in modo da guadagnare un pelo di segnale ed avere una perdita piu' equilibrata in tutta la banda

 

Stiamo parlando dell'ultimo che chiude l'impianto e pensavo ad un derivatore aggiunto perchè aveva scritto:

 

Quote

Avrei pensato quindi, correggimi se sbaglio, a due diverse soluzioni.

La prima, se riesco a passare un altro cavo nel corrugato che collega il derivatore con lo splitter, e sostituire il derivatore con uno con una uscita in più e servire le due prese direttamente dal derivatore, eliminando lo splitter.

La seconda è sostituire lo splitter con un derivatore a due uscite che prenderebbe il segnale dalla passante del DAC12 attualmente terminata.

 

Per cui, a priori, ho pensato di adottare la seconda soluzione.

 

Edited by felix54
Link to comment
Share on other sites

l.spaccatrosi

Confermo che si parla dell'ultimo derivatore al piano terra.

 

3 ore fa, felix54 ha scritto:

La seconda prova da fare è ripristinare la resistenza sull'uscita passante e, in qualche modo collegare, uno alla volta i cavi che attualmente sono collegati al partitore Evology, sull'uscita derivata del CAD12. così facendo elimineremo i soltanto i 4 dB di attenuazione del partitore per scoprire se con un derivatore a due vie da aggiungere in cascata a quello esistente, si riesce a vedere il mux 11.

Questa prova come posso farla? Un cavo volante (più o meno della stessa lunghezza del tragitto attuale CAD12-partitore-tv) dalle due tv, una alla volta, alla derivata?

Link to comment
Share on other sites

Non capisco. Non devi usare altri cavi se non quello che attualmente unisce il derivatore al partitore.

Si tratta semplicemente di unire il cavo che entra nel partitore con uno dei cavi di uscita che va ad uno dei tv e poi ripetere la stessa prova con il cavo dell'altro....

 

Edited by felix54
Link to comment
Share on other sites

l.spaccatrosi

E' qui il punto; unire come? Connettori maschio e femmina?

Mi correggo, i cavi sul partitore sono cablati f maschio, posso usare un f femmina-femmina che ho a disposizione?

Edited by l.spaccatrosi
Link to comment
Share on other sites

l.spaccatrosi

Fatto, un tv alla volta, e il segnale sul mux 11 è stabile.

Un po di materiale lo posseggo, connettori vari, ecc, dal sat del precedente appartamento; solo per curiosità, che attenuazione si introduce con una connessione f maschio-giunto femmina femmina-f maschio?

Edited by l.spaccatrosi
Link to comment
Share on other sites

Una giunzione F-F attenua meno di un dB.

Con questa ultima  prova sappiamo di avere soltanto un'attenuazione di 18 dB dell'uscita del CAD12 e vedi bene anche il mux 11. Monta tranquillamente un derivatore da 10-12 dB in modo da dare un po'  di margine in più....

Edited by felix54
Link to comment
Share on other sites

l.spaccatrosi

Qui nei paraggi, da OBI, riesco a reperire un Fracarro CD12 che dovrebbe andar bene; sul catalogo Fracarro risulta che attenua 11dB sulle bande I e III.

Altrimenti un Offel da prendere online, ma quale?

Link to comment
Share on other sites

Il CD12 da OBI? Non sapevo che li vendessero.

E' un ottimo derivatore come tutti gli altri della serie a "cubetto" della Fracarro.

Sono veri derivatori, non come tutti gli altri "fratelli" moderni che all'interno contengono un derivatore ad una uscita ed un partitore.

L'unico difetto che hanno è che non possno essere usati per nessun tipo di impianto SAT.

 

Per quanto riguarda Offel, va bene il P2-12

 

Correggo, ciò che avevo scritto prima.

Quote

Una giunzione F-F attenua meno di un dB.

In realtà attenua mooooolto meno di 1 dB ;)

 

Quella che segue è la tabella delle attenuazioni di un noto produttore italiano:Moltiplica il valore per 2

myd6phT.jpg

 

Edited by felix54
Link to comment
Share on other sites

l.spaccatrosi

Si da OBi ci sono, almeno qui da me.

Se li fanno pagare bene, circa 15 € contro i 10 € online, ma per un acquisto singolo si può fare.

Quindi la conclusione è che ne prendo uno e lo sostituisco al partitore Evology.

Gli altri due CAD12 ai piani superiori li lascio.

 

E grazie per l'informazione relativa all'attenuazione di inserzione.

 

Link to comment
Share on other sites

Esatto, lasci tutto così com'è e sostituisci soltanto il partitore con il derivatore.

Però, visto il prezzo e l'ipotesi di fare, in futuro, un impianto miscelato tv-sat, ricordati che non lo potrai riutilizzare mentre se opti per il P2-12 andrà bene anche dopo.

