Articolo

Uso civile del nucleare nel mondo: situazione ad aprile 2024 e aspettative

L'articolo aggiorna la situazione del nucleare per usi civili nel Mondo, delineata nel precedente su questa rivista. Ad esso si rimanda per quanto concerne lo sviluppo storico dell'elettricità nucleare nelle varie regioni fino ai giorni nostri a partire dalla prima immissione in rete in Russia nel 1954, seguita nel 1955 dalla messa in servizio mdi un reattore negli Stati Uniti e nel 1956 da un reattore in Francia e uno in Inghilterra.

Nel periodo intercorso il forte sviluppo iniziale ha avuto il cambio più significativo nel 1986 a seguito dell'incidente di Chernobyl.

Si riportano nel presente articolo sia i reattori in servizio e in costruzione nei vari paesi ad Aprile 2024 e sia l'entità dell'energia elettrica prodotta nel 2022 dal nucleare in ogni nazione dotata di reattori in funzione, in termini assoluti e percentuali sul valore totale dell'elettricità prodotta localmente.

Nel merito dei dati e considerazioni sul ciclo del combustibile, dei rifiuti e scorie radioattive e così pure delle riserve /produzione e costi dell'uranio, sino al costo del MWh elettrico da grossi reattori ora sul mercato, con i relativi tempi di realizzazione in UE, vale quanto già detto e riportato in [1].

Ciò che segue mira ad aggiornare e approfondire la situazione delle nuove tecnologie che stanno richiamando in misura crescente l'interesse e la scelta di vari paesi verso l'opzione nucleare, come percorso parallelo per decarbonizzare l'economia.

Questo con lo studio e lo sviluppo degli Small Modular Reactors (SMR), dei reattori di IV generazione e della fusione.

ELETTRICITÀ DA FISSIONE

La generazione elettrica da fissione domina attualmente il complesso delle applicazioni civili e ha registrato nella sua fase iniziale uno sviluppo globale imponente, pari a oltre 300 GWe. Ciò nei primi 32 anni, dalla sua "nascita", dal 1954
al 1986.

Dopo, a seguito del disastro occorso in quell'anno a Chernobyl in Ucraina si è determinato un sostanziale cambiamento e una diffusa opposizione, acuita dal successivo grave incidente verificatosi nel 2011 a Fukushima in Giappone. Per conseguenza, l'incremento successivo di 120 GW di nuovi reattori in funzione dal 1986 ad oggi, quindi in 38 anni, è stato molto minore del precedente.

La figura 1 riporta per gli ultimi 55 anni, retrocontati dall'anno zero al 2024(e quindi con valori parziali), sia la totale potenza nucleare entrata in servizio ogni anno e sia il relativo numero di reattori. Dà un'idea dell'andamento del nuovo nucleare a livello mondiale entrato in servizio, che ha visto un picco di 30 GWe installati in un anno nel 1985 e crollati poi sotto i 10 GWe a seguito di Chernobyl e successivamente molto variabili.

Per sfruttare effetti scala, la potenza unitaria dei reattori in 70 anni è aumenta di circa 800 volte, rispetto ai primi 2 reattori in Russia (1954) e Stati Uniti(1955), e di 27 volte dal 1956 ad oggi (1700 MW), rispetto a quelli che erano entrati in servizio al 1956.

Continua nel PDF
Alessandro Clerici - FAST - Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche
Guarda tutti i contenuti FAST - Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche sul sito La Termotecnica News
Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
La Termotecnica maggio 2024
Ultimi articoli e atti di convegno

L'idrogeno a basse emissioni in Italia. Dal PNRR alla decarbonizzazione profonda

Capacità produttiva di idrogeno in Italia Idrogeno per la decarbonizzazione settori "hard to abate" Hydrogen Valleys e Mobilità sostenibile

Attualità e importanza della cogenerazione per la decarbonizzazione e la transizione energetica

ITALCOGEN chi è e chi rappresenta Tendenze di mercato nel settore dell'energia Il futuro dell'energia è rinnovabile Definizione di...

Biometano da rifiuti: stato dell’arte e scenari futuri

Utilitalia è la Federazione che riunisce circa 400 aziende operanti nei servizi pubblici dell'Acqua, dell'Ambiente, dell'Energia Elettrica e del Gas,...

Agevolazioni a supporto degli investimenti

Chi siamo Come lavoriamo Principali agevolazioni Beneficiari del piano di transizione 5.0

Immissione del biometano in rete: tecnologie avanzate per l'analisi della qualità

Honeywell PMC GAS Immissione Biometano in rete Le sfide tecniche (nel PDF lo Schema di impianto secondo la UNI TS 11537:2024) Le sfide...

Il Regolamento europeo sulla intelligenza artificiale, lineamenti generali e possibili applicazioni alla meccanica e alla industria del biogas

Stiamo vivendo in un periodo molto particolare della Storia, nel quale si concentrano diversi aspetti, per un certo verso, davvero inediti, se...

L'esperienza Ecospray nel trattamento del biogas e nella liquefazione del biometano: realizzazioni e progetti futuri.

(Atto PDF in lingua inglese) Markets & products: marine, capabilities, renewables, industry biogas pre-treatment & upgrading

Sostenibilità energetica: soluzioni integrate per la produzione di biometano

C'è un modo diverso di produrre che aumenta l'efficienza, incrementa i profitti e, allo stesso tempo, ti accompagna verso la sostenibilità. Un modo...

Vettori energetici da rifiuti, lo stato dell'arte delle politiche industriali, focus su biometano da FORSU

I vettori energetici da rifiuti I vettori energetici da rifiuti per la decarbonizzazione; Biometano, Idrogeno, CSS-C Il CSS-C: le caratteristiche...

Il biogas e il biometano tra nuovi assetti ed evoluzioni

Lo stato attuale della produzione di Biogas PNRR: lo sviluppo del settore I bandi Biometano

Industria: porta la tua azienda verso la sostenibilità

Per soddisfare la domanda globale di acqua in modo sano e sostenibile, la società, e le industrie in particolare, devono trattare le acque reflue con...