News

Transizione, l'82% dell'energia elettrica usata dal Gruppo Hera per le proprie attività è già rinnovabile

Prosegue lo storico impegno della multiutility per la riduzione delle emissioni climalteranti complessive, che Hera punta a ridurre del 37% entro il 2030. Il Gruppo presenta i risultati raggiunti nel 2021 nella seconda edizione del report Energie per il clima. Già oggi il 27% circa dei clienti gas ed energia elettrica di Hera ha raggiunto la piena neutralità di carbonio Quello che è accaduto al ghiacciaio della Marmolada non è, purtroppo, reversibile, così come altri effetti devastanti dei cambiamenti climatici, ormai sotto gli occhi di tutti.

La riduzione delle emissioni climalteranti, pertanto, è imprescindibile, perché, se condotta con successo, potrebbe contribuire a contenere il cambiamento climatico - che ha ormai carattere di crisi conclamata - e i relativi effetti.

Online Energie per il clima, il report in cui Hera rendiconta la riduzione delle proprie emissioni

Tutto questo è al centro della nuova edizione del report tematico di sostenibilità Energie per il clima, da poco disponibile online e prossimamente anche ai principali sportelli clienti del Gruppo, nel quale Hera racconta alcuni degli importanti risultati già raggiunti dalla multiutility lungo la strada del grande obiettivo di riduzione delle emissioni del 37% entro il 2030, validatole l'anno scorso dal prestigioso network internazionale di Science Based Targets initiative.

Hera e il contrasto al cambiamento climatico: un impegno entrato nello Statuto

D'altronde, il Gruppo Hera è attivo da anni per "perseguire la neutralità di carbonio", obiettivo che non a caso coincide con uno dei suoi tre driver per la creazione di valore condiviso e che dal 2021 è entrato anche a far parte dello Statuto stesso come "scopo" della multiutility.

Per Hera, insomma, il contrasto al cambiamento climatico è cruciale e si traduce in un'azione ad ampio raggio che va dalla vendita di energia elettrica rinnovabile e gas con compensazione della CO2 alla promozione dell'efficienza energetica, in una logica inclusiva che coinvolgendo anche clienti e fornitori contribuisce ad aumentare le stesse possibilità di successo della transizione auspicata anche da Bruxelles.

Il 26,9% dei clienti Hera gas e luce ha già raggiunto la neutralità di carbonio

Forte di un'analisi degli scenari climatici che le ha consentito di mappare rischi, opportunità, relative modalità di gestione e iniziative, Hera orienta tutti i propri business nel segno di una vera e propria strategia climatica, testimoniata da tanti indicatori.

I consumi interni di energia del Gruppo, ad esempio, sono scesi del 6,8% rispetto al 2013 e già oggi l'82% dell'energia elettrica utilizzata da Hera per alimentare le proprie attività è di natura rinnovabile.

Per quanto riguarda i contratti luce sottoscritti da tutti i clienti residenziali a mercato libero, la percentuale delle forniture di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili sale al 100%. Considerando gas e luce insieme, inoltre, i clienti che grazie alle offerte "verdi" della multiutility hanno già raggiunto la neutralità di carbonio sono ormai il 26,9%.

In squadra con cittadini, imprese e istituzioni: strumenti e risultati di una strategia inclusiva, aperta a tutti

Fare squadra, del resto, è davvero la via maestra, e il report lo mostra con estrema chiarezza. Grazie a Hera, infatti, 1.200 condomini hanno ridotto i loro consumi del 40%, mentre gli impianti di cogenerazione installati dal Gruppo presso aziende terze hanno già permesso di evitare l'emissione di 16 mila tonnellate di CO2, e ulteriori 1.300 tonnellate di anidride carbonica sono state scongiurate nell'arco di un solo anno grazie agli interventi condotti sull'illuminazione pubblica.

"Gli effetti ormai evidenti dei mutamenti climatici - commenta Orazio Iacono, Amministratore Delegato del Gruppo Hera - ci invitano a proseguire con rinnovato slancio sulla strada di una transizione che per noi passa anche dallo sviluppo di più fonti rinnovabili: penso per esempio alla nostra produzione di biometano, oggi pari a oltre 8 milioni di metri cubi all'anno, che intendiamo più che raddoppiare entro il 2025.

Ma penso anche all'idrogeno come vettore energetico, di cui proprio quest'anno abbiamo avviato tre iniziative di sviluppo, tra cui la realizzazione di un impianto power-to-gas presso il depuratore di Bologna in grado di produrre biometano attraverso la combinazione dell'idrogeno e dell'anidride carbonica derivante dalla depurazione delle acque reflue.

Per non dire del fotovoltaico, con un programma di installazione di impianti su discariche esaurite e impianti del ciclo idrico".
Redazionali o presentazioni di prodotto/di azienda
Pubblicato il 06 settembre 2022
News

FREE NOW avvia una partnership con EDISON ampliando la propria offerta di soluzioni di mobilità elettrica dedicate ai tassisti

- Grazie a questa collaborazione, i tassisti partner avranno accesso esclusivo a convenienti offerte per le soluzioni di ricarica di Edison a casa e...

JOYSCAPE

In molti casi il joystick è la soluzione ottimale per un comando intuitivo e sicuro.RAFI conosce bene le esigenze e ha realizzato la piattaforma...

CMG Granulators alla fiera MSV 2022 di Brno con la nuova serie SL

CMG Granulators prenderà parte, con il distributore Piovan Central Europe, alla fiera MSV 2022 che si terrà a Brno dal 04 al 07 Ottobre 2022.

Fuzzy Logic e CAIRE, verso l'automazione del processo di verniciatura

Fuzzy Logic, con il suo modulo software Repplix, consente a un sistema robotico di apprendere le traiettorie con un solo gesto e senza alcun...

Approvati gli incentivi per la produzione di biometano

Il Ministro della Transizione Ecologica Cingolani ha firmato il nuovo Decreto Biometano che dà attuazione a quanto previsto dal Piano Nazionale di...

Ambiente: qualità dell'aria in città, arriva il monitoraggio con dettaglio fino al numero civico

Un archivio di dati sulla qualità dell'aria raccolti dai cittadini durante il monitoraggio "comunitario" e mappe a risoluzione ultra elevata, con...

Energia: ecco Futura, la barca a vela ecosostenibile che va anche a idrogeno

Si chiama FUTURA ed è un prototipo innovativo di barca a vela ecosostenibile dotato anche di propulsione elettrica alimentata a idrogeno. È lunga 6...

Schneider Electric presenta i nuovi interruttori scatolati connessi ComPacT New Gen, riprogettati per garantire un'esperienza senza precedenti

- Schneider Electric migliora la storica gamma ComPacT con nuove funzionalità di connettività wireless e una maggior ergonomia - Mantenendo lo...

Pubblicati i nuovi criteri ambientali minimi (CAM) per raccolta e trasporto dei rifiuti urbani, edilizia e arredi per interni

Sono recentemente stati pubblicati tre nuovi decreti relativi ai Criteri Ambientali Minimi, approvati dal Ministero della Transizione Ecologica (MITE)...

Siemens è Socia della Fondazione "Istituto Tecnico Superiore Lombardo per le Nuove tecnologie Meccaniche e Meccatroniche"

- Scuola e lavoro: obiettivi condivisi proiettano la Fondazione e Siemens verso nuovi traguardi a supporto delle generazioni future - Al via la prima...

I nuovi TopTherm chiller VX25, testa fredda e ingombro ridotto

La precisione richiede testa fredda. Le macchine utensili, per ottenere risultati di lavorazione con elevata precisione, necessitano di un corretto e...