Link to comment
Share on other sites

l.spaccatrosi

E' proprio quello che stavo pensando, un futuro tv-sat e quindi derivatore Offel.

Il problema, al solito, è il passaggio dei cavi.

Come ci siamo detti nei post precedenti, in pratica il mix tv-sat dovrei metterlo a valle della centralina da palo V-U, sull'uscita dell'alimentatore in casa.

Questo significa che dovrei passare un cavo in più per il sat nel corrugato che dal tetto entra in casa e qui il problema...

...non ho corrugati, ma, ahime, tubi rigidi da un centimetro e mezzo di diametro esterno...

Due DG113 non ci passeranno mai (lo stesso problema che ho al piano terra tra il CAD12 e il partitore)...al più due cavi da 5mm di diametro esterno, ma so che al solo nominarli ti vengono le bolle...

Ma veramente non esiste un'alternativa 5mm al DG113?

 

 

Link to comment
Share on other sites

A mali estremi, estremi rimedi e se ci sono passaggi troppo piccoli per un dg113 si potrebbe tentare con il dg80 che è 5 mm ma comunque un ottimo cavo che potresti usare nei punti più critici, specie se non sono tratte molto lunghe.

Se leggi qualche post indietro avevo scritto che potrebbe funzionare il giochetto di mettere, dove serve, un derivatore con un'uscita in più per collegarci un alimentatore e che tramite l'apposito mixer Offel consentirebbe l'alimentazione remota dell'amplificatore terrestre.

Link to comment
Share on other sites

l.spaccatrosi

E proprio il DG80 stavo vedendo sul sito Cavel.

Dovrei usarlo solo nella tratta (4m circa) centralina da palo-scatola in casa che contiene l'alimentatore e mixer tv-sat e nella tratta LNB-stessa scatola (5m circa).

E magari nella tratta al piano terra (5m circa) derivatore-prese bypassando l'attuale partitore Evology ed evitando di mettere un altro derivatore al posto del partitore come ipotizzato prima.

In tutte le altre tratte DG113.

 

Edited by l.spaccatrosi
Link to comment
Share on other sites

l.spaccatrosi

Quindi se ridisegno lo schema tv-sat, riprendendo per bene le misure di tutte le tratte, indicando tratta per tratta quale cavo utilizzerò, si dovrebbe riuscire a dimensionare i vari dispositivi e scegliere i prodotti Offel più adatti.

 

E mi rimane un solo dubbio; al secondo piano, dove entrano le antenne dal tetto e dove è presente l'alimentatore, c'è una presa da servire.

Si può servire da una delle due uscite dell'alimentatore o è più corretto utilizzare un alimentatore ad una uscita e usare subito un derivatore ad una uscita per servire la presa?

 

 

Link to comment
Share on other sites

Ora sto usando un tablet e ho spento il PC nel quale ho modificato uno schema Offel inserendo un alimentatore dove andrebbe collegato.

Domattina lo pubblico in modo che si capisca meglio cosa intendo dire.....

Un immagine, certe volte, vale più di mille parole ;)

 

Link to comment
Share on other sites

Ho modificato lo schema originale eliminando i decoder pre-esistenti ed inserendo un alimentatore ed un decoder sulle uscite di un partitore ma è la stessa cosa per un derivatore.

Normalmente il mixer 12-007 si usa con uno o più decoder che provvedono ad alimentare il centralino terrestre e finchè c'è almeno un decoder acceso oppure in stand-by (se in questa condizione li decoder consente una tensione in uscita) tutto funziona senza problemi.

E' chiaro che nel caso di decoder spento, impallato o guasto, non verrà fornita alcuna alimentazione all'amplificatore terrestre ed ecco che una soluzione come questa priverà l'utente della visone dei canali sat ma non di quelli terrestri.

Nella scheda tecnica del mixer 12-007 non c'è riportata la massima corrente ammissibile e nello schema Offel è stato indicato un amplificatore che consuma 100 mA.

Se servisse un amplificatore che assorbe più di 100 mA bisogna approfondire questo aspetto per accertarsi della fattibiità.

c9col0e.jpg

Link to comment
Share on other sites

l.spaccatrosi

Ma quindi nello schema originale Offel, nell'ipotesi di avere un solo decoder (intendiamo ricevitore sat vero?) che in stand-by non fornisce tensione o se si guasta, la centralina non viene più alimentata; e il segnale per le tv? Si fanno impianti cosi?

 

Il tuo schema invece equivarrebbe ad avere due decoder, nel senso che il mix e la centralina non sanno da che tipi di apparati arriva l'alimentazione la ricevono e basta da due diversi apparati (ma è corretto che ci siano due o più apparati ad inserire alimentazione nell'impianto?).

 

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...