News

unità HDW di HiDew per riscaldamento, raffrescamento e deumidificazione del Castello Sforzesco di Milano

La spinta verso l’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale degli impianti di climatizzazione è argomento noto: i nuovi edifici rappresentano la bandiera di quanto si può e si potrà ancora fare in questa direzione, a costo di ingenti sforzi progettuali per gli impianti e le macchine.
Non si può dimenticare, però, soprattutto in Italia, che le ragioni del comfort devono essere portate avanti anche in situazioni esistenti e per definizione intoccabili, quali gli edifici storici che rappresentano il patrimonio culturale nazionale. Il Castello Sforzesco di Milano è sicuramente tra questi.
HiDew ha accettato di affrontare la sfida del rinnovamento tecnologico dell’impianto di riscaldamento, raffrescamento e deumidificazione del Castello, il quale non è soltanto uno dei simboli di Milano e dell’Italia, ma è anche e soprattutto un museo che raccoglie le più svariate tipologie di opere d’arte.
Per la buona conservazione di questi tesori, le condizioni termo-igrometriche interne sono determinanti, con in più, la necessità di rendere confortevoli gli spazi alle migliaia di visitatori.
Gli impianti del Castello Sforzesco sono fortemente legati alla storia e al territorio di Milano. Tutto l’edificio è attraversato da una rete idrica a temperatura stabile ma non direttamente controllata che rappresenta la sorgente termica di centinaia di pompe di calore acqua-aria autonome. Il circuito è continuamente in comunicazione con dei grandi serbatoi di stoccaggio nel sottosuolo del Castello.
Le unità HDW di HiDew, macchine compatte dislocate all’interno degli ambienti in grado di riscaldare o raffreddare l’aria in modo autonomo e indipendente una dall’altra, completano il quadro impiantistico andando oltre i pesanti vincoli architettonici dell’edificio storico. HiDew ha riservato particolare attenzione all’emissione sonora di queste unità che devono essere quanto più “nascoste”, da un punto di vista acustico, nei confronti dei visitatori dei musei. Il progetto, nel suo complesso, prevede un totale di oltre 300 unità HDW installate.
Ben più complesso si è rivelato il trattamento dell’aria primaria. Le macchine dovevano essere posizionate in sottotetti non direttamente accessibili, pertanto HiDew ha supportato la committenza con soluzioni fortemente customizzate, secondo la filosofia di estrema flessibilità che contraddistingue l’azienda. La scelta è ricaduta sulle pompe di calore acqua/aria canalizzabili della serie HIW in grado di trattare l’aria esterna fino ai desiderati valori di temperatura e umidità. Non potendo modificare la rete aeraulica esistente, le unità sono state progettate in maniera specifica e installate direttamente sopra alle aree museali: particolare difficoltà è stata riscontrata con i solai storici, non adatti a sopportare il peso delle macchine. Nei casi più semplici le macchine sono state consegnate in più moduli, dopo rigorosi collaudi e test prestazionali eseguiti in fabbrica; talvolta si è dovuto procedere alla rimozione parziale del tetto per il posizionamento, mentre nei casi più complicati HiDew si è adoperata per la fornitura della macchina in kit, da assemblare in situ.
Redazionali o presentazioni di prodotto/di azienda
Pubblicato il 11 dicembre 2018
News

Soluzioni integrate per gli impianti di cogenerazione

Fondata nel 2000, l'APROVIS Energy Systems GmbH è l'unica azienda leader nel settore della cogenerazione in grado di offrire soluzioni integrate per...

L'efficienza nella cogenerazione per un investimento che guarda al futuro

L'Italia deve ripartire da tecnologie sicure e investimenti concreti. La cogenerazione si conferma come un'opportunità per le aziende impegnate...

AB - L'importanza dell'efficienza energetica per l'emergenza ospedaliera: il caso Fondazione Poliambulanza Brescia

Mai come in questo periodo il sistema ospedaliero italiano, e in particolare quello lombardo, è stato sotto lo stress continuo dell'emergenza...

La strategia di 2G Italia per il biennio 2020/2021

Motori a idrogeno, Online shop e servizio di manutenzione sempre disponibile per offrire sempre più qualità ai propri clienti.

Energy Data Management (EDM): facile, flessibile, efficiente

WAGO Energy Data Management è la soluzione che ti offre molto più che semplice acquisizione, archiviazione e visualizzazione dei dati: sulla base...

Tessile Tecnico per isolamento termico e guarnizioni industriali

Produzione specializzata di Tessili Tecnici per isolamento termico e guarnizioni industriali "esenti amianto" in Fibra Ceramica, Fibra di Vetro,...

Cogenerazione abbinata a quote crescenti di energia rinnovabile

Il contrasto al cambiamento climatico, in particolare tramite la riduzione delle emissioni CO2, è oggi una necessità sempre più urgente e l'uso...

75° Congresso ATI 2020. Convegno inaugurale 15 settembre 2020, ore 15.00 -17.30

Il Congresso ATI - Associazione Termotecnica Italiana, da oltre settant'anni si pone come momento di confronto tra esperti del mondo accademico e...

Analog Devices acquisisce il business HDMI di INVECAS

Analog Devices ha annunciato l'acquisizione della business unit High Definition Multimedia Interface (HDMI) di INVECAS, azienda di Santa Clara...

Una pompa di calore diversa, con un cuore idronico

AQUACORE è la pompa di calore aria-acqua progettata per l'installazione interna che può fornire il controllo del clima a diverse zone senza condotti...

Analog Devices e Intel insieme per le reti 5G

La nuova piattaforma radio, nata dalla collaborazione delle due aziende, è pronta per affrontare le sfide di progettazione delle reti 5G.