News

unità HDW di HiDew per riscaldamento, raffrescamento e deumidificazione del Castello Sforzesco di Milano

La spinta verso l’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale degli impianti di climatizzazione è argomento noto: i nuovi edifici rappresentano la bandiera di quanto si può e si potrà ancora fare in questa direzione, a costo di ingenti sforzi progettuali per gli impianti e le macchine.
Non si può dimenticare, però, soprattutto in Italia, che le ragioni del comfort devono essere portate avanti anche in situazioni esistenti e per definizione intoccabili, quali gli edifici storici che rappresentano il patrimonio culturale nazionale. Il Castello Sforzesco di Milano è sicuramente tra questi.
HiDew ha accettato di affrontare la sfida del rinnovamento tecnologico dell’impianto di riscaldamento, raffrescamento e deumidificazione del Castello, il quale non è soltanto uno dei simboli di Milano e dell’Italia, ma è anche e soprattutto un museo che raccoglie le più svariate tipologie di opere d’arte.
Per la buona conservazione di questi tesori, le condizioni termo-igrometriche interne sono determinanti, con in più, la necessità di rendere confortevoli gli spazi alle migliaia di visitatori.
Gli impianti del Castello Sforzesco sono fortemente legati alla storia e al territorio di Milano. Tutto l’edificio è attraversato da una rete idrica a temperatura stabile ma non direttamente controllata che rappresenta la sorgente termica di centinaia di pompe di calore acqua-aria autonome. Il circuito è continuamente in comunicazione con dei grandi serbatoi di stoccaggio nel sottosuolo del Castello.
Le unità HDW di HiDew, macchine compatte dislocate all’interno degli ambienti in grado di riscaldare o raffreddare l’aria in modo autonomo e indipendente una dall’altra, completano il quadro impiantistico andando oltre i pesanti vincoli architettonici dell’edificio storico. HiDew ha riservato particolare attenzione all’emissione sonora di queste unità che devono essere quanto più “nascoste”, da un punto di vista acustico, nei confronti dei visitatori dei musei. Il progetto, nel suo complesso, prevede un totale di oltre 300 unità HDW installate.
Ben più complesso si è rivelato il trattamento dell’aria primaria. Le macchine dovevano essere posizionate in sottotetti non direttamente accessibili, pertanto HiDew ha supportato la committenza con soluzioni fortemente customizzate, secondo la filosofia di estrema flessibilità che contraddistingue l’azienda. La scelta è ricaduta sulle pompe di calore acqua/aria canalizzabili della serie HIW in grado di trattare l’aria esterna fino ai desiderati valori di temperatura e umidità. Non potendo modificare la rete aeraulica esistente, le unità sono state progettate in maniera specifica e installate direttamente sopra alle aree museali: particolare difficoltà è stata riscontrata con i solai storici, non adatti a sopportare il peso delle macchine. Nei casi più semplici le macchine sono state consegnate in più moduli, dopo rigorosi collaudi e test prestazionali eseguiti in fabbrica; talvolta si è dovuto procedere alla rimozione parziale del tetto per il posizionamento, mentre nei casi più complicati HiDew si è adoperata per la fornitura della macchina in kit, da assemblare in situ.
HiDew - http://hidew.it
Redazionali o presentazioni di prodotto/di azienda
Pubblicato da Dario Tortora
Pubblicato il 11 dicembre 2018
News

Centrali termiche prefabbricate: la soluzione chiavi in mano per gli impianti termici

LCZ, presente sul mercato da oltre 40 anni, grazie ad un costante impegno nella ricerca della qualità dei suoi prodotti, è divenuta nel tempo un...

Raggiunti 100 MW di produzione fotovoltaica contrattualizzati con Long Term PPA

Octopus Investments rinnova la fiducia al Gruppo EGO

Recupero di energia termica del 62% annuo in un'azienda farmaceutica: primo passo per guadagnare dal cogeneratore

Monitoraggio e valorizzazione dei certificati bianchi alla base del nuovo servizio EGO, che prevede anche fornitura di gas e ritiro dell'energia...

Non è Natale senza? Phoenix Contact in prima linea a sostegno di Amref

Con il ritorno del Natale tornano anche le tradizioni ad esso legate, fondamentali perché Natale sia davvero Natale. Tradizioni come quella che da...

Integrazione dei sensori di pressione ceramici

Nelle applicazioni in cui lo spazio di installazione e il prezzo sono critici, il sensore di pressione ceramico offre una soluzione compatta ed...

Efficienza energetica nella grande distribuzione

SOLGEN ha supportato CARREFOUR per certificare la riduzione dei consumi e la spesa energetica in oltre 460 punti vendita.

FLEXWELL®LNG All in One trasporta il gas naturale liquefatto con semplicità ed efficienza

Composta da tre tubazioni corrugate, flessibili e concentriche la soluzione garantisce la massima sicurezza nelle stazioni di rifornimento carburante....

Primo livellostato digitale con segnale di uscita PNP/NPN ed elevata accuratezza

Transistor al posto dei contatti reed: come primo strumento del suo genere, WIKA presenta il nuovo livellostato con segnale di uscita PNP/NPN. Il...

Nuove norme per manometri per alta pressione, pressione assoluta e differenziale

Chiarezza con alta pressione e pressione assoluta Pressione differenziale definita in modo preciso Requisiti di prova Divario colmato

Criteri di selezione per i termometri a quadrante : il capillare

Bimetallico o ad espansione di gas: senza un confronto, alla domanda di quale sia il termometro a quadrante più adatto alla rispettiva applicazione...

RS Components inserisce a catalogo alimentatori da parete per apparecchiature medicali mobili

RS Components (RS), distributore multicanale globale di prodotti di elettronica, automazione e manutenzione, ha inserito a catalogo tre nuove gamme...